French students cell phones
© Alamy Stock Photo
Il divieto di telefoni ha fatto parte della campagna elettorale presidenziale di successo di Emmanuel Macron
"L'università americana è in preda all'isteria di massa". È così che Heather MacDonald inizia la sua conferenza 'The Diversity Delusion'. Penso che siamo tutti d'accordo sul fatto che questo sia vero. Non aiuta il fatto che gli insegnanti vengono licenziati per non aver dato agli studenti un merito parziale per il lavoro non svolto. Quando gli studenti benestanti e coccolati affermano di aver "paura per la loro vita" a causa dell'essere "circondati da oppressori, transfobicie razzisti", e quando i giovani medici protestano per la medicina "basata sui fatti", possiamo probabilmente convenire che siamo in una brutta situazione. Ma, come ho scoperto di recente, sembra che le cose non faranno che peggiorare.

Mi sono imbattuto in un libro di Jean M. Twenge chiamato iGen: Why Today's Super-Connected Kids Are Growing Up Less Rebellious, More Tolerant, Less Happy - and Completely Unprepared for Adulthood. Questo libro, zeppo di statistiche, grafici e diagrammi, fornisce un quadro scioccante della generazione che si sta muovendo tra università e college, e non ha un bell'aspetto.

L'iGenerazione persa

Sappiamo tutti che ci sono evidenti differenze tra le generazioni nate negli anni '70, '80, '90 e primi anni 2000. Ma quali sono, esattamente?

Nata tra il 1995 e il 2005, la Generazione Internet è venuta alla luce in un momento in cui le madri single hanno raggiunto i livelli più alti di sempre. Sono anche la generazione etnicamente più eterogenea, con stime secondo cui "il 52% degli americani sotto i 18 anni sono bianchi, rispetto al 75% della generazione Boomer". E hanno trascorso tutta la loro gioventù su internet.

Socializzati su Facebook, Instagram e Twitter, sembra che la maggior parte abbia raccolto i propri interessi intellettuali su Reddit e Tumblr. Hanno fatto tutto con poca o nessuna supervisione da parte degli adulti. E ora, come nel film Event Horizon, hanno portato con loro nelle università quello che hanno appreso dalla sfera digitale.

La maggior parte delle ore di veglia della Generazione Internet sono dedicate alla video chat, agli SMS, alla navigazione su Internet e ai videogiochi. Per gli studenti delle scuole superiori di questa fascia di età, sono circa 6 ore al giorno, e per gli studenti dell'ottava elementare sono 5 ore al giorno. Ma a peggiorare le cose è il fatto che meno del 20% dei genitori sono consapevoli di quello che i loro figli fanno online. Si tratta di 6 ore di attività non supervisionate su un mezzo che contiene tutto, dal porno alla teoria della terra piatta. Questo spiega perché solo il 66% di questa generazione è convinta che la Terra sia rotonda.

Beh, cosa c'è di sbagliato in questo; i bambini sono bambini, giusto? Commettere errori fa parte della vita. Certo, ma questo comporta l'affrontare le sfide, uscire con persone reali, socializzare con persone vere, fare i compiti e lavorare. E fanno tutto questo, giusto?

Al di fuori dell'Internet, cosa fa la Generazione Internet con il proprio tempo libero? Beh, non leggono. La percentuale che legge libri o riviste quasi ogni giorno è scesa dal 60% circa nel 1976 al 15% nel 2015. La percentuale che ha riferito di aver letto due o più libri per diletto in un anno è scesa da quasi l'80% nel 1976 a circa il 50% nel 2015.1

Ok, quindi non si tratta di topi di biblioteca. Non è un grosso problema. Sicuramente si divertono e si frequentano con gli amici allora? No. Non si frequentano e non escono senza i loro genitori. Negli anni '90 più della metà degli adolescenti usciva con gli amici ogni giorno o quasi ogni due giorni. Entro il 2014 quel numero era sceso a circa il 25%, l'equivalente di uno su quattro.2

Ok, quindi non leggono e il 75% di loro non passa il tempo con gli amici. Staranno lavorando allora? No. Come scrive Twenge, "alla fine degli anni '70, solo il 22% degli studenti delle scuole superiori non lavorava per niente a fine di essere pagati durante l'anno scolastico, ma all'inizio degli anni 2010, il numero è raddoppiato."3

Ok, quindi non si frequentano, non lavorano e non leggono per divertimento. Presumibilmente perché sono tutti troppo impegnati a studiare per andare al college allora? No, non fanno nemmeno quello. Il tempo speso sui compiti è diminuita e il 65% degli alunni delle scuole americane non è abile nella lettura, e il 67% non è abile nella matematica di base. Due terzi di tutti i bambini americani!

Beh, a chi piace la matematica soprattutto quando si può andare ad un appuntamento. Almeno si frequentando, giusto? No, non fanno neanche quello. All'inizio degli anni '90, quasi tre su quattro studenti andavano agli appuntamenti, ma nel decennio 2010 il numero è diminuito di circa la metà. Come scrive Twenge, "In breve: gli adolescenti iGen hanno meno probabilità di partecipare ad ogni singola attività sociale faccia a faccia misurata su quattro serie di dati di tre diverse fasce di età."4

La mancanza di sfida combinata con la natura contagiosa e coinvolgente dell'Internet è il motivo per cui il settantanove per cento dell'iGen mostra sintomi di disagio quando vengono tenuti lontani dai loro dispositivi. Sono praticamente tossicodipendenti (a malapena) funzionanti prima ancora di raggiungere l'età adulta.

Strane Epidemie e la Generazione Internet
Apple iPhone
Il primo iPhone è stato introdotto nel 2007. Non molto tempo dopo, nella Silicon Valley (quello che potremmo chiamare Ground Zero dell'epidemia di iGen), è iniziato un cluster suicida. Questi cluster si nutrivano di notizie virali trasmessi attraverso i social media. Per tutto il giorno i bambini hanno condiviso gli aggiornamenti sulle morti su Facebook, Instagram e Twitter, diffondendo ogni suicidio come un virus in tutta la comunità. Il risultato è stata un'epidemia che ha lasciato diverse centinaia di bambini morti e un tasso di suicidi dieci volte superiore alla media nazionale.

Se questo non spaventa un genitore, allora ciò che segue probabilmente lo farà. Fino al 2008 il tasso di autolesionismo tra i bambini era relativamente stabile. Ma dal 2009 il tasso di visite al pronto soccorso per le ragazze dai 10 ai 14 anni è aumentato del 19% all'anno. I tassi di suicidi continuano ad aumentare, così come i tassi di depressione e ansia.

Direi che non si tratta di una coincidenza. C'è qualcosa di 'contagioso' nell' internet e nel suo facile accesso tramite 'smartphone', e sta danneggiando questi bambini vulnerabili. Twenge ha scoperto che "i ragazzi dell'ottava elementare che trascorrono dieci o più ore alla settimana sui social media hanno il 56% di probabilità in più di essere infelici rispetto a quelli che non lo fanno."5

Se l'aumento dell'autolesionismo e del suicidio non è sufficiente, c'è la natura contagiosa della disforia di genere. Come riferisce una ricercatrice, "Fino a circa dieci anni fa, la disforia di genere che si presentava per la prima volta nell'adolescenza era praticamente sconosciuta nelle femmine natali". La ricercatrice continua, dicendo:
Nell'ultimo decennio, tuttavia, una nuova presentazione di disforia di genere si è improvvisamente diffusa, in cui bambini e adolescenti si identificano come transgender "dal nulla", senza alcuna esperienza infantile di sentirsi a disagio con il loro sesso. Gli esperti hanno coniato questo fenomeno come disforia di genere ad insorgenza rapida e stanno iniziando a studiarlo.

"Pensiamo che questo sia un fenomeno completamente distinto dalla disforia di genere ad insorgenza infantile", dice Michael Bailey, PhD, un ricercatore leader sulla sessualità e sul genere, e professore di psicologia alla Northwestern University. "Infatti, pensiamo che non esisteva fino a poco tempo fa. È un fenomeno socialmente contagioso, che ricorda l'epidemia di disturbo di personalità multipla degli anni novanta".

Anche se in questo momento non si sa molto di ROGD, sembra probabile che possa essere una sorta di contagio sociale in cui i giovani, spesso le ragazze adolescenti, cominciano a credere di essere transgender.
Come abbiamo discusso in una puntata precedente di The Truth Perspective, le idee, i comportamenti e le emozioni sono contagiosi. Si diffondono per imitazioni e mimetismo. I bambini ora trascorrono più tempo senza supervisione essendo posseduti da internet di quanto non trascorrono tempo in faccia a faccia con altre persone. I fattori che li hanno condizionati li hanno ora seguiti nelle università.

Ora il trentasette per cento degli studenti universitari riferisce che è accettabile far zittire i relatori con i quali non sono d'accordo, e il 10% concorda sul fatto che è accettabile usare anche la violenza per farli tacere. Questi ragazzi, non abituati alla vita, trovano tutto ciò che è vagamente minaccioso - come applausi o opinioni diverse - una causa di intervento ufficiale e/o violento.

Tutto ciò che profuma di testosterone è diventato "stupro" perché questa generazione ha imparato a malapena l'aspetto di una relazione, al di fuori della terribile influenza della pornografia.

E, senza imparare a gestire cose come conflitti, dibattiti, discussioni o opinioni diverse, questi ragazzi sono diventati il primo pubblico di riferimento per gli autoritari SJW [combattenti per la giustizia sociale] per controllare i pensieri e le relazioni di tutti.

Insomma, sembra che la guerra femminista alla famiglia si sia combinata con la Generazione Internet per creare la condizione perfetta per la follia del movimento SJW, e sembra che stia solo peggiorando.

Riferimenti

1. Jean M. Twenge's iGen: Why Today's Super-Connected Kids Are Growing Up Less Rebellious, More Tolerant, Less Happy--and Completely Unprepared for Adulthood--and What That Means for the Rest of Us (Kindle Edition) loc. 893
2. Ibid. loc. 1016
3. Ibid. loc. 478
4. Ibid. loc. 1067
5. Ibid. loc. 1095