Benvenuto su Sott.net
sab, 25 set 2021
Il Mondo per Coloro che Pensano

Question

L'omicidio di Jamal Khashoggi: Petrolio, Sanzioni e l'Istituzione Anti-Trump

Khashoggi
Jamal Khashoggi, scomparso dall'ambasciata saudita a Istanbul 2 settimane fa e che si presume sia morto, è (o era) un giornalista e autore saudita. Suo nonno (di origine turca) ha sposato una donna saudita ed è stato il medico personale di Re Abdulaziz Al Saud, fondatore del regno dell'Arabia Saudita. E' il nipote del defunto commerciante di alto profilo di armi saudita Adnan Khashoggi, noto per la sua parte nello scandalo Iran-Contra, e suo cugino era Dodi Fayed, il compagno della principessa Diana quando i due furono probabilmente assassinati in un incidente stradale in un tunnel di Parigi nel 1997.

Khashoggi era membro dei Fratelli Musulmani, un'organizzazione che ha elogiato nelle sue recenti colonne del Washington Post, insieme ai "ribelli moderati" in Siria. I Fratelli Musulmani esistono per liberare il mondo musulmano dall'influenza occidentale e i suoi aderenti aspirano ad instillare il Corano e la Sunnah come "unico punto di riferimento per ordinare la vita della famiglia, dell'individuo, della comunità e dello stato musulmano". L'unica differenza tra i membri della Fratellanza Musulmana e i wahhabiti islamici radicali è che i primi sono disposti ad accettare una qualche forma di democrazia nel loro sistema politico.

Durante la fine degli anni '80 e '90 Khashoggi è stato impiegato dai servizi segreti sauditi (e presumibilmente dalle forze statunitensi) in Afghanistan. Si sostiene che era un consigliere dell'ex capo dell'intelligence saudita Prince Turki Al Faisal, che si è dimesso da quella carica appena dieci giorni prima degli attacchi dell'11 settembre. Khashoggi ha fatto amicizia con Osama bin Laden in Afghanistan e Sudan e ha sostenuto la sua jihad contro i sovietici con articoli di giornale che ha scritto all'epoca. Ha intervistato Bin Laden più volte e lo ha incontrato sia a Tora Bora che in Sudan nel 1995. Khashoggi era, quindi, l'unico saudita non reale che sapeva dei rapporti intimi dei reali con al-Qaeda nel periodo che ha preceduto gli attentati terroristici dell'11 settembre. Ma nessuno dovrebbe pensare che Khashoggi fosse un semplice giornalista disinteressato. Qui sotto c'è una sua foto (in alto a sinistra con un RPG a spalla) con i mujahedin afghani, in un articolo che egli stesso ha scritto.
Khashoggi-Afghanistan

Cow

Un racconto di due studi: Guardando oltre i titoli per decodificare ciò che la scienza dice davvero sulla dieta

steak no steak

Ah, capisco. Mangia la bistecca, ma non mangiare la bistecca. Grazie ancora, scienza.
Nel mio ultimo articolo mi sono sfogato contro uno recente studio di The Lancet nel quale si affermava che le diete povere in carboidrati farebbero vivere di meno, nonostante fosse stata seguita una discutibile metodologia e che nessuno dei partecipanti allo studio aveva seguito in realtà una dieta povera in carboidrati. In un video collegato a quel pezzo, il Dott. Aseem Malhotra del NHS nel Regno Unito menziona un altro studio messo fuori recentemente, anche da The Lancet, che ha avuto risultati esattamente opposti. Chiamato lo studio PURE (studio epedemiologico urbano e rurale prospettico), lo studio ha fatto notizia (anche se meno di quello che controbatteva la dieta povera in carboidrati) dichiarando che la carne ed il formaggio sono di nuovo nel menù, e sostenendo che aiutano realmente la salute del cuore.

Molti di quelli che seguono una dieta povera in carboidrati sono stati rapidi a sostenere lo studio come conferma di quello che affermavano fin dall'inizio, usandolo come controprova all'ultimo studio che ha avuto risultati opposti. Per essere onesti, lo studio PURE è, nel complesso, uno studio eseguito in modo migliore: PURE ha avuto dieci volte il numero di partecipanti e una migliore progettazione complessiva. Ma è ancora uno studio epidemiologico con tutti i limiti inerenti a questo tipo di scienza. Si basava ancora sui questionari di frequenza alimentare (FFQs) e può ancora fare solo affermazioni sulla correlazione, non sul nesso di causalità.

È l'apice di un pregiudizio che dovrebbe confermare il rifiuto di uno studio sulla base della sua esecuzione, per poi accettarne un altro che usa essenzialmente la stessa metodologia, ma ottiene i risultati che piacciono (si noti che Malhotra non stava facendo questo, ma sottolineava semplicemente il fatto che esistono prove contraddittorie, dello stesso tipo). Ironia della sorte, l'American Heart Association (AHA) ha rilasciato una dichiarazione su PURE, avvertendo dei limiti delle FFQs [Questionari sulla dieta seguita]. Forse dovrebbero applicare questo standard agli studi che giustificano le proprie raccomandazioni dietetiche.

Toys

Rendere l'America di nuovo eccezionale? Le cose non vanno molto bene per la "Generazione Internet"

French students cell phones
© Alamy Stock Photo
Il divieto di telefoni ha fatto parte della campagna elettorale presidenziale di successo di Emmanuel Macron
"L'università americana è in preda all'isteria di massa". È così che Heather MacDonald inizia la sua conferenza 'The Diversity Delusion'. Penso che siamo tutti d'accordo sul fatto che questo sia vero. Non aiuta il fatto che gli insegnanti vengono licenziati per non aver dato agli studenti un merito parziale per il lavoro non svolto. Quando gli studenti benestanti e coccolati affermano di aver "paura per la loro vita" a causa dell'essere "circondati da oppressori, transfobicie razzisti", e quando i giovani medici protestano per la medicina "basata sui fatti", possiamo probabilmente convenire che siamo in una brutta situazione. Ma, come ho scoperto di recente, sembra che le cose non faranno che peggiorare.

Mi sono imbattuto in un libro di Jean M. Twenge chiamato iGen: Why Today's Super-Connected Kids Are Growing Up Less Rebellious, More Tolerant, Less Happy - and Completely Unprepared for Adulthood. Questo libro, zeppo di statistiche, grafici e diagrammi, fornisce un quadro scioccante della generazione che si sta muovendo tra università e college, e non ha un bell'aspetto.

Chess

La Russia porta la Turchia al lato giusto della storia - I terroristi e Israele reagiscono male all'accordo di Sochi su Idlib

Putin erdogan netanyahu
© Fort Russ News
Con la presenza militare della Turchia nella Siria settentrionale e il suo sostegno ai gruppi militanti a Idlib, era prevedibile che l'offensiva dell'esercito siriano nella regione sarebbe stata rinviata fino al raggiungimento di un compromesso tra Erdogan e gli alleati di Assad, come ho spiegato prima. Il presidente russo Vladimir Putin ha avuto colloqui con il suo omologo turco Erdogan, per la terza volta in meno di un mese, a Sochi il 17 settembre. Hanno accettato di stabilire una zona demilitarizzata a Idlib; in seguito, il ministro della difesa russo Sergei Shoigu ha confermato ai giornalisti che non ci sarà una grande operazione militare nella provincia.

Secondo fonti diplomatiche russe che hanno parlato con il quotidiano Al-Watan, l'accordo russo-turco sarà attuato in tre fasi:
  1. La prima fase entrerà in vigore entro la metà di ottobre per creare una zona priva di armi di 15-20 km, lungo la linea di contatto tra i gruppi militanti e le forze governative. Tutti i gruppi radicali, compresi ISIS e Jabhat al-Nusra/Al Qaeda dovranno abbandonare questa zona, che sarà pattugliata congiuntamente da unità militari russe e turche.
  2. Nella seconda fase le armi pesanti saranno raccolte nella regione fino al 10 novembre e i militanti abbandoneranno le aree civili.
  3. Nella terza fase, che durerà fino alla fine di quest'anno, le istituzioni statali riprenderanno le attività a Idlib.
Si noti che per il completamento di tutte e tre le fasi è necessaria la cooperazione di gruppi militanti. Questo è il punto che può portare al crollo parziale o completo degli sforzi di demilitarizzazione - ma non sarebbe necessariamente un fallimento.

Cloud Lightning

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Agosto 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

firenado
Piogge intense, grandinate, tempeste di grandine, inondazioni e frane hanno continuato a devastare questo mese dalla Cina agli Stati Uniti. Centinaia di persone sono morte e migliaia sono state sfollate.

Le ondate di calore hanno colpito duramente in alcune parti d'Europa, Australia e Stati Uniti, per poi essere estinte da un'incredibile quantità di pioggia - e persino di neve nel caso della Sardegna - in mezzo a temperature che non hanno precedenti. Ma la Sardegna non è stata l'unica area a ricevere una seria dose di neve in agosto, l'Australia, l'Uruguay e anche le Alpi hanno avuto la loro parte.

L'Anello di Fuoco brucia con attività sostenuta, e questo non si è riflesso solo nell'attività vulcanica, ma in una serie di potenti terremoti di magnitudo superiore a 6 che hanno scosso l'Indonesia, causando la morte di oltre 300 persone, mentre il Venezuela è stato colpito da un terremoto di magnitudo 7.3 - il più potente degli ultimi 118 anni.

Un numero sempre maggiore di trombe d'acqua, "tornado di fuoco" e mulinelli di sabbia sono spuntati in tutto il mondo in agosto. Una volta che un fenomeno raro, le trombe marine sono sempre più comuni in alcune aree. Allo stesso tempo, questi vortici di fuoco, acqua e polvere appaiono in luoghi molto insoliti.

Per completare la follia, diversi laghi e fiumi in tutto il mondo sono semplicemente scomparsi in agosto. Che cosa sta succedendo? Lo dirà il tempo!

Guarda il nostro sommario qui sotto:


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Russian Flag

Il Grande Inganno: La catastrofe russa degli anni '90 avrebbe potuto essere Evitata

E' comunemente accettato che, dopo 70 anni di dittatura comunista, la transizione della Russia degli anni '90 sarebbe stata inevitabilmente un enorme disastro per il paese. Questo è l'ennesimo conveniente equivoco che gli intellettuali occidentali amano abbracciare. L'articolo precedente cerca di dissipare questa nozione e di mettere in chiaro il record storico. Si tratta di un estratto dal capitolo 3 del mio libro, Grand Deception: the Truth About Bill Browder, The Magnitsky Act and Anti-Russia Sanctions. La precedente incarnazione del libro è stata bandita l'estate scorsa.

Questo è l'ultimo di una serie di sei articoli sulla transizione della Russia dagli anni '90 dal comunismo al capitalismo. Link ai posti precedenti: introduzione, parte 1, parte 2, parte 3 e parte 4 e parte 5.
"Gli americani, che pensavano che i loro soldi aiutassero una nazione devastata, sono stati ingannati; e il popolo russo che si è fidato di noi è ora indebitato il doppio rispetto al 1991 e si sente giustamente tradito".

La Reporter Anne Williamson davanti al Comitato per i servizi bancari e finanziari della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, 21 settembre 1999.
bush yeltsin harvard
C'era un modo migliore per la Russia di passare dal comunismo al capitalismo? La sua esperienza traumatica sotto il regime di Eltsin era inevitabile, o il dolore è stato intenzionalmente inflitto? A tutt'oggi molti intellettuali in Occidente sostengono che la transizione non sarebbe potuta andare altrimenti, sostenendo che la Russia era emersa da 70 anni di dominio comunista con un'economia controllata dallo stato, con la proprietà privata bandita e una cultura imprenditoriale inesistente. Il passaggio tra due sistemi economici drasticamente diversi e il progetto di privatizzazione più complesso mai intrapreso non avrebbe mai potuto andare senza intoppi. Gli stessi russi sono di solito considerati ignoranti sul funzionamento dei liberi mercati e impreparati per le sfide della transizione. Tuttavia, questo non è semplicemente vero.

Ben prima che l'Unione Sovietica cominciasse a crollare, era chiaro alla maggior parte dei suoi cittadini pensanti che il loro sistema si sarebbe capovolto se non fosse cambiato drasticamente.

Russian Flag

Il Grande inganno: Dall'URSS alla Russia - La Transizione che ha Richiesto Cinque Milioni di Vite

In una recente apparizione su FOX News, il senatore americano Ted Cruz ha dichiarato categoricamente che Vladimir Putin è un delinquente del KGB per aver detto che il più grande disastro geopolitico del 21° secolo è stata la dissoluzione dell'Unione Sovietica. L'articolo attuale dovrebbe spiegare perché Vladimir Putin potrebbe aver detto qualcosa del genere. È la parte 5 di una serie di sei parti sulla transizione della Russia dagli anni Novanta dal comunismo al capitalismo, tratte dal capitolo 3 del mio libro, Grand Deception: the Truth About Bill Browder, The Magnitsky Act, and Anti-Russia Sanctions. La precedente incarnazione del libro è stato bandito l'estate scorsa.

Link ai posti precedenti: introduzione, parte 1, parte 2, parte 3 e parte 4.
russia 1990s
© rarehistoricalphotos.com
Una donna fruga nella sua borsa appoggiata su un martello e falce sovietico abbattuto in una strada di Mosca nel 1991.
"L'America vuole che la Russia aumenti il suo tenore di vita e consumi la maggior parte dei suoi combustibili e delle sue materie prime all'interno? Oppure, vede la possibilità di inchiodare la sua vittoria della Guerra Fredda, distruggendo il potenziale potere della Russia di essere un rivale, trasformandola in un esportatore di petrolio, gas e altre materie prime?" - Il dottor Michael Hudson parla davanti al parlamento russo, il 15 marzo 1999.

"Per sbarcare il lunario, i professori dovevano diventare tassisti, le infermiere diventavano prostitute e i musei d'arte vendevano i quadri appena tolti dalle loro pareti. Quasi tutti i russi sono stati schiacciati e umiliati..." - Bill Browder, Red Notice
Il programma di transizione progettato dallo stato profondo americano e dai suoi mecenati di Wall Street non è stato a dir poco catastrofico per la Russia. La tempesta perfetta dell'improvvisa liberalizzazione dei prezzi, la drastica riduzione della spesa pubblica e del credito bancario, e l'apertura dei mercati interni alla libera concorrenza straniera, produssero una miscela tossica che devastò l'economia russa, distrusse la sua moneta e fece precipitare gran parte della popolazione nella povertà e nella fame. Dopo il 1992, la classe media russa ha visto svanire i loro risparmi e dimezzare i loro salari reali - se avessero avuto la fortuna di riceverli.1

SOTT Logo S

Il Grande Inganno: Il ruolo dello Stato Americano nel raid degli anni '90 sulla Russia

L'articolo seguente è la parte 4 di una serie di sei puntate sulla transizione della Russia dal comunismo al capitalismo durante gli anni '90. Collegamenti ai post precedenti: introduzione, parte 1, parte 2, parte 3. Si tratta di un estratto dal capitolo 3 del mio libro, Grand Deception: the Truth About Bill Browder, The Magnitsky Act and Anti-Russia Sanctions. La precedente incarnazione del libro è stata bandita l'estate scorsa da alcuni degli stessi attori di cui discuteremo oggi. Questo post dovrebbe rivelarsi rilevante oggi, alla luce dei rimproveri isterici del recente vertice del presidente Trump con la sua controparte russa in Finlandia, in particolare per quanto riguarda il ruolo e l'affidabilità della cosiddetta "comunità dell'intelligence".

yeltsin gorbachev
Ora, perché l'Occidente sta applaudendo Gorbaciov e Yeltsin? Pensate che l'Occidente vuole che il popolo sovietico viva nel lusso, che sia ben nutrito? Niente affatto! L'Occidente vuole che l'Unione Sovietica venga smembrata. Gorbaciov e Eltsin sono degli eroi negli occhi dell'Occidente in quanto protagonisti della distruzione del proprio paese. - Alexander Zinoviev, marzo 1990 sul canale televisivo francese Antenne 2 durante un dibattito con Boris Yeltsin.
I commentatori occidentali di solito si concentrano sul periodo dal 1991 al 2000 e incolpano l'amministrazione di Bill Clinton per aver gestito male i loro aiuti alla Russia. Tuttavia, incolpare l'amministrazione Clinton è un po' come leggere un libro dal centro piuttosto che dall'inizio. Per capire il ruolo del governo degli Stati Uniti nella tragedia russa, dobbiamo tornare indietro di almeno dieci anni, agli inizi dell'amministrazione del presidente Ronald Reagan. Dobbiamo anche distinguere tra il legittimo governo degli Stati Uniti e una struttura di potere illegale e parallela che opera al suo interno. Per molto tempo, questo "governo segreto" non ha potuto essere discusso in una società educata perché la sua esistenza era considerata una teoria di cospirazione assurda.

Ma tutto cambiò nell'autunno del 1986, quando un aereo americano di rifornimento fu abbattuto sopra il Nicaragua e le vendite illegali di armi di Reagan all'Iran vennero scoperte. Questi eventi portarono alla luce l'affare "Iran-Contra". Un'indagine parlamentare completa è stata avviata e le sue procedure hanno rivelato l'esistenza di una struttura di potere parallela che opera illegalmente all'interno di una legittima struttura di governo. Per la prima volta, le azioni di questa rete, chiamata anche governo ombra, stato profondo o l'Agenzia, sono state messe agli atti e non possono più essere scartate come mera teoria del complotto.

Better Earth

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Luglio 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

july
Questo mese è stato segnato da incredibili quantità d'acqua che cadono in un periodo di tempo molto breve in tutto il mondo; uccidendo migliaia, evacuando milioni di persone... e danneggiando sempre più raccolti.

Cina, Corea del Sud, Indonesia, Filippine, Vietnam, Sudafrica, Nepal, Pakistan, India, Svezia, Russia, Italia e Stati Uniti, sono stati i più colpiti dalle piogge e dalle conseguenti inondazioni improvvise di luglio. Anche il Giappone è stato colpito da una storica alluvione che ha causato danni diffusi, 200 morti e migliaia di sfollati.

L'Italia, il Brasile e il Sudafrica hanno tutti avuto questo mese la loro parte di nevicate fuori stagione o "rare", lasciando la popolazione locale piuttosto sorpresa.

Quando il "cielo si è aperto" in molti luoghi, alte temperature, siccità e incendi hanno colpito California, Svezia, Norvegia e Grecia; quest'ultima è stata la più colpita con 94 morti, centinaia di sfollati, 2.500 chilometri quadrati devastati e centinaia di persone costrette a fuggire verso le spiagge.

Gli incendi in California sono stati molto gravi, ma non è stato battuto alcun record, fino ad ora, l'incendio del 1937 mantiene il record con quasi 90.000 chilometri quadrati bruciati. Anche combinando tutti gli ettari bruciati dal fuoco in California negli ultimi cinque anni non bastano a battere il record del 1937. Inoltre, dagli anni '30 c'è stata una netta diminuzione dell'incidenza degli incendi nello stato.

Lo stesso vale per gli incendi sviluppatisi in Europa, non sono stati battuti record e, come ha affermato Adapt 2030, dagli anni '80 si è registrato un calo significativo dell'incidenza degli incendi. Le alte temperature registrate in luglio in Europa non sono paragonabili a quelle degli anni '30, per non parlare del caldo estremo vissuto in Europa e in gran parte degli Stati Uniti per diversi anni alla fine del XIX secolo.

Ancora una volta, vediamo i mass media focalizzare e ingrandire l'incidenza localizzata delle alte temperature e degli incendi; un giornale ha persino affermato che il mondo non ha conosciuto temperature così alte dall'emergere della nostra civiltà (10.000 anni fa), un'affermazione che è semplicemente errata.

Le temperature superficiali della Terra sono infatti in aumento a causa dell'attività geologica e vulcanica, e dell'incidenza più diretta dei raggi solari a causa dell'indebolimento della magnetosfera. Ma, dimenticato tra il clamore, è il fatto che le temperature negli strati più alti dell'atmosfera hanno subito un crollo. Ne sono prova la crescente incidenza di aloni solari e lunari, nuvole noctilucenti, steli multicolori, grandinate in continua crescita e, naturalmente, nevicate fuori stagione. E non dimentichiamo che si sono verificati anche rari eventi di precipitazioni nevose nell'emisfero settentrionale e meridionale sia a giugno che a luglio di quest'anno.

Quindi non fatevi ingannare, molti dei cambiamenti terrestri che stiamo vedendo sono dovuti alla bassa attività solare, all'indebolimento della magnetosfera, così come ad un livello alto di raggi cosmici. E tutti questi cambiamenti non sono specifici della nostra Terra, stiamo trovando paralleli in altri pianeti del nostro sistema solare. Come qualcuno ha detto, "non col fuoco, ma col ghiaccio...".


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Stock Down

Il Grande Inganno: Lo strangolamento dell'economia russa negli anni '90 è stata una politica deliberata del FMI

... se la nozione di miliardi di barili di riserve di petrolio e miliardi di tonnellate d'oro riempie i vostri sogni con immagini di montagne di denaro facile e di vodka ghiacciata, allora Boris Yeltsin potrebbe trovare un lavoro per voi. - Paul Hofheinz, Fortune Magazine, 23 settembre 19911
L'articolo in questione è un estratto del capitolo 3 del mio libro Grand Deception: the Truth about Bill Browder, Magnitsky Act and Anti-Russian Sanctions. Trovate la prima parte qui. La seconda parte la potete vedere qui.

russia 90s
© Viktor Korotayev/Reuters
Un venditore ambulante dà da mangiare a un cane randagio in un mercato alimentare illegale nella periferia di Mosca, Gennaio 1997
La terapia d'urto ha portato la Russia ad una delle peggiori e più lunghe depressioni economiche del XX secolo, una catastrofe umanitaria senza precedenti per una crisi in tempo di pace, e una privatizzazione criminalmente iniqua dei beni pubblici. Le ragioni per cui le cose sono accadute in questo modo in Russia non sono generalmente ben comprese in Occidente. Anche tra gli intellettuali più informati, il fallimento della terapia d'urto è spesso considerato vagamente legato a qualche sinistro difetto della società russa. È quella che Bill Browder ha definito "la sporca disonestà della Russia", o "la fondazione del male della Russia", che ha generato corruzione e criminalità di proporzioni sbalorditive. In questo ambiente tossico, i dolci frutti della democrazia occidentale e del capitalismo non potevano semplicemente maturare nonostante la generosa benevolenza degli amici occidentali della Russia.

Una tale versione credulona degli eventi non è mai stata basata su un'analisi coerente di ciò che è accaduto in Russia durante gli anni '90. Piuttosto, si basava su una gestione propositiva della percezione nei media occidentali. Nell'aprile 2015, il Washington Post ha fornito un buon esempio di questa gestione della percezione. In un articolo del comitato editoriale, il Washington Post ha informato i suoi lettori che negli anni '90, "migliaia di americani sono andati in Russia sperando di aiutare il suo popolo ad ottenere una vita migliore. Lo sforzo americano e occidentale negli ultimi 25 anni - a cui gli Stati Uniti e l'Europa hanno dedicato miliardi di dollari - era volto ad aiutare la Russia a superare l'orribile eredità del comunismo sovietico, che ha messo il paese in ginocchio nel 1991. ... Gli americani", scrivono i redattori del Washington Post, "sono venuti con le migliori intenzioni. .... una mano generosa è stata estesa alla Russia post-sovietica, offrendo il meglio dei valori e delle competenze occidentali".2