Benvenuto su Sott.net
sab, 25 set 2021
Il Mondo per Coloro che Pensano

Cambiamenti Planetari
Mappa

Seismograph

Terremoto, ancora scosse in Romania dopo il sisma di magnitudo 5.2 registrato il 27 dicembre

Romania Earthquake
Ancora scosse di terremoto oggi in Romania, nella regione di Vrancea. Qui alle 23.20 del 27 dicembre era stata registrata una scossa di magnitudo 5.2. L'ipocentro era stato localizzato a 100 km di profondità. Oggi una nuova scossa, di magnitudo locale 3.4, ha interessato nuovamente la stessa zona. La regione di Vrancea, sui monti Carpazi, è un'area altamente sismica della Romania. Il 10 novembre del 1940 un fortissimo terremoto causò circa mille morti.

Windsock

Super Tifone minaccia le Filippine il giorno di Natale

Super Tiphoon Philippines
© Reuters
Circa 12mila persone sono state evacuate dalle autorità filippine in attesa del tifone Nina.
Migliaia di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case a causa dell'avvicinamento di un super tifone verso le coste orientali delle Filippine, domenica 25 dicembre 2016.

L'evento atmosferico, denominato Nock-Ten o Nina, porta con sé venti che possono toccare i 240 chilometri orari e arriva nella regione della penisola di Bicol e nelle isole limitrofe proprio il giorno di Natale.

Le autorità, oltre ad aver ordinato l'evacuazione di circa 12mila di persone, hanno chiuso anche numerosi porti dato che sono attese onde alte più di due metri.

Anche nella capitale Manila, i cartelloni pubblicitari più grandi sono stati rimossi dalle strade per paura che possano cadere e causare incidenti, ma si temono anche smottamenti e frane.

Commenta: Il terremoto in Cile, il super tifone nelle Filippine e le innumerevoli meteore avvistate sono solo alcuni dei fenomeni osservati negli ultimi giorni.

Guarda il seguente video sui cambiamenti planetari osservati in Novembre:




SOTT Logo Media

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Novembre 2016: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

wildfire Israel november 2016
© Sott.net
Incendio ad Haifa, Israele, Novembre 2016
Mentre le élite liberali sono andate al collasso il mese scorso in seguito alla "Trumpocalisse", i sovrintendenti dell'impero stanno rapidamente perdendo il controllo che avevano in passato sulla realtà. Allo stesso tempo, con i casi di fenomeni climatici estremi che si succedono e che toccano tutte le regioni della Terra, è come se questa discesa nella follia venga marcata ad ogni passo da Madre Natura. I fenomeni climatici disastrosi nel Novembre 2016 comprendono:
  • Neve, grandine e alluvione nel deserto dell'Arabia Saudita (di nuovo)
  • La seconda più forte scossa dell'era moderna in Nuova Zelanda
  • Un'altra scossa potente (e un altro tsunami) nei pressi di Fukushima in Giappone
  • Una ondata di "asma da temporale" a Melbourne in Australia, che ha ucciso 8 persone e mandato altri 8.500 in ospedale
  • L'uragano atlantico più tardivo nell'era moderna (e la più settentrionale, e la prima ad aver mai messo piede in Costa Rica)
  • Dei "superincendi" senza precedente che bruciano ampie aree del sud est USA
Quelli sono giusto alcuni dei fenomeni insoliti nel nostro ultimo video di Sommario Cambiamenti della Terra, che comprende anche le altre "cose" più normali: voragini mostruose che ingoiano macchine, persone e case - diluvi che spazzano via ancora più case, macchine e persone - meteore infuocate enormi che scatenano il panico nella gente che pensa gli alieni ci abbiano invaso - trombe d'aria devastanti che toccano terra nelle capitali dell'Italia e del Sudafrica - nevicate record a Novembre in parti degli USA settentrionali, della Cina settentrionale e dell'Europa settentrionale...

Siamo ovviamente spiritosi. Non c'è niente di normale in tutto questo. Siamo entrati in un nuovo clima mondiale. I modelli di previsione sono ormai diventati obsoleti. I costi di tutta questa distruzione si accumulano sempre di più col passare di ogni mese. Fino ad ora, le elite hanno o ignorato gli sconvolgimenti climatici/planetari, o hanno dato colpa alea persone comuni per aver provocato questo o quest'altro sintomo, ed in seguito hanno continuato a mungere i contribuenti e ad estendere le guerre. Visto i trend recenti, non c'è dubbio che presto inizieranno ad incolpare Putin di tutto.

Questi erano (alcuni dei) "segni" in Novembre 2016...


Seismograph

Terremoto in Cile: sisma magnitudo 7.7, abbassata allerta tsunami

Cile, terremoto 7.7 e allerta tsunami
© Ansa/Epa
Cile, terremoto 7.7 e allerta tsunami
Un sisma di magnitudo 7.7 è stato registrato alle 11.22 ora locale (le 15.22 in Italia) a 45 chilometri di Puerto Quellon, nel sud del Cile, a una profondità di 15 chilometri.

Non ci sono notizie di vittime ne' di danni ingenti. Lo riferisce il capo dell'Agenzia nazionale per le emergenze Ricardo Toro. Circa 4.000 persone sono state evacuate in seguito ad un'allerta tsunami che dopo circa un'ora e mezza dal sisma è stata abbassata a livello di sorveglianza, con eventuali onde alte da 30 cm fino a un metro. I danni più consistenti, ha spiegato Toro, sono stati registrati su alcune autostrade.

Nel 2010 un terremoto di magnitudo 8.8 in Cile aveva provocato uno tsunami e ucciso 524 persone.

Commenta: Il numero di terremoti e di eruzioni vulcaniche attorno alla cintura di fuoco continua ad aumentare.

Questi sono solo alcuni dei fenomeni osservati il mese scorso...




Snowflake Cold

Negli Urali e in Siberia occidentale ondata di gelo vicina a record assoluti

Polar Vortex Siberia
© Sputnik. Constantin Chalabov
Nella parte settentrionale degli Urali e in Siberia occidentale le temperature sono scese a valori vicini ai record nel corso della storia delle osservazioni meteo, ha riferito a RIA Novosti la direttrice del dipartimento meteorologico del bacino fluviale Ob-Irtysh Ludmila Litovkina.

"La zona più fredda è il distretto autonomo di Khanty-Mansi, dove ieri sera (mercoledì 21 dicembre) la temperatura più bassa registrata dalle stazioni meteorologiche ha segnato —53°C. Questa temperatura è stata registrata a Noyabrsk e Nizhnesortymsky. —52°C ad Yuilsk, a Kogalym —51°C, a Raduzhny —50°C. Questa notte la temperatura si è alzata di 2°C," — ha riferito l'esperto.

Secondo la Litovkina, il record assoluto di gelo era stato stabilito nel 1932: nell'occasione nel villaggio di Kazim erano stati raggiunti i —58°C, a Sosva —55°C. Pertanto le temperature registrate in questi giorni sono vicine ai record.

Commenta: Altro che riscaldamento globale! Negli ultimi anni le ondate di gelo polare nell'emisfero settentrionale non cessano di aumentare, con record di freddo registrati di continuo.

Per una migliore comprensione dei cambiamenti climatici legati al gelo polare, consigliamo la lettura del libro Earth Changes and the Human-Cosmic Connection (in inglese).


Snowflake

Cade la neve in pieno deserto del Sahara

Sahara Snow
In effetti non è la prima volta che vediamo immagini così suggestive, sebbene insolite. In qualche occasione precipitazioni di tipo nevoso hanno imbiancato i brulli paesaggi del deserto sahariano. Il video che vi proponiamo mostra quel che è accaduto lunedì pomeriggio nella piccola località di Ain Segra, in Algeria.

Si tratta di una raccolta di foto scattate dal fotografo amatoriale Karim Bouchetata. In questi posti non rammentano alcuna nevicata da oltre 40 anni. Si tratta sicuramente di un evento eccezionale e insolito, sebbene quel che appare dalle foto è con tutta probabilità da ricondurre ad un intenso rovescio di neve tonda.

Commenta: L'ondata di freddo polare che si sta scagliando sull'emisfero settentrionale ha raggiunto persino il deserto del Sahara.


Seismograph

Scossa di terremoto magnitudo 6.4 nelle Isole Salomone

Terremoto Isole Salomone
Un terremoto magnitudo 6.4 ha interessato oggi le Isole Salomone: lo ha reso noto l'Istituto geologico degli Stati Uniti, USGS, precisando che non è stato emesso alcun allarme tsunami. L'epicentro del terremoto è stato individuato a 80 chilometri dalla località di KiraKira. "Sulla base dei dati disponibili, non ci attendiamo uno tsunami distruttivo nel Pacifico", ha spiegato il Centro Tsunami per il Pacifico.

Commenta: Il numero di terremoti e di eruzioni vulcaniche attorno alla cintura di fuoco del Pacifico è in costante aumento e sta raggiungendo livelli allarmanti.

Guarda il seguente video sui cambiamenti planetari osservati in Ottobre:




Ice Cube

Freddo polare a Chicago: -20°C, il lago è congelato

Freddo Polare Chicago
© La Presse. Xinhua
Freddo polare a Chicago, Illinois (USA): si sono registrati ieri -20°C, ed il gelo ha fatto congelare il lago Michigan.

Commenta: Secondo la NASA il freddo a Chicago a raggiunto i -6 gradi Fahrenheit (-21°C), rendendo la città dello stato di Illinois più fredda del Polo Sud e persino più fredda del pianeta Marte!

Per una migliore comprensione dei cambiamenti climatici legati al vortice polare, consigliamo la lettura del libro Earth Changes and the Human-Cosmic Connection (in inglese).


SOTT Logo Media

SOTT Sommario Cambiamenti della Terra - Ottobre 2016: Clima Estremo, Sconvolgimenti Planetari, Meteore Infuocate

ECS October 2016
© Sott.net
Forte alluvione in Carolina del Sud, Ottobre 2016
Il mese scorso, mentre gli occhi di tutti erano puntati sulle elezioni degli Stati Uniti, le più straordinarie elezioni statunitensi degli ultimi anni, i cambiamenti terrestri erano in pieno svolgimento.

Il fenomeno climatico in primo piano in Ottobre è stato l'uragano Matthew; al suo passaggio ha lasciato una scia di distruzione che ha attraversato la Colombia, i Caraibi e la costa orientale degli Stati Uniti. L'uragano Matthew ha scatenato la più forte tempesta dell'ultimo decennio nel Nord Atlantico ed è anche stato l'uragano più forte mai registrato in prossimità dell'equatore, scaricando tanta pioggia da infrangere diversi record di precipitazione e causando oltre 10 miliardi di dollari di danni. Haiti è stato il paese più colpito con oltre 1600 vittime.

Gli eventi climatici estremi sono ormai diventati una norma; il Sud Carolina, il mese scorso ha subito la settima alluvione da '1 in 1000 anni' in soli sei anni, rompendo tutti i record di precipitazione precedenti. Mentre la gran parte degli Stati Uniti sono stati colpiti da un'ondata di caldo, la Russia è stata coperta da un manto spesso di neve e l'enorme superficie dell'emisfero settentrionale ricoperta di neve a fine Ottobre può essere paragonata solo a quella dell'Ottobre 1976.

Durante questo mese siamo stati inoltre testimoni di molti avvistamenti spettacolari di bolidi e palle infuocate, il che ci fa pensare che il nostro pianeta è soggetto ad un numero sempre maggiore di "visitatori spaziali". Come abbiamo riportato all'inizio dell'anno, il numero di meteore e bolidi è aumentato notevolmente negli ultimi dieci anni e il cielo è diventato particolarmente 'illuminato' durante la seconda metà dell'anno.

Questi sono alcuni dei fenomeni osservati nell'Ottobre 2016...


Commenta: Aggiornamento 23 Novembre 2016 - Siamo venuti a sapere che il bolide avvistato nei cieli del Galles del Sud al minuto 15:14 è probabilmente opera di qualche artista liberale.


Snowflake

Gelido Anticiclone, non solo Nebbia in pianura Padana: super freddo e lo straordinario spettacolo della Galaverna

Anticiclone Padania
Quinto giorno consecutivo di nebbia in pianura Padana, ma anche il più freddo: dopo le minime polari, fino a -4/-5°C in molte località di Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna, adesso abbiamo una giornata di ghiaccio nelle zone più fredde della pianura Padana, dove la nebbia è più fitta, tra Lombardia orientale, Veneto occidentale e alta Emilia Romagna. Qui le temperature si mantengono sottozero anche in pieno giorno. Neanche con un'ondata di freddo in atto le temperature sarebbero così basse: siamo in alcuni casi 8-9°C al di sotto rispetto alle medie stagionali. Ovviamente soltanto in pianura, perchè in montagna fa caldo come spiega il termine stesso del fenomeno in atto: l'inversione termica. Sull'Appennino Tosco/Emiliano si stanno verificando addirittura degli incendi, e abbiamo +12°C ai 1.120 metri di altitudine di Frassinoro e a Pievepelago, ma soprattutto +11°C ai 2.000 metri del Monte Cimone o +14°C sulla vetta del Monte Penice a 1.430 metri di altitudine. Situazione analoga sulle Alpi con +13°C ai 1.200 metri di Bormio, ai 1.388 metri di Massello, ai 1.670 metri di Pracatinat e ai 2.150 metri di Pian Giasset (Crissolo), +14°C ai 1.500 metri di Oga, e ai 1.770 metri di Elva. Temperature pazzesche, tipicamente primaverili, di oltre dieci gradi più elevate sulle vette montuose rispetto alla pianura.

Commenta: Per una migliore comprensione dei cambiamenti climatici, consigliamo la lettura del libro Earth Changes and the Human-Cosmic Connection (in inglese).