Subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale e continuando nei decenni successivi dopo l'imposizione della dittatura sovietica sui paesi dell'Est Europa, un gruppo di scienziati - in primo luogo polacchi, cechi e ungheresi - hanno collaborato segretamente ad uno studio scientifico sulla natura del totalitarismo. Ostacolati dai servizi segreti di stato in modo da non avere alcun contatto con l'Occidente, il loro lavoro è rimasto segreto, anche se ricercatori americani come Hervey Cleckley e Gustave Gilbert stavano studiando lo stesso fenomeno.1 L'ultimo membro vivente conosciuto di questo gruppo, uno psicologo polacco ed esperto di psicopatia di nome Andrzej Lobaczewski (1921-2007), eventualmente avrebbe dato un nome alla loro nuova scienza - una sintesi di studi psicologici, psichiatrici, sociologici e storici - "Ponerologia", un termine che ha preso in prestito dai sacerdoti dell'Abbazia benedettina dello storico villaggio polacco di Tyniec. Derivato dal termine greco poneros usato nel Nuovo Testamento, la parola suggerisce un male congenito con un'influenza corruttrice, un'adatta descrizione della vera natura della psicopatia e dei suoi effetti sulla società.

La maggior parte di ciò che sappiamo su questa ricerca proviene da ben poche fonti. L'unico contatto di Lobaczewski con gli altri ricercatori era attraverso Stefan Szuman (1889-1972), un professore in pensione che passava sintesi anonime di ricerca tra i vari membri del gruppo. Le conseguenze erano gravissime per chi fosse scoperto a lavorare a questo tipo di ricerca; gli scienziati rischiavano l'arresto, la tortura, e persino la morte, perciò mantenere una cospirazione rigorosa all'interno del loro piccolo gruppo era essenziale. Salvarono sé stessi e il loro lavoro condividendo le ricerche in forma anonima. In questo modo, se qualcuno di loro veniva arrestato e torturato, non potevano rivelare i nomi e le posizioni degli altri, una vera e propria minaccia per la loro sicurezza personale nonché la fine effettiva della loro ricerca. Lobaczewski condivise solo i nomi di due professori polacchi della generazione precedente che erano stati coinvolti nelle prime fasi della ricerca - Stefan Blachowski (1889 - 1962) e Kazimierz Dąbrowski (1902 - 1980).2 Blachowski morì in circostanze sospette e Lobaczewski ipotizza che sia stato ucciso dalla polizia di stato per la sua parte nella ricerca. Dąbrowski emigrò, è non volendo rinunciare alla sua cittadinanza polacca per lavorare negli Stati Uniti, prese posto presso l'Università di Alberta in Canada, dove fu in grado di mantenere la doppia cittadinanza. Una lettura attenta delle opere pubblicate da Dąbrowski in inglese, mostra le radici teoriche di quella che sarebbe diventata la scienza della Ponerologia.3

Come Lobaczewski, Dąbrowski considerava la psicopatia essere "il più grande ostacolo per lo sviluppo della personalità e dei gruppi sociali".4 Egli ha avvertito, "La generale incapacità di riconoscere il tipo psicologico di tali individui [cioè gli psicopatici] provoca immense sofferenze, terrore di massa, violente oppressioni, genocidio e il decadimento della civiltà... Affinché il potere suggestivo [vale a dire ipnotico, affascinante] degli psicopatici, non viene confrontato con i fatti e con le conseguenze morali e pratici della sua dottrina, interi gruppi sociali possono soccombere al suo appello demagogico".5Con il termine "psicopatia politica", termine coniato dall'autore, egli ha osservato che l'ambizione estrema, la sete di potere e del lucro "è particolarmente evidente nella psicopatia criminale o politica":6
Vengono sviluppati vari metodi per diffondere dissenso tra i gruppi (come nel motto "divide et impera" [dividi e conquista]). Il tradimento e l'inganno in politica sono giustificati e sono presentati come valori positivi. Inoltre, vengono sviluppati determinati strumenti che permettono di sfruttare al meglio situazioni concrete. L'assassinio politico, l'esecuzione di oppositori, i campi di concentramento e il genocidio sono il prodotto di sistemi politici a livello di integrazione primaria [vale a dire di psicopatia].7
In un passaggio, decenni prima del suo tempo, ha osservato che gli psicopatici meno intelligenti possono essere trovati nelle carceri, mentre quelli più intelligenti e di successo si trovano in posizioni di potere (cioè, "tra i leader politici e militari nazionali, dirigenti sindacali, ecc."). Ha citato due esempi di leader caratterizzati da questo "ritardo affettivo", Hitler e Stalin, ai quali ha fatto riferimento più volte nei suoi libri8 e che entrambi mostravano una "mancanza di empatia, una freddezza emotiva, una spietatezza illimitata e una brama di potere".9

Dąbrowski e Lobaczewski sperimentarono in prima persona questo orrore. Nel settembre del 1939, i nazisti invasero la Polonia tramite un'operazione sotto falsa bandiera conosciuta come l'incidente di Gleiwitz. Questo faceva parte di un progetto delle SS più ampio, l'Operazione Himmler, il cui scopo era quello di creare l'illusione di un'aggressione polacca come pretesto per una "rappresaglia". In altre parole, i tedeschi avevano bisogno di un pretesto plausibile o di una storia di copertura per invadere il paese. I tedeschi si vestirono da polacchi e attaccarono una stazione radio da dove trasmisero propaganda anti-tedesca, inoltre uccisero un simpatizzante tedesco-Silesiano dei polacchi, Franciszek Honiok, per poi spostare di proposito il suo corpo sulla scena.10 I nazisti usarono queste operazioni per giustificare l'invasione, dopo di che hanno istituito un regime di terrore che ha provocato la morte di circa sei milioni di polacchi. Come parte di un piano più ampio per distruggere l'intera vita culturale polacca, le scuole sono state chiuse e i professori sono stati arrestati, mandati nei campi di concentramento, e alcuni uccisi. La psichiatria fu bandita. Secondo Jason Aronson della Harvard Medical School, i nazisti uccisero la maggior parte degli psichiatri praticanti. Solo 38 sopravvissero dei circa 400 in vita prima dell'invasione.11 Durante questo periodo tumultuoso Lobaczewski lavorava come un soldato per l'Esercito Nazionale, un movimento di resistenza clandestino polacco, e il suo desiderio di studiare la psicologia è cresciuto.

La scuola di stile gotico che avrebbe poi frequentato, l'Università di Jagellonica, ha sofferto molto durante gli anni di guerra per via di un piano nazista di sterminio dell'élite intellettuale della città di Cracovia. Il 6 novembre 1939, 144 professori e personale dell'università vennero arrestati e mandati nei campi di concentramento. Gli era stato detto che avrebbero partecipato ad una conferenza obbligatoria sui piani tedeschi per l'istruzione polacca. All'arrivo, sono stati arrestati in aula, insieme a tutti gli altri presenti nel palazzo. Fortunatamente, grazie alle proteste pubbliche, la maggior parte degli arrestati furono rilasciati pochi mesi dopo e nonostante l'Università fosse stata saccheggiata e vandalizzata dai nazisti, i superstiti dell'operazione riuscirono a formare un'università clandestina nel 1942.12 Le lezioni regolari iniziarono nuovamente nel 1945 e fu probabilmente allora che Lobaczewski aveva iniziato i suoi studi sotto il professore di psichiatria Edward Brzezicki13,14 a quell'epoca Lobaczewski probabilmente aveva incontrato anche Stefan Szuman, un famoso psicologo che insegnava presso l'Università di Jagellonica. Szuman più tardi agì da intermediario per Lobaczewski, nel raccogliere il materiale per la ricerca sulla ponerologia.

L'università di Jagellonica e altre università polacche goderono di tre anni di libertà e di pace, ma nel 1948 la situazione cambiò radicalmente, quando la Polonia si trasformò in uno stato satellite dell'Unione Sovietica e il Partito Unito dei Lavoratori polacco prese sotto pieno controllo qualsiasi aspetto della vita universitaria. Con la costituzione della Repubblica Democratica Polacca, la Polonia venne posta sotto la sfera di influenza sovietica; i servizi medici e psichiatrici vennero socializzati e la psichiatria clinica ridotta a concetti strettamente Pavloviani. Così la "stalinizzazione" dell'istruzione e della ricerca polacca riprese da dove Hitler aveva interrotto. La classe di Lobaczewski è stata l'ultima ad essere istruita da professori prima del comunismo, perciò furono considerati ideologicamente pericolosi dalle autorità sovietiche. Fu solo nel loro ultimo anno di istruzione che essi sperimentarono pienamente la "nuova realtà" disumana, ispirando il corso della ricerca di Lobaczewski per il resto della sua vita.

Durante i tre decenni trascorsi a vivere sotto la dittatura comunista, Lobaczewski ha lavorato in ospedali generali e mentali. La dittatura forniva le condizioni e le opportunità necessarie per migliorare le sue capacità di diagnosi clinica - competenze essenziali per poter affrontare questa nuova realtà sociale. Inoltre, egli fu in grado di fornire lezioni di psicoterapia a coloro che furono maggiormente esposti al regime sovietico. Fin dall'inizio, il suo interesse nella psicopatologia e psicologia sociale del totalitarismo fu monitorato dai altri membri coinvolti nella ricerca segreta, per questo motivo fu invitato a far parte del loro piccolo gruppo anonimo, e soltanto allora Lobaczewski si rese conto che non era l'unico ad essere interessato a questo tipo di ricerca. Inizialmente, ha contribuito solo ad una piccola parte della ricerca, concentrandosi principalmente sulla psicopatia. Il nome della persona responsabile per il completamento della sintesi finale è stato tenuto segreto, ma l'opera finale non ha mai visto la luce del giorno.Tutti i contatti di Lobaczewski divennero non-operativi dopo l'ondata di repressione post-staliniana degli anni '60 e lui rimase solo con i dati che aveva ottenuto in precedenza. Tutto il resto è stato perso per sempre, bruciato o chiuso a chiave in qualche archivio della polizia segreta sovietica.

Di fronte a questa disperata situazione, decise di finire l'opera da solo. Ma nonostante i suoi sforzi in piena segretezza, le autorità politiche sono arrivate a sospettare che egli possedesse conoscenze "pericolose" tali da minacciare il loro potere. Uno scienziato austriaco con il quale aveva corrisposto Lobaczewski si è rivelato essere un agente della polizia segreta, e Lobaczewski fu arrestato e torturato per tre volte durante questo periodo. Mentre lavorava sulla prima bozza nel 1968, gli abitanti del villaggio in cui lavorava l'avevano avvertito di un raid imminente della polizia segreta. Lobaczewski ebbe appena il tempo necessario di bruciare l'opera nel suo forno di riscaldamento prima del loro arrivo.15 Anni dopo, nel 1977, il corrispondente romano della Radio Free Europe, al quale Lobaczewski aveva parlato del suo lavoro, lo ha denunciato alle autorità polacche.16 Data la possibilità di un quarto arresto o esilio "volontario" per gli Stati Uniti, Lobaczewski ha scelto la seconda opzione. Tutti i suoi documenti, libri e materiali di ricerca sono stati confiscati e ha lasciato il paese con niente.

Al suo arrivo a New York, l'apparato di sicurezza polacco utilizzò i propri contatti per impedire a Lobaczewski di trovare un posto di lavoro nel suo campo. Fu terrorizzato di scoprire che "il sistema di soppressione in piena vista dalla quale sono sfuggito di recente era altrettanto diffuso, anche se più segretamente, negli Stati Uniti."17 In poche parole, gli Stati Uniti erano infettati dalla stessa malattia e la "libertà" che essa offrivano era poco più di un'illusione. Nel caso degli scienziati residenti all'estero, il modus operandi della polizia segreta polacca è stato quello di suggerire alcune linee di condotta per i membri del partito americano, che poi venivano ingenuamente eseguiti, ignari delle vere motivazioni per le loro azioni. Lobaczewski è stato quindi costretto a prendere un posto di lavoro che richiedeva parecchio sforzo fisico, scrivendo la bozza finale del suo libro nelle prime ore del mattino prima di andare a lavorare. Dopo aver perso la maggior parte dei dati statistici e dei casi di studio stampati sulla carta che lasciò in Polonia mentre scappava dalla polizia segreta, ha incluso nel suo libro ciò che riusciva a ricordarsi e si concentrò principalmente sulle osservazioni e le conclusioni tratte da decenni di ricerca fatta da egli stesso e dai suoi colleghi. Inoltre, nel suo libro incluse anche uno studio sulla letteratura scritta da coloro che furono vittime di regimi Patocratici.

Una volta che il libro venne stato concluso nel 1984 e una traduzione adeguata fu fatta in inglese, non riuscì comunque a pubblicare niente. Gli editori sugli studi della psicologia dicevano che era un libro concentrato "troppo sulla politica", e gli editori sugli studi della politica dicevano che era concentrato "troppo sulla psicologia". Chiese l'aiuto del suo connazionale, Zbigniew Brzezinski, che aveva appena concluso il suo incarico come consigliere di sicurezza nazionale del presidente Jimmy Carter e che inizialmente aveva elogiato il suo libro promettendogli che l'avrebbe aiutato a pubblicarlo. Purtroppo, dopo qualche tempo trascorso a scambiare corrispondenza con lui, Brzezinski si fece silenzioso, ed infine rispose dicendo solo che era dispiaciuto, ma non ci poteva fare niente. In poche parole, citando Lobaczewski, "ha strangolato la faccenda, perfidamente".18 Alla fine, l'unico risultato fu la stampa di una piccola quantità di copie per gli accademici, che non ci riuscì purtroppo ad ottenere l'attenzione da parte di accademici e critici. Trovandosi male in termini di salute, fece il suo ritorno in Polonia nel 1990, dove pubblicò un altro libro e trascrisse il manoscritto di Ponerologia: La Scienza sulla Natura del Male Adattata a Scopi Politici sul suo computer. Alla fine ha inviato questa copia agli editori di sott.net e Red Pill Press, che ne hanno pubblicato il libro nel 2006. La sua salute si deteriorò ancora di più, è morì poco più di un anno dopo, nel novembre del 2007. Mentre altri scienziati hanno svolto importanti ricerche in queste materie nel corso degli anni, il libro di Lobaczewski resta uno dei libri più oggettivi e ricchi d'informazione sul tema della psicopatia. E' veramente un classico libro underground.

Riferimenti
  1. Cleckley scrisse un classico della psicopatia The Mask of Sanity e Gilbert scrisse The Psychology of Dictatorship basato sulla sua analisi dei criminali di guerra nazisti a Norimberga.
  2. Non è chiaso se Łobaczewski fosse al corrente di altre cose, ma rifiutò di fare i loro nomi per paura della loro integrità.
  3. Sfortunatamente, proprio come il libro di Gilbert, anche quelli di Dąbrowski sono fuori stampa. Un DVD contenente le scansioni del suo lavoro è disponibile qui.
  4. Tradotto da Elizabeth Mika nel libro "Dąbrowski's Views on Authentic Mental Health", a Mendaglio, S. (ed) Dąbrowski's Theory of Positive Disintegration (Scottsdale, AZ: Great Potential Press, 2008), pp. 139 - 53.
  5. Dąbrowski, K. (with Kawczak, A. & Sochanska, J.), The Dynamics of Concepts (London: Gryf, 1973), pp. 40, 47.
  6. Dąbrowski, K. 1996 [1977]. 'Multilevelness of Emotional and Instinctive Functions' (Lublin, Poland: Towarzystwo Naukowe Katolickiego Uniwersytetu Lubelskiego, 1996 [1977]), p. 33.
  7. Ibid, p. 153.
  8. Ibid, p. 21; 'The Dynamics of Concepts', p. 40; Dąbrowski, K. Personality-shaping Through Positive Disintegration (Boston: Little, Brown, 1967), p. 202; Dąbrowski, K. Psychoneurosis Is Not An Illness (London: Gryf, 1972), p. 159.
  9. Dąbrowski, K. (with Kawczak, A. & Piechowski, M. M.) Mental Growth Through Positive Disintegration (London: Gryf, 1970), pp. 29 - 30.
  10. See Wikipedia, "Gleiwitz Incident".
  11. Preface to Dąbrowski, K. Positive Disintegration. (Boston: Little, Brown, 1964), pp. ix - x.
  12. Błachowski taught at one such underground university in Warsaw. See Wikipedia, "Stefan Błachowski".
  13. On the arrest of Jagiellonian staff, see here.
  14. See Jagiellonian University website.
  15. Più tardi, in Bulgaria, cercò di spedire una seconda copia ad un contatto in Vaticano per mezzo di un turista polacco-americano, ma per quanto ne abbia saputo non fu mai neanche spedito.
  16. Łobaczewski comprese l'identità di chi lo aveva denunciato grazie all'Istituto Polacco del Ricordo Nazionale nel 2005. Guardate l'intervista registrata il 19 novembre 2005.
  17. Łobaczewski, A. Political Ponerology: A Science on the Nature of Evil Adjusted for Political Purposes (Grande Prairie, AB: Red Pill Press, 2006), p. 23.
  18. In Memoriam: Andrzej M Łobaczewski