Benvenuto su Sott.net
gio, 21 gen 2021
Il Mondo per Coloro che Pensano

Figli della Società
Mappa

Fire

Ambasciata indonesiana a Roma in fiamme, grave un diplomatico

centro storico di Roma
© Sputnik. Alexander Vilf
Un incendio divampato nella sede diplomatica dell'Indonesia in pieno centro storico a Roma semina il panico: grave un dipendente.

Ha cercato di salvarsi dalle fiamme che divampavano gettandosi da un balcone della sede dell'ambasciata indonesiana, il diplomatico che ora si trova in gravissime condizioni all'ospedale Umberto I di Roma.

Panico nel centro storico di Roma questa mattina, per un incendio dalle cause tuttora imprecisate che ha colpito la sede diplomatica dell'Indonesia in Italia.

La colonna di fumo che diversi testimoni hanno visto sollevarsi tra le palazzine della zona in cui si trova l'ambasciata ha fatto scattare l'allarme, con l'intervento delle squadre di soccorso che ha paralizzato il traffico di importanti vie di collegamento della città.

Oltre al diplomatico le cui condizioni sono definite disperate, altre tre persone, che al momento dell'incendio si trovavano all'interno dell'edificio, sono rimaste ferite, due delle quali in modo grave.

Quenelle

Siria, Berlusconi: Russia alleato imprescindibile

Berlusconi
© sputniknews.com
Il leader di centrodestra all'attacco di Renzi: Daesh nemico mortale, la pavidità non ci mette al riparo da attentati. Necessaria coalizione ONU.

Silvio Berlusconi ribadisce dalle pagine del Corriere della Sera la sua convinzione sulla necessità di una grande alleanza per sconfiggere il Daesh. In un'intervista rilasciata oggi al quotidiano di via Solferino il leader di Forza Italia ha riconosciuto ancora una volta il ruolo della Russia, definito alleato imprescindibile e "non un nemico".
"La mia linea di politica estera è sempre stata improntata alla collaborazione tra Europa, Washington e Mosca, a partire dall'intesa di Pratica di Mare".
Così Berlusconi, che è tornato a chiedere una coalizione a guida Onu contro i jihadisti del califfato. Poi, sull'atteggiamento dell'Italia, ha operato un distinguo non condannando la prudenza del premier Matteo Renzi sull'intervento militare e confermando invece i suoi dubbi sull'attendismo nei confronti della lotta al Daesh.
"La prudenza nel combattere lo Stato islamico — ha detto Berlusconi — è un'ambiguità che non possiamo permetterci. La pavidità non ci mette al riparo da attentati".
Sputnik Italia, come tutti i siti Sputnik ed i progetti di MIA Rossiya Segodnya userà la denominazione Daesh al posto di "ISIS", come ha sottolineato il direttore Dmitry Kiselev. Daesh è l'abbreviazione in arabo della denominazione "Stato Islamico dell'Iraq e Levante". I terroristi non riconoscono questa formula, mentre da parte dei lettori Daesh non viene associato a nessuno stato e neanche all'Islam.

Георгиевская ленточка

Russia, Medvedev firma decreto per aiuti umanitari a Palestina: 5,3 mln di dollari

Medvedev
© Sputnik. Alexander Astafiev
Al ministero degli Esteri russo il compito di coordinare le condizioni e le modalità di fornitura con le autorità palestinesi.

Il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha incaricato il ministero degli Esteri di fornire fino a 5,3 milioni di dollari in aiuti umanitari alla Palestina. È quanto si legge in un documento sul portale giuridico di informazione ufficiale russo.

Secondo il decreto, al ministero degli Esteri russo è stato ordinato di coordinare le condizioni e le modalità di fornitura degli aiuti umanitari con le autorità palestinesi.

L'aiuto umanitario, secondo il decreto, dovrebbe essere consegnato alla Palestina entro la fine del 2015.

La Palestina è coinvolta in un conflitto di lunga data con Israele per non aver riconosciuto l'indipendenza dello Stato palestinese.

Pistol

Strage in California, 14 morti. Ucciso un killer, caccia ad altri due

San Bernardino California shootings 01
© ANSA/AP
Ennesima strage negli Usa. E' di 14 morti il bilancio di una sparatoria a San Bernardino, in California. L'obiettivo della sparatoria è un centro di servizi sociali, l'Inland Regional Center. Si cercano tre uomini bianchi vestiti con abiti militari che avrebbero dato vita alla sparatoria in cui ci sarebbero anche 14 feriti. Avrebbero aperto il fuoco nella sala in cui si stava svolgendo la festa di Natale dei dipendenti.

Oltre alle divise militari, i tre indossavano anche una maschera, sono armati di fucili e sarebbero fuggiti dentro un Suv. La polizia li sta cercando mentre sul posto stanno arrivando anche gli agenti dell'Fbi.

Un "pacco sospetto" era stato trovato dentro un edificio vicino alla zona della sparatoria a San Bernardino, in California. Poco dopo è stato fatto brillare. Gli artificieri hanno usato un robot per far esplodere il pacco.

Tutte le scuole e gli edifici nel distretto di San Bernardino sono stati posti in "lockdown", cioè nessuno può entrare o uscire.

Commenta: Strano che ci fosse un'esercitazione armata proprio nelle vicinanze da parte del San Bernardino PD's SWAT team. Inoltre, cade a fagiolo per distrarre il pubblico dalle novità sul fronte Turchia/ISIS?


Arrow Down

Independent: Ragazze in Grecia si prostituiscono per fame

studentesse greche si prostituiscono per cibo
© thetimes.co.uk
I dati esposti in un recente studio condotto ad Atene, e divulgati in questi giorni da vari giornali internazionali, sono agghiaccianti. Oltre al rapido aumento della prostituzione tra le donne greche, dopo l'inizio della crisi economica, lo studio mette in evidenza la giovanissima età di gran parte delle ragazze coinvolte, e una delle motivazioni che sta emergendo in modo preoccupante: la necessità di mangiare. Benvenuti in Europa!

Uno studio, che ha raccolto dati su oltre 17.000 "lavoratrici del sesso" in Grecia, ha trovato che le donne greche ora dominano l'industria della prostituzione, e hanno rimpiazzato in questo ruolo del donne dell'Europa dell'est. Lo studio ha trovato anche che il sesso a pagamento in Grecia ha un prezzo che è tra i più bassi d'Europa.

"Alcune donne lo fanno in cambio di una fetta di una semplice fetta di cheese cake o un panino, essendo affamate e avendo bisogno di mangiare", ha detto Gregory Laxos, professore di sociologia all'Università Panteion di Atene, al giornale londinese Times. "Altre lo fanno per pagare tasse, bollette, spese urgenti o necessità mediche", ha detto Laxos, che ha condotto lo studio durato tre anni.

Quando la crisi economica è iniziata in Grecia, il prezzo della prestazione di una prostituta era di 50 euro, ha detto Laxos. Ora è sceso al punto da rasentare in certi casi i due euro per mezz'ora di prestazione.

Laxos ha detto che i 400 casi disperati che hanno raggiunto questo livello potrebbero non essere rappresentativi "al confronto con le migliaia di altre lavoratrici del sesso in tutto il paese, eppure tendenze verso casi di questo genere non esistevano affatto prima della crisi finanziaria", ha detto. Ha aggiunto che le donne greche ora dominano il mercato del sesso in Grecia, coprendone l'80 percento.

Laxos ha detto che lo studio, condotto su tutto il paese, ha mostrato che il numero di giovani donne disperate — quelle che offrono sesso al prezzo più basso — sembra essere in crescita. "Non sembra che questi numeri siano in diminuzione", ha detto al Times, "sembra piuttosto che siano in crescita, e in crescita ad un ritmo sostenuto".

Il prezzo del sesso sta scendendo in tutto il mondo, dato che Internet fornisce sempre più contenuti di natura sessuale online. Il prezzo medio di 180 euro per un'ora di prestazione in Europa è sceso decisamente, riporta lo studio.

Handcuffs

Turchia. Arresti contro la stampa d'opposizione

giornale Turco Cumhuriyet
Spira un vento non molto promettente per le voci di dissenso in Turchia, non da ora peraltro dal momento che negli ultimi tempi il partito Akp e il governo di Erdogan hanno cominciato a realizzare una vera e propria torsione autoritaria, estrinsecata anche materialmente nel tentativo di togliere spazio a ogni dissenso anche dalla carta stampata. Del resto nelle recenti elezioni vinte proprio da Erdogan, il "Sultano" turco aveva ottenuto uno spazio mediatico nella campagna elettorale infinitamente superiore ai suoi rivali.

La notizia di queste ore è che il governo di Ankara ha arrestato due giornalisti dell'opposizione con l'accusa di terrorismo. Stiamo parlando di Can Dundar, il direttore del quotidiano dell'opposizione Cumhuriyet, e Erdem Gul, capo della redazione del quotidiano nella capitale turca. I due sono stati arrestati nelle scorse ore per aver pubblicato una vera e propria inchiesta fotografica su un presunto transito di camion turchi dalla Turchia alla Siria. Nel reportage del Cumhuriyet venivano anche denunciati con coraggio i metodi con cui il Mit, i servizi segreti turchi, hanno rifornito di armi i ribelli attivi in territorio siriano. Non solo, nel reportage sarebbero state anche pubblicate alcune foto che rivelerebbero in modo netto come molti di questi camion pieni di armi sarebbero stati fermati nel gennaio 2014 dalla gendarmeria turca ad Adana mentre erano diretti proprio in Siria.

Per la verità si tratta di una notizia che risalirebbe a qualche mese fa, per la precisione al giugno 2015, poco prima delle elezioni, e lo stesso Erdogan aveva mal digerito lo scoop. Poco dopo è arrivata, puntuale, l'apertura dell'inchiesta a carico del quotidiano, ed Erdogan è tornato recentemente sull'argomento derubricando la vicenda a un semplice incidente di percorso dato che, a suo dire, quei camion trasportavano "aiuti" per i turcomanni nel nord della Siria. Per l'Akp il nuovo Sultano insomma il reportage dei due coraggiosi giornalisti sarebbe un atto di tradimento compiuto per screditare l'immagine del governo turco, ecco perchè ora i due rischiano una pena detentiva severissima.

Stormtrooper

Europa: eretto nuovo muro tra Macedonia e Grecia

Muro MacedoniaGrecia
L'Europa continua a chiudere sempre più le porte ai migranti. Dopo i muri eretti dall'Ungheria lungo i confini con Serbia e Croazia per arginare l'arrivo di nuovi profughi, nello scorso fine settimana è stata completata, sempre per lo stesso motivo, una nuova "barriera protettiva" tra Macedonia e Grecia.

La cinta muraria, lunga circa tre km, sorge lungo la strada che porta dalla città greca di Salonicco alla capitale macedone di Skopje, per la precisione nel tratto che va dal villaggio di Idomeni a quello di Gevgelija. I confini però, almeno stando alle parole delle autorità macedoni, restano aperti per tutti coloro che provengono da paesi in guerra: Siria, Afghanistan e Iraq in primis.

Comunque, anche se non si tratta di una chiusura totale come quella attuata dal premier magiaro Viktor Orban, la Macedonia ha subito le critiche di molti paesi d'Europa. Inoltre da Skopje fanno sapere che potrebbero venir chiuse anche le frontiere con altri paesi anche se, almeno per ora, restano aperte.

Questo è l'ennesimo momento di tensione che attraversa i paesi della cosiddetta "Rotta dei Balcani", una delle più attraversate da migliaia di profughi in arrivo dalle coste turche. I numeri d'altronde parlano chiaro: dall'inizio dell'anno circa 500 mila persone hanno deciso di affrontare tale strada per arrivare nei ricchi paesi del Nord Europa e costruirsi una vita migliore.

Questo nuovo muro, secondo gli studiosi del fenomeno, potrebbe aprire una nuova rotta per i migranti, già ribattezzata "Rotta Adriatica", che porterebbe decine di migliaia di persone sulle coste della Puglia. In questo modo per l'Italia, si aprirebbe un nuovo fronte caldo riguardante l'immigrazione, dopo quello che passa per Lampedusa.

Il fattore che spaventa di più è quello legato all'accoglienza visto che nelle ultime settimane si sta cercando di mettere i bastoni tra le ruote a moltissime realtà legate al mondo dell'ospitalità di questi disperati: il caso del Baobab di martedì scorso o quello di stamattina nella sede dell'Ispra a via Curtatone, a Roma, sono gli esempi più lampanti. Dove andranno questi bisognosi se vengono chiusi o si cercano di chiudere tali strutture con la scusa del terrorismo?

Il governo italiano ancora non ha dato una risposta chiara in merito a ciò, l'Europa neanche. Speriamo che al più presto qualcuno torni a preoccuparsi di questo problema che, nonostante l'arrivo della brutta stagione dal punto di vista delle condizioni del mare, continua a far registrare numerose partenze quotidiane per intraprendere i famosi "viaggi della speranza".

Eiffel Tower

Parigi: scontri al corteo del Cop21

protesters at cop21 in paris
© ecowatch.com
Forti tensioni a Parigi alla vigilia dell'apertura del Cop21, la conferenza sul clima indetta dalla Nazioni Unite che inizia domani proprio nella capitale francese. Molti temono che anche questo appuntamento possa concludersi con un buco dell'acqua come l'ultima edizione del 2009 tenutasi a Copenaghen.

A Parigi non era stata autorizzata nessuna manifestazione, in contemporanea con altre 200 città del mondo, dopo i tragici fatti del 13 novembre e lo stato di tensione massima. Nonostante ciò, verso le 14 di questo pomeriggio, migliaia di persone si erano radunate a Place De La Republique per un corteo non autorizzato.

Città militarizzata, numerose forze dell'ordine presenti nella capitale francese, dopo lo stato di emergenza dichiarato dal Presidente della Repubblica Hollande. Lanci di sassi e bottiglie da parte dei manifestanti, la polizia ha risposto sparando lacrimogeni e effettuando alcune cariche di alleggerimento.

I fermati sono stati circa un centinaio. Un appuntamento così importante e delicato per i contenuti che per il luogo in cui si svolgerà che si apre con scontri e polemiche.

In mattinata, nella stessa piazza, erano state portate numerose paia di scarpe per una partecipazione simbolica alla giornata di mobilitazione mondiale. Questa iniziativa era stata presa dopo il divieto assoluto di manifestazioni a Parigi durante il vertice che durerà fino al prossimo 11 dicembre.

In tutto il globo, invece, a seconda del fuso orario, sono scese in piazza migliaia di persone per gridare il loro dissenso riguardo questo attuale problema climatico altamente sopravvalutato dalle potenze moderne. Già stamane presto, si contavano più di 100.000 persone nei cortei indetti nelle città australiane di Brisbane e Sydney.

Cult

La consulta dei Nominati

Corte Costituzionale in riunione

Corte Costituzionale in riunione
di Marco Della Luna

La Corte Costituzionale dovrà presto giudicare sulla costituzionalità o incostituzionalità dell'Italicum, la controversa riforma elettorale di Renzi, che, abolendo la separazione dei poteri, concentra nelle mani del premier molti poteri dello Stato oltre al dominio sul suo partito e di nomina dei futuri parlamentari.

Ora Renzi sta mercanteggiando per far eleggere tre (o almeno due su tre) giudici costituzionali scelti da lui tra esperti che già si sono dichiarati favorevoli all'Italicum, in modo di assicurarsi che la Corte Costituzionale dichiarerà che l'Italicum è costituzionale. E' come se una delle parti di un processo scegliesse tra i propri amici i giudici del medesimo processo prima che questo inizi. Ma l'ambiente parlamentare è notoriamente un foro di mercanteggiamenti, di scambi, di spartizioni, di lottizzazioni, di consociativismo, e non certo di rappresentanza degli interessi nazionali.

A questo punto, se Renzi riuscirà a fare eleggere giudici-amici, il futuro e probabile giudizio di costituzionalità in favore della sua legge elettorale sarà un giudizio contrario ai principi fondamentali di diritto e di decenza. Con una Corte Costituzionale composta di giudici nominati dal premier col voto di una maggioranza parlamentare illegittima (perché dovuta a un premio di maggioranza già giudicato incostituzionale dalla stessa Corte) di un parlamento di nominati, sarà lo sputtanamento finale delle istituzioni, del quale in effetti si sente fortemente il bisogno, per poter finalmente ricominciare a ragionare da zero, da una bella tabula rasa.

Fonte: Marco Della Luna

Better Earth

Nel 2016 a Milano arriva l'EXPO mondiale dei treni

Sputnik. Vyacheslav Reutov
© Sputnik. Vyacheslav Reutov
Milano ospiterà nel giugno del 2016 l'undicesima edizione del World Congress of Railway Research. L'evento è stato presentato a Mosca in occasione del primo Congresso Economico Euroasiatico, svoltosi il 1 dicembre presso il centro stampa internazionale di MIA Rossiya Segodnya.

La presentazione è avvenuta nel corso della tavola rotonda "Progetti Infrastrutturali nei paesi dell'Unione Euroasiatica'' a cui ha preso da parte in regime di videoconferenza da Roma il CEO di Ega Congresses, Claudia Golinelli, che ha annunciato così il forum milanese:

"Dal 29 maggio al 2 giugno 2016 a Milano si svolgerà l'undicesima edizione del World Congress of Railway Research, che avrà come titolo 'Ricerca e innovazione da oggi al 2050'. A questa edizione del WCRR sono attesi 1.000 partecipanti in rappresentanza di 36 nazioni, tra cui la Russia, che si confronteranno sui modelli di evoluzione dell'infrastruttura ferroviaria da qui ai prossimi decenni, anche in relazione alla realizzazione dei nuovi corridoi ferroviari europei, attraverso l'Europa Orientale verso la Cina"


Del comitato organizzatore del WCRR 2016 fanno parte American Railroads), Rail Safety and Standards Board (RSSB), le ferrovie tedesche Deutsche Bahn, le ferrovie francesi SNCF, Railway Technical Reserch Institute (RTRI, appartente al Japan Railways Group), Trenitalia SpA (gruppo FS Italiane) e l'Union International des Chemins de Fer (UIC).