... se la nozione di miliardi di barili di riserve di petrolio e miliardi di tonnellate d'oro riempie i vostri sogni con immagini di montagne di denaro facile e di vodka ghiacciata, allora Boris Yeltsin potrebbe trovare un lavoro per voi. - Paul Hofheinz, Fortune Magazine, 23 settembre 19911
L'articolo in questione è un estratto del capitolo 3 del mio libro Grand Deception: the Truth about Bill Browder, Magnitsky Act and Anti-Russian Sanctions. Trovate la prima parte qui. La seconda parte la potete vedere qui.

russia 90s
© Viktor Korotayev/Reuters
Un venditore ambulante dà da mangiare a un cane randagio in un mercato alimentare illegale nella periferia di Mosca, Gennaio 1997
La terapia d'urto ha portato la Russia ad una delle peggiori e più lunghe depressioni economiche del XX secolo, una catastrofe umanitaria senza precedenti per una crisi in tempo di pace, e una privatizzazione criminalmente iniqua dei beni pubblici. Le ragioni per cui le cose sono accadute in questo modo in Russia non sono generalmente ben comprese in Occidente. Anche tra gli intellettuali più informati, il fallimento della terapia d'urto è spesso considerato vagamente legato a qualche sinistro difetto della società russa. È quella che Bill Browder ha definito "la sporca disonestà della Russia", o "la fondazione del male della Russia", che ha generato corruzione e criminalità di proporzioni sbalorditive. In questo ambiente tossico, i dolci frutti della democrazia occidentale e del capitalismo non potevano semplicemente maturare nonostante la generosa benevolenza degli amici occidentali della Russia.

Una tale versione credulona degli eventi non è mai stata basata su un'analisi coerente di ciò che è accaduto in Russia durante gli anni '90. Piuttosto, si basava su una gestione propositiva della percezione nei media occidentali. Nell'aprile 2015, il Washington Post ha fornito un buon esempio di questa gestione della percezione. In un articolo del comitato editoriale, il Washington Post ha informato i suoi lettori che negli anni '90, "migliaia di americani sono andati in Russia sperando di aiutare il suo popolo ad ottenere una vita migliore. Lo sforzo americano e occidentale negli ultimi 25 anni - a cui gli Stati Uniti e l'Europa hanno dedicato miliardi di dollari - era volto ad aiutare la Russia a superare l'orribile eredità del comunismo sovietico, che ha messo il paese in ginocchio nel 1991. ... Gli americani", scrivono i redattori del Washington Post, "sono venuti con le migliori intenzioni. .... una mano generosa è stata estesa alla Russia post-sovietica, offrendo il meglio dei valori e delle competenze occidentali".2

Infatti, il ruolo dell'Occidente nella transizione russa è quasi sempre rappresentato come una generosa benevolenza. Mentre molti tra gli aiutanti occidentali della Russia sono arrivati con intenzioni sincere e onorevoli, l'intero progetto, nella misura in cui era determinato dalla sua struttura di comando e controllo, era semplicemente una colossale e spudorata impresa criminale.

La Dittatura politica del FMI

Quando Jeffrey Sachs ha elaborato le sue raccomandazioni per la terapia d'urto, ha stimato che per il successo delle riforme, l'Unione Sovietica avrebbe avuto bisogno di un sostegno finanziario di circa 15 miliardi di dollari l'anno per molti anni. Questo denaro è necessario affinché lo Stato possa continuare ad assicurare servizi sociali essenziali come le pensioni, l'assistenza sanitaria e gli aiuti alimentari per la popolazione del paese. Ma mentre il FMI e il governo degli Stati Uniti hanno insistito affinché Mosca attui costantemente le misure draconiane della terapia d'urto, si sono rifiutati ostinatamente di fornire gli aiuti finanziari necessari. Sachs ha anche proposto di ridurre il debito dell'URSS che, prima del suo crollo nel 1991, era già indietro nei pagamenti ai creditori stranieri per ben 60 miliardi di dollari.

Quando consigliò il governo boliviano (1985-1986) e polacco (1989-1991) nell'implementazione delle proprie terapie d'urto, Sachs fu in grado di negoziare una riduzione del 50% del debito per la Polonia e del 90% per la Bolivia. Al contrario, la Russia non avrebbe avuto alcun tipo di riduzione del debito. Anzi, in occasione del vertice del G7 tenutosi a Mosca nel novembre 1991, i rappresentanti delle sette maggiori potenze occidentali insistettero che l'Unione Sovietica doveva continuare a pagare a tutti i costi il suo debito estero, minacciando persino Yegor Gaidar che "qualsiasi sospensione del pagamento del debito avrebbe portato all'immediata sospensione degli aiuti alimentari urgenti e che le navi che erano quasi arrivate ai porti del Mar Nero avrebbero fatto marcia indietro".3 L'impegno di Mosca di adempiere a questi obblighi di pagamento ha completamente esaurito il tesoro del governo in soli tre mesi (nel febbraio del 1992).

Sachs ha poi riferito che nel dicembre del 1991 ha tenuto colloqui con l'FMI invitando i suoi rappresentanti a portare avanti il sostegno finanziario necessario per la transizione della Russia, ma loro hanno insistito sul fatto che la Russia non ha bisogno di tale assistenza e che hanno informato i G7 di agire di conseguenza. Sachs ha trovato la metodologia su cui il FMI ha basato la sua decisione "primitiva oltre ogni immaginazione", il che lo ha portato a supporre che il FMI stesse semplicemente "prendendo le decisioni politiche già stabilite dagli Stati Uniti". Aveva ovviamente ragione: come ora sappiamo, la politica di aiuto degli Stati Uniti alla Russia è stata determinata da due agenzie governative statunitensi chiave: il Dipartimento del Tesoro gestito da Robert Rubin con Lawrence Summers responsabile degli affari russi, e il Consiglio di Sicurezza Nazionale.4

Per essere chiari, l'FMI ha anticipato alcuni prestiti alla Russia durante il periodo di transizione, ma gli importi in questione erano troppo piccoli e sono arrivati troppo tardi per fornire un aiuto economico o sociale significativo. Nel complesso, tra il 1993 e il 1999 l'FMI ha prestato alla Russia tra i 30 e i 40 miliardi di dollari, ben lungi dai 15 miliardi di dollari all'anno ritenuti necessari per sostenere le sue riforme economiche. Inoltre, la maggior parte dei prestiti del FMI sono stati concessi alle banche private appartenenti agli oligarchi, che li hanno utilizzati per finanziare la fuga di capitali, la speculazione sul mercato obbligazionario e per scommesse contro il rublo.5

Ci sono stati altri aspetti problematici relativi ai prestiti dell'FMI: nel 1995, con pochissime condizioni, l'FMI ha concesso alla Russia un prestito di 6,7 miliardi di dollari attraverso la sua Systematic Transformation Facility. Praticamente l'intera somma di 6,7 miliardi di dollari è stata utilizzata per finanziare le incursioni militari di Eltsin contro la Cecenia.6 L'operazione è stata un disastro, ma a livello nazionale ha avuto lo scopo di distrarre l'attenzione dell'opinione pubblica dai problemi economici e dalla corruzione politica. Il prossimo prestito del FMI alla Russia è stata una missione velata per salvare Eltsin e il suo governo dalla democrazia russa. In particolare, la disavventura cecena costò caro a Eltsin nelle elezioni parlamentari del dicembre 1995 e il suo partito subì una devastante sconfitta per i comunisti.

Il Presidente stesso era diventato profondamente impopolare. Con il suo indice di gradimento che oscillava tra il 4% e il 6%,7 Eltsin correva il rischio reale di perdere le elezioni presidenziali del giugno 1996, che rischiavano di nuovo di invertire la transizione della Russia e di annullare la privatizzazione della sua economia. Per evitare ciò, il gabinetto di Eltsin assunse una squadra di strateghi politici americani legati all'amministrazione di Clinton per assistere la sua campagna elettorale. Quando gli americani arrivarono a lavorare nel marzo del 1996, una delle prime cose di cui si resero conto fu che il popolo russo era furioso per il mancato pagamento da parte del governo di stipendi e pensioni statali per diversi mesi. Washington ha ricevuto il segnale e il FMI è intervenuto: ha prontamente erogato una tranche di 1 miliardo di dollari del successivo prestito di 10,2 miliardi di dollari, in modo che Eltsin potesse pagare tutti gli stipendi e le pensioni che il suo governo doveva pagare. Il prestito mirava a migliorare l'impopolarità di Eltsin e a far apparire le elezioni truccate un po' meno sospette.

Il FMI ha approvato il suo più grande prestito di 22,6 miliardi di dollari alla Russia il 20 luglio 1998, mentre il suo governo in fallimento é scivolato inesorabilmente verso l'insolvenza. Il prestito serviva a due scopi fondamentali: gran parte di esso era un dono agli oligarchi per aver convertito le loro montagne di rubli in dollari. Nel giro di quattro settimane hanno acquistato 6,5 miliardi di dollari e ne hanno trasferito la maggior parte nelle banche straniere.8 La maggior parte del resto del prestito del FMI è stato un salvataggio furtivo per le istituzioni finanziarie occidentali che avevano circa 200 miliardi di dollari di prestiti e investimenti in Russia. Le banche temevano la prospettiva di un'insolvenza russa che li avrebbe lasciati con perdite paralizzanti. Questi rischi si aggravarono ulteriormente all'indomani della crisi finanziaria dell'Asia orientale del 1997 che avrebbe travolto la Russia nel 1998.

In una testimonianza davanti al Congresso degli Stati Uniti, l'investitore veterano Jim Rogers ha caratterizzato l'assistenza del FMI alla Russia come segue: "Le attività dell'organizzazione sono sgranate in una prosa bigotta sull'aiuto ai poveri e sull'innalzamento del tenore di vita nel terzo mondo. Non fatevi ingannare. Questi salvataggi riguardano in realtà la protezione degli interessi di Chase Manhattan, J.P. Morgan e Fidelity Investments."9

Oltre a soffocarla con un debito infruttuoso, il FMI ha progettato in Russia anche l'iperinflazione e una crisi di liquidità. Dopo aver eliminato il controllo dei prezzi, il FMI ha obbligato la Russia a mantenere il rublo come moneta unica per tutti gli stati successori dell'Unione Sovietica, dando a ciascuno dei 15 nuovi paesi l'incentivo ad emettere crediti in rublo a proprio vantaggio, alimentando al contempo l'inflazione per tutti gli altri. Sachs ha riferito di aver strenuamente discusso con il FMI contro questa misura, ma "per motivi inspiegabili", è stato costantemente ignorato. Il risultato è stato un ritardo di un anno nell'introduzione delle valute nazionali per le ex repubbliche sovietiche, spingendo la Russia nell'iperinflazione e prolungando inutilmente la depressione economica. Allo stesso tempo, il FMI ha progettato l'impressionante crisi di liquidità della Russia, che ha reso quasi impossibile alle imprese di pagare i loro fornitori e dipendenti. Secondo quanto stabilito dal FMI, l'economia russa è stata costretta a sopravvivere a denti stretti usufruendone solo un sesto della valuta necessaria per operare un'economia delle sue dimensioni.

Il livello di controllo dell'FMI sull'economia russa è stato esemplificato in una lettera del rappresentante del FMI Yusuke Horaguchi al presidente della banca centrale russa Sergei Dubininin. La lettera specificava il calendario preciso dell'approvvigionamento di rubli della Russia, insieme alle istruzioni "duramente formulate" riguardanti i crediti bancari, il bilancio statale, la politica energetica, i livelli dei prezzi, le tariffe commerciali e le politiche agricole. La lettera di Horaguchi includeva anche un avvertimento che qualsiasi atto del parlamento che contravvenisse ai mandati del FMI sarebbe stato messo al veto dal presidente Eltsin.10

È chiaro che la "terapia d'urto" è stato poco più di un implacabile e crudele strangolamento dell'economia russa per facilitare il saccheggio della sua vasta ricchezza industriale e di risorse. Tuttavia, la maggior parte delle analisi di questo episodio pubblicate dall'Occidente tendono a trattarlo come un fallimento delle buone intenzioni. Pur lamentando i risultati e alcune pratiche discutibili, la maggior parte degli analisti attribuiscono essenzialmente il fallimento della transizione russa agli errori onesti, la corruzione endemica della Russia e forse l'inesperienza dei protagonisti del dramma. In New York Review of Books, Robert Cotrell fornisce un tipico esempio: "Non si può davvero biasimare i movimenti democratici giovanili per questo fallimento. Erano dilettanti e innocenti con una comprensione nebulosa al meglio di quello che volevano ottenere e nessuna comprensione di quanto bisognava concretamente raggiungere".11 Goldman Marshall di Harvard e del Council of Foreign Relations scrisse: "Certo, ci sono state segnalazioni inquietanti di transazioni losche durante le acquisizioni, ma la maggior parte degli osservatori le ha spiegate come inevitabili effetti collaterali di una trasformazione di così vasta portata".

Naturalmente, Marshall non specifica come e dove ha intervistato questi cosiddetti "osservatori", ma il suo messaggio ai lettori è inequivocabile: fatevi i cazzi vostri, non c'è nulla da vedere qui - soprattutto non badate minimamente al fatto che molte di quelle migliaia di occidentali che vennero in Russia "per le migliori ragioni", compresi Bill Browder, Andrei Schleifer e Jonathan Hay,12 sono tornati dalla Russia come multimilionari. La giornalista sulla finanza Anne Willamson, che ha trattato della questione russa per il New York Times e il Wall Street Journal ha giustamente osservato nella sua testimonianza al Congresso che "gli americani, che pensavano che il loro denaro aiutasse una terra colpita, sono stati disonorati; e il popolo russo che si è fidato di noi è ora indebitato il doppio rispetto al 1991 e si sente giustamente tradito".

Annotazioni
  1. La citazione della rivista Fortune è corretta, ma sarebbe da aggiungere una correzione: né la Russia né il resto del pianeta Terra hanno miliardi di tonnellate d'oro. Forse Hofheinz non pensava che milioni di grammi suonassero abbastanza allettanti.
  2. (Hiatt 2015)
  3. (Sachs 2012)
  4. (Wedel 1998)
  5. Come ha spiegato il Dr. Michael Hudson nella sua testimonianza del 1999 davanti alla Duma russa, le banche hanno negoziato contratti a termine in valuta, cambiando rubli in dollari in una data futura, di solito tre mesi. Poiché il tasso di cambio del rublo è diminuito notevolmente, le banche hanno realizzato enormi profitti su queste operazioni. Il FMI ha giustificato il finanziamento di questa pratica come sostegno al rublo, ma si trattava in effetti di un semplice omaggio alle banche a spese del popolo russo. (Hudson 1999).
  6. (Sailer 2014)
  7. Quando Eltsin cedette la presidenza a Vladimir Putin, la sua popolarità era scesa ad appena il 2%, rendendolo forse il leader più impopolare nella storia dell'umanità!
  8. (Browder, Red Notice 2015)
  9. Tratto dalla testimonianza di Jim Rogers del 10 settembre 1998 davanti al Congresso degli Stati Uniti.
  10. (Williamson, Russia's Fiscal Whistleblower 1998)
  11. (Cottrell 2001)
  12. Durante il periodo di gestione delle operazioni dell' HIID a Mosca, Andrei Schleifer e Jonathan Hay hanno approfittato della loro posizione e delle loro relazioni per effettuare investimenti personali in Russia. Un'indagine dell'FBI e del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha trovato prove di frode e riciclaggio di denaro sporco da parte dei consulenti di Harvard. Nel 2004, Schleifer è stato dichiarato colpevole di frode e ha accettato di pagare una multa di 31 milioni di dollari per risolvere il caso. Non solo l'Università di Harvard ha continuato a difendere Schleifer negli 8 anni di indagini e processi, ma ha pagato la maggior parte della multa di Schileifer e gli ha permesso di continuare ad insegnare alla facoltà universitaria.
Alex Krainer è un gestore di fondi hedge e scrittore. Il suo libro, bandito da Amazon nel settembre 2017 è ora disponibile in formato pdf, kindle ed epub al seguente link "Grand Deception: Truth About Bill Browder, the Magnitsky Act and Anti-Russian Sanctions". La versione in brossura è ora disponibile qui. Alex ha anche scritto un libro sul trading di materie prime.
Originariamente pubblicato sul blog di Krainer, The Naked Hedgie.