Christopher Wiley

Somiglianza inquietante? A sinistra: Dade dal film 'Hackers' (1995) A destra: Chris Wiley, Cambridge Analytica 'hacker' (2018)
Sono sicuro che al momento tutti abbiano letto il nuovo articolo RUSSIA-RUSSIA-RUSSIA del The Guardian intitolato 'The Cambridge Analytica Files'. In esso emergono i sordidi dettagli di come un programmatore informatico allora ventiquattrenne abbia aiutato Steve Bannon - l'uomo più malvagio del mondo, oltre a Putin e Trump - a creare un programma per raccogliere i dati di Facebook al fine di costruire complessi profili psicologici del pubblico di votanti, per poi utilizzare tali informazioni per manipolare gli elettori, non solo negli Stati Uniti, ma anche nel Regno Unito.

Guerra Informativa, come la chiamano, e mentre la Guerra dell'Informazione non è cosa nuova, visto che poggia le sua basi sulla vecchia propaganda, oggi le metodologie si sono evolute. I giornalisti del Guardian Graham-Harrison e Cadwalladr hanno fatto un ottimo lavoro di filatura; hanno anche accreditato l'informatore di Cambridge Analytica Christopher Wylie come 'un grande narratore', che naturalmente è quello di cui si occupano nel loro articolo. Tuttavia, il fatto che la storia raccontata sia vera o meno, è certamente discutibile.

Quando ho visto l'articolo la prima cosa che mi è venuta in mente è stato il classico hacker del 1995 con Jimmy Lee Miller come Dade e Angelina Jolie nel suo film d'esordio. Lei era così CARINA! La ciccia da bambina era ancora sulle sue guance e non credo che abbia mai indossato i tacchi per tutto il film. Spara anche una pistola a salve su una guardia di sicurezza in un atto di totale aggressività femminile, ma sto divagando.
Hackers Movie

Jolie la Hacker, prima di passare al lato oscuro e diventare Jolie la Guerrafondaia
Hackers racconta la storia di un ragazzo cattivo che diventa buono utilizzando i suoi poteri da hacker nel tentativo di fermare un nemico molto più grande e cattivo di lui. Ok, una trama scontata, ma la vita a volte imita l'arte, quindi magari è stato un colpo di fortuna. Parliamo dello stile di questi due individui. Prima di tutto, i capelli sono praticamente lo stesso taglio. Dade ha un po' di più e Chris meno, ed è rosa, ma diamine, molto simile. Abiti? Simile. Beh, sto esagerando il fatto che, Chris è un po 'più di un signore del bordo con i suoi capelli rosa, anello al naso e dieta vegana, ma l'affinità per il camoscio c'è. Non posso fare a meno di pensare che tutta la produzione della sua entrata in scena sia stata scritta alla lettera; guardate tutto il valore della produzione sia nell'articolo di The Guardian che nella grafica a tema che hanno prodotto per esso e nelle storie successive.
Guardian Cambridge Analytica

In cima alla pagina di The Guardian, 21 Marzo 2018
Ascolta i 13 minuti di intervista, è chiaramente una storia ben impacchettata:


Che cosa stava facendo Wylie nella vecchia azienda di Bannon?
"Wylie ha vigilato su quella che può essere stata la prima violazione critica. A 24 anni, mentre studiava per un dottorato nella previsione delle tendenze della moda, ha elaborato un piano per raccogliere i profili Facebook di milioni di persone negli Stati Uniti, e di utilizzare le loro informazioni personali e private per creare sofisticati profili psicologici e politici. E poi indirizzarli con annunci politici, pensati per lavorare sulla loro particolare composizione psicologica."
WOW! Annunci pubblicitari mirati! La mia unica debolezza...

Siamo seri, questo è il solito fo****o mezzo di guerra psicologica che il The Guardian dichiara ne siamo tutti vittime. Tu, caro lettore, sei facilmente manipolabile da un annuncio mirato. Questo è abbastanza vero, a seconda dei livelli di gradevolezza e nevroticismo. Il più piacevole sei, più nevrotico, più probabilmente sarete d'accordo con un suggerimento che si suppone alleviare l'emozione negativa che si sta provando. Io non sono d'accordo, e il mio nevroticismo è molto basso. Inoltre non ho votato nel 2016 - che si adatta. Ci sono granelli di verità in questa storia, ed è per questo che la sto analizzando.

Il The Guardian descrive altrove le tecniche di raccolta delle informazioni della Cambridge come segue:
"...all'inizio del 2014 sono state raccolte senza autorizzazione informazioni personali per creare un sistema che potesse tracciare un profilo dei singoli elettori statunitensi e indirizzarli con pubblicità politiche personalizzate..."
Ma non sta per caso descrivendo l'operato di una qualsiasi azienda tecnologica o pubblicitaria a cui Facebook vende i dati degli utenti? E' proprio scritto lì, nei Termini di Utilizzo! Chiunque sa che FB consente al miglior offerente di utilizzare qualsiasi informazione condivisa sulla sua piattaforma. L'unica differenza è che la CA l'ha usata per raggiungere i potenziali elettori. Ancora una volta, è come lavora ogni singola società quando viene assunta per seguire una campagna elettorale! La differenza è che CA e Team Trump non si sono preoccupati di personalizzare i loro annunci per i media mainstream - hanno colpito la madrepatria principalmente sui social media. Poi il Team Clinton ha perso. E adesso, due anni dopo, sono ancora infuriati per quella partita persa. Ecco il motivo per cui stanno col fiato sul collo su chiunque abbia aiutato Trump a vincere - in questo caso, Robert Mercer, il magnate proprietario di CA.

Il lungo articolo continua speculando in quale luogo, nel tempo, questa storia abbia potuto cominciare:
"Una la troviamo nel 2012, quando Wylie aveva 21 anni e lavorava per i Liberal Democratici nel Regno Unito, poi al governo come giovane partner di coalizione. La traiettoria della sua carriera è stata, come molti aspetti della sua vita, straordinaria, assurda, implausibile."
Ecco, quando qualcosa è implausibile di solito non accade mai senza che ci sia stato un qualche aiuto dall'esterno. Preparatevi a indossare il mio cappello di stagnola, ma forse la traiettoria di Wiley era improbabile... ma perché era stato aiutato? The Guardian continua:
"Wylie è cresciuto nella Columbia Britannica e da adolescente gli sono stati diagnosticati ADHD e dislessia. Ha lasciato la scuola a 16 anni senza un solo titolo di studio. Eppure, a 17 anni, lavorava nell'ufficio del leader dell'opposizione canadese; a 18 anni, andava a imparare tutte le cose dai dati del direttore nazionale del targeting di Obama, il quale lo ha poi introdotto in Canada per il partito liberale. A 19 anni ha imparato a programmare e nel 2010, all'età di 20 anni, è venuto a Londra per studiare legge alla London School of Economics."
Dall'abbandono delle scuole superiori alla collaborazione con il leader del partito di opposizione canadese, senza nemmeno una preposizione che spieghi il cambiamento. E qui suona il campanello d'allarme, proprio qui. Poi in qualche modo è riuscito ad entrare nella squadra di Obama. Wylie stesso commenta, "la politica è come la mafia, non ne puoi mai uscire davvero", il che suggerisce che la sua mossa attuale, l'aver rivelato al mondo il suo partito di appartenenza, se volete, è anche una mossa politica progettata per avere un impatto, simile al suo lavoro precedente.

Certo, non mi piace che la gente sia manipolativa. Se la storia di Wylie è vera al 100% - e da quello che posso capire, molti dei fatti lo sono - un urrà per aver fatto luce su pratiche non etiche. Il mio problema è che questa storia, e anche questo personaggio, lo sono un po' troppo. Dovremo aspettare e vedere se questi dati echeggino nel sistema legale britannico o americano; se questo sia illegale o meno è certamente discutibile. L'impatto socio-psicologico che avrà sulla cultura, tuttavia, è quello che dimostrerà il suo vero valore.

Il legame con la Russia arriva più tardi, così una volta che hai letto la storia di Chris Wylie e di quello che fa, il passaggio all'odio verso la Russia è immediato:
"Ci sono altri documenti drammatici nella scorta di Wylie, tra cui un passo fatto da Cambridge Analytica a Lukoil, il secondo produttore di petrolio della Russia ... l'indagine di Mueller ripercorre le prime fasi dell'operazione russa per interrompere le elezioni americane del 2016 al 2014, quando lo Stato russo ha fatto quello che sembra essere il suo primo sforzo concertato per sfruttare il potere delle piattaforme di social media americani, tra cui Facebook. Ed è a fine estate dello stesso anno che Cambridge Analytica presenta alla compagnia petrolifera russa una sintesi dei suoi dataset, delle sue capacità e della sua metodologia."
Ci sono anche i russi malvagi!
"Lukoil è una compagnia privata, ma il suo CEO, Alekperov, risponde direttamente a Putin, ed è stato utilizzato come veicolo di influenza russa in Europa e altrove - anche nella Repubblica Ceca, dove nel 2016 è stato rivelato che un consulente del presidente ceco fortemente filo-russo era stato pagato dalla società."
L'influenza russa! Dio Mio!

Dopo aver evitato la Russia e Putin nella loro storia, devono coprirsi il culo con questo:
"Non ci sono prove che Cambridge Analytica abbia mai lavorato per Lukoil. Tuttavia, da questi documenti emerge che nel 2014 una delle maggiori aziende russe ha ricevuto informazioni complete su: Facebook, micro-targeting, dati, turbative elettorali."
In altre parole, l'intera digressione Russia è stata basata completamente su scambi di e-mail di alcuni dirigenti e una presentazione power-point che alcuni di loro possono aver visto.

Questa è la stessa vecchia storia che ci è stata tramandata per mesi, anni fa, appena riconfezionata. Il tema di un impressionabile pubblico votante, manipolato da qualche malefica cospirazione patriarcale è facilmente evidente. Fiamme, capri espiatori e false piste popolano il terreno, rendendo quasi impossibile determinare "la verità" quando si tratta di attualità e politica. Anche la storia recente è difficile da gestire, tutto, dall'assassinio della JFK all'11 settembre, dalle guerre in Iraq alle guerre in Afghanistan, Libia, Siria e ora Yemen... tutto è avvolto da un fitto strato di propaganda.

Quando la gente nell'apparato militare o politico vuole mascherare qualcosa dal controllo pubblico, usano l'infame termine di 'Sicurezza Nazionale', che è in realtà solo un codice per "se si sapeva quello che stavamo facendo, chiedereste la nostra testa." Allo stesso modo, se vogliamo screditare qualcuno, possiamo gettare il vecchio fango di 'teorico del complotto'. Ci sono in realtà un sacco di prove per suggerire che la CIA ha effettivamente coniato il termine, caricandolo con un significato dispregiativo, per usarlo come arma.

Allo stesso modo, negli ultimi tempi i media mainstream hanno continuato a parlare di manomissioni elettorali, interferenze russe, alleanza di Trump con la signora Daniels - qualsiasi storia che possa attirare l'attenzione del pubblico e che sia divertente e del tutto irrilevante. In quell'ambito, abbiamo il giovane Mr. Wylie fare il suo album di debutto "Ho contribuito a creare il fo****o strumento di Steve Bannon". Anche se divertente, non è niente di nuovo, quindi perdonatemi se sono un po' scettico.