Vasily Nebenzya ambassador russia UN
© Brendan McDermid / Reuters
Russian Ambassador to the United Nations Vasily Nebenzya
La Russia ha messo in guardia gli Stati Uniti e i loro alleati contro la "pesca in acque torbide" in Medio Oriente, che porta solo ulteriore caos nella regione. Gli Stati Uniti non dovrebbero presumere di avere amici, solo paesi che non sono in grado di dissentire, ha detto l'inviato dell'ONU Vassily Nebenzia.

Gli Stati Uniti e i loro alleati non hanno compreso il monito lanciato dal Presidente russo Vladimir Putin all'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 2015, ha detto l'ambasciatore Nebenzia al Consiglio di sicurezza lunedì.

"Ora capite cosa avete fatto?" Nebenzia ha ripetuto la domanda di Putin sui giochi geopolitici spericolati dell'Occidente in Medio Oriente. "No, non avete capito".

"Ovunque andiate, tutto ciò che toccate, lasciate solo il caos. Si cerca di pescare in quelle acque torbide, ma l'unica cosa che si cattura sono dei mutanti", ha proseguito Nebenzia.

Dopo aver contestato la narrativa di un attacco chimico nella periferia di Damasco a Douma come "fake news" - non essendo state trovate prove del presunto attacco o di vittime, dopo che le truppe siriane e russe hanno ispezionato l'area liberata dai militanti dell'Esercito dell'Islam - Nebenzia si è rivolto alle osservazioni fatte in precedenza dal suo omologo statunitense, Nikki Haley, che ha detto che gli Stati Uniti e la Russia "non saranno mai amici".


"Non siamo particolarmente desiderosi di essere amici con voi", risponde l'inviato russo. "Non vi chiediamo di essere amici. Vogliamo relazioni normali e civili, che voi rifiutate con arroganza, senza tener conto di alcuna cortesia."

"Siete indotti a pensare di avere degli amici", ha avvertito Nebenzia. "I vostri cosiddetti amici sono solo quelli che non possono dirvi di no. Questo è il vostro unico criterio per l'amicizia."

L'inviato russo ha chiuso il suo discorso al Consiglio di Sicurezza con un avvertimento che un attacco militare non autorizzato contro la Siria, dove le truppe russe sono legalmente dispiegate, avrebbe "gravi conseguenze".

"Le disavventure militari dell'Occidente sono ben note, come dimostrano gli esempi della Jugoslavia, dell'Iraq e della Libia. Nessuno vi ha conferito il potere di agire come il poliziotto del mondo, o di agire come procuratore, giudice e carnefice," ha detto.

Leggi tutto su RT