A British flag flies near the United Kingdom's embassy in Moscow.
© David Mdzinarishvili / Reuters
Una bandiera britannica sventola vicino all'ambasciata del Regno Unito a Mosca
Mentre ci è voluto un po' prima che la notizia si diffondesse, ora l'avvelenamento di Skripal a Salisbury sta dominando le prime pagine di tutti i giornali occidentali. Ogni giorno vediamo in TV facce sorridenti e confidente che, in un solo respiro, paragonano Putin a Hitler, Stalin e allo Zar Nicola II, prima di procedere a paragonare contemporaneamente la Russia alla Germania nazista, all'Unione Sovietica e all'Impero Russo. Questo sarebbe sicuramente il culmine di tutto il male, supponendo che fosse vero!

E naturalmente si suppone sia vero, perché questa ultima notizia falsa è costruita su un edificio di un'intera storia di notizie false. Simon Tisdall ha recentemente scritto in uno dei più grandi distributori di notizie false, The Guardian:
Ci è voluto molto tempo prima che i politici occidentali riconoscessero la gravità e la serietà della minaccia rappresentata dalla Russia di Vladimir Putin. Alcuni membri del partito laburista ancora non lo capiscono. E' inoltre evidente che, visto che Theresa May ha intrapreso un confronto aperto con Mosca, la controversia provocata dall'oltraggio di Salisbury potrebbe richiedere anni per essere risolta.

Fredda o calda, aperta o segreta, questa sarà una guerra lunga - e la Gran Bretagna avrà bisogno di tutti i suoi amici e alleati se vuole prevalere contro un avversario spietato. Non è affatto certo che ci verrà fornito un sostegno sincero, sufficiente e tempestivo.
La 'guerra' è stata dichiarata - e dissentire significa essere un traditore, non tanto per il proprio paese, quanto per amorfi 'valori occidentali'. Tisdall continua:
Le percezioni giustificate della debolezza, dell'ambivalenza e della divisione dell'Occidente hanno incoraggiato Putin ad adottare un comportamento sempre più aggressivo. Le caratteristiche principali comprendono le guerre in Georgia e Ucraina, i cyber-attacchi contro i paesi della NATO, le ingerenze elettorali e le operazioni di destabilizzazione, e il sanguinoso intervento in Siria.

Putin è stato ulteriormente incoraggiato dal suo dominio interno, ottenuto attraverso la manipolazione delle elezioni, la trasformazione della Duma in un Parlamento fantoccio, e l'eliminazione, con vari mezzi, dei principali avversari, critici e mezzi di comunicazione indipendenti. Boris Nemtsov, riformatore liberale ucciso nel 2015, e Anna Politkovskaya, giornalista investigativa assassinata nel 2006, sono solo due dei nomi di una lunga lista che potrebbe includere Sergei e Yulia Skripal.
Le affermazioni infondate sembrano costituire minacce sostanziali che richiedono azioni immediate. Per parafrasare Franz Kafka: "Non è necessario accettare tutto come se fosse vero, basta accettarlo come se fosse necessario - così la bugia si trasforma in un principio universale". Vorrei solo aggiungere che credere nelle bugie trasforma i cervelli delle persone in poltiglia, rendendoli facilmente manipolabili da chi mente.

Per questo osserviamo di nuovo come molti governi occidentali espellano un gran numero di diplomatici russi senza alcun rispetto per il diritto e le norme internazionali. Donald Trump, l'uomo che ha promesso di ripristinare le relazioni con la Russia, ha ceduto alla "palude" che aveva promesso di drenare. Speriamo che ora abbia scoperto quanto fosse ingenuo credere di poterlo fare.

L'isteria anti-russa degli ultimi anni, culminata di recente con l'incidente Skripal e il 'Russiagate', ha un lungo precedente storico e, nel corso degli ultimi due secoli, è stata usata principalmente per una cosa: la guerra. La guerra distrae le persone da questioni sociali e politiche apparentemente insolubili e offre grandi opportunità di arricchimento a coloro che sono posizionati molto in alto. Ma ci vogliono due persone per ballare il tango, e 'l'Oriente' ha capito che non ci può essere una guerra se non la si riesce a provocare. Mentre 'l'Occidente' continua a giocare un gioco di inganno, l'Oriente è andato avanti, e noi occidentali siamo - per ora almeno - lasciati soli a combattere contro noi stessi.

Il ruolo centrale svolto dal Regno Unito nei recenti "incidenti russi" echeggia il ruolo centrale che questo paese ha svolto nelle vicende del passato che di conseguenza hanno influito sul nostro presente. Da oltre un secolo, il ruolo dell'élite britannica nell'avvio della prima guerra mondiale è stato quasi completamente trascurato. Solo di recente gli storici e i ricercatori hanno fatto un'adeguata valutazione di quell'evento che ha cambiato il mondo, che ha plasmato il resto del XX secolo e il nostro mondo di oggi. Lungi dall'essere esclusivamente colpa della Germania, la "guerra per porre fine a tutte le guerre" fu deliberatamente provocata da una rete formata da interessi corporativi, finanziari e imperiali che si riunirono e operarono attraverso l'Impero Britannico.


La Lista dei Sospettati


Alfred Milner

Lord Alfred Milner, segretario coloniale britannico e architetto dell'Unione del Sudafrica
La Gran Bretagna all'inizio del 1900 subì un graduale ma prolungato periodo di isterizzazione antitedesca che culminò con lo scoppio della Prima Guerra Mondiale. Nonostante l'incessante propaganda mediatica di demonizzazione dei tedeschi e i crescenti segnali di una guerra che potrebbe scoppiare in Europa, nel 1906 l'opinione pubblica britannica votò a stragrande maggioranza per un nuovo Primo Ministro, Sir Henry Campbell-Bannerman, un convinto critico delle recenti guerre boere e un sostenitore di una politica di 'Pace e Contenimento' in un impero britannico sempre più fragile.

Definito "il primo e unico Primo Ministro radicale della Gran Bretagna", nel campo degli affari esteri Campbell-Bannerman è stato annientato da un'élite guerrafondaia prima ancora di iniziare il suo mandato, ed è morto appena due anni dopo. Invece della pace, l'opinione pubblica britannica ha ricevuto in cambio una guerra che ha provocato in un solo giorno le vittime militari e civili combinate di tutti i conflitti europei degli ultimi 100 anni.1

Mentre i britannici votavano a gran voce a favore di una politica di Pace e di Contenimento, i poteri forti non si fermavano di fronte a nulla per ottenere la guerra che volevano, e il controllo sul mondo che essa offriva.

Lord Alfred Milner: Nonostante fosse nato in Germania da genitori misti inglese-tedeschi, l'ethos di Milner è stato formato interamente da una fede ardente nella "superiorità della razza britannica". Imperialista laureato ad Oxford, Milner ha iniziato come giornalista alla Pall Mall Gazette prima di entrare a far parte, insieme al collega giornalista William Stead, di una società segreta creata dall'influente oligarca e colonialista Cecil Rhodes. Quando scoppiò la Prima Guerra Mondiale, questa sinistra organizzazione era interamente controllata da Milner, e si chiamava 'Round Table Group', o 'Milner's Kindergarten', influenzando la politica estera britannica, e quindi globale, dall'ombra. Era, in sostanza, il precursore dell'attuale "Stato profondo".

Milner è stato "l'uomo delle pulizie" di Rhodes in seguito al disastroso tentativo di provocare una rivolta tra gli espatriati britannici nella colonia Transvaal dell'Africa meridionale. Poco dopo Milner fu premiato con l'incarico di Alto Commissario per l'Africa australe nel 1897. Da quel post Milner avrebbe intrapreso una campagna di inganno per avviare la seconda guerra boera, sovrintendendo all'uso altamente controverso dei campi di concentramento per umiliare e punire gli abitanti. Questi campi e altri metodi brutali usati nelle guerre boere avrebbero sconvolto sia il pubblico britannico che le forze armate. Sotto il dominio di Milner, 28.000 delle 115.000 persone messe nei campi sono morte, di cui quasi 22.000 bambini. Su questo Milner scrisse,
"La teoria che, essendo morti tutti i bambini deboli il tasso di mortalità sarebbe sceso, non è finora confermata dai fatti. I forti stanno morendo proprio adesso e saranno tutti morti entro la primavera del 1903".
Forse nessuno ha esemplificato meglio di Milner il modus operandi dell'élite britannica. Ma per quante fossero le barbarie, ebbe comunque molto successo. Dopo essersi assicurato i territori britannici nello "Scramble for Africa", Milner ha manipolato attentamente il gabinetto del neoeletto Henry Campbell-Bannerman, assicurando che le forze filo-imperialiste fossero ben rappresentate al suo interno. Procedendo nelle arti oscure dell'imperialismo, Milner rifiutò le lucrative offerte di lavoro per JP Morgan e invece tornò a Londra nel 1905 per perseguire un progetto molto più ampio: conquistare il mondo.2

Sir Edward Grey è stato nominato ministro degli Esteri nel gabinetto di Henry Campbell-Bannerman su insistenza del Re Edoardo. Uno degli uomini interni di Milner, si assicurò che la politica estera britannica fosse orientata verso la preparazione alla guerra, e prese parte ad un'alleanza militare segreta con la Francia nel 1904. Questo accordo segreto tra cinque ministri - Asquith, Haldane, Grey, Churchill e Lloyd George - prometteva ai francesi "reciprocità" militare in caso di guerra.

Grey dichiarò categoricamente che non vi era stato alcun "accordo segreto" per prestare aiuto alla Francia in caso di attacco:
"Prima di tutto vorrei cercare di porre fine ad alcuni dei sospetti riguardo alla segretezza - sospetti con cui mi sembra che alcune persone si stiano torturando, e certamente stanno preoccupando gli altri. Abbiamo presentato all'Assemblea gli articoli segreti dell'accordo con la Francia del 1904. Non ci sono altri accordi segreti. Il tardivo governo ha raggiunto un accordo in tal senso nel 1904. Hanno tenuto segreti questi articoli e credo che per tutti la ragione sarà ovvia. Sarebbe stato controproducente rendere pubblici tali articoli. A mio parere, erano del tutto giustificati nel mantenere segreti tali articoli perché non erano articoli che impegnavano l'Assemblea a rispettare obblighi seri."3
Ma, come ha osservato Sir Bertrand Russell all'epoca, "avevo notato negli anni precedenti con quanta attenzione Sir Edward Grey mentisse per impedire al pubblico di conoscere i metodi con cui ci stava impegnando a sostenere la Francia in caso di guerra".4

Re Edoardo VII: Principe di Galles, Alberto Edoardo, divenne re Edoardo VII quando salì al trono nel 1901. Negli anni successivi si tenne impegnato con incontri diplomatici per organizzare accordi segreti che di fatto facevano circondare la Germania rendendo paranoici i militari tedeschi. Egli
raymond poincare
ha inserito un cuneo tra la Germania e il monarca italiano, e ha stretto rapporti diplomatici con quasi tutti i vicini della Germania. Quando la Germania mobilitò le sue forze, scattò involontariamente la trappola messa a punto per lei da Edoardo e dall'élite segreta.

Raymond Poincaré: Uno statista francese, tre volte Primo Ministro e Presidente nel 1913, Poincaré esemplificò l'isterico odio antitedesco dell'élite francese. La Francia, che ha perso il territorio dell'Alsazia-Lorena a favore della Prussia dopo che Napoleone III scioccamente è andato in guerra con un esercito insufficiente per vincere, era pronto a fare tutto il necessario per riconquistare e controllare l'ascesa della Germania. Come Poincaré avrebbe annunciato in un discorso agli studenti universitari,
Nei miei anni di scuola, il mio pensiero, inchinato davanti allo spettro della sconfitta, si soffermava incessantemente sulla frontiera che il Trattato di Francoforte ci aveva imposto, e quando sono sceso dalle mie nuvole metafisiche, non ho potuto scoprire nessun altro motivo per cui la mia generazione dovrebbe continuare a vivere se non per la speranza di recuperare le nostre province perdute".
Richard Burdon Haldane: Haldane era uno dei confidenti più stretti di Milner e sarebbe diventato il Segretario di Stato per la Guerra nel 1905, istituendo una massiccia rivoluzione militare nell'organizzazione dell'Esercito Britannico. Ha istituito l'esercito territoriale, il corpo d'addestramento dell'ufficio e la riserva speciale, e ha guidato una politica militare filo-francese in opposizione a molti che avevano servito sotto una politica filo-belga per decenni.

Théophile Delcassé: Un ministro degli Esteri francese con un odio rabbioso per la Germania, Théophile era propenso a stabilire un'alleanza militare tra Gran Bretagna, Francia e Russia che avrebbe sostenuto il desiderio della Francia di riconquistare i suoi territori perduti. Fu costretto a dimettersi dopo aver quasi portato il suo paese sull'orlo della guerra con la Germania nella prima crisi marocchina del 1905-1906. Tuttavia, egli tornò al potere per sostituire il ministro degli Esteri più abile, Gabriel Hanotaux, e poi divenne Presidente della Francia nel 1913.

Horatio Herbert Kitchener

Horatio Herbert Kitchener
Horatio Herbert Kitchener: Generale durante le guerre boere, Kitchener supervisionò l'attuazione della politica dei campi di concentramento in Sudafrica. Ha poi gestito gli affari esteri britannici fuori dal Cairo e progettato piani per la divisione del Medio Oriente, alimentando le fiamme della ribellione e del separatismo nell'Impero Ottomano. Il risultato finale (anche se non secondo il suo piano) fu l'ascesa della Casa di Saud e del suo peculiare marchio islamico che servì al dominio anglo-americano della regione attraverso la 'Guerra al Terrore' un secolo più tardi. David Fromkin ha notato nel suo Una Pace per Porre Fine a Tutta la Pace:
Il ripristino del califfato in Arabia, dove nacque Maometto tredici secoli prima, fu la strategia di Kitchener per prepararsi alla rivalità con la Russia che si sarebbe conclusa con la guerra contro la Germania.5
Se questa era davvero la strategia di Kitchener un secolo fa, allora è straordinariamente coerente con la recente dichiarazione dell'attuale principe ereditario dell'Arabia Saudita secondo cui il wahhabismo è stato incoraggiato per tutto il XX secolo dagli anglo-americani come mezzo per tenere la Russia fuori dal Medio Oriente.

Kitchener, come tutti gli aristocratici e gli oligarchi dell'alta borghesia che hanno progettato la Prima Guerra Mondiale, aveva uno stupefacente disprezzo per la gente comune, comprese le sue truppe. A un certo punto, all'inizio della prima guerra mondiale, sembrava che i russi stessero per ritirarsi e fare la pace con la Germania. Sarebbe stato disastroso per le forze anglo-francesi, perché la Germania avrebbe potuto concentrare le proprie forze sul fronte occidentale.

L'élite segreta promise alla Russia che, in cambio dell'adesione alla Triplice Intesa britannica, Costantinopoli - una sorta di Mecca ortodossa - sarebbe diventata proprietà russa in un mondo del dopoguerra. Kitchener cospirò con Winston Churchill, allora Primo Lord dell'Ammiragliato, per organizzare un assalto suicida ai Dardanelli, che collega il Mediterraneo e il Mar Nero. Lo hanno fatto per ingannare la Russia a credere che la Gran Bretagna stava sostenendo la sua fine del patto, e quindi continuare il suo impegno militare con la Germania, l'Austria-Ungheria e l'Impero ottomano in Europa orientale. Questo funzionò, ma al costo di decine di migliaia di vite inglesi, francesi e australiane in un'invasione di atterraggio che l'élite sapeva che non avrebbe funzionato contro le formidabili difese ottomane. Inoltre, non avevano mai avuto alcuna intenzione di cedere Costantinopoli alla Russia.

Lord Horatio Kitchener
La carriera di Kitchener nel commercio della morte ha raggiunto il suo punto più alto quando è stato nominato Segretario di Stato per la Guerra, ma è stata bruscamente interrotta quando la sua nave è stata colpita da una nave da guerra tedesca u-boat, anche se ci sono varie altre teorie sulla causa della sua morte.

Questo elenco copre solo alcuni dei cospiratori, ma è sufficiente per tracciare un quadro approssimativo delle persone che hanno lavorato instancabilmente per progettare una guerra che avrebbe posto fine alla pace per gran parte del secolo - una guerra che avrebbe portato all'ascesa di Hitler, dell'Unione Sovietica, di Israele come stato dell'apartheid, e la diffusione del terrorismo radicale islamico. La strategia generale che hanno seguito è illustrata qui di seguito.

Alla Ricerca della Scintilla della Guerra

I ricercatori scozzesi Gerry Docherty e Jim Macgregor hanno condotto uno studio approfondito sui metodi con i quali i funzionari britannici hanno spianato la strada alla guerra nel loro libro Storia nascosta: Le origini segrete della Prima Guerra Mondiale. Penso che sia un must per qualsiasi studente di storia occidentale, ma la mia unica critica sul loro lavoro è che tendono a ritrarre la Germania come una vittima e quindi gettare un'ombra sulla isteria generalizzata - che ha colpito tutti, Russia compresa - e la scarsa riflessione mostrata dall'esercito tedesco e dal Kaiser - e in effetti i crimini di guerra commessi dai tedeschi. Tuttavia, la loro argomentazione secondo cui i britannici sarebbero stati i principali istigatori della guerra si basa in parte sui seguenti casi:

Spaccature nell'Impero Britannico: All'inizio della guerra sembrava che ogni nazione, ad eccezione della Germania, avesse motivo di impegnarsi in un Olocausto globale. Gli inglesi avevano dominato gli affari europei e mondiali fino a quel momento, ma il costo dell'occupazione e della gestione di molte colonie lontane stava colpendo duramente le loro tasche. L'unificazione della Germania sotto Bismarck e la rapida industrializzazione, nel frattempo l'ha portata a superare l'impero britannico in alcuni settori chiave. Come osserva F. William Engdahl "il timore dell'emergente sfida economica tedesca verso la fine degli anni '90 era così estremo tra i principali circoli dell'establishment britannico che la Gran Bretagna fece un drastico cambiamento nella sua decennale strategia di alleanza continentale, in un coraggioso sforzo per riportare gli eventi europei a vantaggio dell'Inghilterra."6

Questo cambiamento di strategia ha visto la Gran Bretagna fare concessioni geopolitiche sia alla Russia che alla Francia, manipolandole per adottare posizioni antagoniste nei confronti della Germania. Dopo essere stata impegnata nel 'Grande Gioco' con la Russia per tutto il XIX secolo per controllare l'espansione e l'influenza russa in India e Afghanistan, l'improvvisa alleanza della Gran Bretagna con la Russia avvenne solo dopo che il Giappone, armato di corazzate britanniche e finanziato da banche britanniche e americane, sconfisse la Russia nella sua regione dell'Estremo Oriente nel 1904-1905. Contenuta a est dai giapponesi in ascesa, la Russia ha inevitabilmente rivolto lo sguardo verso ovest, verso i Balcani e l'accesso al Mar Mediterraneo, che così tanto desiderava e che gli inglesi fingevano di poterla aiutare ad ottenere.

l'Isteria Francese: Napoleone III, il nipote di Napoleone, era ambizioso come suo zio. Nello sfacciato tentativo di distruggere il crescente stato prussiano, Napoleone III ordinò la mobilitazione di una forza francese di gran lunga inferiore che fu immediatamente schiacciata dalla macchina militare prussiana. Di conseguenza, la Francia perse l'Alsazia-Lorena e fu umiliata a causa delle azioni ridicole di un leader spericolato.

Come nota un quotidiano britannico, lo Sheffield and Rotterdam Independent, l'11 ottobre 1870, "la Francia ha sempre agognato al confine del 1810. Ha voluto che il potere attraversasse il Reno a suo piacimento, che istituisse una Confederazione renana sotto il suo controllo e che occupasse a sua discrezione, come fece il primo Napoleone, le capitali tedesche".

Dreyfuss Affair
Il caso Dreyfuss: Gabriel Hanotaux, ministro degli Esteri francese dal 1894 al 1896, fu un'eccezione notevole nella tendenza generale all'aumento dell'isteria. I suoi sforzi, tuttavia, non sono riusciti ad arrestare lo scivolamento verso la guerra. Quando Hanotaux cercò di sviluppare relazioni pacifiche con la Germania, il generale Albert Dreyfuss fu accusato di tradimento per aver presumibilmente comunicato segreti alle spie tedesche. In seguito fu esonerato e il caso rimase un simbolo del processo per propaganda. Come scrive Engdahl:
Hanotaux intervenne nel processo iniziale nel 1894, avvertendo correttamente che il caso Dreyfus avrebbe portato a "una rottura diplomatica con la Germania, persino alla guerra". Dreyfus fu esonerato anni dopo, e si scoprì che il conte Ferdinando Walsin-Esterhazy, al soldo della famiglia bancaria Rothschild, aveva fabbricato prove contro Dreyfus. Nel 1898, Hanotaux non era più in carica, e fu sostituito dal malleabile anglofilo Teofilo Delcassé.7
l'Incidente di Fashoda: Nel 1898 un incidente militare tra le forze britanniche di Kitchener e le forze francesi in Egitto, noto come l'Incidente di Fashoda, costrinse i francesi a lasciare il paese e provocò una crisi internazionale. Gli inglesi sfruttarono poi la situazione per assicurarsi una futura alleanza con la Francia, per timore di essere ingabbiata dalla Germania e dalla Russia e perdere il controllo degli altri suoi territori. Nel 1904 gli inglesi si erano accordati segretamente per prendere il controllo completo dell'Egitto, dando alla Francia il controllo del Marocco, che era in violazione dei trattati franco-tedeschi.

Notizie False
Wilhelm II

L'imperatore Guglielmo II e un manifesto italiano del 1915 che raffigura il Kaiser come divora il mondo
Le notizie false diventano storia falsa. Oggi i guerrafondai britannici si aspettano che noi crediamo, senza alcuna prova ragionevole, che Putin ucciderà "migliaia e migliaia e migliaia" di britannici senza alcuna provocazione. Allo stesso modo, la propaganda prima e durante la Prima Guerra Mondiale era impegnata a convincere il mondo che la Germania era il diavolo incarnato - e che il prossimo bagno di sangue era giustificato.

La Germania è sempre stata descritta dalla stampa come il "paese aggressore". Questo nonostante il fatto che il Regno Unito, la Francia e la Russia "hanno speso 657.884.476 sterline su navi da guerra in quello stesso decennio, mentre la Germania e l'Austria-Ungheria hanno speso 235.897.978 sterline. L'esercito tedesco in tempo di pace era composto da 761.000 soldati, mentre quello francese era composto da 794.000 soldati e quello russo da 1.845.000 soldati."9

Mentre la Germania veniva accusata di voler fomentare una guerra, i preparativi britannici per la guerra erano già in corso e talmente intensi che ha portato alti ufficiali a sostenere che la guerra con la Germania era inevitabile.10 Milner avrebbe fatto un 'giro del mondo' organizzando conferenze imperiali volte a raccogliere il sostegno per la Gran Bretagna in caso di guerra e di "promuovere la cooperazione imperiale sia nella difesa che nelle comunicazioni".11

Nel 1896 Lord Nortchliffe creò il quotidiano Daily Mail che, nel giro di pochi anni, aveva raggiunto milioni di lettori per lo più di ceto medio-basso.12 Nel 1897 commissionò la pubblicazione di una serie intitolata Under the Iron Heel, che prevedeva che l'esercito tedesco avrebbe presto invaso la Gran Bretagna. Northcliffe commissionò anche la scrittura di un racconto fittizio di un'invasione tedesca chiamata L'invasione del 1910. Il Daily Mail stampò anche mappe speciali che mostravano dove questi 'Unni' (i tedeschi, in gergo) avrebbero invaso. Northcliffe è stato anche un finanziatore di The Poison Bullet, un romanzo di spionaggio spaventoso pensato per diffondere un sentimento antitedesco di base tra il pubblico britannico.13 Ha anche scritto degli opuscoli che predicevano una guerra inevitabile con la Germania.

Come scrive J. Lee Thompson, "nel 1914 Northcliffe controllava circa il 40 per cento delle notizie mattutine, il 45 per cento della sera e il 15 per cento delle circolazioni totali dei giornali della domenica".14 Così, quando la guerra scoppiò, la società britannica era efficacemente preparata da decenni di propaganda antitedesca, con opuscoli e letteratura che hanno convinto l'opinione pubblica che le spie tedesche si trovavano dietro ogni angolo. Oggi le notizie serali e Internet hanno sostituito gli "opuscoli e la letteratura" e la Russia ha sostituito la Germania.

Nel 1909 un disegno di legge fu approvato dal Parlamento istituendo i servizi segreti britannici - l'attuale MI5 e l'MI6 - mentre un altro impose al paese poteri di polizia statali senza precedenti.15

Premendo il Grilletto

trench warfare
Con la Germania diplomaticamente isolata e con gli accordi militari segreti firmati da Francia, Gran Bretagna e Russia, l'unica cosa che mancava era un "evento catastrofico e catalizzatore" per giustificare una dichiarazione di guerra. Proprio un evento del genere si è verificato nei Balcani, una regione che da alcuni anni si trovava in una situazione di profondo tumulto.

Durante la preparazione alla prima guerra mondiale, Serbia, Bulgaria, Macedonia e Bosnia erano in guerra tra di loro, divise internamente e in conflitto sia con l'Impero Ottomano che con l'Impero Austro-Ungarico. Un sentimento etnico e nazionalista amaro è stato fomentato da crisi successive. Il diplomatico russo anglofilo Alexander Isvolsky ha convenuto (senza l'approvazione dello zar o del governo russo) che la Russia avrebbe appoggiato il "diritto" dell'Austria-Ungheria di annettere la Bosnia-Erzegovina quando avrà scelto il momento giusto di farlo al patto che l'Austro-Ungheria sosterrà il controllo russo sui Dardanelli. Di conseguenza, e in violazione del diritto internazionale, il 6 ottobre 1908, l'Austria-Ungheria annunciò l'annessione della Bosnia-Erzegovina provocando immediatamente l'indignazione della Serbia che vedeva la Bosnia come sua.16 Questo intreccio fu la miccia che scatenò la Prima Guerra Mondiale quando l'arciduca austriaco Ferdinando fu assassinato da un serbo bosniaco. Come ha scritto Alan Cassels nella sua Ideologia e Relazioni Internazionali nel Mondo Moderno, questo evento "ha alimentato il pan-slavismo nei Balcani fino alla frenesia."17

Quando scoppiò la Prima Guerra Mondiale, si dice che Isvolsky abbia commentato: "C'est ma guerre!" ("Questa è la mia guerra!")

Il 28 giugno 1914 l'arciduca Ferdinando venne sparato e ucciso a Sarajevo. L'Austria-Ungheria ha accusato i serbi. Decisi a ritenere la Serbia responsabile, i diplomatici europei hanno indicato all'Austria-Ungheria che aveva tutto il diritto di farlo. L'Austria-Ungheria ha pertanto inviato a Belgrado una lettera in cui chiedeva i seguenti punti:
  1. La fine della propaganda antiaustriaca nei media e nelle scuole serbe
  2. Il diritto della polizia austriaca di indagare sull'assassinio sul territorio serbo
  3. Scuse pubbliche da parte del Re e del governo
  4. L'immediata consegna dei responsabili
Hanno detto alla Serbia che aveva 48 ore per soddisfare le richieste. Una volta consegnata la lettera, e ben sapendo che la Serbia non poteva rispettare le richieste, i governi della Russia, del Regno Unito e della Francia, che in precedenza sostenevano l'Austria-Ungheria, ora mostravano indignazione nei suoi confronti.

La Serbia, incoraggiata dall'indignazione dell'Entente, si è rifiutata di rispettare le richieste.18 In cambio, l'Austria-Ungheria si è rivolta alla Germania per chiedere sostegno militare e la Germania ha accettato di farlo. Fino all'undicesima ora, tuttavia, il Kaiser Guglielmo cercò invano di convincere suo cugino Niccolò II di non mobilitare le forze russe. La Germania ha quindi dato all'Austria-Ungheria la storica "carta bianca" che è stata considerata da allora come prova della colpa della Germania nel avviare la Prima Guerra Mondiale.

Il presidente francese Poincaré si reca in visita a San Pietroburgo per garantire alla Russia che "la Francia non solo darà alla Russia un forte sostegno diplomatico, ma, se necessario, rispetterà tutti gli obblighi derivanti dall'alleanza."20 Una sintesi della sua visita fu inviata a Edward Grey presso il Ministero degli Esteri e, dal 25 luglio in poi, Grey fa un'ouverture per risolvere la crisi, mentre Russia e Francia iniziano a mobilitare i loro eserciti. Quattro giorni dopo, la Gran Bretagna comincia a mobilitare la propria flotta.

Il 29 luglio lo zar Nicola II ordina ufficialmente la mobilitazione dell'esercito russo. Ma poi riceve un telegramma dal Kaiser:
Il mio ambasciatore è incaricato di richiamare l'attenzione del suo governo sui pericoli e le gravi conseguenze di una mobilitazione. Se, come risulta dalla sua comunicazione e da quella del suo governo, la Russia si mobilita contro l'Austria-Ungheria... L'intero peso della decisione ricade ora sulle sue spalle, la responsabilità della pace o della guerra.
Nicholas fa marcia indietro.

Ma poi, il 30 luglio, il ministro degli Esteri russo (e anglofilo) Sergei Sazanov trascorre ore convincendo Niccolò II del tradimento tedesco, esortandolo a riordinare la mobilitazione delle forze armate. Lo Zar era profondamente preoccupato per il peso della decisione, ma alla fine si arrese alle pressioni e la macchina da guerra russa fu avviata:
Niccolò II era ancora comprensibilmente esitante; secondo l'ambasciatore francese, "Lo zar era letalmente pallido e rispose con una voce soffocante: "Pensate alla responsabilità che mi state consigliando di assumere! Ricordate, si tratta di mandare alla morte migliaia e migliaia di uomini"".
La Germania è stato l'ultimo paese ad annunciare la militarizzazione. La chiave del piano di guerra della Gran Bretagna fu che la Germania avrebbe seguito il piano Schlieffen, dove le forze tedesche avrebbero marciato rapidamente attraverso il Belgio per evitare la regione montuosa delle Ardenne, messo al suo posto l'esercito francese, poi girarsi verso est e unirsi all'Austria-Ungheria per scontrarsi con il gigantesco esercito russo. All'insaputa della Germania, tuttavia, il Belgio non era così neutrale come aveva portato tutti a credere, e aveva iniziato a mobilitare i suoi militari - che erano stati segretamente preparati e addestrati dai britannici - allo stesso tempo con la Francia e la Russia. Ma l'invasione tedesca di un Belgio indifeso e "neutrale" ha dato alla Gran Bretagna la sua "giusta ragione" per dichiarare guerra alla Germania.

All'inizio della guerra la Gran Bretagna tagliò le linee di comunicazione sottomarine della Germania, garantendo così che tutte le informazioni da e per il mondo esterno sarebbero state sotto il suo controllo. Un anno o due dopo, una poesia scritta dagli orrori delle trincee diede la prova di una consapevolezza dell'inganno che arrivò troppo tardi.
Onde di uomini forti
Che non si rialzeranno più,
Sparsi e lacerati
Tu giaci e marcisci;
Che cosa non hai dato?
E cosa - hai ottenuto?
Che cosa abbiamo ottenuto? Abbiamo ottenuto l'imposizione di uno Stato israeliano di apartheid e di uno Stato islamico (Arabia Saudita) in Medio Oriente. Il mondo ha anche ricevuto il "dono" di una rivoluzione russa che ha fatto nascere l'Unione Sovietica e la patocrazia che si è diffusa su una larga fascia dell'Eurasia. Come lamentava il generale tedesco Ludendorff, che prefigurava gli orrori che sarebbero seguiti al crollo della Germania, il Trattato di Versailles "mandò il popolo tedesco in schiavitù, in una schiacciante schiavitù". Tutte le delusioni sono svanite", scrisse. "Guardiamo nel vuoto. Occorre qualcos'altro". L'Hitlerismo farebbe sparire il sole d'Europa per decenni. E l'élite britannica? Continuano a definirsi "Sir" e "Onorevole" mentre puntano il dito contro la Russia come "fonte di ogni male".

In breve, la storia dimostra che nessuno dovrebbe mai fidarsi di una parola detta dall'establishment britannico.

Tornando al Presente

Nel corso della storia moderna, vediamo la stessa "élite" spingere, ingannare, illudere, promettere una cosa a un paese e qualcosa di completamente diverso ad un altro. Nel loro puro istinto malevolo, vediamo lo "psicopatico essenziale" all'opera che sta tessendo la sua rete senza sforzo attraverso intere nazioni e generazioni. La maggiore vulnerabilità? La tendenza delle persone comuni ad impegnarsi nel pensiero emotivo e il caos che esso genera quando intere nazioni vengono infettate da esso.

Ma, come ha dichiarato l'ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov, "La verità verrà fuori. Non permetteremo di farci prendere da un collasso emotivo". La Russia moderna non è la Germania sotto l'ingenua guida di Guglielmo II, che credeva che le sue relazioni con lo Zar russo e con il Re d'Inghilterra avrebbero salvaguardato il suo paese dalla guerra.

Anche la Russia moderna non è l'Iraq - un piccolo paese facilmente sopraffatto dalla forza militare superiore della NATO con un leader isolato facilmente demonizzato a causa della sua aggressione passata. La Russia moderna è una superpotenza armata nucleare organizzata da alcuni dei più brillanti uomini di Stato che questo pianeta abbia mai visto - non verranno ingannati, non verranno eliminati e qualsiasi attacco contro di loro sarà un atto di suicidio.

Quindi, per coloro che spingono per la guerra contro la Russia, l'unico sbocco praticabile per il loro distruttivo impulso antirusso sono ulteriori attacchi sotto falsa bandiera, più propaganda nera e ogni sorta di sporchi trucchi. In altre parole, cercheranno di avvelenare, sanzionare, urlare, manipolare e sabotare tutti noi nell'oblio, per poi incolpare la Russia.

Riferimenti

1. David Fromkin's A Peace to End All Peace: The Fall of the Ottoman Empire and the Creation of the Modern Middle East p. 232
2. Gerry Docherty & Jim Macgregor's Hidden History: The Secret Origins of the First World War p. 214
3. P. Hof's The Two Edwards: How King Edward VII and Foreign Secretary Sir Edward Grey Started The First World War p. 4
4. David Fromkin's A Peace to End All Peace: The Fall of the Ottoman Empire and the Creation of the Modern Middle East p. 125
5 Ibid p. 104
6. F. William Engdahl's A Century of War Anglo-American Oil Politics and the New World Order p. 39
7. Ibid. p. 31
8. Gerry Docherty & Jim Macgregor's Hidden History: The Secret Origins of the First World War p. 135
9. Ibid. p. 133
10. Ibid. p. 155
11. J. Lee Thompson's Politicians, the Press, and Propaganda: Lord Northcliffe and the Great War, 1914-1919 Kindle Edition Location 175
12. Gerry Docherty & Jim Macgregor's Hidden History: The Secret Origins of the First World War p. 148- 149
13. J. Lee Thompson's Politicians, the Press, and Propaganda: Lord Northcliffe and the Great War, 1914-1919 Kindle Edition Location 175
14. Gerry Docherty & Jim Macgregor's Hidden History: The Secret Origins of the First World War p. 151
15. Andrew Feinstein's The Shadow World: Inside the Global Arms Trade p. 5
16. Alan Corssal's Ideology and International Relations in the Modern World p. 121
17. Gerry Docherty & Jim Macgregor's Hidden History: The Secret Origins of the First World War p. 257
18. Ibid p. 267
19. Ibid p. 293