© Proyecto Estructura A, Plaza de la Luna, Teotihuacan, INAH
Archeologi dell'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) del Messico hanno scavato ed esplorato, per la prima volta, le viscere della Piazza della Luna a Teotihuacan. Il team è rimasto sorpreso di scoprire che, sotto la piazza di fronte alla maestosa Piramide della Luna dal cielo, c'erano delle pietre che sembravano un paesaggio lunare ricco di crateri.

Hanno esaminato la serie di fori e hanno scoperto al loro interno delle stele di pietra verde lisce. Gli archeologi hanno anche scoperto passaggi che segnano il centro di questo spazio con le direzioni dell'universo (punti cardinali) e una serie di fori contenenti ciottoli di fiume. Tutti questi aspetti costituiscono un codice simbolico che le antiche persone di Teotihuacán hanno sviluppato nelle prime fasi della città, quasi 2000 anni fa.

"Siamo di fronte ad un nuovo ombelico della città, di fronte a un nuovo centro cosmico. La Piazza della Luna non era come la vediamo oggi. Era piena di buchi, canali, stele, gli edifici erano molto più remoti, e la Piramide della Luna era più piccola. Il calcare che forma la superficie della Piazza della Luna è stato modificato, abbiamo identificato oltre 400 cavità che sono state utilizzate per oltre cinque secoli, piccoli fori di 20-25 centimetri di diametro e con profondità di circa 30 centimetri che ricoprono la piazza, anche se i fori sono più concentrati in alcune zone. Molti di loro avevano pietre di fiume che sono state portati da altrove", ha riferito la Dr.ssa Veronica Cabrera Ortega, direttore del progetto di ricerca.

© Proyecto Estructura A, Plaza de la Luna, Teotihuacan, INAH
Gli scavi sono in corso sotto la superficie della Piazza della Luna, di fronte alla Piramide della Luna.

L'INAH dice che il progetto sta analizzando il cuore della Piazza della Luna, un settore di grande importanza. L'opera, che ha avuto inizio nel 2015, è ripresa ai primi di aprile e sarà completata entro la fine del prossimo mese di luglio.

Gli scavi si sono concentrati nella zona di fronte alla Piramide della Luna , conosciuta come Struttura A: è un patio chiuso di 25 metri di larghezza e ha 10 piccoli altari. Attraverso questo lavoro, si cercherà di trovare le origini della spazio rituale della Piazza della Luna, e dei pozzi con i risultati degli studi del sottosuolo ottenuto attraverso l'uso di radar a penetrazione, gli archeologi hanno cominciato a riconoscere una serie di alterazioni nel terreno di Teotihuacan. Le modifiche suggeriscono che la zona fosse molto diversa da ciò che si vede lì oggi: - (. 350-550 dC), una piazza delimitata da 13 basi e la Piramide della Luna che è stata costruita nelle fasi finali di Teotihuacan.

© Melitón Tapia INAH
Finora, cinque stele piene sono state trovate nei fori.
"Anni fa l'archeologo Otto Schöndube aveva detto sulla struttura che aveva una base che sembrava un"quinconce "o" croce Teotihuacán ", che è associata ad un ordine cosmologico, ma non c'erano elementi sufficienti per capire questo. Quando abbiamo trovato queste fosse e la stele di pietra verde abbiamo iniziato a generare l'idea che in effetti questo era uno spazio con un collegamento simbolico degli inferi con il piano celeste », Verónica Ortega ha detto nel comunicato stampa INAH .

Le stele sono situate in zone che misurano 60 cm di larghezza e tra 3,5 e 4 metri in profondità. I fori sono stati scavati nelle fasi iniziali della città (100 dC). Questo è stato lo stesso periodo in cui è stata eretta la Piramide del Sole e quando è iniziata la prima fase di costruzione della Piramide della Luna . Secondo l'esperto di INAH, questo sistema di trincee era in uso almeno da 500 anni perché non vi è evidenza che i pozzi sono stati aperti e sigillati.

Per quanto riguarda la stele Ortega ha aggiunto :
"Alla fine, la gente di Teotihuacán ha deciso di metterle in un posto sicuro. Le steli sono state usate per santificare lo spazio o legittimare il potere assegnato alle divinità. Anche se non abbiamo ancora capito pienamente il contesto, questo parla dell'importanza della pietra verde e il loro legame con le divinità dell'acqua, con questo luogo (la Piazza della Luna), le più grandi sculture della dea della fertilità, Chalchiuhtlicue, sono stati trovate, ed è probabile che il culto in questo luogo è stato strettamente legato a lei. ci sono un sacco di buchi, è probabile che come parte di un atto simbolico, cerimonia, o rituale, la gente si recava in questo spazio aperto e depositate ciottoli di fiume al loro interno, magari con l'idea di promuovere la fertilità. "
© Proyecto Estructura A, Plaza de la Luna, Teotihuacan, INAH
Alcuni dei crateri nel calcare e uno dei fori con una stele verde nella parte meridionale della Struttura A.
Un altro dato importante è stata la scoperta, a soli 10 cm sotto la superficie, di due canali associati con l'altare centrale della Piazza della Luna. E sembra che abbiano avuto un tempo anche una funzione simbolica, piuttosto chela funzione di sistema di drenaggio. Entrambi misurano tra 1,5 e 2 metri di larghezza e cominciano da nord e sud dei gradini dell'altare verso queste direzioni cardinali, raggiungendo i 25 metri di lunghezza e fino a 3 metri in profondità.
"Per la prima volta è noto che lo spazio aperto non è necessariamente privo di evidenze archeologiche. In generale, gli spazi pubblici di Teotihuacan, La Ciudadela e le piazze delle piramidi del Sole e Luna avevano un simbolismo al di là di ciò che vediamo come un progetto urbano o architettonico . Forse hanno fatto tali cambiamenti per santificare quegli spazi. in effetti, c'è un intero mondo sotterraneo da scoprire ", ha concluso il ricercatore a capo di questo progetto entusiasmante, che sicuramente porterà nuove e meravigliose sorprese.


Un video che mostra le scoperte nella Piazza della Luna di Teotihuacan. (In spagnolo)




Originariamente pubblicato sul sito
ancient-origins.net

Fonte: pianetablunews.it