Il Patriarca Kirill
C'è già una rosa di nomi per la "Banca dei poveri" che il patriarca Kirill, capo della Chiesa russa ortodossa, vorrebbe aprire in Russia sulla scia del Nobel bengalese Mohammed Yunus. Potrebbe chiamarsi "Equità", "Banca Coscienza", "Banca Semplice", "Banca Il Dio Vi Aiuti" o "BdB24", sigla di "Bank dlja Bednykh", "Banca dei poveri" appunto. Un "operatore economico ortodosso" avrebbe accolto l'appello del patriarca e si sarebbe già rivolto all'agenzia dei brevetti russi, secondo le indiscrezioni di Anatolij Aronov, presidente della Pervaja Patentnaja Kompanija (Prima Compagnia di Brevetti). L'ultima parola sulla denominazione ufficiale del futuro istituto di credito spetterà però a Kirill.

Misure contro gli usurai predatori. Il sedicesimo patriarca di Mosca e di tutte le Russie aveva invitato i parlamentari della Duma a creare una rete di banche dei poveri a fine gennaio. "Talvolta - aveva detto - un uomo ha bisogno di 200 dollari per iniziare un'attività in proprio. E c'è stato un uomo, che veniva da una famiglia povera, che ha creato un eccellente sistema di banche dei poveri, senza interessi folli, senza schiavizzare la gente". Un evidente riferimento al bengalese Muhammad Yunus, il fondatore della Grameen Bank e ideatore del microcredito moderno, insignito del Premio Nobel per la pace nel 2006. Ma anche una denuncia contro i già esistenti istituti di microcredito (Mfi, MicroFinance Institution) che, a detta del patriarca, in Russia opererebbero tassi d'interesse così alti da costringere i morosi a vendere le proprietà per ripagare i debiti. "Speculatori" che perpetrano la "prassi totalmente immorale dell'usura nella sua manifestazione più predatoria" per cui Kirill non vedeva altro nome che "sanguisughe". Da qui, secondo il patriarca, la necessità di restringere le loro attività in Russia.

La necessità di un modello alternativo. In realtà limitazioni sarebbero già in vigore: dal primo gennaio 2017 l'ammontare complessivo degli interessi su prestiti a breve termine non può superare l'importo del debito di tre volte e le penalità in caso di ritardo nel rimborso devono essere applicate sulla parte che resta da estinguere. E, dopo avere già escluso nel 2016 oltre 1.700 organizzazioni, l'istituto centrale, la Banca di Russia, avrebbe promesso di continuare a ripulire il registro degli Mfi. Il rischio però di restringere troppo le attività degli Istituti di microcredito, aveva avvertito Elvira Nabiullina a capo della Banca centrale, è che le fasce più vulnerabili della popolazione, come gli immigrati, si rivolgano a usurai fuorilegge. Da qui la necessità di un modello alternativo. Lo schema proposto da Kirill prevederebbe il rilascio di crediti a basso interesse fino a un milione di rubli a persone fisiche e fino a 6 milioni di rubli a cooperative di 4-6 persone in cambio di una quota nella società.