Benvenuto su Sott.net
lun, 26 giu 2017
Il Mondo per Coloro che Pensano

Vulcani


Attention

"Il supervulcano dei Campi Flegrei sta per svegliarsi, potrebbe essere una catastrofe. Lì si è costruito di tutto"


I Campi Flegrei e nel riquadro Mario Tozzi
Se il mostro dei Campi Flegrei dovesse svegliarsi potrebbe seminare morti e distruzione, trattandosi del supervulcano più grande d'Europa, il secondo al mondo dopo quello del famoso Parco di Yellowstone, negli Stati Uniti. Ebbene gli esperti sono concordi nel ritenere che una eruzione potrebbe essere più vicina di quanto si creda e lanciano l'allarme, come ci conferma al telefono il noto geologo e primo ricercatore del Cnr Mario Tozzi.

Tozzi, il suo ultimo libro ha come titolo "Paure fuori luogo. Perché temiamo le catastrofi sbagliate" (Edizioni Einaudi), nel caso di cui parliamo è sbagliato tenere alta la guardia?
"Nel caso in questione non direi. Anzi, il problema è proprio che non si teme la catastrofe, visto che nei Campi Flegrei ci hanno fatto di tutto, da un ippodromo a un ospedale e a una base militare. Tutto tranne quello che si sarebbe dovuto fare, ovvero un parco naturale per la visita come, per esempio, hanno fatto a Yellowstone".

SOTT Logo Media

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Ottobre 2016: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

© Sott.net
Forte alluvione in Carolina del Sud, Ottobre 2016
Il mese scorso, mentre gli occhi di tutti erano puntati sulle elezioni degli Stati Uniti, le più straordinarie elezioni statunitensi degli ultimi anni, i cambiamenti terrestri erano in pieno svolgimento.

Il fenomeno climatico in primo piano in Ottobre è stato l'uragano Matthew; al suo passaggio ha lasciato una scia di distruzione che ha attraversato la Colombia, i Caraibi e la costa orientale degli Stati Uniti. L'uragano Matthew ha scatenato la più forte tempesta dell'ultimo decennio nel Nord Atlantico ed è anche stato l'uragano più forte mai registrato in prossimità dell'equatore, scaricando tanta pioggia da infrangere diversi record di precipitazione e causando oltre 10 miliardi di dollari di danni. Haiti è stato il paese più colpito con oltre 1600 vittime.

Gli eventi climatici estremi sono ormai diventati una norma; il Sud Carolina, il mese scorso ha subito la settima alluvione da '1 in 1000 anni' in soli sei anni, rompendo tutti i record di precipitazione precedenti. Mentre la gran parte degli Stati Uniti sono stati colpiti da un'ondata di caldo, la Russia è stata coperta da un manto spesso di neve e l'enorme superficie dell'emisfero settentrionale ricoperta di neve a fine Ottobre può essere paragonata solo a quella dell'Ottobre 1976.

Durante questo mese siamo stati inoltre testimoni di molti avvistamenti spettacolari di bolidi e palle infuocate, il che ci fa pensare che il nostro pianeta è soggetto ad un numero sempre maggiore di "visitatori spaziali". Come abbiamo riportato all'inizio dell'anno, il numero di meteore e bolidi è aumentato notevolmente negli ultimi dieci anni e il cielo è diventato particolarmente 'illuminato' durante la seconda metà dell'anno.

Questi sono alcuni dei fenomeni osservati nell'Ottobre 2016...


Commenta: Aggiornamento 23 Novembre 2016 - Siamo venuti a sapere che il bolide avvistato nei cieli del Galles del Sud al minuto 15:14 è probabilmente opera di qualche artista liberale.


Attention

ECUADOR / nuove esplosioni del vulcano Tungurahua

© J.L Espinosa-Naranjo @Ambalaser / twitter)

Il vulcano Tungurahua, situato nel centro andino dell'Ecuador, si è risvegliato, riportando nuove esplosioni
. Questo è attestato dall'ultima relazione alle 11:05 ora locale (16:05 in Ecuador), del 26 febbraio. Successivamente, alle 12:12 ora locale (17:12 in Ecuador), un'esplosione accompagnata da un forte boato ha prodotto una colonna di gas e cenere dell'altezza di ben 5 chilometri. C'è stata poi una seconda esplosione, che ha spinto la colonna a circa 7 chilometri sopra il cratere e per l'effetto dei venti si è diretta verso nord-ovest. Altre quattro esplosioni si sono verificate ad intervalli di pochi minuti una dall'altra generando flussi piroclastici che si sono spinti verso il basso attraverso le gole di Juive, Mandur e La Hacienda. Questo vulcano, dell'altezza di 5.020 metri, ha iniziato il processo eruttivo nel 1999.

Commenta:



Attention

Indonesia, eruzione del vulcano Sinabung

© LaPresse/XinHua
I residenti guardano da lontano le ceneri vulcaniche che si innalzano dal Sinabung, durante l'eruzione verificatasi a Karo, Sumatra settentrionale. Le autorità hanno richiesto ripetutamente gli abitanti dei villaggi vicini di rimanere calmi e "abituarsi" all'attività del vulcano, che probabilmente proseguirà per i prossimi 5 anni.

© LaPresse/XinHua
© AP Photo/Binsar Bakkara

Attention

Indonesia: eruzione del vulcano Soputan, colonna di ceneri alta 2 km

Eruzione in corso del vulcano Soputan nell'est dell'Indonesia: una colonna di ceneri si è innalzata fino a 2 chilometri di altezza. Lo ha reso noto il portavoce dell'agenzia nazionale per la gestione dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho.

Attention

MESSICO, nuova STRAORDINARIA ERUZIONE del VULCANO COLIMA. COLONNA di FUMO e CENERE alta 3.000 metri

Nella giornata di lunedì il Volcán de Colima è tornato a far sentire la sua voce lanciando in aria una colonna di fumo e cenere alta oltre 3.000 metri. Il vulcano, detto anche Volcan de Fuego, è il più attivo vulcano del Messico e si trova a 3.860 metri sul livello del mare.

E' situato quasi al limite occidentale della fascia Vulcanica Trasversale; nonostante il nome, solo una sua piccola parte rientra nello Stato di Colima, mentre per la maggior parte appartiene allo Stato di Jalisco. Il volcan de Colima è uno stratovulcano ed ha eruttato più di 40 volte dal 1576 ad oggi. L'eruzione più violenta fu quella del 1913 e le più recenti quelle del 1999 e del 2005, quando la colonna eruttiva raggiunse i 4,5 e i 9 km di altezza. La cenere emessa raggiunse distanze fino a 100 km. Caratteristica della sua attività recente è l'emissione di lava viscosa e la formazione di duomi di lava.


Attention

Indonesia: l'eruzione del vulcano Soputan

© LaPresse/Reuters
Il vulcano Soputan ha eruttato nella provincia di Sulawesi alle 8:53 p.m. ora locale di ieri, lunedì 4 gennaio, ha reso noto il portavoce della National Disaster Mitigation Agency, tanto che l'allerta è stata innalzata dal livello II al livello III. Il vulcano ho proiettato ceneri ad un'altezza di 2000 metri, che si sono dirette poi, trasportate dal vento, in direzione sudest. L'area intorno Soputan è stata interdetta per un raggio di 4 km.

A corredo dell'articolo anche le foto del vulcano Bromo, che, assieme al Soputan, al Karangetang e al Lokon è tra i vulcani correntemente in attività.

© LaPresse/Reuters
© LaPresse/Reuters
© LaPresse/Reuters
© LaPresse/Reuters

Attention

Patagonia, eruzione del Calbuco con fulmini vulcanici

Immagine
© pri.org
Straordinaria eruzione del vulcano Calbuco, in Patagonia, il 28 sttembre 2015. Si è formato un fungo di fumo con fulmini vulcanici.

Quello dei fulmini vulcanici è un fenomeno particolarmente suggestivo e difficile da catturare, che può verificarsi durante una violenta eruzione. La sua origine è legata ad un intenso flusso di elettricità nel quale sono presenti cariche elettriche di segno opposto; se intercorre un meccanismo che provoca la separazione di cariche tra due importanti masse di materia e quasi simultaneamente un altro processo connette le due masse viene a generarsi un flusso di elettricità, ovvero i fulmini vulcanici.

Blue Planet

Una catena di vulcani lunga 2.000 chilometri

Immagine

La catena di vulcani, da nord a sud dell'Australia, si allunga per circa 2000 chilometri.
Un punto caldo della Terra si è spostato, in milioni di anni, e ha formato in Australia 2.000 km di vulcani.
Dalle Whitsundays, arcipelago a nord dell'Australia, fino a Melbourne e ancora più a sud - fino alla Tasmania - una catena di vulcani si allunga per 2.000 chilometri: è la più estesa catena vulcanica mai scoperta sulla terraferma.

Si è formata nel corso degli ultimi 33 milioni di anni, da un punto caldo della Terra, un hot spot, sotto il continente australiano.
Il magma arriva dalle profondità del mantello, anche da 2900 chilometri sotto la superficie terrestre. «Poiché l'Australia si è mossa sopra il punto caldo, le fuoriuscite di magma hanno creato una serie di vulcani lungo la linea di movimento del continente», ha spiegato Rhodri Davies, dell'Australian National University. La presentazione dello studio segue di poco la scoperta di un grappolo di vulcani spenti al largo di Sydney.

Le ricerche hanno permesso di appurare che il pennacchio magmatico è in grado di arrivare in superficie solo quando la crosta ha uno spessore inferiore a 130 chilometri: una scoperta «che permetterà di chiarire molte caratteristiche geologiche dell'Australia», ha sottolineato il geologo.

Attention

Improvvisa eruzione del vulcano Telica, allerta in Nicaragua

In Nicaragua il vulcano Telica è tornato ad eruttare, è accaduto il 23 settembre. Colonne di cenere alte chilometri.

Eruzione improvvisa in Nicaragua. A tornare in attività con uno spettacolare fenomeno eruttivo è stato il vulcano Telica, ubicato nell'area nordoccidentale del Paese. L'evento si è verificato mercoledì 23 settembre e, come mostrato da video ed immagini, si è trattato di un'eruzione particolarmente intensa. L'ultimo segno di attività del vulcano Telica risaliva al mese di maggio 2015: l'eruzione ha generato una colonna di fumo e cenere alta diversi chilometri e che in poche decine di minuti ha raggiunto sei villaggi ubicati intorno al vulcano che si trova a circa 150 chilometri dalla città di Managua.