Trump nice new smart missile
Nel corso del XX secolo, la capacità degli Stati Uniti di proiettare il potere e dominare la geopolitica globale si basava in larga misura sulla percezione generale che gli Stati Uniti fossero la forza militare più potente del mondo. Nella maggior parte dei casi, la semplice minaccia di questa abilità militare era sufficiente per 'fare le cose' alla maniera americana o occidentale. Il mantenimento della diffusa fiducia sul primato militare degli Stati Uniti è quindi estremamente importante per l'establishment statunitense e qualsiasi evento che possa rivelare una realtà diversa deve essere evitato a tutti i costi. Quando il potere militare USA/Occidente è fisicamente dimostrato, è necessaria un'attenta campagna propagandistica e una gestione mediatica dei risultati, fino a includere vere e proprie menzogne sulle prestazioni della tecnologia militare utilizzata. Non c'è da stupirsi.

Nella prima guerra del Golfo, ad esempio, la performance dei missili Patriot statunitensi nel bombardare i missili Scud iracheni lanciati contro Israele, Arabia Saudita e Kuwait è stata elogiata dalle potenze occidentali e dai media. Un tasso di successo del 95% è stato rivendicato al momento con l'allora presidente George Bush sostenendo che il record dei missili Patriot era "quasi perfetto". Nel corso dell'anno successivo, tuttavia, l'esercito americano ha abbassato questa stima al 79% per l'Arabia Saudita e al 40% per Israele. Un successivo rapporto della Ragioneria Generale ha concluso che i missili Patriot hanno distrutto solo il 9% dei missili Scud che hanno tentato di abbattere. La Forza di Difesa israeliana ha calcolato il tasso di intercettazione a solo il 2%.

La notte del 25 gennaio 1991 a Tel Aviv, tre missili Patriot che erano stati lanciati in aria caddero sulla terra ed esplosero. Due di loro colpirono delle zone residenziali e il quotidiano israeliano Ma'ariv all'epoca riferiva che: un israeliano è stato ucciso, 44 sono rimasti feriti e 4.156 appartamenti sono stati distrutti. Quell'incidente e altri come questo hanno portato Ted Postol, uno scienziato di armamenti del MIT, a testimoniare davanti a un comitato congressuale dicendo che, "è possibile che se non avessimo tentato di difenderci dai missili Scud, il livello dei danni che ne sarebbero derivati non sarebbe stato peggiore di quello effettivamente verificatosi".

In un documentario andato in onda alla televisione israeliana nel 1993, Moshe Arens, che era il ministro della Difesa israeliano nella guerra del Golfo, Gen. Dan Shomron, che era capo di stato maggiore della Forza di Difesa israeliana durante la guerra, e Haim Asa, membro di un team tecnico israeliano che ha lavorato sui missili Patriot durante la guerra, dice tutti hanno criticato duramente i Patriot. Il generale Shomron ha descritto i resoconti del successo dei Patriot come "un mito". Il Signor Asa li ha definiti "uno scherzo". Tutti concordano con un rapporto del 1991 dell'aeronautica israeliana che concludeva che "non vi sono prove neppure di un singolo successo di intercettazione", sebbene vi siano "prove indiziarie di una possibile intercettazione".

Il punto è che gli Stati Uniti hanno una lunga tradizione sul mentire a proposito dell'efficacia dei loro missili.

Dopo che 100+ missili cruise o varianti di missili cruise sono stati lanciati contro bersagli in Siria la mattina presto del 14 aprile, il presidente Trump ha dichiarato "missione compiuta" e ha twittato che si trattava di "un attacco perfettamente eseguito".

I funzionari del Pentagono hanno detto che nessuno dei 105 missili alleati lanciati è stato colpito dai sistemi antimissile di epoca sovietica in Siria, e che le incursioni sono state "precise e schiaccianti" e che le difese aeree siriane sono rimaste "in gran parte inefficaci".

Un punto importante che sembra essersi perso nell'offensiva di propaganda dei media è che solo 3 località sono state prese di mira e colpite. Il tenente generale Kenneth F. McKenzie questo sabato ha detto ai giornalisti che il primo obiettivo dell'operazione era il Centro di Ricerca e Sviluppo Barza nella zona di Damasco. Un totale di 76 missili, tra cui 57 missili Tomahawk, sono stati lanciati contro la struttura, ha riferito. Ha inoltre dichiarato che 22 missili sono stati lanciati contro un deposito di armi chimiche vicino Homs, e circa sette missili contro un altro bunker di armi chimiche nella stessa zona.

Il capo dello Stato Maggiore Generale Joseph Dunford ha confermato che sono stati colpiti solo tre obiettivi, tra cui il "centro di ricerca scientifica" di Barzeh nell'area metropolitana di Damasco, che a suo parere è stato utilizzato per la ricerca, lo sviluppo, la produzione e il collaudo di armi chimiche, una struttura situata a ovest di Homs, che secondo gli Stati Uniti sarebbe un centro per la produzione di gas Sarin, e un posto di comando situato vicino al primo impianto.

Il "centro di ricerca scientifica" di Barzeh non è un vero e proprio "centro di ricerca scientifica". Si tratta in primo luogo di un'università denominata "Istituto superiore di scienza e tecnologia applicata" (HIST).
"HIAST è stata fondata nel 1983. Il suo scopo è quello di qualificare il personale per condurre ricerche scientifiche e tecnologiche in tutti i campi delle scienze applicate e della tecnologia, in modo che possa partecipare al processo scientifico ed economico in Siria. HIAST offre l'opportunità di progredire nel campo della ricerca applicata attraverso l'adesione a corsi per il conseguimento del Diploma, Master e Dottorato di Ingegneria".
HIST Damascus
Se vi va potete dare un'occhiata al loro sito web.

Nell'ambito del loro "rapporto", il governo degli Stati Uniti sostiene che questa università ospitava un "impianto di armi chimiche" e che i media hanno riprodotto immagini satellitari che mostrano l'area di destinazione prima e dopo l'attacco missilistico. Queste immagini sono state fornite ai media dal governo degli Stati Uniti.

HIST Campus after
HIST Campus before
Forse le immagini satellitari granulose sono preferite dai media perché offrono una certa mistica nonché una certa distanza tra il lettore e la realtà di ciò che viene osservato, ma non riesco a capire perché i media occidentali non abbiano semplicemente cercato da soli il campus HIST su Google maps.

Di seguito è riportata un'immagine dell'area generale del campus HIST da Google maps mentre si trova sul bordo esterno del quartiere Barzeh di Damasco. Il "laboratorio di armi chimiche" parte del campus che è stato attaccato dai missili degli Stati Uniti è cerchiato in rosso.

HIST campus Barzeh
E qui c'è un video di un gruppo di persone che si aggirano intorno alle rovine degli edifici che ospitavano "armi chimiche" 24 ore dopo che le presunte armi chimiche sono state distrutte da 76 missili cruise. Nemmeno una tuta protettiva nei dintorni...


Guardate di nuovo l'area che gli edifici occupavano. Si dice che 76 missili cruise, ciascuno con una testata da 454 kg circa, abbiano colpito questi 3 edifici, distruggendoli solo in parte. Si tratta di 34 tonnellate di esplosivi militari di alta qualità. Per confronto, ecco un video di sole 9 bombe da 454 kg che colpiscono un edificio che copre all'incirca la stessa area degli edifici HIST.


L'Independent britannico ha riportato sugli attacchi missilistici con il titolo, "Le immagini mostrano edifici trasformati in rovina e macerie dagli attacchi aerei in Siria", ma poi procede mostrando 13 immagini degli stessi edifici HIST demoliti nel sobborgo di Bazreh di Damasco. Forse perché questa è l'unica prova "impressionante" di cui dispongono per le dubbie affermazioni del governo statunitense?

Le altre due aree che sarebbero state colpite dai missili statunitensi si trovavano a ovest di Homs. Un "centro per la produzione di gas sarin" e un "posto di comando" o un "bunker" (o qualcosa di simile, potrebbe essere anche una stalla per le mucche).

Homs targets
Ora è il momento di vedere alcune foto satellitari "prima e dopo", poco ravvicinate e sgranate, grazie ai media (grazie al governo degli Stati Uniti) delle due aree sopra mostrate. Ecco il sito del "centro di produzione del gas sarin".

Homs target before

Uno dei due siti di Homs prima dell'attacco
Homs target after

E dopo l'attacco
Queste sì che sono belle riprese. Conto forse 4 o 5 impatti (piccoli crateri) sul terreno e quei 3 piccoli edifici scomparsi.

Passiamo all'ultimo dei 3 siti attaccati. La cosiddetta "postazione di comando", che si trova a pochi chilometri dalla strada mostrata nell'immagine precedente.

Homs target site 3 before

Il terzo sito bersaglio di Homs prima dell'attacco
Homs site 3 after

Il terzo sito bersaglio di Homs dopo l'attacco
Non mi sembra affatto un attacco di successo. Nell'immagine si vede solamente un singolo impatto a sinistra del bersaglio. La "postazione di comando delle armi chimiche" sembra intatta.

Allora, qual è il punteggio? Cerchiamo di essere generosi e di dare 9 x 454 kg di missili cruise per gli edifici del campus HIST. Diamone 5 in più al "sito di produzione del gas sarin" a ovest di Homs e 1 in più a quel piccolo capannone mostrato sopra. Si tratta di 15 impatti di successo in totale, secondo le dichiarazioni del governo statunitense sui 3 siti presi di mira e le prove che il governo statunitense ha rilasciato ai media.

Ma nell'interesse dell'imparzialità e dell'obiettività, vorrei menzionare che anche la base aerea militare di Mezzeh, poco a sud di Damasco, è stata colpita da missili secondo il governo siriano. Ecco un video report di Ruptly.

Nessun danno è mostrato nel video di cui sopra, ma in segno di buona fede, supponiamo che sia stato fatto un danno significativo. Quindi assegnamo 10 missili cruise a quella base aerea. Questo porta il nostro conteggio a 25. Diamine, dato che oggi mi sento generoso, aggiungo altri 10 missili che potrebbero essere andati fuori rotta e hanno colpito dei campi vuoti nei pressi di Homs o Damasco. Si tratta di 35 impatti al massimo su un totale di 103 (o 105 o 118 a seconda delle fonti). Quindi la domanda è: cosa ne è stato del resto dei missili "carini, nuovi e intelligenti" di Trump?

A parte lo sconvolgente livello di bugie e offuscamenti del FUKUS intorno a questo ultimo attacco contro la Siria - che sono state tutte ripetute in modo nauseante dalla stampa occidentale - la stampa occidentale ha anche propagandato la versione ufficiale, completa di grafici e mappe, senza prendere atto dell'ovvio fatto che l'esplosione di presunti impianti di produzione e stoccaggio di armi chimiche situati in zone densamente popolate rappresenta un pericolo sconsiderato per la popolazione locale e, probabilmente, è un crimine di guerra. Peraltro, forse gli americani stanno mentendo (ci puoi scommettere). Forse sanno benissimo che questi obiettivi non contenevano armi chimiche considerando ciò che il Dipartimento degli Stati Uniti ha tweetato a John Kerry nel 2014:

John Kerry Chemical weapons Syria
Forse sanno anche che pochissimi dei loro "belli e nuovi missili intelligenti" hanno colpito i loro bersagli. E forse, solo forse, tale constatazione li ha resi molto nervosi.