Jeffrey Epstein’s compound in the Virgin Islands

Il complesso di Jeffrey Epstein alle Isole Vergini
Il presunto uso di ricatti sessuali da parte delle agenzie di spionaggio non è unico in relazione al caso di Jeffrey Epstein. Anche se le agenzie coinvolte, così come le loro presunte motivazioni e metodi differiscono a seconda dei casi, il reato relativo al traffico di minori in collaborazione con le agenzie di intelligence o quelli da esse protetti è in circolazione da decenni.

Alcuni casi includono lo scandalo Kincora degli anni '50 - '70 e l'affare Peter Hayman del 1981, entrambi i casi accaduti nel Regno Unito; e il culto dei Finders' e lo scandalo Franklin negli Stati Uniti alla fine degli anni '80. Proprio come questi casi che non si conclusero con condanne, il pedofilo e trafficante di bambini Jeffrey Epstein è stato libero a fare ciò che vuole per anni.

"Per quasi due decenni, per qualche nebulosa ragione, sia che si tratti di legami con l'intelligence straniere, dei suoi miliardi di dollari, o dei suoi legami sociali, Epstein, la cui presunta patologia sessuale e orribili aggressioni contro le donne senza mezzi o capacità di proteggersi... rimase intoccabile", scrive la giornalista Vicky Ward su The Daily Beast a luglio.

La protezione dei trafficanti di sesso da parte dei servizi segreti è particolarmente interessante dopo la morte di Epstein. Come altri, Epstein era stato a lungo dichiarato di avere legami con le agenzie di spionaggio. Tali accuse documentate da Whitney Webb nella sua serie in più parti sono state recentemente pubblicate su Mintpress News.


Webb afferma che Epstein era il volto ufficiale di un ampio sistema di abusi con legami sia con la criminalità organizzata che con gli interessi dell'intelligence. Ha detto a CNLive! "Secondo Nigel Rosser, un giornalista britannico che ha scritto sul Evening Standard nel 2001, Epstein apparentemente per gran parte degli anni '90 ha affermato di lavorare per la CIA".

Vicky Ward, che ha scritto su Epstein per Vanity Fair prima del suo primo arresto e ha affermato che la rivista ha censurato uno dei suoi pezzi dopo che Epstein è intervenuto con l'editore Graydon Carter, ha dichiarato in un tweet che uno dei clienti di Epstein era Adnan Khashoggi, un trafficante di armi che ha avuto un ruolo centrale nello scandalo Iran Contra ed era sul libro paga del Mossad (il servizio di intelligence israeliano). Questo aspetto è stato menzionato anche in un libro By Way of Deception dell'ex agente del Mossad Victor Ostrovsky.

Il Times of Israel ha riferito che Epstein era un "partner commerciale con l'ex primo ministro Ehud Barak" fino al 2015, aggiungendo: "Barak ha formato una società in accomandita' in Israele nel 2015, chiamata Sum (E.B.) per investire in una start-up high-tech... Gran parte del denaro utilizzato da Sum per acquistare le azioni di start-up è stato fornito da Epstein".

Webb ha scritto che "era un vecchio amico di Barak, che ha stretti legami con la comunità dell'intelligence israeliana". Nel consiglio di amministrazione della loro azienda sedette Pinchas Bukhris, ex comandante dell'unità informatica IDF 8200.

Lo status di Epstein, presumibilmente protetto, è stato rivelato da Alexander Acosta, l'ex avvocato americano a Miami, che nel 2007 ha dato a Epstein un patteggiamento infamemente indulgente. Acosta, che è stato costretto a dimettersi come segretario del lavoro del presidente Donald Trump a causa di tale accordo, avrebbe detto del caso: "Mi è stato detto che Epstein 'apparteneva all'intelligence' e di lasciar perdere".

La casa per ragazzi di Kincora

Diversi casi nella storia disgustosa che collega agenzie di intelligence e scandali sessuali mettono in relazione le accuse contro Epstein. Tra questi c'era il caso della casa per ragazzi di Kincora nel Regno Unito, dove almeno 29 ragazzi sono stati abusati nella struttura di Belfast, in Irlanda del Nord, dalla metà degli anni '50 fino alla fine degli anni '70, fino alla chiusura nel 1980. Il caso riguardava anche la presunta protezione degli autori di abusi sessuali su minori in casa e tra i loro clienti.

L'Irish Times ha scritto che "i ragazzi indigenti sono stati sistematicamente sodomizzati da membri dello staff di Kincora e sono stati forniti per abusi a personalità di spicco della politica sindacalista. I maltrattamenti - tra cui parlamentari, consiglieri, amministratori, importanti orangisti e altri individui influenti - divennero potenzialmente importanti risorse per l'intelligence".

Il Belfast Telegraph ha anche citato l'ex deputato del partito laburista Ken Livingstone, che ha detto: "MI5 non solo erano a conoscenza degli abusi sui minori nella casa per ragazzi di Kincora - lo stavano monitorando. Stavano ricevendo foto di un giudice in un caso, politici, molti esponenti dell'establishment dell'Irlanda del Nord che entravano e abusavano di questi ragazzi".

Tre membri del personale sono stati infine condannati per abusi sessuali su minori, tra cui il padrone di casa William McGrath, un "orangeman" lealista e presumibilmente un agente dell'MI5, secondo il Belfast Telegraph del luglio 2014.

Sebbene l'inchiesta sugli abusi istituzionali storici del Regno Unito non abbia alla fine trovato "nessuna prova credibile" a sostegno delle accuse, due ex agenti dei servizi segreti britannici hanno mantenuto la loro richiesta di coinvolgimento dell'MI5: Brian Gemmell dice di aver allertato l'MI5 per l'abuso a Kincora e gli è stato detto di fermare la sua indagine; e un ex ufficiale dei servizi segreti dell'esercito, Colin Wallace, "ha costantemente sostenuto che l'MI5, il ramo speciale del RUC e l'intelligence militare sapevano degli abusi a Kincora e li hanno usati per ricattare il cerchio pedofilo per spiare lealisti inflessibili", secondo The Guardian.

L'outlet irlandese, An Phoblacht, scrisse: "L'abuso sistematico dei giovani ragazzi di Kincora e il ruolo svolto dalle organizzazioni dei servizi segreti britannici per tenere lo scandalo sotto silenzio hanno fatto sì che una parte del mondo oscuro del paramilitarismo unionista e dei suoi legami con le forze coronali fosse tenuta per anni fuori dal dominio pubblico".

Negli Stati Uniti, il New York State Select Committee On Crime nel 1982 ha indagato sulle reti nazionali di trafficanti di lavoratori del sesso minorile e produttori di pornografia infantile. Dale Smith, un investigatore del comitato, ha osservato che i servizi di call service che utilizzavano minori beneficiavano anche dei cosiddetti "profitti secondari", oltre al reddito derivante dalla vendita di prostituzione. Smith ha detto che hanno venduto informazioni "sulle tendenze sessuali dei clienti ad agenti dell'intelligence stranieri". Presumibilmente, queste informazioni potrebbero essere utilizzate per ricattare coloro che occupavano posizioni di potere. Smith ha aggiunto che un servizio di chiamata ha venduto informazioni a "intelligence britannica e israeliana".

Il caso Hayman

Un altro scandalo nel Regno Unito includeva le accuse che Sir Peter Hayman, diplomatico britannico e vicedirettore dell'MI6, fosse un membro del Pedophile Information Exchange (PIE).

La polizia ha scoperto che due dei circa una dozzina di pedofili nella sua cerchia di persone che si sono scritti tra di loro riguardo al loro interesse per "la tortura sessuale estrema e l'assassinio di bambini", secondo il Daily Mail.

Nel 2015, il Guardian ha riferito che l'ex primo ministro Margaret Thatcher è stata "ferma sul fatto che i funzionari non dovevano nominare pubblicamente" Hayman, "anche dopo che lei era stata pienamente informata sulle sue attività... secondo documenti precedentemente segreti rilasciati agli archivi nazionali".

Eppure, Hayman è stato smascherato come abbonato a PIE nel 1981 da M.P. Geoffrey Dickens, che avrebbe anche sollevato il rischio per la sicurezza nazionale delle sue inclinazioni, il che implicava che si trattava di una potenziale fonte di ricatto ricercata dalle agenzie di intelligence.

Il tabloid britannico The Mirror ha riferito che le agenzie di intelligence, tra cui il KGB e la CIA, hanno mantenuto i propri dossier sulle figure dell'establishment britannico coinvolte con la PIE e l'abuso di minori, per ricattare gli obiettivi in cambio di informazioni.

Hayman non è mai stato accusato per la sua associazione con PIE: il procuratore generale del Regno Unito dell'epoca, Sir Michael Havers, ha difeso la decisione e ha negato che Heyman abbia ricevuto un trattamento speciale.

Il deputato del partito laburista Barbara Castle avrebbe consegnato un dossier che avrebbe compilato sui pedofili in posizioni di potere al giornalista britannico Don Hale nel 1984, quando era direttore del Brury Messenger. Hale ha sostenuto che subito dopo, la polizia della "Special Branch, la divisione responsabile per le questioni di sicurezza nazionale", ha fatto irruzione nel suo ufficio e rimosso il dossier di Barbara Castle. Lo hanno poi minacciato con un " ordine di non divulgazione", che gli ha impedito di pubblicare il pezzo con la minaccia di una pena detentiva fino a 10 anni.

Il Culto dei Finders

Un altro gruppo accusato di traffico di minori, che aveva legami con le agenzie di intelligence, era il culto dei "Finders". Nel 1987, il Washington Post ha riferito che due membri sono stati arrestati in relazione al presunto abuso di sei bambini. Gli investigatori hanno trovato materiale nella contea di Madison, in Virginia, che hanno detto che era associato ad un "comune chiamato "The Finders".

Oltre alle fotografie di bambini nudi, una nota del servizio doganale scritta dall'agente speciale Ramon Martinez si riferisce a file "relativi alle attività dell'organizzazione in diverse parti del mondo, tra cui "Londra, Germania, Bahamas, Giappone, Hong Kong, Malesia, Africa, Costa Rica ed Europa".

Martinez nota che un telex di Finders ha ordinato l'acquisto di due bambini a Hong Kong. Un altro ha espresso interesse per "situazioni di segreto bancario". Il memorandum documenta anche i trasferimenti ad alta tecnologia verso il Regno Unito, numerose proprietà sotto il controllo dei Finders, l'interesse del gruppo per il terrorismo, gli esplosivi e l'evasione dalle forze dell'ordine.

Martinez descrive la rapida conclusione della sua indagine. Ha scritto che il 2 aprile 1987 è arrivato al Metropolitan Police Department e gli è stato detto che tutti i dati sono stati consegnati al Dipartimento di Stato che, a sua volta, ha informato MPD che "tutti i viaggi e l'uso dei passaporti da parte dei titolari era conforme alla legge e nessuna azione sarebbe stata intrapresa. Poi gli fu detto che l'indagine sui Finders era diventata una questione interna della CIA. Il rapporto MPD è stato classificato, "non disponibile per la revisione" e "Non saranno intraprese ulteriori azioni".

Martinez non era l'unica persona con domande senza risposta. L'U.S.S.News & World Report ha scritto che N. Carolina Rep. Charlie Rose (Dem.), presidente del House Administration Committee, e il rappresentante della Florida Tom Lewis (Rep.) ha chiesto: " E' possibile che il nostro governo abbia qualcosa a che fare con questa organizzazione dei Finders e abbia voltato le spalle a questi bambini? Questo è ciò che le prove indicano," dice Lewis, aggiungendo che, "posso dirvi che abbiamo un sacco di persone che stanno indagando, e questo non sarebbe successo se non ci fosse nulla qui".

La clemenza dimostrata dal Dipartimento di Stato e il fatto che la CIA designerebbe l'indagine del gruppo Finders come "una questione interna" solleva seri interrogativi. Quale motivo avrebbe potuto spingere la CIA ad associare o proteggere un cerchio di abusi sui minori?

Il caso Franklin
Lo scandalo Franklin scoppiato nel 1988, incentrato su un cerchio di traffico di bambini che operava a Omaha, Nebraska, da Lawrence E. King Jr., ex vice presidente del Consiglio Nazionale Repubblicano Nero: Si presume che i bambini siano stati forniti ai politici a Washington, D.C. e altrove, tra le altre attività illegali.


Comment: Per l'esposizione completa su questo scandalo, leggere: Uomini che odiano le donne: Lo scandalo Franklin e la verità sui nostri leader (eng)


Il defunto senatore John Decamp ha affermato nel suo libro "The Franklin Coverup" che un comitato speciale della legislatura del Nebraska ha lanciato una indagine per indagare sulla vicenda, che ha coinvolto King incriminato per appropriazione indebita di denaro dalla Franklin Credit Union. Il comitato ha assunto l'ex ufficiale di polizia di Lincoln, Nebraska, Jerry Lowe, i cui rapporti suggeriscono che King è stato coinvolto in "traffico di armi e trasferimenti di denaro in Nicaragua", ed era collegato con la CIA.

James Flanery, un reporter investigativo del World Herald che ha riferito sullo scandalo, ha detto ai soci che King stava "portando armi e denaro in Nicaragua", e che la CIA era "fortemente coinvolta".

Come molti scandali prima e dopo, il caso Franklin si è concluso senza che i responsabili fossero perseguiti. Tuttavia, Paul Bonacci, una delle presunte vittime, è stato incriminato per falsa testimonianza. Egli aveva sostenuto di essere stato abusato sessualmente come minorenne in Nebraska e nei dintorni del paese dove è stato trasportato da Lawrence King.

Nel 1999, l'Omaha World Herald ha riferito che Bonacci ha ricevuto un milione di dollari di danni a causa della sua azione legale contro King e altri presunti colpevoli. Decamp, che era l'avvocato di Bonacci, disse al giornale: "Ovviamente, non si assegna 1 milione di dollari se non si pensa che lui (Bonacci) stesse dicendo la verità".

Data la storia dei cerchi di traffico di bambini che sono stati presumibilmente collegati con o goduto la protezione dei servizi di intelligence, è possibile che simili affermazioni su Jeffrey Epstein sono qualcosa che le autorità, sebbene improbabile, dovrebbero indagare.