Benvenuto su Sott.net
mer, 22 mag 2019
Il Mondo per Coloro che Pensano

Cambiamenti Planetari
Mappa


SOTT Logo Media

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Marzo 2019: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

Inondazione biblica 2019 Nebraska

Allagamento di proporzioni bibliche nel Nebraska, marzo 2019
Marzo 2019 è stato un altro mese di importanti eventi meteorologici estremi, con inondazioni, grandinate, nevicate e incendi boschivi da record in tutti i continenti, indipendentemente dalla stagione.

Mentre i mezzi di informazione insinuano l'affermazione pseudo-scientifica che il cambiamento climatico è opera dell'uomo e i cui effetti dovrebbero realmente riguardare solo le generazioni future, qui e ora il clima sta cambiando - e, oltre a mitigare alcuni dei suoi effetti, non c'è nulla che i governi possano fare per impedire che questo cambiamento avvenga.

Tra i "momenti salienti" di marzo ci sono state le catastrofiche inondazioni nel Midwest degli Stati Uniti dopo che un "uragano invernale" ha provocato allagamenti estesi a suon di neve e pioggia. Il Nebraska è stato particolarmente colpito dal momento che due terzi dello stato si sono trasformati in una sorta di "mare d'entroterra". Tra i molti e potenti cicloni dell'emisfero australe del mese scorso, uno ha causato inondazioni senza precedenti in Africa sudorientale e ha ucciso 1.000 persone.

Enormi nubi di polvere, "tornado di neve", "temporali di neve", e piogge di grandine e pioggia si verificano con tale regolarità che ora sono praticamente diventati la normalità. Lo stesso vale per gli spettacolari eventi di meteoriti, che - dopo un decennio di silenzio - ora anche i media mainstream ne riportano costantemente gli avvistamenti.

Tutto questo, ed altro, nel video di questo mese...


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Snowflake Cold

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Febbraio 2019: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

recordsnow2
Febbraio è stato un altro mese di eventi meteorologici estremi. Più 'record' di inondazioni, freddo e nevicate... e un paio di eventi di caldo record dovuti al cambiamento del jet stream che crea sacche d'aria calda in aree localizzate. Ma questi sono di scarso impatto se paragonati alla diminuzione delle temperature in tutto il mondo, in particolare nell'emisfero nord.

Naturalmente, i mass media hanno focalizzato e ingrandito i pochi eventi di calore record di questo mese per distogliere l'attenzione pubblica da ciò che conta - il possibile inizio di un'era glaciale a causa del minimo solare, che sta già avendo un impatto disastroso nella vita quotidiana di milioni di persone.

Piogge e inondazioni da record hanno colpito milioni di persone. Gli eventi più devastanti si sono verificati in Medio Oriente: Iraq, Iran, Arabia Saudita, Pakistan e Giordania sono stati colti di sorpresa da acque impetuose. Nel frattempo, un'inondazione improvvisa senza precedenti ha bagnato il luogo più secco del mondo, il deserto di Atacama, in Cile. Ancora una volta, il freddo e la neve hanno continuato a battere record; il caos per il blackout in Repubblica Ceca, decine di voli sono stati cancellati in Kashmir, strade bloccate dalla neve record in Pakistan e Mosca morsa da freddo estremo.

Il peggior gelo del mese è caduto sugli Stati Uniti, da forti nevicate a Seattle, a temperature insolite in New Mexico e Las Vegas, e un "ciclone bomba" che ha colpito gli stati orientali lasciando 550.000 senza elettricità. Alcune stazioni sciistiche americane che il mese scorso erano in piena espansione a causa della neve pesante hanno dovuto chiudere a febbraio perché c'era troppa neve! La California ha subito alcune delle condizioni meteorologiche più estreme degli ultimi due anni, dalla siccità agli incendi, fino alle nevicate da record.

Anche svariate meteore hanno lasciato il segno questo mese (come al solito!), a cominciare da un meteorite a Cuba che ha sconcertato centinaia di persone con una fragorosa esplosione che ha frantumato i vetri di molte finestre, il che rende il fenomeno molto simile a quello di Chelyabinsk in Russia, 6 anni fa nello stesso mese... un altro segno? Questo bolide è stato avvistato anche dalla Florida.

Mentre la terra si apre lentamente, sono state segnalate molte voragini in tutto il mondo, con la Turchia e l'Indonesia particolarmente colpite. Un terremoto di magnitudo 5.5 a Hokkaido e un altro di mag. 7.7 al confine tra Perù ed Ecuador hanno provocato frane e danneggiato infrastrutture, oltre ad un insolito sciame di bassa magnitudo intorno all'Anello di Fuoco. Infine, ma non meno importante, i raccolti e il bestiame hanno continuato a pagare il prezzo delle condizioni climatiche estreme di questo mese.

Guarda le puntate precedenti di questa serie - ora tradotta in più lingue - e altri video da SOTT Media.


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Snowflake Cold

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Gennaio 2019: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

polar vortex
Il minimo solare sta riscuotendo il suo tributo... ed è solo l'inizio. Tra i fenomeni preoccupanti ci sono basse temperature da record e l'aumento dell'attività vulcanica e sismica.

Dopo mesi di abbondanti precipitazioni e inondazioni record in tutto il mondo, l'acqua sta cadendo come neve sull'emisfero nord.

La tempesta invernale Gaia si è abbattuta sul 30% degli Stati Uniti, portando alla chisura di strade, ritardi dei voli aerei, sospensione delle attività e perdite di raccolto.

Ma non è tutto. Quello che una volta era una rarità, il "vortice polare", si è diviso in 3 fronti che hanno fatto precipitare le temperature in Canada, Stati Uniti, Europa e Asia ben al di sotto dello zero. Il nord degli Stati Uniti ha raggiunto la temperatura record di -48°C, sconvolgendo la vita di migliaia di persone, e le nevicate record a Chicago e St. Louise hanno provocato il caos, portando le città ai loro limiti. Un segno di quello che sta per arrivare?

Anche l'Europa centrale e parte dell'occidente sono stati ricoperti dalla neve, mentre si continuavano a registrare nuovi record di neve. Sta diventando il nuovo "normale" stato delle cose.

A circa 25 km sopra il Mare di Barents, nella stratosfera sopra la Scandinavia settentrionale, le temperature hanno raggiunto i -91°C, mentre 2 metri di neve hanno sepolto parti di Italia e Austria. Le fredde temperature hanno costretto il governo tedesco a dichiarare lo stato di emergenza, mentre le foreste della Romania sono state sepolte sotto metri di neve.

Anche l'Asia e il Medio Oriente hanno ricevuto la loro quota di neve da record; la Cina ha riportato enormi perdite di raccolto, Giordania, Iran e Libano sono stati paralizzati dalla neve e dal freddo, e la Tunisia nordoccidentale è stata costretta a chiudere 31 strade.

Mentre alcune parti dell'emisfero settentrionale stavano vivendo un freddo record, l'Australia ha attraversato il mese più caldo mai registrato, dimostrando gli effetti globali dei cambiamenti nelle correnti principali 'jet stream', dovuti al minimo solare.

L'accumulo di cristalli di ghiaccio nell'alta atmosfera continua a causare 'presagi nel cielo' facilitando fenomeni elettrici...

Oltre ai danni alle proprietà e alla perdita di vite umane, il tempo estremo sta paralizzando la produzione agricola e zootecnica. Insieme ad esso continueremo a vedere aumentare i prezzi dei prodotti alimentari in tutto il mondo.


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Snowflake Cold

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Dicembre 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

meteor Mexico city December 2018
La Cina centrale e orientale ha vissuto uno degli inverni più intensi finora; Pechino ha dovuto sopportare uno dei più freddi mesi di dicembre mai registrati, e forti piogge e frane hanno colpito il sud-ovest, lasciando 4 morti.

Dopo il più esteso manto nevoso mai registrato negli Stati Uniti a novembre, la tempesta Diego ha coperto il sud-est lasciando 400.000 persone senza energia, mentre nevicate insolitamente intense hanno colpito il sud-ovest e parti del nord-est e dell'ovest.

La Corea del Sud ha registrato temperature fredde così in anticipo per la stagione, mentre abbondanti nevicate hanno colpito il Giappone, fino a 2 metri nel distretto di Yamagata.

La neve ha sconvolto anche la vita normale in Bosnia, Romania e Bulgaria, costringendo le scuole a chiudere e causando interruzioni di corrente. Nel frattempo, l'Austria ha registrato 140 cm di neve in soli 7 giorni... E l'inverno è appena iniziato!

Uno "sciame" di meteore ha attraversato i cieli della Spagna negli ultimi due mesi, 3 di loro sono passate in sole 5 ore. Anche Messico, Texas e San Francisco hanno avuto la loro parte di spettacolari palle di fuoco questo mese.

L'Arabia Saudita continua ad essere martoriata dalla grandine, dalle forti piogge e dalle inondazioni che in alcune parti hanno innescato l'inverdimento del deserto. Mentre le inondazioni improvvise hanno sfollato 45.000 persone in Indonesia e Sri Lanka sono state inondate da 35 cm di pioggia in una notte.

Tornado fuori stagione hanno causato il caos in Florida, Washington e Illinois, mentre un tornado a Giava, in Indonesia, ha distrutto 156 abitazioni.

Una forte eruzione del vulcano di Krakatoa ha causato uno tsunami in Indonesia, causando 430 morti e 22.000 sfollati, e un'altra eruzione vulcanica a Vanuatu ha scatenato una serie di terremoti che hanno aperto voragini dell'isola di Ambrym.

Anche il Venezuela è stato colpito da eventi tellurici, un terremoto di magnitudo 5,6 ha colpito la regione di Carabobo aprendo fessure nel terreno e negli edifici.

Guarda il nostro sommario qui sotto:


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Snowflake Cold

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Novembre 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

Mulinello di fuoco firenado
Questo ultimo mese di novembre la città di Paradise in California si è trasformata in un inferno vivente. Incendi apocalittici hanno devastato lo stato innescando evacuazioni di massa, causando 85 morti e perdite record. Sono andati in cenere ben 1.890.438 acri di territorio. Ma non è tutto, inondazioni e neve si sono aggiunte alla miscela mortale causando ulteriori distruzioni.

L'attività sismica e altri fenomeni geologici sono aumentati questo novembre. Un terremoto di 6.3 gradi in Iran e uno di 7.0 ad Anchorage, Alaska, per citare i più significativi. Nel frattempo, i vulcani in Guatemala, Russia, Messico e Italia sono entrati in azione e l'India e l'Arabia Saudita sono state colpite da enormi crepe sul terreno che stanno diventando sempre più comuni in tutto il mondo. La terra sembra "aprirsi".

Piogge abbondanti, inondazioni e grandine sono diventate la nuova normalità - anche nella stagione secca di alcuni paesi - causando centinaia di morti questo mese, raccolti falliti e danni alle infrastrutture. Kuwait, Vietnam e Sydney hanno pagato un pesante tributo, ma il Medio Oriente e l'Italia sono stati i più colpiti. Un maltempo da record ha causato gravi danni all'Italia, con uragani e raffiche di vento, tempeste di fuoco e forti inondazioni che hanno causato la morte di 30 persone e gravi danni alle colture e intere foreste distrutte.

Cortine di pioggia hanno causato anche la liquefazione del suolo provocando frane a Panama, in Costa Rica, Brasile, Perù ed Ecuador, solo per citare alcuni eventi. Gran parte dei rovesci - in combinazione con temperature sempre più basse causate dal minimo solare - ha anche causato forti nevicate precoci che hanno destato non poca sorpresa.

Anche le meteore hanno dato spettacolo durante questo mese, e in un evento piuttosto insolito quattro palle di fuoco sono state avvistate nel sud della Spagna, due delle quali osservate in sole 2 ore.

Guarda il nostro sommario qui sotto:


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Cow

Nuove ricerche dimostrano che le emissioni di metano dal bestiame non hanno effetti rilevabili sul clima

global methane distribution map
© Glatzle, 2018

Il Dr. Albrecht Glatzle, astrobiologo e ricercatore, autore di oltre 100 ricerche scientifiche e due libri, ha pubblicato una ricerca in cui mostra che "
non esiste alcuna prova scientifica che il bestiame da allevamento possa rappresentare un rischio per il clima terrestre" e che il recente allarme sul "riscaldamento potenziale da emissioni GHG [gas serra] antropogeniche è stato esagerato".

Glatzle, 2018

Il Bestiame da allevamento e il suo presunto ruolo nei Cambiamenti Climatici

Abstract:

"La nostra conclusione chiave è che non c'è bisogno di emissioni antropogeniche di gas serra (GHGs), e ancor meno di emissioni di origine animale, per spiegare il cambiamento climatico. Il clima è sempre cambiato e anche il riscaldamento attuale è probabilmente dovuto a fattori naturali. Il potenziale di riscaldamento delle emissioni antropogeniche di gas serra è stato esagerato, e gli impatti benefici delle emissioni di CO2 prodotte dall'uomo per la natura, l'agricoltura e la sicurezza alimentare globale sono stati sistematicamente soppressi, ignorati o almeno minimizzati dall'IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) e da altre agenzie delle Nazioni Unite (Nazioni Unite). Inoltre, si evidenziano importanti carenze metodologiche nelle istruzioni e nelle applicazioni dell'IPCC e della FAO (Food Agriculture Organization) per la quantificazione della parte antropica delle emissioni di CO2-GHG non derivanti da ecosistemi agricoli. Tuttavia, finora, questi errori fatali si sono inesorabilmente propagati attraverso la letteratura scientifica. Infine, non siamo riusciti a trovare una chiara impronta digitale del bestiame domestico, né nella distribuzione geografica del metano né nell'evoluzione storica della concentrazione media atmosferica di metano".

Commenta: E così si scopre che le scoregge delle mucche non provocano i cambiamenti climatici. Notizia scioccante! Penso che il Guardian dovrà trovare una scusa più efficace del proporci che dovremo per forza diventare tutti vegetariani.

Vedi anche:


Cloud Precipitation

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Ottobre 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

A rischio di sembrare ripetitivo, il mese di ottobre è stato, ancora una volta, un mese di grandi e distruttive quantità di precipitazioni in tutto il mondo. A questo punto, l'intensità e la frequenza delle precipitazioni (spesso compresa la grandine) in così tanti luoghi sta diventando un po' preoccupante. Dall'Asia alle Americhe, all'Africa, all'Europa e al Medio Oriente, città e villaggi di tutte queste zone hanno subito in poche ore massicce precipitazioni che hanno distrutto abitazioni e causato la morte di molti.
frio
Anche l'inverno è arrivato all'inizio di questo mese in molti luoghi: le Alpi, le Montagne Rocciose canadesi e statunitensi (anche più a sud in Arizona), la Cina, la Corea del Sud, il Pakistan e l'India che hanno ricevuto quantità insolitamente elevate di neve. Come al solito, sono stati avvistati moltissime meteore/palle di fuoco e, naturalmente, le voragini sempre più comuni hanno fatto la loro comparsa uccidendo in un caso due persone. Per i residenti della Florida, ottobre è stato segnato dall'arrivo dell'uragano Michael con venti da 250 km/h, mentre il ciclone Titli ha colpito la costa indiana lasciando 17 morti e 300.000 persone in fuga dalle proprie abitazioni. Tutto sommato, è stato l'ennesimo mese di follia "climatica" sul grande marmo blu - abbinato, si potrebbe dire, solo dalla follia politica che sembra aver preso piede nelle menti di molte persone.

Guarda il nostro sommario:


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Cloud Precipitation

Enorme voragine inghiotte un'automobile dopo giorni di pioggia

sinkhole italy
Un'enorme voragine si è aperta in mezzo ad una strada nei pressi di San Felice Circeo in provincia di Latina dopo tre giorni di pioggia. Un veicolo è precipitato nella voragine lunga tredici metri e profonda otto.

Commenta: Piogge epiche e voragini stanno diventando uno spettacolo familiare in tutto il pianeta.: Guarda anche il documentario mensile di SOTT: SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Settembre 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate




Cloud Lightning

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Settembre 2018: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

Questo ultimo mese di settembre è stato un viaggio selvaggio e pericoloso per molti abitanti del pianeta terra. Dagli Stati Uniti, all'Europa, all'India, alla Cina e all'Africa, la minaccia principale è stata la massiccia e improvvisa quantità di pioggia che ha spazzato via terra, case e persone. Allo stesso tempo, molte aree hanno ricevuto insolitamente presto (o in ritardo per l'emisfero australe) nevicate. Ricordate, per la maggior parte di settembre era ancora estate! Il Nord America, l'Europa orientale, l'Asia centrale e l'Australasia hanno tutti ricevuto un sacco di neve.
sott september
L'uragano Florence è stato il maggiore uragano di questo settembre, che si è abbattuto sulla costa degli Stati Uniti, uccidendo 17 persone e facendo cadere enormi quantità di pioggia, mentre 3 tifoni hanno colpito il Pacifico nord-occidentale causando distruzioni diffuse a Hong Kong, nelle Filippine e in Giappone. Il tifone Jebi, che ha colpito il Giappone, è stata la tempesta più forte degli ultimi 25 anni. Verso la fine del mese, un forte terremoto di 7,5 che ha provocato uno tsunami devastante ha colpito l'isola di Sulawesi in Indonesia. Il bilancio delle vittime è attualmente di oltre 2.000 persone, un numero che, secondo le autorità, potrebbe triplicare man mano che le operazioni di recupero continuano.

Come quasi tutti i mesi degli ultimi anni, anche lo scorso settembre è stato caratterizzato da molteplici eruzioni vulcaniche, da grandi incendi e dai sempre più frequenti (e crescenti) avvistamenti di meteore e palle di fuoco. In breve, il pianeta sta ancora oscillando e rotolando ad un ritmo allarmante. Ora non è il momento di distogliere lo sguardo!

Guarda il nostro sommario:


Commenta:
Guarda i video precedenti :



Bizarro Earth

Il giorno si trasforma in notte in Siberia: Cieli gialli, povere nera, uccelli morti, 'petrolio', autorità "evasive" - AGGIORNAMENTO

Siberia buio rosso

Dov'è il sole? Le comunità della remota Yakutia sono state immerse nell'oscurità, anche se in questo periodo dell'anno dovrebbero avere 24 ore di luce
Gli abitanti del nord di Yakutia hanno detto che la luce del giorno era completamente scomparsa per diverse ore.

La gente dei remoti distretti Eveno-Bytantaisky e Zhigansky si è rivolta ai giornali, chiedendo ai media locali di spiegare "il diavolo" di ciò che è successo.

Le loro comunità remote sono state immerse nell'oscurità, anche se in questo periodo dell'anno dovrebbero avere 24 ore di luce.

'Il sole si è spento intorno alle 11 del mattino, e non è tornato fino alle 14. Non riuscivo a vedere niente senza accendere le luci. Abbiamo preso le torce per camminare all'esterno, ma in realtà nessuno voleva stare per strada perché la sensazione era come se qualcosa di pesante nell'aria ti premesse sul petto', ha detto un residente.

Commenta:
AGGIORNAMENTO 24 luglio 2018:

Mystery gets murkier over cloud that turned day into night

siberia day night
Nessuna spiegazione ufficiale per l'oscurità su fasce di Yakutia in mezzo a teorie di cospirazione di un UFO, nuovi test sulle armi, un meteorite o l'inquinamento da incendi.

Il territorio colpito dal misterioso buio è più grande dell'Italia.

Il giorno si è improvvisamente trasformato in notte verso mezzogiorno del venerdì, e per quasi tre ore la gente del posto ha avuto bisogno di torce per vedere dove stavano andando.

L'area colpita dalle bizzarre tenebre appare ora più estesa di quanto riportato quando si diceva di aver coperto i distretti Eveno-Bytantaisky e Zhigansky della regione più fredda della Russia - Yakutia.

Ora riferisce che anche il sole si è attenuato in Verkhoyansky.

{{IMG|479919|inside_sun_in_yakutsk.jpg|supersize|center}L'oscurità aveva una sfumatura 'gialla', o era associata a nuvole di polvere, parlano varie versioni.

Alcuni se la sono presa col diavolo, ma l'assunto principale era che il fumo proveniente dagli incendi infuriati in altri quartieri aveva oscurato il sole.

Eppure alcune fonti ufficiali hanno espresso dubbi su questa teoria senza spiegare cosa abbia causato lo strano fenomeno.

In questo vuoto i locali hanno scambiato teorie su WhatsApp e altri social media sulla causa dell'oscurità come un'eclissi - tranne che non ce n'era una.

Un'altra fonte ha detto: "Questo può essere spiegato solo da un UFO".

Ha detto un residente locale di Eveno-Bytantaisky:

Sono in circolazione dei messaggi che parlano di un flash luminoso registrato dai satelliti americani, seguito da un aumento del livello radioattivo e da un'insolita attività dei militari.

'Non ci diranno mai se era vero o falso'.

Un'altra fonte ha detto: "Si può spiegare solo con un UFO".

siberia dark
Un funzionario dell'insediamento di Nizhne-Bytantaisky ha contraddetto i residenti che avevano segnalato uno spesso strato di polvere dopo la scomparsa della nube e dell'oscurità.

Non c'era polvere", ha detto.

All'inizio sembrava che fosse in arrivo un forte temporale.

L'aria si è oscurata e si è fatta sempre più scura, ma questa volta, a differenza di qualsiasi altra cosa che abbiamo visto prima che l'oscurità avesse un ricco sottofondo giallo.

Era molto insolito.

Dubitiamo sulla versione dell'eclissi solare.

Di solito le stazioni meteo e i media informano tutti sulle eclissi in anticipo.

E nessuna eclissi può durare così a lungo".

Konstantin Starostin, capo dell'insediamento, ha detto: "Quando il sole è scomparso, la gente ha iniziato a chiamarci nell'amministrazione.

Molti si sono spaventati, specialmente gli anziani.

Le persone che vivono qui da molti anni hanno detto di non aver mai visto niente di simile".

Il buio era come nero pece.

'Non è arrivata subito, ma è cresciuta gradualmente..

siberia dark sun block
Il cielo si è oscurato e si è fatto sempre più scuro, ma questa volta, a differenza di qualsiasi altra cosa che abbiamo visto prima, c'era che l'oscurità aveva un ricco sottotono giallo".

Non c'era polvere. Molti stavano uscendo, quindi molti testimoni possono confermare che non c'era polvere.

Nemmeno la temperatura è diminuita così drasticamente". Quella notte comunque la temperatura è scesa a -4C.

'Non sappiamo cosa pensare.

'Non abbiamo esperti e le voci continuano a crescere.

'Se fosse stato collegato a qualche tipo di test militare, avrei detto di sì".

Il Sole non ha "lasciato" tutti i distretti della Yakutia artica.

Il capo della città di Verkhoyansk Yevgeny Potapov ha detto che "il sole non è scomparso, ma quel giorno è successo qualcosa di strano".

siberia wildfire
siberia smoke birds
'C'era qualcosa che somigliava a del fumo il 20 luglio. Convenevamo almeno su questo. Non c'erano incendi nelle vicinanze, ma ce n'era uno al confine con l'ulus Eveno-Bytantaisky.

Era come se la giornata fosse stata coperta di nuvole, come se il sole fosse coperto da una nuvola, o non da una nuvola... ma non c'era pioggia", ha detto Potapov.

Non sapevamo cosa stava succedendo ai nostri vicini", ha aggiunto Potapov.

Pensavamo che le storie sull'assenza di sole fossero voci, ma poi ci siamo resi conto che non lo erano.

'Stiamo anche cercando di indovinare cosa potrebbe essere stato'.

Eppure non c'è stato alcun chiarimento da parte dei funzionari meteorologici, della difesa o di altri funzionari di rinvio.

'Riceviamo avvisi sulle eclissi', ha detto, indicando che non c'era stato alcun allarme di questo tipo.

'Avrebbe potuto essere un meteorite, ma sicuramente non così grande.

Questo è davvero poco chiaro".

Quasi tutti i distretti artici hanno riportato un significativo abbassamento della temperatura.
L'analisi della polvere dovrebbe far luce sulla situazione. Ma è vero che i vulcani stanno eruttando in tutto il pianeta e l'estate nell'emisfero nord sta vedendo incendi senza precedenti, e questo potrebbe spiegare la polvere riportata. Anche se un'altra possibilità potrebbe essere rappresentata dai depositi di metano della Siberia che sembrano mostrare segni di crescente instabilità a causa di degassificazione e, in alcuni casi, di esplosioni: AGGIORNAMENTO: 27 luglio 2018

Il Siberian Times riporta:
Un nuovo video mostra la portata dell'oscurità quando il giorno si è trasformato in notte - e i gabbiani sono morti - in Yakutia

Reports emerged of the dead gulls found by a resident of the village of Osokhtokh in Verkhoyansky district on the shore of Lake Baibal-Kuel.

Reports emerged of the dead gulls found by a resident of the village of Osokhtokh in Verkhoyansky district on the shore of Lake Baibal-Kuel.
Un evento inquietante nel New England 238 anni fa ha l'indizio dell'inquietante oscurità che è scesa una settimana fa in Siberia?

I pensionati erano "spaventati", non avendo mai visto nulla del genere prima.

Le nuove immagini qui evidenziate mostrano la totale oscurità del fenomeno del "giorno-notte" a Yakutia il 20 luglio, quando una misteriosa nuvola ha travolto diversi distretti.

E' anche chiaro - come mostrano le nostre immagini - che quando il sole è tornato, dozzine di gabbiani dalla testa nera erano morti durante l'improvviso blackout diurno di quasi tre ore.

Come abbiamo riportato in precedenza, la luce si è spenta in diversi quartieri che coprono un'area sostanzialmente al di sopra del Circolo Polare Artico, di dimensioni maggiori dell'Italia.

Gli anziani erano spaventati, non avendo mai sperimentato in precedenza niente del genere.

La coltre di buio che iniziava subito dopo le 11 del mattino era accompagnata da un significativo abbassamento della temperatura, una sfumatura rossa o gialla nel cielo lontano, una sensazione per alcuni testimoni di spiacevole inquinamento dell'aria, e - in alcuni luoghi - una scia di polvere o una pellicola che sembrava petrolio sulla superficie dopo che la luce era tornata alle 3 del pomeriggio.

C'erano prove aneddotiche del guasto dei dispositivi elettrici delle auto.

La coltre di buio che iniziava subito dopo le 11 del mattino era accompagnata da un significativo abbassamento della temperatura.

In uno sconcertante silenzio ufficiale e federale dei media, tutti i tipi di teorie sulla causa, alcune cospiratoriali, si sono scatenate sul web.

Le versioni includono una nuova arma oscuramento-inducente che viene testata, un attacco meteorite, il lavoro degli alieni o del diavolo, un'eclissi non annunciata, un lancio di razzi mal riuscito, o i fumi da incendi boschivi infuriati.

I sospetti si sono approfonditi perché alcuni organismi ufficiali erano così timidi - anche evasivi - quando è stato chiesto loro di spiegare l'evento, come se fossero sotto ordine.

Una fonte del Ministero delle Emergenze di Yakutsk ha detto in toni pacati: 'Abbiamo un'opinione ma non ho il diritto di rivelare queste informazioni.'

Ha rifiutato di confermare gli incendi boschivi come la causa più probabile, aggiungendo con prudenza: 'Qualsiasi cosa si può supporre.'.

Non ci sono stati incendi boschivi nei quartieri colpiti dalla misteriosa nube.

Non c'è stato alcun commento da parte del ministero della Difesa.


Primo video dell' "eclisse" in Yakutia


Oltre alla totale oscurità mostrata nel video, sono emersi rapporti sui gabbiani morti trovati da un residente del villaggio di Osokhtokh nel distretto di Verkhoyansky sulla riva del lago Baibal-Kuel.

Alcuni rapporti dicono che i resti di 30 uccelli sono stati trovati, altri che il numero era di 50.

Gli ispettori hanno prelevato campioni per scoprire la causa del loro decesso.

Saranno controllati per le malattie degli uccelli, ma anche per avvelenamento tossico e radiologico, è stato annunciato.

Anche il WWF Russia è stato alquanto poco impegnato, con l'esperto di clima Alexey Kokorin che dice: "Per capire esattamente cosa fosse, è necessario vedere le immagini satellitari proprio per questi territori e per queste stesse ore".

Stranamente una settimana dopo, tali dati non sono stati divulgati.

Ivan Gorokhov, capo del quartiere Eveno-Batynaisky: "Era davvero buio.

Di solito in questo periodo dell'anno abbiamo il sole piuttosto alto - a circa 80 gradi sull'orizzonte, ma non era affatto visibile.

'Nemmeno un posto. Era completamente buio.

Quando ho spento la luce del mio ufficio nel mio ufficio non c'era luce che entrava dalla finestra, così puoi capire quanto fosse buio.

Questa oscurità aveva davvero un colore giallastro...".

Sono emersi rapporti sui gabbiani morti trovati da un residente del villaggio di Osokhtokh nel distretto di Verkhoyansky, sulle rive del lago Baibal-Kuel.

Non ha ricevuto lamentele per problemi di salute, ma ha notato "un odore di fumo, di qualcosa che era bruciato".
siberia day to night
siberia day to night

‘We don’t know what to think….we have no experts, and rumours keep growing.'
Nelle vicinanze non c'era "nessuna polvere o cenere, ma in alcuni punti c'era un sottile strato di petrolio sull'acqua".

Le autorità non hanno offerto alcuna spiegazione, ha confermato.

Ha concluso misteriosamente: Abbiamo fatto una richiesta ufficiale (per informazioni sulla causa), ma non abbiamo avuto risposta. Forse siamo tutti infetti, chi lo sa?

Konstantin Starostin, capo dell'insediamento di Nizhne-Bytantaisky, ha detto di essere perplesso.

Non sappiamo cosa pensare... non abbiamo esperti, e le voci continuano a crescere.

Se fosse stato collegato a qualche tipo di test militare, avrei detto di sì.

Il capo della città di Verkhoyansk Yevgeny Potapov ha detto: 'Quel giorno è successo qualcosa di strano'.

'Non sappiamo cosa pensare...non abbiamo esperti, e le voci continuano a crescere.

Ha dubitato di un'eclissi o di un meteorite.

Abbiamo contattato Natalia Kovalyova, responsabile del dipartimento di previsioni meteorologiche e agricole della capitale regionale Yakutsk.

Crede che il giorno più buio di Yakutia è stato causato da incendi boschivi con l'inquinamento portato in quartieri dove non c'erano inferni che bruciavano.

Se fosse vero, il fenomeno sembra essere simile ad un evento negli Stati Uniti orientali il 19 maggio 1790, quando l'oscurità cadde su una vasta area non colpita da incendi.

E' noto come il New England's Dark Day.

Anche qui i cieli vennero riportati come rossi e gialli e la causa si credeva fosse degli incendi che bruciavano in Ontario, Canada, combinati con una fitta copertura nuvolosa e nebbia.

'Pensiamo che in parte sia un evento meteorologico, ma lasciatemi sottolineare, questa è solo una conclusione preliminare basata sulle informazioni che abbiamo appena ricevuto', ha detto Kovayova..

Non ci sono stato io stesso e non l'ho visto.

'Sappiamo che un fronte di tempo passato le regioni settentrionali di Yakutia quel giorno portando aria fredda e molto probabilmente ha portato anche il fumo degli incendi boschivi.

'Come per oggi, ci sono 319 incendi boschivi attivi nella nostra repubblica, quasi tutto il territorio brucia, quindi non c'è nulla di sorprendente nel fumo trasportato dai flussi d'aria nell'atmosfera.
wildfire siberia
siberia wildfire
Crede che il giorno più buio di Yakutia sia stato causato da incendi boschivi con l'inquinamento soffiato nei distretti dove non c'erano fuochi.

Secondo la nostra comprensione preliminare, è stato il fumo proveniente dalle zone sudoccidentali che ha raggiunto il nord.

'Ma ciò che ci ha lasciato perplessi, era perché mai era rosso?.

'Ho sentito la gente del posto che indica che alcune ceneri rosse sono state viste sulle superfici dell'acqua dopo l'evento..

Credo che lei abbia visto fotografie di colore rosso e la domanda principale è: cosa l'ha reso così rosso?

Non sono sicuro che stiamo andando a indagare ulteriormente, è molto interessante".

Kokorin ha convenuto che l'inquinamento da incendi boschivi era la causa più probabile.

E Alexander Oboimov, un ricercatore e meteorologo artico, ha detto: "E' solo smog causato da incendi boschivi.....".

'Nel 2010 ho osservato un fenomeno simile nella regione di Voronezh..

A luglio, quasi le stesse date, quando le foreste bruciavano [nella Russia centrale].

Il sole non era visibile, come un'eclissi. Quindi non è niente di soprannaturale".

Nell'evento del New England, ci sono state segnalazioni che la pioggia ha lasciato una pellicola leggera e la cenere è stata trovata in superficie.

Il buio del giorno è durato per circa tre ore nella maggior parte delle località.

La gente del posto si precipitò in chiesa, fu riferito, mentre "canticchiavano i galli, le beccacce fischiavano e le rane facevano capolino come se fosse caduta la notte'.

L'inquinamento da incendio sembra coprire la maggior parte degli eventi che si sono verificati; la polvere, il petrolio (che potrebbe essere solo polvere combinata con il liquido), il cielo oscurato e gli uccelli morti (che sono morti per inalazione di fumo?). Ma mentre non c'è nulla di troppo insolito in un incendio, ciò che è insolito sono le condizioni atmosferiche apparenti che si combinano per trasportare il fumo da una tale distanza e farlo cadere in questa zona. E' anche notevole che, mentre gran parte dell'emisfero nord sembra essere bruciato dal fuoco, che di per sé è inquietante, non sono stati riportati eventi simili a quelli che si sono verificati in Siberia. Anche se può essere che lo stesso strano schema di blocco che ha messo in fiamme l'Europa è stato in qualche modo legato agli eventi in Siberia. Per ora, almeno per ora, il mistero rimane irrisolto.