Benvenuto su Sott.net
dom, 25 lug 2021
Il Mondo per Coloro che Pensano

Figli della Società
Mappa


Syringe

Tre quarti dei recenti casi di COVID-19 a Singapore sono persone vaccinate

vaccine program singapore
Tre quarti delle infezioni Covid-19 di Singapore nelle ultime quattro settimane si sono verificate tra individui vaccinati, i dati del governo mostrano, come un rapido aumento delle vaccinazioni della città-stato lascia sempre meno persone non vaccinate.

Singapore ha già vaccinato quasi il 75% dei suoi 5,7 milioni di persone, il secondo al mondo dopo gli Emirati Arabi Uniti, come mostra un tracker di Reuters, e metà della sua popolazione è completamente vaccinata.

Ha riportato 1.096 casi trasmessi localmente negli ultimi 28 giorni, di cui 484, o il 44%, erano persone completamente vaccinate, mentre il 30% era parzialmente vaccinato e il restante 25% non era vaccinato.

Commenta: Singapore è una delle società più regolamentate e autoritarie del mondo. Implementare ancora più restrizioni difficilmente causerà un'increspatura. Un laboratorio perfetto per testare le politiche prima di scatenarle sul resto del pianeta.


Yellow Vest

Ospedale francese entra in sciopero INDEFINITO per protestare contro il mandato di vaccinazione Covid-19

covid passport protest france
© REUTERS/Pascal Rossignol
Il personale dell'ospedale di Montelimar, nel dipartimento francese della Drome, è entrato in sciopero a tempo indeterminato per protestare contro le nuove regole che richiedono di prendere un vaccino contro il Covid-19 entro metà settembre o rischiano di perdere il lavoro.

Lo sciopero contro la "vaccinazione forzata" è stato annunciato giovedì dal sindacato CGT-GHPP, e colpisce circa 200 medici e 1.500 infermieri nella città del sud-est della Francia.

Centinaia di loro si sono riuniti fuori dall'ospedale venerdì, denunciando le chiusure e i mandati di vaccinazione e cantando "liberté!

Rose

Stephen Cohen è morto. Ricordate i suoi urgenti appelli contro la nuova Guerra Fredda

stephen f cohen
Stephen F. Cohen, il celebre studioso americano sulla Russia e principale autorità nelle relazioni USA-Russia, è morto di cancro ai polmoni all'età di 81 anni.

Vista come una delle poche preziose voci occidentali dotate di buon senso sul tema della Russia mentre tutti gli altri si sciacquano freneticamente il cervello nel gabinetto, questa è una vera e propria perdita. Io stesso ho citato più volte nel mio lavoro le accurate analisi di Cohen, e la sua prospettiva ha avuto un ruolo formativo nella mia comprensione di ciò che sta realmente accadendo con la monolitica produzione di consenso trasversale e partigiana per l'aumento delle aggressioni occidentali contro Mosca.

In un mondo sempre più confuso e inondato di propaganda, la morte di Cohen è un duro colpo per la disperata ricerca di chiarezza e comprensione dell'umanità.

Commenta: Altri articoli su Stephen F. Cohen:


Red Pill

Il successo della Svezia: La bassa percentuale di test positivi 'rivendica la strategia del coronavirus'.

sweden
La Svezia ha registrato il suo tasso più basso di test di coronavirus positivi, anche se il suo regime di test è stato ampliato a livelli record, in quello che alcuni esperti considerano una rivendicazione della sua strategia Covid-19 relativamente poco invadente.

Johan Carlson, un epidemiologo e direttore dell'agenzia svedese per la salute pubblica, ha detto che gli svedesi sembravano beneficiare di un'immunità diffusa a causa della decisione di non imporre un lockdown totale durante la prima ondata.

Commenta: Summit News riporta:
"La Svezia è passata dall'essere il paese con il maggior numero di infezioni in Europa a quello più sicuro," L'epidemiologo svedese Dr. Anders Tegnell ha commentato al quotidiano italiano Corriere della Sera.

"Quello che vediamo ora è che la politica sostenibile potrebbe essere più lenta nell'ottenere risultati, ma alla fine otterrà risultati," ha chiarito Tegnell.

"E poi speriamo anche che il risultato sia più stabile", ha aggiunto.

[...]

La scorsa settimana, il Centro Europeo per la prevenzione e controllo delle malattie, ha confermato il calo del tasso di infezione in Svezia, con soli 12 casi per milione, rispetto a 18 della vicina Danimarca e 14 della confinante Norvegia.

Al culmine dello scoppio dell'epidemia in Svezia, il paese ha registrato 108 nuove infezioni per milione di persone, perseguendo una strategia di "immunità del gregge".

Le cifre mostrano anche che su 2500 persone selezionate e testate a caso in Svezia, nessuna è risultata positiva, rispetto allo 0,9% positivo in aprile e allo 0,3% in maggio.

"Noi lo interpretiamo nel senso che attualmente non c'è un'infezione diffusa tra le persone che non hanno sintomi," ha dichiarato Karin Tegmark, vice capo dell'Agenzia di sanità pubblica svedese.
Vedi anche:


Candy Cane

Covid19 Sicilia, una commissione d'inchiesta sull'errore di calcolo dei contagiati

Covid19 Sicilia
"I dati sbagliati sui pazienti Covid? Nessuna meraviglia, lo sapevamo e lo avevamo pure denunciato a fine maggio in una interrogazione a Musumeci e a Razza che è rimasta senza risposta".

Lo afferma la deputata del M5S all'Ars, Jose Marano, che non si dice per nulla sorpresa dell'enorme discrepanza tra i dati reali e quelli denunciati dalla Regione in relazione ai pazienti positivi al Covid19.
"Avevamo letto - dice la deputata - che i dati epidemiologici riportati dalla Regione siciliana non coincidevano con il reale andamento dell'epidemia in Sicilia. L'Asp di Catania avrebbe inviato una lettera al Servizio epidemiologico della Regione per richiedere la correzione ufficiale dei dati"
"La Regione infatti - racconta Marano - a metà maggio segnalava 10 casi positivi nella provincia di Catania, a fronte dei 3 rilevati dall'azienda sanitaria. A quel punto era lecito pensare che anche i dati relativi alle altre province siciliane fossero inesatti".

"Da qui - afferma la deputata - la nostra interrogazione, considerato che situazione epidemiologica dell'isola è di grande rilevanza ai fini delle importanti decisioni per la popolazione siciliana legate alla cosiddetta 'Fase 2' ed alla ripresa economica del tessuto sociale".

2 + 2 = 4

Navigare l'Isteria e la Paura Relativa a Covid-19

Cronyvirus-hysteria
Come tutti ormai saranno consapevoli, questa "pandemia" che abbiamo osservato al rallentatore è stata enormemente esagerata e ha scaturito risposte esagerate che però sono fin troppo reali e non possono essere ignorate. Ciò che si sta diffondendo incontrollabilmente in tutto il mondo è essenzialmente un virus e soprattutto una mancanza di buon senso, e azioni che manderanno in rovina il mondo così come lo conosciamo, a meno che non riusciamo in qualche modo a fermare questa follia. Ogni giorno succedono molte cose, ed è tutto piuttosto caotico e confuso, soprattutto tutto ciò che esce dalla bocca dei funzionari governativi, echeggiato dagli androidi cerebrali mediatici. Voglio quindi fare un breve riassunto su come stanno realmente le cose a questo punto.

Brick Wall

Arriva Maggio e Arrivano le Proteste contro il Lockdown prolungato della Fase2

Proteste I maggio 2020 coronavirus lockdown
Primo maggio a Trieste (San Giacomo) con violenti scontri tra forze dell'Ordine e manifestanti che chiedono di poter presenziare in sicurezza alle proteste contro la misura di lockdown imposta da Conte.

Ma tentativi di manifestazione ci sono stati anche a Roma, dove commercianti e cittadini da tutta Italia si erano dati appuntamento per le 15 in piazza San Giovanni.

Molti di loro sono stati bloccati dalle forze dell'ordine e identificati all'arrivo in piazza San Giovanni e nelle aree circostanti. Dalle prime informazioni erano centinaia.

Date le misure restrittive sugli spostamenti, le celebrazioni per il primo maggio quest'anno erano state annunciate iniziative da attuare unicamente online. Ma è un primo maggio di rabbia quello che non si può celebrare in questo 2020.

Nonostante il confinamento sui social, sono state comunque numerose le iniziative di dissenso in Italia contro l'immobilità del governo sugli aiuti economici alle partite Iva. "Noi esistiamo, ridateci il presente per poter continuare ad avere un futuro" era lo slogan della protesta, tra le tante, dei commercianti di Conegliano che hanno deciso di far sentire la loro voce pacificamente.

(Leggi su La Voce di Bolzano)

Eye 1

«È colpa di quelli come te se c'è il contagio!». Abusi in divisa e strategia del capro espiatorio nei giorni del coronavirus

Untore Roma controlli coronavirus
Fino a venerdì 20 marzo, prima dell'annuncio della chiusura di tutte le attività produttive, ho continuato ad andare al lavoro, ovviamente rispettando tutte le precauzioni: abito sulla stessa strada dell'ufficio - a pochi numeri civici di distanza - , nei pochi metri che faccio a piedi non incontro nessuno, e in sede in quei giorni eravamo solo in due e ci tenevamo a distanza. Gli altri lavoravano già da remoto, veniva solo uno dei miei soci, che come me abita molto vicino e non vedeva praticamente nessun altro oltre al sottoscritto.

Era ancora consentito dai decreti (il telelavoro era solo consigliato, non obbligatorio), e oltre a dover usare per forza macchine e software dell'ufficio, trovavo che andare in sede fosse anche una buona pratica: per separare il tempo del lavoro da quello del non lavoro, per prendere un po' d'aria, vedere un po' di luce, e scambiare due chiacchiere col mio collega. Vivendo solo con il mio coinquilino, in una casa molto piccola anche per due persone, rischio di impazzire.

Ma ciò che a Roma di solito è un'enorme fortuna - abitare vicino a dove si lavora - , in tempi di quarantena e con le occasioni per camminare ridotte al minimo era diventato una prigione. Avevo preso allora l'abitudine, dopo aver staccato, di fare un giro largo per rincasare. Niente di che, neanche cinquecento metri, praticamente il periplo dell'isolato.

Eye 1

Quarantena Covid-19 multe e abusi in crescita, l'Italia in lockdown sognata dai virologi di regime

Coronavirus under control
© The Economist
Da Sardiniapost.it:

Una coppia di anziani di Nuoro dovrà pagare una multa salata da 933 euro per aver violato le regole sulle uscite. Un uomo di 74 anni è uscito a fare la spesa con la moglie 72enne, disabile al cento per cento, quando sono stati fermati dalla Polizia stradale. Come riporta L'Unione Sarda, la multa è scattata perché il decreto firmato dal presidente della Regione, Christian Solinas, prevede che possa uscire per necessità soltanto un membro per famiglia una volta al giorno.

L'uomo ha cercato di spiegare l'impossibilità di lasciare la moglie disabile da sola in casa, ma per gli agenti non è bastato a evitare la sanzione. Il 74enne, dopo la compilazione del verbale, ha accusato un gravo malore tanto che si è reso necessario l'arrivo dell'ambulanza e il ricovero in ospedale.


Come vanno le cose in Italia:

Da Repubblica.it:

Padlock

Lockdown Globale a Causa del Covid-19

french police lockdown
Proviamo un piccolo esperimento di pensiero. Solo per divertimento. Per passare il tempo mentre siamo chiusi a tempo indeterminato nelle nostre case, controllando compulsivamente il conteggio dei ''casi attivi'' di Covid-19 e dei casi di decessi, lavandoci le mani ogni venti minuti e cercando di non toccarci il viso.

Prima di farlo, però, voglio chiarire che credo che questa faccenda del Covid-19 sia reale, ed è probabilmente la minaccia più mortale per l'umanità nella storia delle minacce mortali per il genere umano.

Secondo i dati che ho visto, è solo una questione di giorni, o di ore, prima che quasi tutti sulla terra siano infettati e muoiano in agonia e da soli o soffrano di sintomi lievi e comuni di raffreddore, o non abbiano alcun sintomo.

Sento il bisogno di dirlo chiaramente, prima di fare il nostro sperimento del pensiero, perché non voglio che qualcuno pensi erroneamente che io sia uno di quei nazisti probabilmente di origine russa che vanno in giro dicendo: "è solo influenza", o che stanno diffondendo pericolose teorie cospirative sulle armi biologiche e la legge marziale, o che altrimenti dubitano o mettono in dubbio la saggezza di serrare il mondo intero (e probabilmente scatenando una nuova Grande Depressione) a causa della scoperta di qualche virus glorificato.

Ovviamente non si tratta solo di influenza. Migliaia di persone ne stanno morendo. OK, certo, l'influenza uccide molte più persone, centinaia di migliaia di persone ogni anno, ma questo virus Covid-19 è totalmente nuovo, e non come gli altri milioni di virus che girano continuamente sul pianeta, e gli esperti dicono che probabilmente ucciderà, o ci farà ammalare gravemente, o causerà disagi temporanei per milioni o addirittura miliardi di persone se non blocchiamo interi paesi e non terrorizziamo tutti fino a sottometterli.