Considerando lo stato altamente tossico in cui si trova la maggior parte delle persone, l'ambiente rapidamente cangiante in cui viviamo, e l'incredibile capacità che possiede lo iodio di rafforzare la salute delle persone e migliorare le loro vite, ho deciso di scrivere il seguente riepilogo sugli integratori di iodio come introduzione all'argomento. Le informazioni qui presentate si basano sulle ricerche preliminari disponibili sul forum in questa discussione sullo iodio e nei libri sullo Iodio: Lo Iodio: perché ne avete bisogno, perché non si può vivere senza (5° edizione) dal Dr. Brownstein, e La Crisi dello Iodio da Lynne Farrow.

lugol

Lo iodio potrebbe potenzialmente migliorare la vostra salute
Lo iodio è un oligoelemento essenziale. Questo significa che ogni singola cellula di ogni singola persona ne ha bisogno. I biologi evoluzionisti ritengono che il consumo di frutti di mare, e con esso l'assunzione di iodio assunto, abbia giocato un ruolo importante nello sviluppo e nell'evoluzione del cervello umano. Lo iodio è anche un eccellente antibatterico, antiparassitario, antimicotico e ha proprietà antitumorali e antivirali.

Purtroppo, nel nostro mondo moderno, la carenza di iodio nella popolazione generale ha assunto proporzioni pandemiche, a causa della perdita di iodio nel nostro organismo dovuto a tossine ambientali come bromuro, pesticidi e additivi alimentari. Le tecniche di coltivazione moderne inoltre hanno portato alla carenza di iodio e di altri minerali presenti nel terreno. Così le colture coltivate in un terreno carente di iodio sono a loro volta carenti di iodio.

Stile di vita e di nutrizione possono inoltre provocare la carenza di iodio nella persona. Coloro che mangiano molti prodotti da forno (pane, pasta, ecc.), che contengono elevate quantità di bromuro, sono particolarmente a rischio. È il caso dei vegetariani e di quelli che non amano i frutti di mare, alghe o sale marino.

Secondo il Dr. Brownstein, l'autore di Iodio: perché ne avete bisogno, perché non si può viverne senza, circa un terzo della popolazione mondiale vive in una regione che soffre di carenza di iodio. Lui e altri ricercatori hanno testato migliaia di persone e hanno riscontrato risultati costanti: circa il 96% dei pazienti aveva bassi livelli di iodio. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto che in tutto il mondo la carenza di iodio è la causa principale di ritardo mentale, per la quale esiste una prevenzione. La carenza di iodio è stata identificata come un importante problema di salute pubblica in 129 paesi e fino al 72% della popolazione mondiale è affetto dai disturbi causati dalla carenza di iodio.

goiter

‌Negli Stati Uniti lo iodio viene aggiunto nel sale per aiutare a prevenire il gozzo. Però ora sappiamo che le quantità aggiunte fanno ben poco per prevenire o compensare altre molteplici forme di malattia.
Le seguenti malattie sono legate alla carenza di iodio:
  • cancro al seno
  • cancro alla tiroide
  • cancro ovarico
  • cancro all'utero
  • cancro alla prostata
  • malattie autoimmuni della tiroide
  • ipotiroidismo
  • malattia fibrocistica del seno
  • ADHD
  • affaticamento cronico
  • fibromialgia
In più, lo iodio viene utilizzato per trattare le seguenti condizioni:
  • ADHD/ADD
  • aterosclerosi
  • malattie del seno
  • Malattia di Dupuytren
  • produzione di muco in eccesso
  • seni fibrocistica
  • gozzo
  • emorroidi
  • mal di testa e emicranie
  • fibromialgia
  • affaticamento cronico
  • ipertensione
  • infezioni
  • cheloidi
  • malattie del fegato
  • sindrome nevrotica
  • malattie delle ovaie
  • calcoli del dotto parotide
  • la malattia di Peyronie
  • malattie della prostata
  • cisti sebacee
  • malattie della tiroide
  • infezioni vaginali
  • sifilide
  • fibromi uterini
  • avvelenamento da metalli pesanti (mercurio, piombo, arsenico)
  • scarlattina
  • bronchite e polmonite
  • obesità
  • depressione
  • dolore al seno
  • eczema
  • malaria
  • malattie genito-urinarie
  • reumatismo
  • tonsillite
  • tosse
  • dolori di stomaco
  • cervello annebbiato
  • allergie
  • disturbi mestruali
  • infezioni gengivali
  • psoriasi
  • aritmia cardiaca
  • colesterolo alto
  • costipazione
  • diradamento dei capelli
  • diabete di tipo 2
  • problemi agli occhi
  • reflusso gastroesofageo
  • sclerosi multipla
  • gastroparesi
  • proliferazione batterica del intestino tenue
  • Ecc., ecc. !!!
L'ampio spettro delle condizioni di salute che si possono migliorare grazie agli integratori di iodio è un grande indizio dell'importanza di questa sostanza nutritiva e della sua carenza diffusa.

Secondo Lynne Farrow, autore de La Crisi dello Iodio, l'uso medicinale dello iodio risale a 15.000 anni fa. È stato il primo trattamento scelto nel 19° secolo per i tumori e per le malattie aggressive di eziologia sconosciuta. Farrow inoltre sostiene che l'errore più pericoloso è quello di pensare che il sale iodato è sufficiente per soddisfare il nostro fabbisogno quotidiano. Secondo la ricerca di Farrow e Brownstein, nel migliore dei casi, soltanto il 10% dello iodio presente nel sale raffinato viene assorbito. La maggior parte delle persone oggi evita i sali raffinati a causa di problemi di salute, e per la convinzione sbagliata che il sale (di qualsiasi tipo) è dannoso per la salute cardiovascolare.

La RDA (fabbisogno giornaliero) di iodio è di 150 mcg (microgrammi, che equivalgono a 0,15 mg), un calcolo stabilito sulla base di quanto iodio ha bisogno la tiroide per evitare la formazione del gozzo. Tuttavia, queste quantità non prendono in considerazione le esigenze di altri organi. In aggiunta, in questo calcolo, gli effetti delle tossine inquinanti introdotte nel secolo scorso, le quali impediscono l'assorbimento dello iodio, non sono stati presi in considerazione.

Il nostro mondo tossico

Anche se riuscite a consumare circa due chili di frutti di mare freschi tutti i giorni a fine di soddisfare i requisiti di iodio, su questo pianeta non si può vivere sotto una campana di vetro. È probabile che il disastro della centrale nucleare di Fukushima abbia contaminato gran parte delle alghe del mondo, quale un'importante fonte di iodio nella nutrizione. Poi ci sono le 2.053 esplosioni nucleari condotte dal 1940 al 1990 in tutto il mondo, e più recentemente a questo quadro si aggiungono le munizioni all'uranio impoverito utilizzate nelle guerre americane. Non dobbiamo dimenticare nemmeno Chernobyl.

È noto che lo iodio radioattivo, usato in molte procedure mediche, aggrava ulteriormente un problema di carenza di iodio. Inoltre, l'esposizione a molte sostanze chimiche che inibiscono la sintesi di iodio nel corpo (ad esempio, bromuro, fluoro, cloruro) peggiorano ulteriormente il problema. Molti paesi poi aggiungono ancora il fluoro nell'acqua potabile, nonostante le prove dei suoi rischi per la salute. Quel che è peggio è che il fluoro è ancora più tossico nei casi in cui c'è una carenza di iodio.

Fluoride

Sì, questa è la roba che aggiungono nella nostra acqua potabile.
La buona notizia è che l'assunzione di iodio in quantità adeguata aumenta l'escrezione urinaria di metalli pesanti come lo sono piombo e mercurio, e ha un effetto disintossicante in quanto aumenta l'escrezione di fluoruro, bromuro e cloruro. Questo è molto importante poiché bromo, fluoro, e cloruro sono alogenuri tossici, che competono uno con l'altro per l'assorbimento e la sintesi nel corpo.

Perclorato - un anione di cloro - distrugge il sistema di trasporto dello iodio nel nostro corpo. Anche in quantità piccole può causare il cancro e l'indebolimento del sistema immunitario. Il perclorato è usato in innumerevoli prodotti industriali - dagli oggetti di uso quotidiano, come airbag nelle auto e pelli conciate fino ai combustibili per i razzi.

L'intossicazione col bromo è associata al delirio, al ritardo psicomotorio, alla schizofrenia ed alle allucinazioni. Le persone che ingeriscono bromo si sentono annoiate e apatiche e hanno difficoltà di concentrazione. Il bromuro può anche causare stati di depressione gravi, mal di testa e irritabilità. Questi sintomi possono essere presenti anche con basse quantità di bromo nell'alimentazione.

Il Dr. Brownstein spiega come il bromo interferisca con l'utilizzo di iodio nella tiroide, e in altri punti dove lo iodio si concentra nel corpo. Grazie alla loro interferenza nel metabolismo dello iodio nel corpo, bromo e fluoro sono noti come "goitrogeni" - cioè favoriscono la formazione del gozzo. Il bromo e il fluoro sono sostanze tossiche che non hanno nessun valore terapeutico per nostro corpo. Il bromo, un noto cancerogeno, può anche legarsi ai recettori di iodio nel seno. Le donne con tumore al seno hanno maggiori quantità di alogenuri tossici come bromo e fluoro rispetto alle donne senza tumore. In contrasto, lo iodio possiede le proprietà anti-cancerogene.

I seni delle donne sono le aree più importanti per la conservazione di iodio. Mantenere gli adeguati livelli di iodio sono necessari per garantire una ghiandola tiroidea adeguatamente funzionante e una normale architettura del seno, oltre a mantenere la struttura normale delle ghiandole in tutto il corpo.

Come riferisce il Dr. Brownstein:
Tutte le ghiandole del corpo dipendono dagli adeguati livelli di iodio per funzionare in modo ottimale. Gli studi sugli animali hanno dimostrato problemi con le ghiandole surrenali, il timo, le ovaie, l'asse ipotalamico e l'ipofisi, così come con tutto il sistema endocrino, quando vi è uno stato di carenza di iodio. Infatti, le ovaie hanno la seconda più alta concentrazione di iodio nel corpo accanto alla ghiandola tiroidea. Uno stato di carenza di iodio porterà ad un sistema ormonale squilibrato. È impossibile avere un sistema ormonale equilibrato se non è garantito un adeguato apporto di iodio.
Grandi quantità di iodio vengono immagazzinate anche in molte altre zone del corpo, tra cui le ghiandole salivari, liquido cerebrospinale e il cervello, mucosa gastrica, plesso coroide, seni, ovaie, e il corpo ciliare dell'occhio. Nel cervello, lo iodio si concentra nella substantia nigra, un'area del cervello che è stata associata al morbo di Parkinson.
'Iodo-fobia' medica

Secondo il dottor Guy E. Abraham, la 'iodo fobia medica' - la paura ingiustificata di utilizzare lo iodio inorganico, iodio / ioduro non radioattivo - potrebbe aver causato più sofferenza umana e morti delle entrambe guerre mondiali combinate, impedendo una significativa ricerca clinica in relazione alla quantità giornaliera di iodio necessaria per la salute fisica e mentale ottimale.

Thyroid gland

Chi avrebbe mai detto che la funzione della tiroide fosse così importante da poter diventare una delle chiavi per una buona salute?
Abraham era uno dei più importanti ricercatori sullo iodio in tutto il mondo e aveva suggerito che il fabbisogno giornaliero di iodio necessario per mantenere la sufficiente saturazione di iodio in tutto il corpo era di 13 mg al giorno. Quando la quantità è sufficiente, la ghiandola tiroidea detiene un totale di circa 50 mg di iodio. La tiroide ha bisogno di circa 6 mg / giorno di iodio per avere livelli sufficienti. I seni hanno bisogno di almeno 5 mg di iodio, lasciando 2 mg di iodio per il resto del corpo. Altri suggeriscono, basandosi sulla ricerca di Dr. Guy E. Abraham, che gli individui sani hanno bisogno di 1-3 mg al giorno come dose di mantenimento. Questo è ancora ben al di sopra della RDA di 150 mcg al giorno di iodio!

Molti operatori sanitari hanno paura di iodio a causa di ignoranza della sua biochimica e fisiologia. Sono stati portati a credere che lo iodio causi ipotiroidismo, quando in realtà aiuta a normalizzare la funzione tiroidea. Una delle ragioni di questo errore è dovuto a livelli elevati di TSH nella terapia di iodio. TSH (ormone tireostimolante) è un test per monitorare la funzione tiroidea. Di solito aumenta quando c'è ipotiroidismo. Tuttavia, come spiega il Dr. Brownstein:
TSH ha un'altra funzione oltre a stimolare la produzione di ormoni tiroidei. Aiuta anche a stimolare la produzione delle molecole di trasporto di iodio nel corpo, cioè il co-trasportatore sodio/iodio (NIS) (Sodium/iodium symporter). Senza adeguate quantità di NIS, lo iodio non sarebbe in grado di entrare nelle cellule ed essere utilizzato. [...] Il corpo del paziente carente di iodio non richiede una grande quantità di NIS poiché vi è poco iodio che deve essere trasportato nelle cellule. Tuttavia, quando un individuo comincia ad integrare lo iodio, esso deve essere trasportato nelle cellule. Un modo in cui il corpo raggiunge questo obiettivo è aumentando la produzione di TSH per stimolare più NIS. [...]

Per quanto tempo il TSH rimane elevato? Ho scoperto che il TSH può rimanere elevato per un massimo di 6 mesi prima di abbassarsi alla normalità. Di quanto aumentano i livelli del TSH? Il normale livello di TSH varia da 0.5 - 4.5 ml U/L. Ho riscontrato livelli di TSH elevati di 5-30 ml U/L per un determinato periodo di tempo, a volte fino a sei mesi, prima di ricadere nei valori normali. [...] Il TSH si ridurrà di nuovo ai normali livelli di riferimento nel momento in cui la ghiandola tiroidea è satura di iodio.
Lo iodio non provoca ipotiroidismo. Al contrario, i principali ormoni tiroidei, T4 e T3, non vengono prodotti se non c'è abbastanza iodio. Quando un individuo è carente di iodio, il risultato è ipotiroidismo perché non c'è abbastanza materia prima per la produzione di T4 e T3. Gli integratori con lo iodio possono migliorare o addirittura guarire ipotiroidismo senza l'uso di droghe sintetiche. Inoltre, la ricerca suggerisce che l'assunzione di ormoni tiroidei, quando è presente una carenza di iodio, può ulteriormente peggiorare la situazione in quanto aumenta il tasso metabolico del corpo. Il Dr. Brownstein riferisce come l'assunzione dell'ormone tiroideo, quando la carenza di iodio è presente, aumenta il rischio di cancro al seno e, eventualmente, di altri tumori. Tutto ciò che abbassa le scorte di iodio nel corpo, o aumenta le esigenze di iodio, avrà effetti negativi sulla salute.

Un altro malinteso è che lo iodio sia controindicato nelle malattie autoimmuni della tiroide, come il morbo di Graves e tiroidite di Hashimoto (tiroidite linfocitaria). In realtà, coloro che sono carenti di iodio - aumentano il rischio di sviluppare gli anticorpi che attaccano la tiroide. Malattie autoimmuni - tra cui quelle della tiroide - sono esempi di eccesso di stress ossidativo nel corpo. Lo stress ossidativo in realtà è un'infiammazione del corpo ed è simile ad un fuoco divampante. È possibile spegnere il fuoco soltanto con una "acqua" appropriata: antiossidanti, sale non raffinato, nutrienti, una dieta anti-infiammatoria (senza glutine, non OGM, con dosi moderate di carboidrati e con una quantità elevata di grassi animali). Le persone affette da disturbi autoimmuni della tiroide devono assumere nutrienti specifici insieme allo iodio per riparare il danno fatto dal troppo stress ossidativo e dalla mancanza di iodio.

C'è una condizione in cui lo iodio è effettivamente pericoloso? Sì, ed è estremamente raro. Nel passato, le mie principali preoccupazioni sullo iodio erano legate a quello che il Dr. Brownstein descrive nel suo libro:
La terapia con lo iodio provoca ipertiroidismo? All'Università di medicina ci è stato insegnato che è successo, specialmente in pazienti che soffrono di disturbi autoimmuni della tiroide, come la malattia di Graves o la malattia di Hashimoto. Tutt'oggi lo insegnano ai giovani medici in formazione. Quindi, mi permetta di rispondere alla domanda: Molto raramente. Io e i miei colleghi rilevammo che, durante un periodo di 12 anni, tra i migliaia di pazienti trattati, meno di 10 furono colpiti da ipertiroidismo.

Quando faccio lezione ai medici, gli dico che c'è una particolare condizione che può predisporre all'ipertiroidismo iodio-indotto. Questa condizione si verifica in un paziente che ha un nodulo nella tiroide autonomamente funzionante. A volte questo viene chiamato un nodulo caldo durante una scansione della tiroide.

Un nodulo autonomamente funzionante non è sotto il controllo dell'ipofisi e dell'ipotalamo. Funziona in modo indipendente della ghiandola tiroidea. Quando lo iodio è presente, questi noduli possono assorbire grandi quantità di ormone tiroideo che porta all'ipertiroidismo. Questa condizione può essere diagnosticata con una scansione della tiroide. Tuttavia, è più frequentemente diagnosticata dopo la somministrazione dello iodio nel momento in cui il paziente diventa ipertiroideo dopo aver assunto il primo paio di dosi.

Come si fa a trattare un paziente con un nodulo tiroideo autonomamente funzionante? Questi pazienti devono evitare integratori di iodio e il cibo ad alto contenuto di iodio (come alghe) FINO A QUANDO il nodulo non viene rimosso chirurgicamente.
Data la diffusione di idee sbagliate su una sostanza estremamente vantaggiosa come è lo iodio, si può prendere in considerazione che una maggiore conoscenza, e anche la sua applicazione, possa essere volutamente soppressa. Come è stato precedentemente osservato e analizzato su Sott.net, ci sono molti modi in cui l'approccio occidentale allopatico alla medicina ha portato tante persone fuori strada, impedendogli di vivere in pieno una vita veramente sana. Tra quelli che abbiamo visto finora, sono i vantaggi di un basso contenuto di carboidrati, dieta ricca di grassi animali, integrazione vitaminica e altri nutrienti vitali, le modalità e le ragioni per la disintossicazione ecc. Date le enormi quantità di denaro e di potere che Big Pharma e altri settori connessi alla salute guadagnano mantenendo le persone in cattive condizioni di salute, non c'è da stupirsi che così tanti di noi siano ancora malati!

Eppure, alla fine della giornata, sia che l'ignoranza della comunità medica moderna che limita l'utilizzo dello iodio e emargina gli altri approcci di guarigione olistica sia dovuta alla semplice indolenza o ai motivi più nefasti, il fatto sta che ora, alla luce di queste informazioni preziose sullo iodio, si può scegliere di assumersi la responsabilità della nostra salute con questo elettrizzante approccio. Ma la scelta rimane nostra, naturalmente.

Protocollo dello iodio

Bisogna assumere abbastanza iodio. Come accennato in precedenza, la RDA di iodio non è affatto una quantità sufficiente per il corpo. Molte persone necessitano da 12 a 50mg al giorno di una combinazione di iodio e ioduro in forma di soluzione di Lugol o la soluzione in pastiglie Lugol. Altri ne hanno bisogno di molto meno. Ci sono diverse percentuali a disposizione di soluzione di Lugol, ma non bisogna angosciarsi troppo su di essi. È possibile utilizzare la seguente tabella come guida approssimativa:

lugol iodine content
© breastcancerchoices.org
Si inizia con una sola goccia di soluzione di Lugol dopo la prima colazione e la dose va incrementata con una goccia in più ogni tre giorni fino ad ottenere un equilibrio di benessere generale. Partire dalla dose più bassa e continuare successivamente ad incrementare fino ad osservare delle reazioni di disintossicazione, sarebbe la cosa ragionevole da fare. Evitare di prendere Lugol dopo le ore 16.00, in quanto, se preso troppo tardi, può energizzare e provocare l'insonnia. Delle dosi antimicrobiche per la soluzione di Lugol e per ioduro di potassio si è anche discusso nella sezione sullo iodio (forum in inglese).

Prendere vitamine B2 (riboflavina) e B3 (niacinamide) per stimolare il corretto funzionamento del sistema di NADPH - questo aiuterà a metabolizzare lo iodio correttamente, diminuirà la formazione di dannosi auto-anticorpi e garantirà la produzione sufficiente di energia sotto forma di ATP. Quanto? 100 mg di B2 e 500 mg di B3 due volte al giorno.

Prendere antiossidanti al fine di diminuire le reazioni del danno ossidativo, da 3 a 10 grammi di vitamina C per tutta la giornata. Prendere 3 grammi di vitamina C almeno un'ora dopo la dose di Lugol, preferibilmente due ore più tardi. Se si verificano forti reazioni di disintossicazione attivate dallo iodio, si può ripetere la dose in base alla tolleranza intestinale. Evitare l'assunzione di vitamina C dopo le ore 16.00 in quanto può provocare insonnia a causa dei suoi effetti energizzanti.

Prendere magnesio, 300-600 mg al giorno. Il magnesio aiuta con le reazioni di disintossicazione perché assiste a più di 300 percorsi di disintossicazione del corpo. Il magnesio agisce anche contro i livelli intracellulari di calcio in eccesso che provocano lo stress ossidativo. La forma più appropriata di magnesio è il glicinato.

Prendere 200mcg di selenio o L- selenometionina al giorno. La gamma di sicurezza: 100 mcg - 400 mcg. Adeguati livelli di selenio sono necessari per regolare la funzione tiroidea e il metabolismo dello iodio. Se il selenio è carente, si potrebbero sviluppare i disordini autoimmuni della tiroide. Il selenio è importante per l'attivazione degli ormoni tiroidei e diminuisce gli effetti collaterali della terapia con lo iodio.

Proteggere il fegato. Prendere N- acetilcisteina (600-1200 mg al giorno), acido alfa lipoico (200-600mg) o il cardo mariano.

Bere acqua a sufficienza e bere acqua salata con sale non raffinato per disintossicarsi dal bromuro. Il cloruro è un inibitore efficace di bromuro tossico in quanto il sale grezzo, come sua composizione, è il cloruro di sodio. È impossibile abbassare livelli di bromuro nel corpo se non si assumono circa 1 - 1.5 di cucchiaini al giorno di sale non raffinato. Un'adeguata assunzione di sale non raffinato nel corpo è essenziale anche per ridurre al minimo lo stress ossidativo infiammatorio. Prendere almeno 1/4 cucchiaino di sale non raffinato in un grande bicchiere di acqua al risveglio e almeno due volte al giorno. Assicuratevi di prendere il Lugol separatamente dall'acqua salata, almeno 40 min - 1 ora di distanza.

In breve,
1/2 a 1 cucchiaino di sale marino in un bicchiere d'acqua grande.

Soluzione Lugol (iniziare con la dose più bassa) dopo la prima colazione o il pasto, mai dopo le ore 16.00
200 mg di B2 (riboflavina) al giorno. Può essere preso in due dosi insieme al Lugol.
1000 mg di B3 (niacinamide) al giorno diviso in due dosi insieme al Lugol.
200 mcg di selenio (non di più!) una volta al giorno con la dose mattutina del Lugol.
Da 3 a 10 grammi di vitamina C - dividendo in due dosi almeno un'ora dopo Lugol.
500 mg di magnesio - la forma migliore è il glicinato - pendere prima di coricarsi.
Proteggere il fegato con NAC, con ALA e/o con cardo mariano.
Risoluzione dei problemi di reazione alla disintossicazione

I sintomi di intossicazione di bromuro possono verificarsi anche a bassi livelli di bromuro nella nutrizione. Se vi è una carenza di iodio, la tossicità di bromuro sarà in aumento. Purtroppo, l'intossicazione da bromuro è molto comune. È usato come agente antibatterico nelle piscine e nelle vasche di idromassaggio. È presente inoltre nei pesticidi e in alcuni farmaci. La tossicità di bromuro comporta problemi alla tiroide, compresi i problemi autoimmuni. Il corpo può eliminare il bromuro solo quando ha a disposizione la sufficiente quantità di iodio.

Una sola goccia di soluzione Lugol inizierà il processo di disintossicazione dal bromuro che per anni si è accumulato nel vostro corpo. Le reazioni di disintossicazione di bromuro che si possono manifestare sono:
  • tremolio delle palpebre
  • spasmi delle gambe o dei piedi
  • formicolio alle mani o ai piedi
  • pensieri morbosi
  • depressione
  • ansia
  • emotività eccessiva
  • piaghe e tagli nella bocca e sulla lingua
  • lesioni simili ad acne (a volte può essere efficace lo zinco)
  • tagli della pelle
  • perdita di capelli
  • cervello annebbiato
  • dolori
  • irritazioni cutanee
  • sapore metallico
  • mal di seno
  • angiomi in forma di ciliegia
  • rinorrea - naso che cola
  • mal di testa
  • sedazione
  • letargo
  • strana sensazione di deglutizione
  • odore corporeo
  • insolito colore o odore delle urine
  • bocca asciutta
  • spasmo uretrale
  • orinazione frequente che viene comunemente scambiata per un'infezione urinaria
  • diarrea
  • costipazione
  • alterazioni di visione
  • irritabilità
  • aumento di salivazione
  • alterazioni nel sognare
  • cambiamenti ormonali
  • dolore ai reni
  • mammaria
e così via.

Al fine di attenuare questi sintomi di disintossicazione, assicuratevi di bere abbastanza acqua salata e prendere almeno gli integratori consigliati sopra elencati. Se i sintomi sono forti, i dosaggi si possono adeguare in modo da interrompere l'assunzione di iodio per almeno 48 ore per dare il tempo al vostro corpo e ai reni di liberarsi dal bromuro. Nel caso i sintomi di disintossicazione peggiorino durante l'aumento della dose di iodio, si può sempre abbassare la dose.

Se si dispone di una coperta per la sauna ad infrarossi è possibile utilizzarla al fine di aiutare la disintossicazione dalle tossine mobilitate dallo iodio.

Fate sempre la vostra ricerca

Questo articolo non costituisce una consulenza medica né può sostituire una propria ricerca di acquisizione di conoscenze appropriate sulla terapia dello iodio.

La nostra conclusione è che la conoscenza e la diffusione delle informazioni sui molteplici vantaggi dello iodio e del suo effetto benefico sono state soppresse. Sebbene lo iodio è generalmente ben noto, ora è diventato chiaro quanto sia stato ingiustamente sottovalutato e quanto poco si conosca il suo potenziale di trasformazione della salute umana.

Ulteriori letture:

Iodio: perché ne avete bisogno, perché non si può vivere senza (5 ° edizione) di Dr. Brownstein.
La crisi dello iodio di Lynne Farrow.
Iodine and Potassium Iodide thread, discussione su Cassiopaea forum.
Articoli sullo iodio a optimox.com.
Articoli pubblicati su Sott.net (in inglese):