Benvenuto su Sott.net
lun, 29 mag 2017
Il Mondo per Coloro che Pensano

Allagamenti


Attention

California, diga di Oroville a rischio collasso


Diga di Oroville, California
Una crepa si è aperta domenica nel bordo della valvola di emergenza della diga di Oroville, in California, la più alta degli Stati Uniti: alcuni elicotteri stanno lanciando enormi sacchi di pietre per cercare di riparare la struttura e vengono impiegati anche mezzi per la raccolta dei rifiuti pieni di massi, che stanno anch'essi per svuotare il loro carico sulla valvola danneggiata.

Ieri è stata ordinata un'evacuazione di massa per circa 200.000 persone che vivono sotto il lago, in quanto sussiste il rischio che la valvola possa cedere e riversare un muro di 230 metri d'acqua nella valle.

Il governatore della California Jerry Brown ha chiesto aiuto all'amministrazione Trump in relazione all'eventuale cedimento: in una lettera ha chiesto assistenza per i 188.000 residenti delle contee di Butte, Sutter e Yuba, interessati dall'ordine di evacuazione.

Books

Il circolo vizioso dell'editoria libraria

© anonimo

di Antonio Tombolini


Di tanto in tanto qualcuno prova a spiegare come mai in Italia, paese in cui tutti si lamentano del fatto che si leggono pochi libri e che ci sono pochi lettori, poi si pubblichino ogni anno così tanti libri nuovi.

Ci ha provato di recente Andrea Coccia, con questo articolo su Linkiesta, ma sbaglia anche lui: è vero il contrario di quello che scrive l'autore dell'articolo, non è la sovrapproduzione ad alimentare il vortice delle rese, è invece il meccanismo delle rese ad alimentare la proliferazione dei nuovi titoli. E il digitale non c'entra niente (se aumento l'offerta digitale non faccio del male a nessuno: non distruggo carta, non inquino, non butto via soldi inutilmente eccetera).

E non c'entrano niente neanche "l'industrializzazione" né "le grandi concentrazioni editoriali" (ridicolo, su scala mondiale Mondazzoli è un microbo).

C'entrano invece, e molto, gli usi consolidati della filiera tradizionale del libro, che gli operatori dominanti (grandi editori e distributori, che in Italia sono poi la stessa cosa) non solo faticano a superare, ma tentano disperatamente (e dissennatamente) di difendere, con una distribuzione fatta di una miriade di librerie sparse ovunque, e ora in crisi profonda, abituate come sono a un mercato drogato dal "tanto se non lo vendo lo rendo".

Ecco come funziona

Io sono un piccolo editore. Pubblico un libro perché ci credo, mi piace, lo ritengo bello e utile. Lo pubblico di carta, perché sono un "vero" editore "tradizionale". Bene. Vado in tipografia, dove mi dicono che ne devo stampare almeno mille copie, ché farne di meno tanto costa uguale. Parlo col distributore (lì sì c'è non la concentrazione, ma il monopolio ormai: Messaggerie), che mi dice che "Ehi, se non mi dai almeno duemila copie per coprire significativamente le librerie io non posso impegnarmi a distribuire il tuo titolo".

SOTT Logo Media

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Ottobre 2016: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

© Sott.net
Forte alluvione in Carolina del Sud, Ottobre 2016
Il mese scorso, mentre gli occhi di tutti erano puntati sulle elezioni degli Stati Uniti, le più straordinarie elezioni statunitensi degli ultimi anni, i cambiamenti terrestri erano in pieno svolgimento.

Il fenomeno climatico in primo piano in Ottobre è stato l'uragano Matthew; al suo passaggio ha lasciato una scia di distruzione che ha attraversato la Colombia, i Caraibi e la costa orientale degli Stati Uniti. L'uragano Matthew ha scatenato la più forte tempesta dell'ultimo decennio nel Nord Atlantico ed è anche stato l'uragano più forte mai registrato in prossimità dell'equatore, scaricando tanta pioggia da infrangere diversi record di precipitazione e causando oltre 10 miliardi di dollari di danni. Haiti è stato il paese più colpito con oltre 1600 vittime.

Gli eventi climatici estremi sono ormai diventati una norma; il Sud Carolina, il mese scorso ha subito la settima alluvione da '1 in 1000 anni' in soli sei anni, rompendo tutti i record di precipitazione precedenti. Mentre la gran parte degli Stati Uniti sono stati colpiti da un'ondata di caldo, la Russia è stata coperta da un manto spesso di neve e l'enorme superficie dell'emisfero settentrionale ricoperta di neve a fine Ottobre può essere paragonata solo a quella dell'Ottobre 1976.

Durante questo mese siamo stati inoltre testimoni di molti avvistamenti spettacolari di bolidi e palle infuocate, il che ci fa pensare che il nostro pianeta è soggetto ad un numero sempre maggiore di "visitatori spaziali". Come abbiamo riportato all'inizio dell'anno, il numero di meteore e bolidi è aumentato notevolmente negli ultimi dieci anni e il cielo è diventato particolarmente 'illuminato' durante la seconda metà dell'anno.

Questi sono alcuni dei fenomeni osservati nell'Ottobre 2016...


Commenta: Aggiornamento 23 Novembre 2016 - Siamo venuti a sapere che il bolide avvistato nei cieli del Galles del Sud al minuto 15:14 è probabilmente opera di qualche artista liberale.


Cloud Precipitation

Maltempo, disastrosa alluvione tra Piemonte e Liguria: "qui è peggio del '94, abbiamo tanta paura".

Maltempo, drammatica alluvione tra Piemonte e Liguria: tanti paesi isolati, fiumi esondati ed evacuazioni in corso. Grido d'allarme dei Sindaci: "abbiamo paura"

Il maltempo che sta colpendo il Nord/Ovest s'è ulteriormente intensificato nelle ultime ore tra Piemonte e Liguria. La situazione è drammatica in provincia di Cuneo, dove ha iniziato a piovere domenica sera e oggi è il quarto giorno di pioggia consecutivo. I dati pluviometrici che arrivano dalle Alpi Marittime sono impressionanti: a Ponte di Nava sul Tanaro sono caduti 162mm di pioggia dalla mezzanotte, oltre 420mm negli ultimi tre giorni. Ma sono tantissime le località che hanno già superato i 100mm giornalieri e i 400mm negli ultimi tre giorni, non solo nel basso Piemonte ma anche nelle zone più centro/settentrionali della Regione.

Cloud Precipitation

Nubifragio su Licata, strade invase dall'acqua. Scuole chiuse, il sindaco: "Non uscite di casa"


Piazza Gondar a Licata completamente allagata
Città allagata, la pioggia cade ininterrottamente da tre creando allagamenti in diversi punti. Il Comune lancia l'emergenza, in azione la colonna mobile della protezione civile con 40 uomini e cinque idrovore. Per domani allerta gialla in Sicilia.

LICATA (AGRIGENTO) - Emergenza maltempo a Licata, grosso centro dell'agrigentino dove oggi tutte le scuole sono chiuse, come deciso dal sindaco Angelo Cambiano. Piove da due giorni come in tutta la parte meridionale della Sicilia ma in mattinata in tre ore sulla città sono caduti circa 150 millimetri di pioggia. Le strade e le piazze si sono allagate, molti negozi e abitazioni a piano terra nel centro stirico e nella zonna più vicina a mare si sono allagati. Il dipartimento della Protezione Civile d'intesa con le Regioni coinvolte ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quelli dei giorni scorsi. L'avviso prevede dalla serata di oggi il persistere di precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Sicilia e Calabria, in estensione a Basilicata e Puglia, in particolare sui settori ionici. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, forti raffiche di vento e locali grandinate. E per domani nell'Isola è prevista l'allerta gialla.

Commenta: Gli sconvolgimenti climatici si stanno intensificando in tutto il mondo come mostra il video nel seguente link:

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Settembre 2016: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

Per capire cosa sta accadendo, leggi il nostro libro che spiega come tutti questi eventi facciano parte di un cambiamento climatico naturale, e perché stia accadendo adesso: Earth Changes and the Human-Cosmic Connection.


Cloud Lightning

Maltempo Serbia: proclamato lo stato d'emergenza in tutto il territorio nazionale


Le autorità in Serbia hanno proclamato lo stato d'emergenza su tutto il territorio nazionale a causa delle piogge alluvionali che si sono abbattute in queste ore sul Paese. Al momento sarebbero a rischio alluvione 633 edifici, mentre 627 abitazioni sono rimaste senza corrente elettrica.


Particolarmente critica la situazione nella Serbia centrale e meridionale, ed in particolare a Zlatibor, Kopaonik, Kraljevo, Valjevo, Vranje, Sjenica e Pozega.

Nelle zone maggiormente colpite sono state finora evacuate 171 persone.


Cloud Precipitation

Il maltempo flagella il Missouri: 13 morti, le FOTO aeree dell'alluvione

© LaPresse/Reuters
L'ondata di maltempo che ha investito lo stato americano del Missouri ha provocato 13 vittime e centinaia di persone hanno dovuto abbandonare le proprie case. Il governatore dello stato ha spiegato che 12 delle 13 vittime sono morte trascinate via dalla furia delle acque mentre si trovavano a bordo delle loro automobili. Preoccupante il livello dei fiumi, in particolare il Mississippi vicino alla città di Saint Louis, tanto che un tratto di 8 km è stato chiuso alla navigazione: le acque hanno invaso gli edifici e le abitazioni nelle città di West Alton e Union.

Le inondazioni nel Missouri e nell'Illinois meridionale sono iniziate lo scorso fine settimana scorso a seguito delle precipitazioni registrate in poche ore sull'area.

© LaPresse/Reuters
© LaPresse/Reuters
© LaPresse/Reuters
© LaPresse/Reuters

Windsock

Maltempo, allarme in sette regioni

© Ansa
Fiume Calore esondato nel Sannio
La nuova allerta meteo spaventa l'Italia centrale. Gia pesantemente flagellata dalle precipitazioni degli scorsi giorni che hanno martoriato, causando frane e allagamenti, soprattutto la Campania dove ci sono state tre vittime e dove la situazione, soprattutto nel Beneventano, resta assai critica. Una perturbazione di origine atlantica porterà, nel corso delle prossime ore, una nuova fase di maltempo sulle regioni peninsulari del nostro Paese, con fenomeni più rilevanti sui settori centrali tirrenici. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse, che prevede dal tardo pomeriggio di oggi precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Emilia-Romagna, Umbria e Lazio, in estensione a Campania, Abruzzo, Molise e Puglia.

Cloud Lightning

Maltempo, Taranto allagata. Benevento conta i danni. Neve sulle Alpi

Immagine


Il maltempo non dà tregua in diverse zone d'Italia. Ieri l'alluvione a Benevento ha fatto due morti. Oggi danni e disagi. Inoltre ha perso la vita l'operaio di 38 anni che stava effettuando dei lavori per riparare danni causati dal maltempo su un traliccio elettrico in località Ponte Valentino. Secondo una prima ricostruzione l'operaio sarebbe rimasto folgorato sul traliccio con cavi da 20mila volt. Strade e campagne allagate, danni e paura ma nessun ferito nella notte nell'area di Capua, nel Casertano, per la piena del fiume Volturno che, ingrossato dalle acque dell'affluente Calore, straripato ieri nel Beneventano, prima dell' alba è esondato in più punti. Resterà interrotta ancora per sei giorni la circolazione ferroviaria fra Benevento e Caserta, a causa dei danni provocati dall'esondazione del fiume Calore nella tratta Vitulano-San Lorenzo. L'interruzione comporta allungamenti dei tempi di viaggio che, tra Roma e la Puglia, potranno raggiungere anche le due ore e mezza.

TARANTO ALLAGATA - Enormi disagi ha provocato il nubifragio che si è abbattuto nel Tarantino: strade impraticabili, decine di richieste di soccorso da parte di automobilisti rimasti in panne, caduta di calcinacci, alberi divelti e scantinati allagati. Grande lavoro per vigili del fuoco e Polizia locale. Particolarmente colpiti, nel capoluogo, i quartieri Paolo VI e Tamburi, la città vecchia, San Vito e Lama. Sono centinaia le richieste di intervento pervenute ai centralini dei vigili del fuoco, della Polizia locale e delle forze dell'ordine da parte di cittadini bloccati in casa o nell'auto a causa degli allagamenti. L'acqua ha raggiunto in lacune zone anche i 60-70 centimetri di altezza. Diversi reparti dell'Ilva sono stati resi inagibili dagli allagamenti e la direzione ha invitato i dipendenti a lasciare le postazioni. È rimasto in servizio solo il personale di comandata.

Snowflake

Segni di Cambiamento: Tempo estremo e sconvolgimento ambientale nel Settembre 2015 (VIDEO)


Quest'immagine mostra una strada poco distante dalla capitale Dominicana, collassata dopo l'allagamento
Attenzione: Questo video contiene scene con avviso a discrezione dell'utente.

Condizioni meteo distruttive hanno colpito tutto il globo nelle ultime settimane, mentre un caos climatico mostra il suo volto più terribile.
Eventi rari, strani, estremi e condizioni meteo da record, verificatisi nel mese scorso; ed è solo l'inizio!