In una recente apparizione su FOX News, il senatore americano Ted Cruz ha dichiarato categoricamente che Vladimir Putin è un delinquente del KGB per aver detto che il più grande disastro geopolitico del 21° secolo è stata la dissoluzione dell'Unione Sovietica. L'articolo attuale dovrebbe spiegare perché Vladimir Putin potrebbe aver detto qualcosa del genere. È la parte 5 di una serie di sei parti sulla transizione della Russia dagli anni Novanta dal comunismo al capitalismo, tratte dal capitolo 3 del mio libro, Grand Deception: the Truth About Bill Browder, The Magnitsky Act, and Anti-Russia Sanctions. La precedente incarnazione del libro è stato bandito l'estate scorsa.

Link ai posti precedenti: introduzione, parte 1, parte 2, parte 3 e parte 4.
russia 1990s
© rarehistoricalphotos.com
Una donna fruga nella sua borsa appoggiata su un martello e falce sovietico abbattuto in una strada di Mosca nel 1991.
"L'America vuole che la Russia aumenti il suo tenore di vita e consumi la maggior parte dei suoi combustibili e delle sue materie prime all'interno? Oppure, vede la possibilità di inchiodare la sua vittoria della Guerra Fredda, distruggendo il potenziale potere della Russia di essere un rivale, trasformandola in un esportatore di petrolio, gas e altre materie prime?" - Il dottor Michael Hudson parla davanti al parlamento russo, il 15 marzo 1999.

"Per sbarcare il lunario, i professori dovevano diventare tassisti, le infermiere diventavano prostitute e i musei d'arte vendevano i quadri appena tolti dalle loro pareti. Quasi tutti i russi sono stati schiacciati e umiliati..." - Bill Browder, Red Notice
Il programma di transizione progettato dallo stato profondo americano e dai suoi mecenati di Wall Street non è stato a dir poco catastrofico per la Russia. La tempesta perfetta dell'improvvisa liberalizzazione dei prezzi, la drastica riduzione della spesa pubblica e del credito bancario, e l'apertura dei mercati interni alla libera concorrenza straniera, produssero una miscela tossica che devastò l'economia russa, distrusse la sua moneta e fece precipitare gran parte della popolazione nella povertà e nella fame. Dopo il 1992, la classe media russa ha visto svanire i loro risparmi e dimezzare i loro salari reali - se avessero avuto la fortuna di riceverli.1

Le riforme economiche hanno rapidamente distrutto la produzione agricola del paese e gli scaffali dei negozi erano quasi vuoti. Nel 1992 il consumatore medio russo ha consumato in media il 40% in meno rispetto al 1991.2 Nel 1998 circa l'80% delle aziende agricole russe fallirono e la nazione, che era uno dei principali produttori alimentari del mondo, divenne improvvisamente dipendente dagli aiuti esteri. Circa 70.000 fabbriche sono state chiuse e la Russia ha prodotto l'88% in meno di trattori, il 77% in meno di lavatrici, il 77% in meno di tessuti di cotone, il 78% in meno di televisori e così via.3 Nel complesso, durante gli anni di transizione, il prodotto interno lordo della nazione è diminuito del 50%, il che è stato ancora peggiore che durante l'occupazione tedesca durante la Seconda Guerra Mondiale.4

Un'enorme parte della popolazione è diventata indigente. Nel 1989 due milioni di russi vivevano in condizioni di povertà (con un minimo di 4 dollari al giorno). A metà degli anni '90, secondo i dati della Banca Mondiale, questo numero è salito a 74 milioni. Nel 1996, un russo su quattro viveva in condizioni descritte come povertà "disperata".5 L'alcolismo è salito e i tassi di suicidio sono raddoppiati, facendo del suicidio la principale causa di morte per cause esterne. Anche la criminalità violenta è raddoppiata all'inizio degli anni '90 e durante i primi sei anni di riforme, quasi 170 mila persone sono state uccise.

È emersa una crisi sanitaria acuta, che ha portato a epidemie di malattie curabili come il morbillo e la difterite. Anche i tassi di cancro, malattie cardiache e tubercolosi sono aumentati fino a diventare i più alti per qualsiasi paese industrializzato del mondo.6 L'aspettativa di vita per i maschi è crollata a 57 anni. Allo stesso tempo, gli aborti sono saliti alle stelle e i tassi di natalità sono crollati: a Mosca erano appena 8,2 su 1.000.7 In totale, i tassi di mortalità della Russia sono aumentati del 60%, ad un livello sperimentato solo dai paesi in guerra.8

I demografi occidentali e russi concordarono che dal 1992 al 2000 la Russia ha sostenuto tra i cinque e i sei milioni di "morti in eccedenza" - morti che non potevano essere spiegate da precedenti tendenze demografiche.9 Ciò corrisponde a una percentuale compresa tra il 3,4% e il 4% della popolazione totale della Russia. Per mettere in prospettiva questo numero, si consideri che nel corso della seconda guerra mondiale il Regno Unito ha perso lo 0,94% della sua popolazione, la Francia l'1,35%, la Cina l'1,89% e gli Stati Uniti lo 0,32%.10 Aleksandr Rutskoy non stava di fatto esagerando quando ha definito il programma di riforme un "genocidio economico".

La situazione della Russia è difficile da comprendere. Sono cresciuto in Croazia, un tempo parte della Jugoslavia. Anche noi avevamo un regime comunista monopartitico e un'economia statale socialista, quindi sono intimamente familiare con i molti difetti di quel sistema. All'incirca nello stesso momento, la Jugoslavia ha anche vissuto una lunga crisi economica e una transizione traumatica verso una democrazia pluripartitica e un'economia di mercato. La transizione ha portato a una serie di sanguinose guerre di secessione che sono durate dal 1991 al 2000. La Croazia è stata in guerra per quattro anni, dal 1991 al 1995. Nonostante tutto ciò, l'esperienza croata può essere stata mite rispetto a quanto è accaduto in Russia. Durante questi anni infelici, la gente in Croazia ha continuato ad andare al lavoro e a ricevere gli stipendi, i servizi sociali sono stati forniti senza interruzioni, i negozi e le farmacie erano sempre ben riforniti e, nonostante un calo tangibile del tenore di vita, la popolazione ha sofferto relativamente poca povertà e praticamente non ha patito la fame. Oltre a coloro che vivevano in zone di combattimento attivo, la popolazione ha potuto adattarsi alle nuove circostanze e la vita è andata avanti.

Per la Russia, le tristi statistiche economiche non trasmettono le sofferenze che il suo popolo ha subito. Sapendo che il russo medio ha consumato in media il 40% in meno nel 1992 rispetto al 1991, o che l'economia ha operato solo con il 15% della valuta necessaria, non viene presa in considerazione la dimensione umana di questa esperienza. Cosa succede al popolo quando la sua nazione è soggetta a una campagna di sabotaggio economico? Una blogger russo-canadese, Nina Kouprianova, ha pubblicato una piccola raccolta di ricordi personali dei russi che hanno vissuto le riforme della terapia d'urto:
  • Natalia: Ricordo un giorno in particolare degli anni '90: la mattina, molto presto, andavamo a fare una passeggiata al parco con i nostri cani. Non abbiamo mai cercato di svegliare i nostri figli nei fine settimana: più dormono, meno mangiano. In ogni caso, abbiamo trovato diversi funghi nel parco e siamo tornati a casa felici, dato che avevamo orzo perlato a casa e potevamo fare la zuppa!
  • Foma: Nella mia città, tutti i piccioni sono stati uccisi [e mangiati]. La gente cercava di fare immersioni nei cassonetti per il cibo.
  • Svetlana: Ho dato alla luce mio figlio nel dicembre del 1993. Quell'inverno particolare era piuttosto freddo, e il nostro condominio non aveva quasi mai il riscaldamento. Quando siamo tornati a casa dall'ospedale, c'erano 10 gradi Celsius all'interno (50 F), così abbiamo vissuto in una piccola stanza senza spegnere la stufa portatile per giorni. Ricordo anche che era persino difficile comprare il sapone: i negozi erano vuoti. Mio padre, che era sempre molto organizzato, un giorno tornò a casa sentendosi estremamente soddisfatto di se stesso, trascinando un barattolo da tre litri con dentro della gelatina puzzolente marrone. Che si rivelò di essere sapone liquido. Abbiamo usato quella sostanza orribile per fare il bagno per molto tempo.
  • Evgenia: Mi vengono i brividi pensare che pure oggi ho paura di rimanere con il frigorifero vuoto, come se fossi cresciuta durante la seconda guerra mondiale a Leningrado assediata [ndr]. Fino ad oggi, mi vergogno fortemente per aver pensato di andare a rubare nei supermercati. E, sì, dovevamo mangiare cibo coperto di muffa.
  • Valentina: La mia amica è svenuta per la fame mentre preparava kasha per i suoi due figlioli. Inoltre non ci pagavano gli stipendi con denaro, ma ad esempio con le lampadine. Poi abbiamo dovuto vendere le lampadine per comprare da mangiare.
  • Elena: Ero felice allora perché ero innamorata. Avevo anche un sacco di farina e un sacco di patate.
  • Roman: Ricordo che mia madre mi comprò una tavoletta di cioccolato Mars per il mio compleanno. Poi non c'erano più dolci per molto tempo, perché avevamo finito i soldi. Quanti morirono allora, in questo modo...
  • Vladimir: Mangiavamo maccheroni. A colazione, pranzo e cena.
  • Marina: Ho capito che abbiamo iniziato a vivere meglio quando abbiamo avuto la possibilità di comprare regolarmente frutta per i nostri figli. Non sto parlando di lime o avocado, ma semplicemente di mele, pere e arance.
  • Yana: All'inizio degli anni '90 ero una studentessa universitaria. Ricordo che un inverno continuavo a sognare le mele. Evidentemente, le vitamine mi mancavano terribilmente, perché le mele erano un lusso enorme per me.
  • Olga: Ho preso la mia bambina di cinque anni (non c'era nessuno che poteva fare da babysitter), mi sono recata nella vicina città (era imbarazzante farlo nella mia città) e ho venduto i vestitini che a mia figlia erano piccoli. Se ero fortunata, allora usavo i soldi guadagnati per comprare da mangiare. Poi è arrivato il baratto...
  • Un uomo anonimo: Per me, la cosa peggiore degli anni '90 non era la fame, ma piuttosto il senso costante, noioso e continuo dell'umiliazione.
  • Asya: Ad ogni ricreazione, mi sedevo alla mia scrivania a scuola perché ero sfinita dalla fame. Non riuscivo a camminare o ridere. Più tardi, ho letto che è così che si sentivano coloro che vivevano a Leningrado assediata. Poi ho smesso di avere il ciclo per sei mesi. Ho anche rubato pane e tvorog [quark - ndr] dal negozio di alimentari un paio di volte.
  • Nina (Kouprianova): Ricordo di aver ricevuto nella mia scuola grandi lattine molto allungate di aiuti umanitari con dentro carne misteriosa. Spam, credo. Era molto scaduto, ma l'abbiamo mangiato. [Ricordo anche] convogli di carri armati apparentemente infiniti sotto le mie finestre, anche se non era una sfilata...
Per persone come Ted Cruz e altri che calunniano sconsideratamente Vladimir Putin come un delinquente del KGB, dovrebbero ricordare che questa era la Russia come Putin l'ha rilevata nel 1999. Coloro che lo demonizzano dovrebbero confrontare la Russia sotto effetto della terapia d'urto prescritta dall'Occidente e la Russia di oggi dopo 18 anni di gestione da parte di Putin di quella nazione. Ecco i risultati di Putin basati su dati empirici provenienti per lo più da fonti occidentali, tra cui Ernst&Young, la Banca Mondiale, VCIOM, Ipsos e Gallup.

Note
  1. Secondo le statistiche della Commissione economica per l'Europa con sede a Ginevra (Engdahl, Come la "terapia d'urto" ha devastato la Russia nel 1993).
  2. (Klein 2007)
  3. (Lindgren 1999)
  4. (Satter 2007)
  5. (Klein 2007)
  6. (MacDonald 2015)
  7. (MacDonald 2015)
  8. Il tasso di mortalità è passato dal 10 per mille nel 1989 al 16 per mille nel 1994, un livello senza precedenti per un paese durante la pace. (Kouprianova 2015)
  9. (Satter 2007)
  10. (Chossudovsky 2010)
grand deception krainer
Informazioni sull'autore

Alex Krainer è un gestore di fondi hedge e scrittore. Il suo libro, bandito da Amazon nel settembre 2017 è ora disponibile in formato pdf, kindle ed epub al seguente link "Grand Deception: Truth About Bill Browder, the Magnitsky Act and Anti-Russian Sanctions". La versione in brossura è ora disponibile qui. Alex ha anche scritto un libro sul trading di materie prime.