L'articolo seguente è la parte 4 di una serie di sei puntate sulla transizione della Russia dal comunismo al capitalismo durante gli anni '90. Collegamenti ai post precedenti: introduzione, parte 1, parte 2, parte 3. Si tratta di un estratto dal capitolo 3 del mio libro, Grand Deception: the Truth About Bill Browder, The Magnitsky Act and Anti-Russia Sanctions. La precedente incarnazione del libro è stata bandita l'estate scorsa da alcuni degli stessi attori di cui discuteremo oggi. Questo post dovrebbe rivelarsi rilevante oggi, alla luce dei rimproveri isterici del recente vertice del presidente Trump con la sua controparte russa in Finlandia, in particolare per quanto riguarda il ruolo e l'affidabilità della cosiddetta "comunità dell'intelligence".

yeltsin gorbachev
Ora, perché l'Occidente sta applaudendo Gorbaciov e Yeltsin? Pensate che l'Occidente vuole che il popolo sovietico viva nel lusso, che sia ben nutrito? Niente affatto! L'Occidente vuole che l'Unione Sovietica venga smembrata. Gorbaciov e Eltsin sono degli eroi negli occhi dell'Occidente in quanto protagonisti della distruzione del proprio paese. - Alexander Zinoviev, marzo 1990 sul canale televisivo francese Antenne 2 durante un dibattito con Boris Yeltsin.
I commentatori occidentali di solito si concentrano sul periodo dal 1991 al 2000 e incolpano l'amministrazione di Bill Clinton per aver gestito male i loro aiuti alla Russia. Tuttavia, incolpare l'amministrazione Clinton è un po' come leggere un libro dal centro piuttosto che dall'inizio. Per capire il ruolo del governo degli Stati Uniti nella tragedia russa, dobbiamo tornare indietro di almeno dieci anni, agli inizi dell'amministrazione del presidente Ronald Reagan. Dobbiamo anche distinguere tra il legittimo governo degli Stati Uniti e una struttura di potere illegale e parallela che opera al suo interno. Per molto tempo, questo "governo segreto" non ha potuto essere discusso in una società educata perché la sua esistenza era considerata una teoria di cospirazione assurda.

Ma tutto cambiò nell'autunno del 1986, quando un aereo americano di rifornimento fu abbattuto sopra il Nicaragua e le vendite illegali di armi di Reagan all'Iran vennero scoperte. Questi eventi portarono alla luce l'affare "Iran-Contra". Un'indagine parlamentare completa è stata avviata e le sue procedure hanno rivelato l'esistenza di una struttura di potere parallela che opera illegalmente all'interno di una legittima struttura di governo. Per la prima volta, le azioni di questa rete, chiamata anche governo ombra, stato profondo o l'Agenzia, sono state messe agli atti e non possono più essere scartate come mera teoria del complotto.

Nel suo rapporto speciale intitolato "Secret Government", il giornalista Bill Moyers ha descritto l'organizzazione come "una rete intrecciata di funzionari ufficiali, spie, mercenari, ex-generali, profittatori e super-patrioti che per una varietà di motivi operano al di fuori delle legittime istituzioni del governo. I presidenti si rivolgono a loro quando non riescono a conquistare il sostegno del Congresso o del popolo, creando quel potere incontrollato tanto temuto dagli inquisitori della nostra costituzione". L'ultimo senatore Daniel Inouye lo ha caratterizzato come "un governo oscuro con la propria forza aerea, la propria marina, i propri meccanismi di raccolta fondi e la capacità di perseguire le proprie idee di interesse nazionale, libero da ogni controllo ed equilibrio, e libero dalla legge stessa".1

Ai fini della nostra analisi è importante tenere a mente l'esistenza di questa rete come anche il nome di William Casey, il più alto funzionario dell'amministrazione Reagan ad essa direttamente associato.

I guerrieri freddi dell'amministrazione Reagan pronti all'Attacco...

Quando Reagan entrò in carica nel 1981, nominò William Casey come Direttore della Central Intelligence (DCI).2 Casey era il responsabile della campagna elettorale di Reagan, ma non era un semplice apparatchik di partito. Aveva stretti legami negli ambienti politici, finanziari e dell'intelligence e contava tra le persone più potenti dell'establishment statunitense.3 Fu Casey, infatti, a proporre l'ex direttore della CIA e co-cospiratore chiave di Iran-Contras George H. W. Bush come vicepresidente in qualità nella lista elettorale repubblicana. Reagan ha fatto di Casey un membro del suo governo, il che ha causato una certa costernazione a Washington, dal momento che questa è stata la prima volta nella storia che il DCI sarebbe stato anche un membro del governo. Casey è stato incaricato del mandato "per costruire la capacità della C.I.A. di intraprendere azioni militari e politiche al di fuori degli Stati Uniti".4 Questa missione era abbastanza importante da giustificare un aumento del 17% del bilancio della CIA ogni anno fino agli anni '80.5

Casey era uno strenuo anticomunista con una visione molto ostile dell'Unione Sovietica. Questo antagonismo influenzò il suo lavoro e a volte causò gravi tensioni all'interno della comunità governativa e dell'intelligence, in particolare presso l'Ufficio di Analisi Sovietica della CIA (SOVA). Casey ha sistematicamente richiesto le interpretazioni più rigide degli affari sovietici nei rapporti dell'intelligence della CIA, anche quando le prove non erano a sostegno del suo caso. Gli analisti che hanno resistito a questa pressione sono stati intimiditi e marginalizzati quali simpatizzanti comunisti. La posizione antisovietica di Casey è arrivata a tal punto che il segretario di Stato George Schultz ha riferito in seguito che egli è venuto a diffidare di tutti i documenti di intelligence relativi all'URSS. Il senatore Daniel Moynihan andò oltre, accusando apertamente l'agenzia di intelligence di mentire, "ripetutamente ed egregiamente".6

L'economia sovietica era uno dei punti focali di interesse della CIA. L'agenzia seguì da vicino gli sviluppi economici sovietici e produsse una relazione annuale al Comitato economico congiunto del Congresso degli Stati Uniti. Già alla fine degli anni '70, la CIA ha riconosciuto gravi problemi economici nell'URSS. Il rapporto del 1977 rilevava che "la combinazione di rallentamento della crescita economica e l'aumento delle spese militari porrà scelte difficili per la leadership nei prossimi anni".7 Le condizioni continuarono a peggiorare negli anni e quando Mikhail Gorbaciov salì al potere nel 1985, la crescita economica si era ridotta quasi a zero. Gorbaciov era profondamente consapevole della necessità di una drastica riforma del sistema, ma si trovava ad affrontare un campo minato di problemi economici, politici e sociali che si erano aggravati per decenni e sfidavano qualsiasi soluzione diretta. Un rapporto della Direzione dell'Intelligence ha sottolineato che le riforme di Gorbaciov non potevano "contemporaneamente mantenere una rapida crescita della spesa per la difesa, soddisfare la domanda di una maggiore quantità e varietà di beni di consumo e servizi, investire nelle quantità necessarie per la modernizzazione e l'espansione economica e continuare a sostenere le economie dello stato-cliente".8

Circa sei mesi dopo il mandato di Gorbaciov, il ramo per le questioni sociali della SOVA, recentemente creato dalla CIA, ha pubblicato un rapporto completo intitolato "Domestic Stress on the Soviet System", che descrive in dettaglio le molte questioni che riguardano la società sovietica. Il rapporto ha notato che l'URSS è ostacolata da una forza operaia apatica afflitta da una crescente criminalità e alcolismo, e che il suo sistema politico, la burocrazia parassitaria e la leadership moribonda ostacolano la crescita economica e le riforme. Ha sottolineato le crescenti pressioni esercitate dalle aspirazioni del popolo sovietico e l'incapacità del sistema di fornire loro dei veri e propri luoghi di realizzazione.

La CIA ha capito che queste tensioni erano potenzialmente una minaccia alla stabilità del regime stesso: "queste tensioni potrebbero alla fine affrontare il regime con sfide che non può contenere efficacemente senza un cambiamento di sistema e i rischi di controllo che accompagnano tale cambiamento".9 Questo rapporto era così importante per la politica sovietica dell'amministrazione Reagan che il suo autore principale, Kay Oliver, ha informato personalmente il Presidente sulle sue scoperte e implicazioni: che il sistema sovietico era insostenibile, che aveva bisogno di drastiche riforme sociali ed economiche, e che tali riforme potevano destabilizzare il regime e far perdere al partito comunista il controllo politico sul paese.

Gli osservatori occidentali erano consapevoli che se Gorbaciov avesse seriamente perseguito le riforme necessarie, avrebbe messo a repentaglio il controllo del paese da parte del partito comunista e avrebbe rischiato il proprio suicidio politico. Di conseguenza, una parte dell'establishment di politica estera pensava che Gorbaciov si limitasse a posare per guadagnare tempo e ottenere concessioni e aiuti dall'Occidente. Nel 1987, il tenente generale della NSA William Odom notò: "Sembra sempre più chiaro che Gorbaciov stesso non intende attuare un cambiamento sistemico. ... Se ciò che si intende per riformare è un significativo miglioramento del tenore di vita dei cittadini sovietici e una maggiore protezione dei loro diritti individuali ai sensi della legge, questo tipo di riforma non può andare molto lontano senza portare ad un cambiamento sistemico - il tipo di cambiamento che Gorbaciov non può volere."

Ma gli scettici avrebbero presto dovuto riconsiderare la loro diffidenza nei confronti del Segretario Generale: nell'autunno del 1988 Gorbaciov, che ora era sotto la crescente pressione dei comunisti della vecchia guardia, chiese di indire elezioni multipartitiche e si mosse per aggirare gli estremisti cercando la sua stessa nomina a presidente. Divenne chiaro che le sue riforme erano reali e lui intendeva attuarle. Tuttavia, Gorbaciov a questo punto stava sfidando gli interessi vitali di così tanti giocatori che un grande conflitto all'interno della leadership del partito comunista si stava costruendo. Le circostanze lo costrinsero ad accelerare le riforme e le sue misure divennero visibilmente più affrettate ed erratiche, generando uno scomodo livello di incertezza che avrebbe avuto effetti negativi sull'economia. Di conseguenza, nel 1988 l'economia ha ripreso a peggiorare.

La crescente vulnerabilità dell'URSS rappresentò un'occasione d'oro per i guerrieri freddi americani per sconfiggere il loro grande rivale geopolitico. Per i fanatici anticomunisti e i loro signori finanzieri, questa fu un'opportunità troppo grande da ignorare e decisero di assumere un ruolo attivo nella gestione della ricaduta incombente. Come ha detto Jack Matlock, assistente speciale del Consiglio di sicurezza nazionale di Reagan, "Quello che dovevi fare era trovare una strategia che ti proteggesse se [la vera riforma] non avesse avuto successo, e che ne avrebbe tratto vantaggio se avesse avuto successo. Ed è quello che abbiamo ideato noi. Era una strategia priva di lati negativi".10

Da allora, alcuni elementi di quella politica erano trapelati nell'opinione pubblica. Fonti russe hanno rivelato un presunto documento della CIA del 1986 intitolato "Change the Constitutional and Political System in Eastern Europe and the URSS". Il documento illustrava le misure chiave della politica statunitense. Queste includevano il reclutamento di collaboratori tra i rappresentanti influenti dell'apparato statale, l'integrazione delle istituzioni pubbliche e finanziarie nel sistema politico ed economico dello Stato, e "l'impostazione del controllo sui flussi finanziari e la rimozione di beni dalle economie dei paesi sviluppati".11 Con lo svolgersi degli eventi, essi hanno ampiamente confermato l'autenticità di questi documenti trapelati. Così come varie altre fonti ufficiali americane.

Preparare il terreno in Unione Sovietica

Il crollo dell'URSS ha scatenato un'ondata di giubilo tra le fila della leadership americana, dei funzionari pubblici e degli opinion maker. Nella loro corsa trionfalistica per prendersi il merito di aver sconfitto il flagello del comunismo, molti di loro hanno parlato apertamente, anche con vanto delle loro azioni, rivelando piuttosto molto di ciò che era effettivamente accaduto. Uno di questi fanatici era il David Ignatius del Washington Post. Per un giornalista, egli si trovò alquanto vicino alla pancia della bestia. Laureato ad Harvard e Cambridge, il suo reportage di Washington copriva il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, il Senato e la CIA. I suoi articoli sulle attività della CIA, in particolare, sono stati oggetto di derisione per il suo tono credulone e la sua parzialità da PR. Il veterano Melvin Goodman, agente della CIA, ha definito Ignazio "l'apologeta di lunga data del Washington Post per la CIA...."12 Questo dettaglio su Ignazio è rilevante per la nostra analisi perché indica le sue alleanze e gli stretti legami all'interno della comunità dell'intelligence.

Poco dopo il colpo di stato anticomunista dell'agosto 1991 in Russia,13 Ignazio scrisse un articolo sul Washington Post che esaltava il ruolo degli operatori "pro-democrazia" occidentali nel far crollare il regime sovietico. Mostrando una certa folle ammirazione per la "più grande rivoluzione democratica che ha travolto il mondo", Ignazio fa una rivelazione sorprendente sulla realizzazione di questa rivoluzione: "A preparare il terreno per il trionfo del mese scorso14 è stata una rete di operatori attivi che negli ultimi 10 anni hanno silenziosamente cambiato le regole della politica internazionale. Hanno fatto apertamente quello che la CIA faceva occultamente - fornendo denaro e sostegno morale ai gruppi a favore della democrazia, addestrando i combattenti della resistenza, lavorando per sovvertire il dominio comunista".15

Ignazio può essere un po' insincero nell'insistere sul fatto che queste attività erano evidenti e non occulte. Cose come l'addestramento dei combattenti della resistenza e il lavoro per sovvertire il dominio comunista non avrebbero potuto essere fatti apertamente. Forse solo per effetto, Ignazio si limitò a scrivere male la parola occulto omettendo la "c" - un po' come se definissi le sue affermazioni come rap.

Ignazio individua il lavoro dell'attivista filodemocratico Allen Weinstein che ha iniziato ad organizzare i dissidenti sovietici già nel 1980. Weinstein "si collegò rapidamente con la rete di attivisti a favore della democrazia..... Presto sponsorizzò conferenze per i dissidenti, organizzando visite per loro negli Stati Uniti così aggravando ancora di più la situazione politica in URSS."16 All'inizio Boris Yeltsin e i suoi aiutanti furono attirati nella "suite di ospitalità transatlantica di Weinstein". Weinstein rimase in stretta comunicazione con la cerchia di Eltsin, in particolare durante gli eventi critici dell'agosto 1991. "Quando gli aiutanti di Boris Eltsin cercavano di raccogliere il sostegno per la loro resistenza a Mosca il 19 agosto", scrive Ignazio, "avevano bisogno di trasmettere il loro messaggio di sfida alla Russia e al mondo". Uno di loro ha faxato Weinstein a Washington, chiedendo che il presidente americano rilasciasse una dichiarazione pubblica di sostegno a Eltsin. Prontamente, George Bush chiamò Eltsin per esprimere il suo sostegno e poi andò in televisione per descrivere la loro conversazione telefonica. La capacità di Weinstein di coinvolgere il Presidente degli Stati Uniti con un preavviso così breve è stata davvero un'incredibile impresa di networking di potere per un umile attivista a favore della democrazia.

Naturalmente, Weinstein non era l'unico operativo che "creava problemi" contro l'URSS. Ignazio accredita anche William Miller del Comitato americano per le relazioni tra Stati Uniti e Unione Sovietica, George Soros della Open Society Foundation, John Mroz del Center for East-West Security Studies, John Baker del Consiglio Atlantico e Harriett Crosby dell'Institute for Soviet-American Relations. Il National Endowment for Democracy (NED) guidato da Zbigniew Brzezinski che era il "padrino delle rivoluzioni colorate".17 Per anni ha operato all'interno dell'Unione Sovietica - apertamente, ovviamente - finanziando vari sindacati sovietici e il liberale "Gruppo Interregionale" nel Congresso dei Deputati del Popolo. Il Gruppo Interregionale è stato il primo gruppo di opposizione legalmente organizzato in Unione Sovietica ed è stato successivamente identificato come il primo catalizzatore delle "riforme democratiche" in Russia.

Possiamo ora discernere vagamente come Boris Eltsin, un apparatchik del partito comunista di Sverdlovsk in Siberia, si sia imbattuto nell'intero complotto di abbattere il regime comunista sovietico e privatizzare la ricchezza della Russia. Il leader populista era ben noto come un ambizioso carrierista disposto a "calpestare chiunque per raggiungere il suo obiettivo"18 e aveva accumulato un impressionante record di problemi per il partito comunista. Tra le altre cose, Eltsin predicò della democrazia multipartitica al Komsomol, la Lega Comunista Giovanile, dove i futuri oligarchi russi furono reclutati e preparati per partecipare alla privatizzazione della Russia per conto dei loro sponsor occidentali.

Nel 1987 i guai di Eltsin portarono ad una collisione con le autorità comuniste di Mosca dopo che egli criticò pubblicamente la dirigenza del partito per aver ostacolato le riforme. La critica pubblica ai dignitari del partito era un grave affronto in URSS. E 'stato fortemente rimproverato, escluso dalla politica, e costretto a tornare a Sverdlovsk a una semplice funzione di gestione aziendale. Durante il suo esodo, ma forse anche prima, Boris Eltsin è stato strettamente associato a una cerchia di dissidenti liberali e accademici guidati da Gennady Burbulis. Burbulis era il leader e uno dei fondatori del suddetto "Gruppo Interregionale", finanziato dal National Endowment for Democracy degli Stati Uniti. Burbulis è diventato uno dei più stretti collaboratori di Eltsin e lo ha aiutato a ristabilire la sua carriera politica. Nel 1991, ha gestito con successo le elezioni di Eltsin per la presidenza russa (giugno 1991) ed è diventato il primo segretario di Stato nel gabinetto di Eltsin.

Non appena Eltsin divenne presidente nel 1991, l'avanguardia di Harvardites e di altri occidentali cominciò ad arrivare a Mosca. Passarono del tempo in una dacia fuori città per reclutare i loro collaboratori russi e tracciare il corso degli eventi che avrebbero determinato il tragico destino della Russia per il resto del decennio.

Non dobbiamo presumere che tutte le persone coinvolte abbiano lavorato per la CIA o abbiano consapevolmente cercato di danneggiare la Russia. Con ogni probabilità, la maggior parte dei riformatori russi erano persone che desideravano seriamente il cambiamento da un sistema insostenibile e insoddisfacente che stava crollando su se stesso. Senza dubbio, molti di loro furono sedotti dalla promessa della democrazia e del capitalismo in stile occidentale, che sembravano molto meglio in grado di soddisfare i bisogni e le aspirazioni della gente. Quando Boris Yeltsin stesso visitò gli Stati Uniti nel settembre del 1989, rimase ipnotizzato dallo sfarzo e dall'abbondanza che vide a Houston e Miami. Quando i suoi ospiti lo portarono con il suo staff in un supermercato a Clear Lake in Texas, Yeltsin osservò con stupore che in Russia, anche i membri del politburo non potevano sognare una tale abbondanza e varietà di beni come quelli disponibili per qualsiasi classe media americana.

yeltsin us 1989
© Houston Chronicle
Boris Yeltsin visitando un supermercato americano nel settembre 1989. Anche i membri del politburo dell'URSS non potevano sognare la varietà e l'abbondanza a disposizione di qualsiasi consumatore americano della classe media.
Tutto questo deve aver fatto una profonda impressione su Boris Eltsin e forse ha acceso in lui la volontà di fare tutto il necessario per fare anche della Russia una terra di ricchezza, abbondanza e progresso tecnologico. Se gli americani ce l'hanno fatta, vuol dire che seguire i loro consigli sarebbe stata la cosa giusta da fare. Ma dove i riformatori russi hanno visto l'esca, non hanno visto il gancio. La generosa cordialità esterna dei leader americani disarmò i russi che pensavano che, abbandonando il comunismo, ora sarebbero stati amici e alleati degli americani.

Questa illusione fu probabilmente rafforzata dall'amicizia reale e sincera della maggioranza di quegli americani e di altri occidentali che andarono in Russia per condividere il loro know-how e aiutare a guidare le riforme. Ma le persone che erano più in alto al comando di questo progetto non erano né altruistiche né amichevoli. La loro mentalità era radicata nelle animosità della guerra fredda e il loro obiettivo era quello di sconfiggere, smembrare e saccheggiare la Russia delle sue ricchezze, e lasciarla così indebolita e impoverita che non avrebbe mai più potuto sfidare l'egemonia americana. Il deputato di William Casey, Robert Gates19 ci ha dato un assaggio di questa mentalità nel 1986, dichiarando: "Siamo impegnati in una lotta storica con l'Unione Sovietica .... [I sovietici] usano il conflitto nel terzo mondo per sfruttare le divisioni nell'Alleanza e per cercare di ricreare le divisioni interne causate dal Vietnam per indebolire la reazione occidentale e provocare disaccordo su una più ampia politica di sicurezza e difesa nazionale."20

Gates ha accusato i sovietici di puntare a quattro aree di espansione: i giacimenti petroliferi mediorientali, l'istmo del Canale di Panama, la ricchezza mineraria del Sud America e l'alleanza politica e militare occidentale. In altre parole, l'amministrazione Reagan vedeva l'Unione Sovietica soprattutto come rivale in una lotta globale per le risorse. Lo stesso Robert Gates avrebbe poi riconosciuto che la CIA aveva condotto una campagna di sabotaggio economico contro l'URSS e si è preso il merito di aver portato alla caduta del comunismo, che considerava "il più grande dei trionfi americani".

Note
  1. (Moyers 1987)
  2. L'ufficio del direttore dell'intelligence centrale (DCI) è stato operativo dal 1946 al 2005. Il direttore ha diretto e coordinato le attività di tutte le agenzie di intelligence, ha agito come principale consigliere di intelligence del Presidente degli Stati Uniti e del Consiglio di sicurezza nazionale e ha anche agito come capo del C.I.A.
  3. Durante la seconda guerra mondiale, William Casey ha lavorato con l'Army Intelligence e l'Office of Strategic Services (predecessore della CIA). Sotto la presidenza di Ford, ha fatto parte del Foreign Intelligence Advisory Board, un comitato esecutivo della comunità dell'intelligence statunitense. Durante l'amministrazione di Nixon, ha diretto la Securities and Exchange Commission. Dopo questo incarico ha preso in carico la Export-Import Bank, un'agenzia governativa indipendente creata per facilitare le esportazioni di beni e servizi americani. Dal 1976 al 1981 è stato associato allo studio legale Rogers & Wells che ha operato a New York e Washington.
  4. (Pace 1987)
  5. (Jeffreys-Jones 2013)
  6. (Jeffreys-Jones 2013)
  7. (Lundberg 1995)
  8. Il rapporto in questione è stato pubblicato nel settembre 1985, dal titolo "L'agenda economica di Gorbaciov: "Promesse, Potenziali e Trappole".
  9. (Lundberg 1995)
  10. (Lundberg 1995)
  11. (Popov 2016)
  12. (Goodman 2017)
  13. Questo è stato in realtà un contro-colpo di Stato in quanto sono stati i comunisti ad organizzare il colpo di Stato iniziale.
  14. Ignazio si riferisce al contro-colpo di stato del 19 agosto 1991 in cui la fazione riformista di Eltsin ha prevalso sulla vecchia guardia comunista che ha tentato di riaffermare la presa di potere comunista.
  15. (Ignazio 1991) Ignazio può essere un po' insincero nell'insistere sul fatto che queste attività erano svolte in modo aperto e non di nascosto. Cose come l'addestramento dei combattenti della resistenza e gli sforzi per sovvertire il dominio comunista non avrebbero potuto essere fatte apertamente. Forse solo per effetto, Ignazio si limitò a scrivere male la parola occulto omettendo la "c" [ing. covert] - un po' come se definissi le sue affermazioni come rap.
  16. (Ignatius 1991)
  17. (Ignatius 1991)
  18. Così Yakou Riabov, primo segretario del partito comunista di Sverdlovsk e primo mentore politico di Yeltsin, lo ha descritto in un'intervista contenuta nel film documentario "Boris Yeltsin - La formazione di un leader". (Alfandari and Leconte 2001)
  19. Gates era il vicedirettore dell'intelligence centrale e specialista degli studi sovietici, il secondo in comando di William Casey. Le sue osservazioni sono tratte da un discorso pronunciato il 25 novembre 1986.
  20. (Jeffreys-Jones 2013)
grand deception krainer
Alex Krainer è un gestore di fondi hedge e scrittore. Il suo libro, bandito da Amazon nel settembre 2017 è ora disponibile in formato pdf, kindle ed epub al seguente link "Grand Deception: Truth About Bill Browder, the Magnitsky Act and Anti-Russian Sanctions". La versione in brossura è ora disponibile qui. Alex ha anche scritto un libro sul trading di materie prime.
Originariamente pubblicato sul blog di Krainer, The Naked Hedgie.