Lo psicopatico criminale è stato osservato e studiato per quasi un secolo. Ma ad eccezione di un breve accenno da parte di Cleckley, l'idea di uno psicopatico di successo - ordinario da quasi tutti i punti di vista - è rimasta avvolta in una sorta di "congiura del silenzio" pervasiva. Mentre questa serie progredirà, diventerà chiaro perché questo sia vero e quali siano esattamente le ramificazioni e le conseguenze per la società in generale. Finora l'unica presentazione approfondita del problema degli psicopatici di successo è stato il libro scritto da Robert Hare e Paul Babiak intitolato Serpenti in Giacca e Cravatta, pubblicato nel 2006. Il libro è una lettura essenziale, e ha il potenziale per salvarvi la vita, letteralmente. Le informazioni che contiene sono universali e possono essere applicate a qualsiasi livello sociale.

Babiak, lavorando come psicologo in varie aziende, ha incontrato il suo primo psicopatico aziendale nel 1992. Studiando operatori come "Dave" nell'ambiente aziendale, Babiak non solo ha esposto le modalità con cui gli psicopatici si infiltrano e salgono la scala di successo aziendale, ha anche distrutto le illusioni precedenti su ciò che uno psicopatico è in grado o meno di realizzare. Molti nel settore industriale erano del pensiero che gli psicopatici non sarebbero in grado di avere successo nel mondo degli affari. Secondo loro il comportamento da bulli e il narcisismo dello psicopatico avrebbe scoraggiato qualsiasi dirigente ad assumerli, e che il loro comportamento abusivo e manipolativo avrebbe portato inevitabilmente al fallimento dell'azienda. La verità è, che i cosiddetti "esperti" non sanno di cosa stanno parlando. Essi sembrano aver trascurato la straordinaria capacità degli psicopatici di presentare un'immagine di estrema normalità ed eccellenza, verso le loro vittime. E questo è ciò che siamo per loro: delle vittime, potenziali "bersagli", dei fessi.

Al contrario delle convinzioni prevalenti e delle presuntuose supposizioni degli esperti, Babiak ha notato che gli psicopatici venivano praticamente accolti con le braccia aperte dalle aziende, e molti di loro riuscivano a "costruire" una bella carriera in quelle aziende.1 Il loro narcisismo estremo veniva apparentemente scambiato per un "tratto positivo di un leader", e il caos e la morale dubbiosa che accompagna questo tipo di aziende sembra sia il posto perfetto per uno psicopatico. Non solo sono in grado di reggere benissimo la pressione - non essendo in grado di provare paura (come un essere umano normale davanti a una minaccia) o percepire lo stress - i potenziali benefici personali erano troppo alettanti da rifiutare, sia per l'azienda che per lo psicopatico. Come disse Babiak, "la mancanza di conoscenze specifiche da parte degli uomini di affari sui metodi che utilizza lo psicopatico per ingannare le sue vittime è la chiave di successo per lo psicopatico."2 Ironicamente, gli stessi tratti ricercati da aziende e altre entità potenti sono spesso il fattore principale che contribuisce al loro fallimento (ad esempio l'arresto di Bernie Madoff, il fallimento di Enron, la caduta del nazismo). E questi sono tratti che siamo stati condizionati ad accettare come tratti ideali. Ad esempio, quando si guarda con "occhiali colorati di rosa", gli individui ignari della vera natura dello psicopatico percepiscono i tratti dello psicopatico in maniera diversa, ad esempio l'ingannevole e il manipolativo viene percepito come "persuasivo" ed "influente"; l'insensibile e lo spietato viene considerato come essere "decisi" e in grado di "prendere decisioni difficili"; l'essere senza paura ed impulsivi viene visto come "coraggioso" e "pieno di forza"; la mancanza di emozioni viene considerata un tratto "forte" ed essere in grado di "controllare le emozioni".3

In breve, quando chiamiamo uno psicopatico "convincente e coraggioso" dovremmo chiedergli una commissione per avergli fatto bella pubblicità, perché è tutto ciò che è. E' come vendere candeggina e chiamarla acqua santa! Su carta queste qualità possono sembrare promettenti, ma come collaboratori, e soprattutto come i capi, gli psicopatici sono prepotenti, intimidatori, spietati e pericolosi. Pronti a prendersi il merito per il lavoro degli altri e di assumere e licenziare i dipendenti per un capriccio, tollerano solo le lodi, sono estremamente miopi, e gli manca la vera intuizione di un leader. Uno psicopatico, descritto da Babiak, era "riluttante e, forse, incapace di riconoscere che le sue decisioni potrebbero avere conseguenze negative per il business."4 Anche quando conduce una vita superficialmente "normale", lo psicopatico crea problemi e disagi che non necessariamente infrangono la legge - economici, psicologici, emotivi.

Come lo fanno? Studiando il modus operandi dei truffatori aziendali, Babiak ha scoperto i metodi di base utilizzati dallo psicopatico per operare in un ambiente gerarchico, aziendale. Ma non importa in quale ambiente lo psicopatico si ritrovi - una relazione romantica, una strategia aziendale, una rapina pianificata, una campagna elettorale, un colpo di stato politico... l'elenco delle possibilità è infinito - egli usa lo stesso metodo composto da tre fasi di "Valutazione - Manipolazione - Abbandono" sulle sue vittime. Nella prima fase, lo psicopatico valuta il valore del suo "alleato" e di potenziale utile idiota - quello che lui o lei può fare per favorire gli obiettivi dello psicopatico. Gli psicopatici sono esperti a identificare e spingere i "pulsanti" degli altri, indovinare ciò che ci "piace e non piace, le nostre motivazioni, bisogni, i punti deboli e le vulnerabilità."5 I punti di forza della vittima vengono utilizzati e le sue debolezze sfruttate. Successivamente, lo psicopatico usa messaggi attentamente elaborati per il bersaglio specifico, utilizzando le informazioni raccolte nella fase di valutazione. Poi adatta la sua manipolazione per accogliere qualsiasi nuovo feedback dal bersaglio al fine di mantenere pieno controllo su di esso. Come Babiak e Hare scrivono:
Spesso fanno uso del fatto che per molte persone il contenuto del messaggio è meno importante del modo in cui viene trasmesso. L'uso di uno stile sicuro, aggressivo - spesso infarcito di gergo, cliché e frasi dolci - compensa la mancanza di sostanza e sincerità nelle loro interazioni con gli altri... sono maestri nella gestione delle impressioni; la loro comprensione della psiche altrui combinata con una superficiale - ma convincente - scioltezza verbale, gli permette di cambiare la loro personalità con un'abilità sorprendente a prescindere dalla situazione e dal loro piano di gioco. Essi sono noti per la loro capacità di indossare molte maschere, cambiare il loro "vero profilo" a seconda della persona con cui stanno interagendo, e apparire simpatici alla loro vittima.6
C'è una forte assomiglianza con il modus operandi delle agenzie di intelligence, non è vero?

Gli psicopatici utilizzano anche una varietà di tecniche di manipolazione, ad esempio, la tecnica nota come gaslighting. Quando li viene detta una bugia per innumerevoli volte, con una certezza apparentemente assoluta, le persone normali tendono a dubitare delle proprie percezioni. "Sorprendentemente, il più delle volte, le vittime cominciano a dubitare della propria percezione e cambiano le loro opinioni credendo a ciò che gli viene detto dallo psicopatico, piuttosto che fidarsi delle proprie percezioni."7 In questa fase, lo psicopatico sfrutta spietatamente le sue vittime, usandole per ottenere denaro, posizione, controllo e potere. Quando una persona ha cessato di essere utile, viene scartata nella fase finale, l'abbandono. Fedele a nessuno, questo ha spesso effetti devastanti su coloro che sono stati ingannati dalla facciata di bugie e "buone intenzioni" dello psicopatico. Sia un coniuge che è stato drenato emotivamente, o un'anziana, il cui conto bancario è stato svuotato, o un "amico" usato per le sue connessioni, lo psicopatico li scarta freddamente e si sposta alla prossima vittima.

All'interno del mondo delle imprese, Babiak ha identificato una variante più elaborata di questa dinamica composta da 5 fasi. In primo luogo, gli psicopatici usano il loro fascino e il dono della parlantina creando l'impressione di possedere qualità di leadership, guadagnandosi così l'ingresso in azienda. Una volta assunti, durante la fase di valutazione essi iniziano ad individuare i possibili bersagli e rivali tra i colleghi - da colleghi talentuosi ma ingenui il cui lavoro può essere rubato ai segretari che controllano l'accesso ai dirigenti importanti. Babiak descrive i quattro gruppi di persone che gli psicopatici utilizzano nei loro giochi. Le Pedine sono colleghi ordinari che hanno "potere informale e una certa influenza di basso livello", e che vengono abilmente manipolati dagli psicopatici nel volere - o necessitare - di asservire lo psicopatico. I Patroni sono i dirigenti in alto a livello gerarchico con potere formale. Attraverso lo sviluppo di un rapporto con i patroni, gli psicopatici si procurano la protezione dagli attacchi provenienti dai lavoratori di basso livello che vedono attraverso la maschera dello psicopatico. I Capri Espiatori, sono pedine che hanno perso la loro utilità e sono stati quindi scartati. Infine, la Polizia Organizzativa sono gli individui come revisori contabili, personale di sicurezza, e il personale delle risorse umane che sono più esperti nel rilevare segnali di manipolazione sul posto di lavoro.8

Nella terza fase, ovvero, la manipolazione, gli psicopatici creano e mantengono la loro "storia fittizia", creando e diffondendo attraverso la rete di pedine, patroni e "utili idioti", una disinformazione positiva su sé stessi e disinformazione negativa sugli altri. Creare conflitti tra gli altri dipendenti serve a distogliere l'attenzione dai loro sporchi giochi, preferendo operare dietro le quinte e al di sopra delle tempeste che creano e gestiscono. Nella fase di confronto, gli psicopatici scartano i rivali e le pedine (ora diventati capri espiatori), spesso utilizzando tecniche di assassinio di carattere, l'incastro, e altre tattiche mediante i cosiddetti "fatti" che deviano in modo significativo dalla verità. La fanno franca grazie ai loro buoni rapporti con i patroni altolocati. E nella fase finale di ascensione, eventualmente, essi spodestano i loro stessi patroni, prendendo così la posizione e il prestigio di coloro che un tempo li hanno sostenuti.9 Nel gioco dello psicopatico, la gente esiste solo ad essere manipolata, egli persegue i suoi scopi ad ogni costo, anche se questo significa pugnalate alle spalle tutti coloro che lo hanno sostenuto nella sua ascesa.

L'interesse per gli psicopatici aziendali è aumentato significativamente negli ultimi dieci anni, in gran parte dovuto alla pubblicità delle frodi aziendali e scandali come Enron nel 2001 e Madoff nel 2009. Stranamente, dato il numero di scandali politici e le loro somiglianze ai loro cugini aziendali, l'idea che gli psicopatici possono infiltrarsi nei governi - portando a risultati disastrosi - deve ancora ricevere l'attenzione che merita. In effetti, i massacri politici che si stanno verificando oggi - gli aspetti oscuri della storia umana che così tanto ci affascina e ci ripugna - e la corruzione che porta allo sviluppo ti tali aspetti oscuri, hanno le loro radici nella presenza degli psicopatici in posizioni di potere e di influenza.

Gli psicopatici si trovano in carcere per tutti i tipi di crimini violenti e predatori contro singoli individui, compresi i crimini dei colletti bianchi. I programmi universitari, società accademiche, conferenze, libri di testo e manuali professionali, tutte queste risorse esistono per gestire e prevenire questo genere di crimini. Ma per quanto riguarda il ruolo degli psicopatici nei crimini contro l'umanità? Non sono riuscito a trovare un giornale accademico, o un rapporto esaminando il ruolo della psicopatia nella politica, sia nei cosiddetti sistemi democratici che regimi dittatoriali. Proprio come i ricercatori all'inizio mettevano in dubbio le capacità degli psicopatici di aver successo nel mondo degli affari, e il problema è rimasto non esaminato per molto tempo, così il problema della psicopatia nella politica rimane fermamente ignorato. I politologi si rifiutano di studiare la psicopatia, e gli esperti in psicopatia si rifiutano di cercare psicopatici nel mondo della politica. I risultati di questa cecità sono evidenti nella storia - e al presente - visibili a chiunque. Genocidi, dittature, torture sanzionate dallo stato, "guerra senza fine", omicidi politici, squadroni della morte, corruzione, ricatti, spionaggio contro i civili, "segreti di Stato", "spionaggio" illegale, e così via.

La situazione è strana, considerando il fatto che gli esperti hanno dimostrato chiaramente che gli psicopatici possono occupare senza tante difficoltà posizioni alti in tutte le professioni: giurisprudenza, economia, medicina, psicologia, mondo accademico, mondo militare, industria di intrattenimento, forze dell'ordine, anche - e forse soprattutto - la politica. Come Babiak e Hare spiegano, "Molti [psicopatici] riescono a diplomarsi al college o ad ottenere credenziali professionali non attraverso il duro lavoro e la dedizione, ma attraverso imbrogli, "convincendo" gli altri a fare il loro lavoro, e in generale 'bypassando il sistema.'"10

Il caso Madoff offre un gran numero di implicazioni concernenti non solo Wall Street in generale, ma anche la scena politica. È interessante fare notare che la lista delle sue vittime non comprende il nome di nessuna banca o altre istituzioni importanti statunitensi, che normalmente richiedono il tipo di informazioni e servizi che la ditta di Madoff forniva. In effetti, quell'attività è stata sospettata di frode per quasi un decennio, e le prime prove sulla sua cattiva condotta erano state rilevate agli inizi degli anni '70. Eppure non sono state mai avviate delle indagini serie fino a quando non sono stati proprio i suoi stessi figli a denunciarlo. Molti lo sapevano da anni, ma sono rimasti in silenzio, permettendo a Madoff di continuare quello schema che avrebbe poi rovinato migliaia di persone. Per convenienza, la nipote di Madoff nel 2005 si è sposata con un alto ufficiale dell'ente federale statunitense, la Securities and Exchange Commission, e Madoff si vantava all'epoca dei suoi stretti rapporti con gli alti ufficiali del SEC. La ditta di Madoff aveva stretti legami con legislatori e regolatori di Washington, con Madoff che faceva parte del consiglio di amministrazione dell'ente non governativa Securities Industry Association, e il fratello di Madoff faceva parte del consiglio di amministrazione dell'ente non governativa Securities Industry and Financial Association (SIFMA). Nel pezzo di Creswell e Thomas per il New York Times, uno stretto collaboratore di Madoff ha riferito che "Una volta mi ha detto che alla fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90 aveva trascorso un terzo della sua vita a Washington."

Il fondo Madoff era una lavanderia di denaro perfetta per potenziali co-cospiratori, egli veniva protetto grazie ai suoi stretti legami con la "polizia organizzativa" della SEC e il controllo prepotente che esercitava sui suoi dipendenti. "Nessuno voleva licenziarsi perché non avrebbero mai potuto trovare un altro lavoro con uno stipendio altrettanto sostanziale. Alcune persone, dopo il suo arresto, ipotizzavano che forse i Madoff pagavano e trattavano cosi bene i loro dipendenti per comprare il loro silenzio, creando l'impressione di dirigenti generosi, onesti e protettivi nei confronti dei loro dipendenti." (The Daily Beast) Secondo Babiak e Hare, "Il livello e l'intensità di intimidazione che lo psicopatico esercita sulle sue vittime impedisce loro di denunciarlo, perché ne sono terrorizzate." 11 Controllando i subalterni e mantenendo buoni rapporti con le autorità di regolamentazione, Madoff si è protetto dall'essere smascherato per quello che era. Fu smascherato ed arrestato solo quando la sua arroganza aveva superato ogni limite.

Ma Madoff è solo un sintomo di un problema sistemico che colpisce l'umanità a partire dal livello delle relazioni interpersonali fino al livello politico. Lo "psicopatico ordinario" alla ricerca di potere e di controllo manovra in una sfera relativamente limitata di influenza: dalla sua immediata famiglia al più ampio gruppo di collaboratori e vittime casuali. Gli psicopatici criminali versatili colpiscono vittima dopo vittima, accumulando magari un numero inquietante di donne distrutte emotivamente e fisicamente; anziani derubati dei loro risparmi di una vita; associazioni di beneficenza derubate delle loro donazioni; bambini torturati e mutilati. Lo psicopatico aziendale non solo colpisce tutto lo staff dell'azienda; le sue decisioni hanno il potenziale di rovinare la vita di migliaia di persone. Ma lo psicopatico politico, in una posizione di estremo prestigio, potere e influenza, ha il potenziale di governare - e distruggere - imperi. La sua influenza ricade sulle società dell'intero pianeta e le sue decisioni hanno il potenziale di influenzare la vita di miliardi di persone.

Note
  1. Babiak (2007, 413).
  2. Babiak & Hare (2006, xiii).
  3. Babiak (2007, 419).
  4. Babiak & Hare (2006, 12).
  5. Babiak & Hare (2006, 37).
  6. Babiak & Hare (2006, 38).
  7. Babiak & Hare (2006, 51).
  8. Babiak (2007, 417).
  9. Babiak (2007, 418 - 20).
  10. Babiak & Hare (2006, 47).
  11. Babiak & Hare (2006, 52).