British military salisbury Skripal

L'11 marzo, a Salisbury, il personale militare britannico indaga sull'avvelenamento di Sergei Skripal
L'establishment anglo-americano odia Putin perché prende i pezzi rotti di una Unione Sovietica che si supponeva essere uno stato vassallo più occidentale, e li modella in una moderna e sovrana Federazione russa in grado di spingere contro la visione occidentale di un mondo unipolare, una Pax Americana al punto di partenza.

Trasformando e rafforzando radicalmente sia l'economia russa (rendendola in gran parte immune a vari tipi di attacchi economici) che l'esercito russo, Putin ha di fatto derubato l'impero globale del suo evidente destino di governare il globo indisturbato. In risposta, i costruttori dell'impero hanno deciso di fare tutto il necessario per distruggere Putin e la Russia moderna. Eppure, a causa delle mosse esperte di Putin sulla scacchiera globale, i costruttori dell'impero si ritrovano con una sola stringa efficace al loro arco collettivo con cui abbattere Putin: propaganda nera e trucchi sporchi.

Un esempio di questa campagna di propaganda nera sono i disperati tentativi compiuti dagli Stati Uniti e dai loro alleati negli ultimi cinque anni di inquadrare la Russia (e Vladimir Putin personalmente) per effettuare attacchi con armi chimiche in diverse parti della Siria. In ogni occasione, i governi e i media occidentali non sono riusciti a convincere adeguatamente le popolazioni occidentali che le accuse erano esatte, o almeno a convincerle che qualsiasi cosa Putin stesse facendo in Siria era peggio di quello che stavano facendo loro stessi. Molte persone mantengono la capacità di rilevare cavolate palesi quando ne sentono l'odore, a quanto pare.

Le recenti accuse secondo cui Putin sarebbe responsabile dell'avvelenamento dell'ex operativo del GRU russo Sergei Skripal e di sua figlia a Salisbury, nell'Inghilterra meridionale, possono essere considerate come un "piano b" a seguito del fallito tentativo di "armi chimiche in Siria", in cui la stessa accusa viene "avvicinata a casa" e resa più "personale" per il popolo britannico (e, per estensione, per quello europeo e americano). Creando l'impressione che Putin usasse armi chimiche nella sonnolenta Salisbury, il governo britannico si dota di un sacco di capitale politico per 'legittimamente' aumentare la calunnia e le minacce nei confronti del governo russo e distorcere il pensiero del Brit medio.

Nella mente dei freaks dal carattere disordinato che tormentano i retrobottega dell'intelligence britannica, Skripal aveva superato la sua utilità come doppio agente. A 66 anni e da molto tempo fuori dal circuito degli eventi in Russia, si era effettivamente ritirato nel Regno Unito quando vi si era trasferito con l'MI6 nel 2010. Detto questo, Skripal era senza dubbio ancora sotto gli occhi degli sguardi inglesi, non tanto per quello che poteva offrire loro, quanto per quello che poteva offrire ai russi se fosse mai diventato un "triplo agente". Può anche aver lavorato in qualche veste presso il vicino centro militare di ricerca sulle armi chimiche di Porton Down, che produce tipi simili di agenti nervini a quelli che lui e sua figlia si dice abbiano ceduto. Ma anche se Skripal non aveva un valore tecnico o di intelligence specifico, il semplice fatto di essere un ex agente di intelligence russo ha offerto all'intelligence britannica l'opportunità di utilizzarlo, un'ultima volta, nei servizi segreti di Sua Maestà.

Che l'immediata reazione dell'establishment britannico alla notizia che Skripal e sua figlia erano stati trovati incoscienti su una panchina di un parco a Salisbury era di incolpare la Russia e di emettere un ultimatum a Putin - seguito oggi da la minaccia che RT UK non vada più in onda - è di per sé la prova che si trattava di un'operazione britannica pre-pianificata per raggiungere obiettivi specifici. E 'anche la prova di quanto i politici occidentali vedono la narrazione alternativa presentata dai media russi come RT come una minaccia diretta per il loro potere e la loro agenda.

Proprio come con gli attacchi dell'11 settembre, quando un governo sembra avere tutto "pronto ad andare" a poche ore da un attacco al suo suolo (un'indagine seria è dannosa), qualsiasi persona razionale dovrebbe essere diffidente nei confronti della narrazione dominante.

Qui ci sono alcune domande che i lettori potrebbero voler porre e che aprono la questione di chi ha avvelenato Skripal e sua figlia.

Perché un veleno sviluppatosi nella Unione Sovietica quasi 30 anni fa non poteva essere ottenuto o prodotto da operazioni occidentali occulte da allora?

In merito a quanto scritto sopra: uno dei principali siti di produzione per il presunto veleno - Novichok - era l'Istituto di Ricerca Scientifica per la Chimica Organica e la Tecnologia dello Stato Sovietico in Nukus, Uzbekistan. Sin dalla propria dichiarazione di indipendenza nel 1991, l'Uzbekistan ha collaborato col governo degli Stati Uniti per smantellare e decontaminare i siti dove il Novichok ed altre armi chimiche erano stati testati e sviluppati. Nel 2002 il Dipartimento della Difesa USA ha chiuso il principale sito di ricerca e sviluppo dell'agente chimico Novichok in Uzbekistan, con un programma da $6 milioni di 'Cooperazione per la Riduzione delle Minacce'. Agenti chimici come il Novichok sono stati anche sviluppati e probabilmente stoccati in diverse altre ex Repubbliche Sovietiche, inclusa l'Ucraina.

Se la Russia avesse veramente voluto eliminare un anziano agente doppiogiochista, perché mai lasciare ovvie tracce che potevano far risalire chiunque alla fonte del problema? In un periodo come questo in cui chiunque può morire per cause accidentali, e non meno per mezzo di un 'attacco di cuore' provocato artificialmente, non ci sono davvero altri modi per i russi di liberarsi di qualcuno senza che l'attacco provenga direttamente da loro? Mi viene in mente anche i presunti 'hacker russi' delle email della DNC nel 2016, che si definirono 'orsi di fantasia' e lasciarono tracce chiare che riconducevano in Russia. Molto conveniente.

Il risultato finale è che il tentativo di attentare alla vita di Skripal è nell'interesse delle agenzie di intelligence e dei governi occidentali come parte della loro feroce campagna di propaganda nera contro la Russia e il suo leader. Di fronte a mosse complesse e nascoste sulla scacchiera geopolitica nell'era dell'alta tecnologia della Guerra Fredda parte 2, il 'cui bono' è ancora il miglior indicatore per dove iniziare a cercare i colpevoli.