boris Johnson

'Oddio!'
La sostanza utilizzata per avvelenare Sergei Skripal era un agente chimico noto come BZ, secondo il laboratorio dello stato svizzero Spiez, ha affermato il ministro degli Esteri russo. La tossina non è mai stata prodotta in Russia, ma è stata utilizzata invece negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in altri Stati appartenenti alla NATO.

Sergei Skripal, un ex doppio agente russo, e sua figlia Yulia sono stati avvelenati da una tossina invalidante nota come 3-Quinuclidinil benzilato o BZ, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, citando i risultati dell'esame condotto da un laboratorio chimico svizzero che ha lavorato con i campioni che Londra ha consegnato all'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW).

Il centro svizzero ha inviato i risultati all'OPWC. Tuttavia, l'ONU si è limitata a confermare la formula della sostanza usata per avvelenare gli Skripal nel suo rapporto finale, senza menzionare gli altri fatti presentati nel documento svizzero, ha aggiunto il ministro degli Esteri russo. Ha proseguito dicendo che Mosca avrebbe chiesto all'OPCW informazioni sulla sua decisione di non includere altre informazioni fornite dal centro svizzero nel suo rapporto.

Il centro svizzero menzionato da Lavrov è il laboratorio Spiez controllato dall'Ufficio federale della protezione della popolazione e, di conseguenza, dal ministro della Difesa. Il laboratorio è anche un centro di eccellenza riconosciuto a livello internazionale nel campo della protezione nucleare, biologica e chimica ed è uno dei cinque centri permanentemente autorizzati dall'OPCW.

Il ministro degli Esteri russo ha detto che Londra ha rifiutato di rispondere a decine di domande "molto specifiche" fatte da Mosca sul caso Salisbury, nonché di fornire qualsiasi prova sostanziale che potrebbe far luce su quanto accaduto. Invece, il Regno Unito ha accusato la Russia di non rispondere alle proprie domande, ha detto, aggiungendo che, in realtà, Londra non ha fatto domande, ma voleva che Mosca ammettesse di essere responsabile per la distribuzione dell'agente chimico nel Regno Unito.

Lo scandalo è scoppiato all'inizio di marzo, quando l'ex doppio agente Sergei Skripal e sua figlia Yulia sono stati trovati in condizioni critiche nella città di Salisbury. I funzionari britannici più autorevoli hanno quasi immediatamente attribuito la colpa alla Russia.

Mosca ritiene che l'intero caso Skripal manchi di trasparenza e che il Regno Unito non sia di fatto interessato a un'indagine indipendente. "Abbiamo l'impressione che il governo britannico stia deliberatamente perseguendo la politica di distruggere tutte le prove possibili, classificando tutti i materiali rimanenti e rendendo impossibile un'indagine trasparente", ha detto l'ambasciatore russo nel Regno Unito, Alexander Yakovenko, nel corso di una conferenza stampa tenutasi venerdì.