di Enrico Galoppini


Piccolo esempio di come gettano al vento i nostri soldi: i festeggiamenti per i 60 anni del Trattato di Roma che istituì la Comunità Economica Europea.
Pensate a quanto costerà quest'inutile ed autoreferenziale fanfaronata, anche solo dal punto di vista della "sicurezza". Da giorni cercano di coinvolgerci emotivamente con le "informative dei nostri (?) 007″: l'Isis, i Black Bloc, la Banda Bassotti, Fantomas e pure il Jolly Joker caleranno sulla Città Eterna per metterla a sacco!

Ma se proprio hanno tanta voglia di festeggiare, perché queste nullità "europeiste" non s'incontrano da qualche parte, in un esclusivissimo albergo di montagna, cenano a caviale e champagne, si scambiano baci e abbracci, leggono un paio di banalità dei "padri dell'Europa" e poi se ne tornano ordinatamente a casa loro? D'altronde non è quello che fanno quando si riuniscono per il Bilderberg, la Trilaterale, al Bosco Boemo e via cospirando?

Invece no: devono imporre questa "festa" a Roma perché tutti la devono vedere, spendendo cifre assurde per le delegazioni, la farsa della "sicurezza" (ma chi vi fila!) e l'immancabile parterre di 'escort dattilografiche' al seguito, tutti pagati dal mitico ed esangue "contribuente". E questo senza citare il disagio che questi "summit" provocano nella cittadinanza, espropriata della città per far posto a Sua Maestà l'oligarchia europoide.

Viene sinceramente il dubbio che uno degli scopi dell'evento sia effettivamente quello di far calare dei "contestatori", che come al solito spaccheranno tutto, dai cassonetti dell'immondizia alla vetrina della bottega del pizzicagnolo, dalle cabine del telefono alla macchina del ragionier Fantozzi parcheggiata sotto casa, che, si sa, sono i simboli per antonomasia dei "padroni".

Solo di agenti in servizio, questa orgia auto-celebrativa che poteva essere evitata organizzando una comoda audio-conferenza gratuita su Skype, costerà un capitale che, in tempi di deprecati "sprechi", dovrebbe far sobbalzare sulla sedia di strapagati grilli parlanti i vari professionisti della berlina per "la Casta" ed i suoi vizi, che invece taceranno come tacciono sempre quando annusano pericoli per il loro quieto vivere. Eppure è tutto così evidente. Ora, tutto questo dispendio di soldi ed energie per mettere intorno a un tavolo i cosiddetti "grandi della terra" può verificarsi puntualmente ed impunemente perché in giro non c'è manco il barlume di una "coscienza storica". Ma avendo il sottoscritto una preparazione da storico contemporaneo, non mi può sfuggire un particolare non da poco.

Fino a qualche decennio fa gli "incontri al vertice" erano davvero appuntamenti importanti, preparati per mesi, nei quali si decideva qualcosa. Penso, prima della Seconda guerra mondiale, alle Conferenze di Stresa o di Monaco. Oggi, ogni settimana c'è un "vertice", fatto tanto per fare, per dare l'impressione che esista una politica estera espressione della volontà dei politici. Un inutile ed indecoroso walzer di facce di bronzo che girottolano con le loro cartelline di cui ignorano i contenuti, con un codazzo di delegazioni da fare spavento, più alberghi e cene e via sperperando, fino all'immancabile foto di gruppo (o di classe, da bravi scolaretti che hanno fatto bene i "compiti") da dare in pasto alle agenzie e ai tiggì, senza che di tutto ciò - intendiamoci - resti traccia nella Storia...

Ecco, di questi sessant'anni dei Trattati di Roma, di cui non frega assolutamente nulla a nessuno, rimarrà probabilmente solo l'ennesimo ammanco di cassa, di danari nostri estorti dal nostro sudore ed andati in cene, conferenze, parate, alberghi, leccapiedi e pattugliamenti di terra, del cielo e dell'aria; e forse, come sussurra qualche malalingua, in dame di compagnia ed altro "materiale umano" per allietare le notti dei convenuti, di certi particolari convenuti alla "festa" di un'Europa senz'anima nel vero senso della parola.

Sì, perché non è credibile mettere su un piano - quello del "terrorismo" - tutti i cattivi pronti a rovinare la "festa" e presentare come delle mammolette prese a studiare il meglio per noi gli stessi che, un colpo dietro l'altro, "commissariando" le nazioni europee, ci hanno esautorato di ogni sovranità, esponendoci oltretutto al pericolo di "spectre" che, come le migliori inchieste hanno dimostrato (Meyssan, Estulin...), sono fabbricate nello stesso esatto luogo dal quale escono i "rispettabili" cantori della "globalizzazione", di cui questa "Unione Europea" è una diretta ed evidente espressione.


Fonte: Il Discrimine