Benvenuto su Sott.net
mer, 14 nov 2018
Il Mondo per Coloro che Pensano

Cambiamenti Planetari
Mappa


Cloud Lightning

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Settembre 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

Questo ultimo mese di settembre è stato un viaggio selvaggio e pericoloso per molti abitanti del pianeta terra. Dagli Stati Uniti, all'Europa, all'India, alla Cina e all'Africa, la minaccia principale è stata la massiccia e improvvisa quantità di pioggia che ha spazzato via terra, case e persone. Allo stesso tempo, molte aree hanno ricevuto insolitamente presto (o in ritardo per l'emisfero australe) nevicate. Ricordate, per la maggior parte di settembre era ancora estate! Il Nord America, l'Europa orientale, l'Asia centrale e l'Australasia hanno tutti ricevuto un sacco di neve.
sott september
L'uragano Florence è stato il maggiore uragano di questo settembre, che si è abbattuto sulla costa degli Stati Uniti, uccidendo 17 persone e facendo cadere enormi quantità di pioggia, mentre 3 tifoni hanno colpito il Pacifico nord-occidentale causando distruzioni diffuse a Hong Kong, nelle Filippine e in Giappone. Il tifone Jebi, che ha colpito il Giappone, è stata la tempesta più forte degli ultimi 25 anni. Verso la fine del mese, un forte terremoto di 7,5 che ha provocato uno tsunami devastante ha colpito l'isola di Sulawesi in Indonesia. Il bilancio delle vittime è attualmente di oltre 2.000 persone, un numero che, secondo le autorità, potrebbe triplicare man mano che le operazioni di recupero continuano.

Come quasi tutti i mesi degli ultimi anni, anche lo scorso settembre è stato caratterizzato da molteplici eruzioni vulcaniche, da grandi incendi e dai sempre più frequenti (e crescenti) avvistamenti di meteore e palle di fuoco. In breve, il pianeta sta ancora oscillando e rotolando ad un ritmo allarmante. Ora non è il momento di distogliere lo sguardo!

Guarda il nostro sommario:


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Bizarro Earth

Il giorno si trasforma in notte in Siberia: Cieli gialli, povere nera, uccelli morti, 'petrolio', autorità "evasive" - AGGIORNAMENTO

Siberia buio rosso

Dov'è il sole? Le comunità della remota Yakutia sono state immerse nell'oscurità, anche se in questo periodo dell'anno dovrebbero avere 24 ore di luce
Gli abitanti del nord di Yakutia hanno detto che la luce del giorno era completamente scomparsa per diverse ore.

La gente dei remoti distretti Eveno-Bytantaisky e Zhigansky si è rivolta ai giornali, chiedendo ai media locali di spiegare "il diavolo" di ciò che è successo.

Le loro comunità remote sono state immerse nell'oscurità, anche se in questo periodo dell'anno dovrebbero avere 24 ore di luce.

'Il sole si è spento intorno alle 11 del mattino, e non è tornato fino alle 14. Non riuscivo a vedere niente senza accendere le luci. Abbiamo preso le torce per camminare all'esterno, ma in realtà nessuno voleva stare per strada perché la sensazione era come se qualcosa di pesante nell'aria ti premesse sul petto', ha detto un residente.

Commenta:
AGGIORNAMENTO 24 luglio 2018:

Mystery gets murkier over cloud that turned day into night

siberia day night
Nessuna spiegazione ufficiale per l'oscurità su fasce di Yakutia in mezzo a teorie di cospirazione di un UFO, nuovi test sulle armi, un meteorite o l'inquinamento da incendi.

Il territorio colpito dal misterioso buio è più grande dell'Italia.

Il giorno si è improvvisamente trasformato in notte verso mezzogiorno del venerdì, e per quasi tre ore la gente del posto ha avuto bisogno di torce per vedere dove stavano andando.

L'area colpita dalle bizzarre tenebre appare ora più estesa di quanto riportato quando si diceva di aver coperto i distretti Eveno-Bytantaisky e Zhigansky della regione più fredda della Russia - Yakutia.

Ora riferisce che anche il sole si è attenuato in Verkhoyansky.

{{IMG|479919|inside_sun_in_yakutsk.jpg|supersize|center}L'oscurità aveva una sfumatura 'gialla', o era associata a nuvole di polvere, parlano varie versioni.

Alcuni se la sono presa col diavolo, ma l'assunto principale era che il fumo proveniente dagli incendi infuriati in altri quartieri aveva oscurato il sole.

Eppure alcune fonti ufficiali hanno espresso dubbi su questa teoria senza spiegare cosa abbia causato lo strano fenomeno.

In questo vuoto i locali hanno scambiato teorie su WhatsApp e altri social media sulla causa dell'oscurità come un'eclissi - tranne che non ce n'era una.

Un'altra fonte ha detto: "Questo può essere spiegato solo da un UFO".

Ha detto un residente locale di Eveno-Bytantaisky:

Sono in circolazione dei messaggi che parlano di un flash luminoso registrato dai satelliti americani, seguito da un aumento del livello radioattivo e da un'insolita attività dei militari.

'Non ci diranno mai se era vero o falso'.

Un'altra fonte ha detto: "Si può spiegare solo con un UFO".

siberia dark
Un funzionario dell'insediamento di Nizhne-Bytantaisky ha contraddetto i residenti che avevano segnalato uno spesso strato di polvere dopo la scomparsa della nube e dell'oscurità.

Non c'era polvere", ha detto.

All'inizio sembrava che fosse in arrivo un forte temporale.

L'aria si è oscurata e si è fatta sempre più scura, ma questa volta, a differenza di qualsiasi altra cosa che abbiamo visto prima che l'oscurità avesse un ricco sottofondo giallo.

Era molto insolito.

Dubitiamo sulla versione dell'eclissi solare.

Di solito le stazioni meteo e i media informano tutti sulle eclissi in anticipo.

E nessuna eclissi può durare così a lungo".

Konstantin Starostin, capo dell'insediamento, ha detto: "Quando il sole è scomparso, la gente ha iniziato a chiamarci nell'amministrazione.

Molti si sono spaventati, specialmente gli anziani.

Le persone che vivono qui da molti anni hanno detto di non aver mai visto niente di simile".

Il buio era come nero pece.

'Non è arrivata subito, ma è cresciuta gradualmente..

siberia dark sun block
Il cielo si è oscurato e si è fatto sempre più scuro, ma questa volta, a differenza di qualsiasi altra cosa che abbiamo visto prima, c'era che l'oscurità aveva un ricco sottotono giallo".

Non c'era polvere. Molti stavano uscendo, quindi molti testimoni possono confermare che non c'era polvere.

Nemmeno la temperatura è diminuita così drasticamente". Quella notte comunque la temperatura è scesa a -4C.

'Non sappiamo cosa pensare.

'Non abbiamo esperti e le voci continuano a crescere.

'Se fosse stato collegato a qualche tipo di test militare, avrei detto di sì".

Il Sole non ha "lasciato" tutti i distretti della Yakutia artica.

Il capo della città di Verkhoyansk Yevgeny Potapov ha detto che "il sole non è scomparso, ma quel giorno è successo qualcosa di strano".

siberia wildfire
siberia smoke birds
'C'era qualcosa che somigliava a del fumo il 20 luglio. Convenevamo almeno su questo. Non c'erano incendi nelle vicinanze, ma ce n'era uno al confine con l'ulus Eveno-Bytantaisky.

Era come se la giornata fosse stata coperta di nuvole, come se il sole fosse coperto da una nuvola, o non da una nuvola... ma non c'era pioggia", ha detto Potapov.

Non sapevamo cosa stava succedendo ai nostri vicini", ha aggiunto Potapov.

Pensavamo che le storie sull'assenza di sole fossero voci, ma poi ci siamo resi conto che non lo erano.

'Stiamo anche cercando di indovinare cosa potrebbe essere stato'.

Eppure non c'è stato alcun chiarimento da parte dei funzionari meteorologici, della difesa o di altri funzionari di rinvio.

'Riceviamo avvisi sulle eclissi', ha detto, indicando che non c'era stato alcun allarme di questo tipo.

'Avrebbe potuto essere un meteorite, ma sicuramente non così grande.

Questo è davvero poco chiaro".

Quasi tutti i distretti artici hanno riportato un significativo abbassamento della temperatura.
L'analisi della polvere dovrebbe far luce sulla situazione. Ma è vero che i vulcani stanno eruttando in tutto il pianeta e l'estate nell'emisfero nord sta vedendo incendi senza precedenti, e questo potrebbe spiegare la polvere riportata. Anche se un'altra possibilità potrebbe essere rappresentata dai depositi di metano della Siberia che sembrano mostrare segni di crescente instabilità a causa di degassificazione e, in alcuni casi, di esplosioni: AGGIORNAMENTO: 27 luglio 2018

Il Siberian Times riporta:
Un nuovo video mostra la portata dell'oscurità quando il giorno si è trasformato in notte - e i gabbiani sono morti - in Yakutia

Reports emerged of the dead gulls found by a resident of the village of Osokhtokh in Verkhoyansky district on the shore of Lake Baibal-Kuel.

Reports emerged of the dead gulls found by a resident of the village of Osokhtokh in Verkhoyansky district on the shore of Lake Baibal-Kuel.
Un evento inquietante nel New England 238 anni fa ha l'indizio dell'inquietante oscurità che è scesa una settimana fa in Siberia?

I pensionati erano "spaventati", non avendo mai visto nulla del genere prima.

Le nuove immagini qui evidenziate mostrano la totale oscurità del fenomeno del "giorno-notte" a Yakutia il 20 luglio, quando una misteriosa nuvola ha travolto diversi distretti.

E' anche chiaro - come mostrano le nostre immagini - che quando il sole è tornato, dozzine di gabbiani dalla testa nera erano morti durante l'improvviso blackout diurno di quasi tre ore.

Come abbiamo riportato in precedenza, la luce si è spenta in diversi quartieri che coprono un'area sostanzialmente al di sopra del Circolo Polare Artico, di dimensioni maggiori dell'Italia.

Gli anziani erano spaventati, non avendo mai sperimentato in precedenza niente del genere.

La coltre di buio che iniziava subito dopo le 11 del mattino era accompagnata da un significativo abbassamento della temperatura, una sfumatura rossa o gialla nel cielo lontano, una sensazione per alcuni testimoni di spiacevole inquinamento dell'aria, e - in alcuni luoghi - una scia di polvere o una pellicola che sembrava petrolio sulla superficie dopo che la luce era tornata alle 3 del pomeriggio.

C'erano prove aneddotiche del guasto dei dispositivi elettrici delle auto.

La coltre di buio che iniziava subito dopo le 11 del mattino era accompagnata da un significativo abbassamento della temperatura.

In uno sconcertante silenzio ufficiale e federale dei media, tutti i tipi di teorie sulla causa, alcune cospiratoriali, si sono scatenate sul web.

Le versioni includono una nuova arma oscuramento-inducente che viene testata, un attacco meteorite, il lavoro degli alieni o del diavolo, un'eclissi non annunciata, un lancio di razzi mal riuscito, o i fumi da incendi boschivi infuriati.

I sospetti si sono approfonditi perché alcuni organismi ufficiali erano così timidi - anche evasivi - quando è stato chiesto loro di spiegare l'evento, come se fossero sotto ordine.

Una fonte del Ministero delle Emergenze di Yakutsk ha detto in toni pacati: 'Abbiamo un'opinione ma non ho il diritto di rivelare queste informazioni.'

Ha rifiutato di confermare gli incendi boschivi come la causa più probabile, aggiungendo con prudenza: 'Qualsiasi cosa si può supporre.'.

Non ci sono stati incendi boschivi nei quartieri colpiti dalla misteriosa nube.

Non c'è stato alcun commento da parte del ministero della Difesa.


Primo video dell' "eclisse" in Yakutia


Oltre alla totale oscurità mostrata nel video, sono emersi rapporti sui gabbiani morti trovati da un residente del villaggio di Osokhtokh nel distretto di Verkhoyansky sulla riva del lago Baibal-Kuel.

Alcuni rapporti dicono che i resti di 30 uccelli sono stati trovati, altri che il numero era di 50.

Gli ispettori hanno prelevato campioni per scoprire la causa del loro decesso.

Saranno controllati per le malattie degli uccelli, ma anche per avvelenamento tossico e radiologico, è stato annunciato.

Anche il WWF Russia è stato alquanto poco impegnato, con l'esperto di clima Alexey Kokorin che dice: "Per capire esattamente cosa fosse, è necessario vedere le immagini satellitari proprio per questi territori e per queste stesse ore".

Stranamente una settimana dopo, tali dati non sono stati divulgati.

Ivan Gorokhov, capo del quartiere Eveno-Batynaisky: "Era davvero buio.

Di solito in questo periodo dell'anno abbiamo il sole piuttosto alto - a circa 80 gradi sull'orizzonte, ma non era affatto visibile.

'Nemmeno un posto. Era completamente buio.

Quando ho spento la luce del mio ufficio nel mio ufficio non c'era luce che entrava dalla finestra, così puoi capire quanto fosse buio.

Questa oscurità aveva davvero un colore giallastro...".

Sono emersi rapporti sui gabbiani morti trovati da un residente del villaggio di Osokhtokh nel distretto di Verkhoyansky, sulle rive del lago Baibal-Kuel.

Non ha ricevuto lamentele per problemi di salute, ma ha notato "un odore di fumo, di qualcosa che era bruciato".
siberia day to night
siberia day to night

‘We don’t know what to think….we have no experts, and rumours keep growing.'
Nelle vicinanze non c'era "nessuna polvere o cenere, ma in alcuni punti c'era un sottile strato di petrolio sull'acqua".

Le autorità non hanno offerto alcuna spiegazione, ha confermato.

Ha concluso misteriosamente: Abbiamo fatto una richiesta ufficiale (per informazioni sulla causa), ma non abbiamo avuto risposta. Forse siamo tutti infetti, chi lo sa?

Konstantin Starostin, capo dell'insediamento di Nizhne-Bytantaisky, ha detto di essere perplesso.

Non sappiamo cosa pensare... non abbiamo esperti, e le voci continuano a crescere.

Se fosse stato collegato a qualche tipo di test militare, avrei detto di sì.

Il capo della città di Verkhoyansk Yevgeny Potapov ha detto: 'Quel giorno è successo qualcosa di strano'.

'Non sappiamo cosa pensare...non abbiamo esperti, e le voci continuano a crescere.

Ha dubitato di un'eclissi o di un meteorite.

Abbiamo contattato Natalia Kovalyova, responsabile del dipartimento di previsioni meteorologiche e agricole della capitale regionale Yakutsk.

Crede che il giorno più buio di Yakutia è stato causato da incendi boschivi con l'inquinamento portato in quartieri dove non c'erano inferni che bruciavano.

Se fosse vero, il fenomeno sembra essere simile ad un evento negli Stati Uniti orientali il 19 maggio 1790, quando l'oscurità cadde su una vasta area non colpita da incendi.

E' noto come il New England's Dark Day.

Anche qui i cieli vennero riportati come rossi e gialli e la causa si credeva fosse degli incendi che bruciavano in Ontario, Canada, combinati con una fitta copertura nuvolosa e nebbia.

'Pensiamo che in parte sia un evento meteorologico, ma lasciatemi sottolineare, questa è solo una conclusione preliminare basata sulle informazioni che abbiamo appena ricevuto', ha detto Kovayova..

Non ci sono stato io stesso e non l'ho visto.

'Sappiamo che un fronte di tempo passato le regioni settentrionali di Yakutia quel giorno portando aria fredda e molto probabilmente ha portato anche il fumo degli incendi boschivi.

'Come per oggi, ci sono 319 incendi boschivi attivi nella nostra repubblica, quasi tutto il territorio brucia, quindi non c'è nulla di sorprendente nel fumo trasportato dai flussi d'aria nell'atmosfera.
wildfire siberia
siberia wildfire
Crede che il giorno più buio di Yakutia sia stato causato da incendi boschivi con l'inquinamento soffiato nei distretti dove non c'erano fuochi.

Secondo la nostra comprensione preliminare, è stato il fumo proveniente dalle zone sudoccidentali che ha raggiunto il nord.

'Ma ciò che ci ha lasciato perplessi, era perché mai era rosso?.

'Ho sentito la gente del posto che indica che alcune ceneri rosse sono state viste sulle superfici dell'acqua dopo l'evento..

Credo che lei abbia visto fotografie di colore rosso e la domanda principale è: cosa l'ha reso così rosso?

Non sono sicuro che stiamo andando a indagare ulteriormente, è molto interessante".

Kokorin ha convenuto che l'inquinamento da incendi boschivi era la causa più probabile.

E Alexander Oboimov, un ricercatore e meteorologo artico, ha detto: "E' solo smog causato da incendi boschivi.....".

'Nel 2010 ho osservato un fenomeno simile nella regione di Voronezh..

A luglio, quasi le stesse date, quando le foreste bruciavano [nella Russia centrale].

Il sole non era visibile, come un'eclissi. Quindi non è niente di soprannaturale".

Nell'evento del New England, ci sono state segnalazioni che la pioggia ha lasciato una pellicola leggera e la cenere è stata trovata in superficie.

Il buio del giorno è durato per circa tre ore nella maggior parte delle località.

La gente del posto si precipitò in chiesa, fu riferito, mentre "canticchiavano i galli, le beccacce fischiavano e le rane facevano capolino come se fosse caduta la notte'.

L'inquinamento da incendio sembra coprire la maggior parte degli eventi che si sono verificati; la polvere, il petrolio (che potrebbe essere solo polvere combinata con il liquido), il cielo oscurato e gli uccelli morti (che sono morti per inalazione di fumo?). Ma mentre non c'è nulla di troppo insolito in un incendio, ciò che è insolito sono le condizioni atmosferiche apparenti che si combinano per trasportare il fumo da una tale distanza e farlo cadere in questa zona. E' anche notevole che, mentre gran parte dell'emisfero nord sembra essere bruciato dal fuoco, che di per sé è inquietante, non sono stati riportati eventi simili a quelli che si sono verificati in Siberia. Anche se può essere che lo stesso strano schema di blocco che ha messo in fiamme l'Europa è stato in qualche modo legato agli eventi in Siberia. Per ora, almeno per ora, il mistero rimane irrisolto.


Bizarro Earth

Il vulcano Krakatoa si rianima

L'isola vulcanica di Krakatau (chiamata anche Krakatoa) è situata nello Stretto di Sunda tra le isole di Java e Sumatra nella provincia indonesiana di Lampung. Il nome è usato anche per il gruppo di isole circostanti che comprende i resti di un'isola molto più grande di tre picchi vulcanici che fu cancellata in un'eruzione cataclismica avvenuta nel 1883.

Nel 1927, una nuova isola, Anak Krakatau, o "Filgio di Krakatoa", è emersa dalla caldera formatasi nel 1883, ed è il luogo attuale dell'attività eruttiva.

Nelle foto della NASA qui sotto, è possibile vedere alcune immagini mozzafiato del vulcano mentre ritorna in vita.
Krakatau Volcano
© NASA

Cloud Lightning

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Agosto 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

firenado
Piogge intense, grandinate, tempeste di grandine, inondazioni e frane hanno continuato a devastare questo mese dalla Cina agli Stati Uniti. Centinaia di persone sono morte e migliaia sono state sfollate.

Le ondate di calore hanno colpito duramente in alcune parti d'Europa, Australia e Stati Uniti, per poi essere estinte da un'incredibile quantità di pioggia - e persino di neve nel caso della Sardegna - in mezzo a temperature che non hanno precedenti. Ma la Sardegna non è stata l'unica area a ricevere una seria dose di neve in agosto, l'Australia, l'Uruguay e anche le Alpi hanno avuto la loro parte.

L'Anello di Fuoco brucia con attività sostenuta, e questo non si è riflesso solo nell'attività vulcanica, ma in una serie di potenti terremoti di magnitudo superiore a 6 che hanno scosso l'Indonesia, causando la morte di oltre 300 persone, mentre il Venezuela è stato colpito da un terremoto di magnitudo 7.3 - il più potente degli ultimi 118 anni.

Un numero sempre maggiore di trombe d'acqua, "tornado di fuoco" e mulinelli di sabbia sono spuntati in tutto il mondo in agosto. Una volta che un fenomeno raro, le trombe marine sono sempre più comuni in alcune aree. Allo stesso tempo, questi vortici di fuoco, acqua e polvere appaiono in luoghi molto insoliti.

Per completare la follia, diversi laghi e fiumi in tutto il mondo sono semplicemente scomparsi in agosto. Che cosa sta succedendo? Lo dirà il tempo!

Guarda il nostro sommario qui sotto:


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Better Earth

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Luglio 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

july
Questo mese è stato segnato da incredibili quantità d'acqua che cadono in un periodo di tempo molto breve in tutto il mondo; uccidendo migliaia, evacuando milioni di persone... e danneggiando sempre più raccolti.

Cina, Corea del Sud, Indonesia, Filippine, Vietnam, Sudafrica, Nepal, Pakistan, India, Svezia, Russia, Italia e Stati Uniti, sono stati i più colpiti dalle piogge e dalle conseguenti inondazioni improvvise di luglio. Anche il Giappone è stato colpito da una storica alluvione che ha causato danni diffusi, 200 morti e migliaia di sfollati.

L'Italia, il Brasile e il Sudafrica hanno tutti avuto questo mese la loro parte di nevicate fuori stagione o "rare", lasciando la popolazione locale piuttosto sorpresa.

Quando il "cielo si è aperto" in molti luoghi, alte temperature, siccità e incendi hanno colpito California, Svezia, Norvegia e Grecia; quest'ultima è stata la più colpita con 94 morti, centinaia di sfollati, 2.500 chilometri quadrati devastati e centinaia di persone costrette a fuggire verso le spiagge.

Gli incendi in California sono stati molto gravi, ma non è stato battuto alcun record, fino ad ora, l'incendio del 1937 mantiene il record con quasi 90.000 chilometri quadrati bruciati. Anche combinando tutti gli ettari bruciati dal fuoco in California negli ultimi cinque anni non bastano a battere il record del 1937. Inoltre, dagli anni '30 c'è stata una netta diminuzione dell'incidenza degli incendi nello stato.

Lo stesso vale per gli incendi sviluppatisi in Europa, non sono stati battuti record e, come ha affermato Adapt 2030, dagli anni '80 si è registrato un calo significativo dell'incidenza degli incendi. Le alte temperature registrate in luglio in Europa non sono paragonabili a quelle degli anni '30, per non parlare del caldo estremo vissuto in Europa e in gran parte degli Stati Uniti per diversi anni alla fine del XIX secolo.

Ancora una volta, vediamo i mass media focalizzare e ingrandire l'incidenza localizzata delle alte temperature e degli incendi; un giornale ha persino affermato che il mondo non ha conosciuto temperature così alte dall'emergere della nostra civiltà (10.000 anni fa), un'affermazione che è semplicemente errata.

Le temperature superficiali della Terra sono infatti in aumento a causa dell'attività geologica e vulcanica, e dell'incidenza più diretta dei raggi solari a causa dell'indebolimento della magnetosfera. Ma, dimenticato tra il clamore, è il fatto che le temperature negli strati più alti dell'atmosfera hanno subito un crollo. Ne sono prova la crescente incidenza di aloni solari e lunari, nuvole noctilucenti, steli multicolori, grandinate in continua crescita e, naturalmente, nevicate fuori stagione. E non dimentichiamo che si sono verificati anche rari eventi di precipitazioni nevose nell'emisfero settentrionale e meridionale sia a giugno che a luglio di quest'anno.

Quindi non fatevi ingannare, molti dei cambiamenti terrestri che stiamo vedendo sono dovuti alla bassa attività solare, all'indebolimento della magnetosfera, così come ad un livello alto di raggi cosmici. E tutti questi cambiamenti non sono specifici della nostra Terra, stiamo trovando paralleli in altri pianeti del nostro sistema solare. Come qualcuno ha detto, "non col fuoco, ma col ghiaccio...".


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Attention

Genova: Disastro sulla A10, crollato il ponte Morandi

Genova ponte Morandi crollo
Poco prima di mezzogiorno è crollato il ponte Morandi, ossia il viadotto della A10 che attraversa la Valpolcevera. Si tratta del lungo viadotto sospeso che precede lo svincolo per Bolzaneto e la barriera di Genova Ovest.

Le auto che stavano transitando sono precipitate per quasi centro metri nel letto del Bisagno. Al lavoro al momento quasi 200 vigili del fuoco, la situazione è davvero tragica.

Agg. ore 15.00 - "In relazione al crollo di parte del viadotto Polcevera sull'A10, Autostrade per l'Italia comunica che sulla struttura - risalente agli anni '60 - erano in corso lavori di consolidamento della soletta del viadotto e che, come da progetto, era stato installato un carro-ponte per consentire lo svolgimento delle attività di manutenzione. I lavori e lo stato del viadotto erano sottoposti a costante attività di osservazione e vigilanza da parte della Direzione di Tronco di Genova. Le cause del crollo saranno oggetto di approfondita analisi non appena sarà possibile accedere in sicurezza ai luoghi". E' il comunicato stampa ufficiale di Autostrade.

Agg. ore 14.40 - Liguria in lutto per la tragedia di Genova: annullati i fuochi d'artificio e tutti gli eventi

Agg. ore 14.35 - Mentre il dato ufficiale del Viminale continua a parlare di 11 vittime, secondo fonti ospedaliere il numero sarebbe purtroppo destinato a crescere drasticamente.

Commenta: Approfondimenti:

Ponte Morandi a Genova, una tragedia annunciata


Better Earth

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Giugno 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

ss_june
Lo scorso mese di giugno molte aree del pianeta sono state sommerse da rovesci di ogni tipo e dimensione, da violente grandinate e temporali in alcune parti dell'Asia (alcune delle quali con pesci, gamberi e polpi) e in Europa, con un incredibile mix di uragani con venti, forti piogge e inondazioni negli Stati Uniti, Messico e in alcune parti del Sud America.

L'attività vulcanica continua a battere i record attorno al pianeta. Il vulcano Kilauea ha continuato a devastare la grande isola delle Hawaii, distruggendo case e ingiottendo la zona con fumi tossici. Nel frattempo, dopo anni di continua attività, il vulcano guatemalteco del Fuoco ha eruttato violentemente, causando la morte di almeno 109 persone. Centinaia sono ancora dispersi e intere città sono state ricoperte da metri di cenere.

Oltre alla spettacolarità di queste eruzioni, il punto importante da ricordare è che tutta la cenere vulcanica satura gli strati superiori dell'atmosfera riflettendo i raggi solari e favorendo la condensazione dell'acqua e la formazione di ghiaccio. Questa, naturalmente, non è una buona notizia dato l'attuale minimo solare.

E' possibile che, man mano che andiamo avanti, le temperature globali continuino a scendere, e data l'enorme quantità di acqua che si riversa a terra il prossimo inverno potrebbe rivelarsi una corsa ad ostacoli per molti abitanti dell'emisfero settentrionale.

Parlando di basse temperature, la neve ha continuato a fare notizia anche durante la tarda primavera e l'inizio dell'estate, sia nel nord che nel sud del mondo. Raffiche di gelo hanno colpito Stati Uniti, Canada, Cile, Australia, Ucraina e Austria, sorprendendo la popolazione e danneggiando i raccolti.

In tutto il mondo sono state segnalate anche grandinate sempre più forti e chicchi di grandine sempre più grandi. Gli Stati Uniti, la Grecia, l'Italia, la Serbia, l'India e la Russia sono stati i più colpiti in questo mese.

Guarda tu stesso:


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Better Earth

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Maggio 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

lava
Mentre la neve fuori stagione è caduta per tutto il mese di maggio dalle Rocky Mountains al nord degli Stati Uniti, al Canada, al nord Europa, al nord-est della Cina, al nord dell'India, al Kashmir e al Nepal, è stata un'inondazione di proporzioni "bibliche" in tutto il mondo che ha rubato lo spettacolo questo mes

Anche gli Stati Uniti e gran parte dell'Europa hanno avuto la loro parte di tornado e di devastanti grandinate... Sembrerebbe quasi che la grandine gigante stia diventando la normalità in molte parti del mondo.

Migliaia di persone in Sud America, Europa, Asia, Medio Oriente e Africa sono state sfollate e lasciate senza elettricità in alcune zone a causa delle forti e persistenti precipitazioni. La Somalia, che era stata colpita da un'estesa siccità, è ora inondata a causa di una pioggia senza precedenti che ha colpito la nazione desertica dello Yemen con 3 anni di precipitazioni in un solo giorno a causa del ciclone Mekunu. Anche la prima tempesta della stagione 2018, l'uragano Alberto, ha portato inondazioni e distruzioni a Cuba.

Tappeti di pioggia, grandine, inondazioni e temperature insolite hanno inoltre danneggiato una grande quantità di colture in alcune delle aree più fertili del mondo, aggiungendosi alle preoccupazioni di una crisi alimentare in un futuro non troppo lontano.

L'attività vulcanica di questo mese è stata coronata dal Kilauea con le sue colate laviche inarrestabili che hanno colpito migliaia di abitanti delle Hawaii. Mentre la lava si riversava, un terremoto di magnitudo 6,9 ha scosso l'isola maggiore innescando uno sciame di piccoli terremoti e almeno una dozzina di fessure lava aperte in seguito che hanno distrutto 37 edifici, tra cui 28 case. Ad almeno 1800 persone è stato ordinato di evacuare le proprie abitazioni. Il vulcano Kilauea ha sorpreso anche con fiamme di metano verso fine mese, e il gas tossico si è sparso dappertutto.

Ma il Kilauea non è il solo a sputare lava, molti altri vulcani intorno all'anello del fuoco - come il Vulcano di Fuoco, Sinabung, e il Monte Merapi -, sono attivi e infuriano...

Guardalo qui sotto:


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Fire

Kilaeua, Hawaii: La lava ricopre più di 15 Km. di isola, riportata scossa di Mag. 5.4

hawaii kilaeua
Dal momento che la lava si è rotto in superficie, ha superato 5.914 ettari di terreno, o circa nove e un quarto di miglia quadrate.

Il numero totale di case distrutte è di 467.

L'attività sismica è su un ciclo quasi prevedibile dopo un altro forte terremoto Sabato mattina.

Una grande esplosione è avvenuta poco dopo le 10:20 sulla cima del Kilauea. I funzionari dicono che aveva l'energia di un terremoto di magnitudo 5,3.

Non è stato generato alcuno tsunami.

La qualità dell'aria rimane un problema, in quanto gas e ceneri ostruiscono l'aria. L'USGS riferisce che l'eruzione dalla East Rift Zone rimane stabile nelle Leilani Estates con pochi cambiamenti avvenuti negli ultimi giorni.

Sabato, fontane di lava da fessura n 8 raggiunto altezze di circa 170 piedi in aria.

Con il flusso in rapida evoluzione, era una scena simile per tutta la settimana.

Commenta:
Qui di seguito sono riportate solo alcune delle attività vulcaniche sul nostro pianeta in questo momento:


Attention

Serie di forti eruzioni a Stromboli

Stromboli volcano
Una serie di esplosioni più forti si sono verificate il 24 aprile mattina alle 11:05 ora locale dall'apertura più a sud dell'area centrale del cratere, espellendo bombe incandescenti a circa 250m e generando un denso pennacchio di cenere che è salito di qualche centinaio di metri.