High School Runners
© unknown
Ai posti... Pronti... Transitate
La guerra alla realtà continua.

Una storia da una scuola superiore del Connecticut all'inizio di questo mese riporta come un maschio diventato femmina transgender, atleta di atletica leggera ha battuto due record di stato.
Lunedì, quando il Connecticut ha tenuto i campionati statali di atletica leggera a Willow Brook Park, una persona ha battuto il record statale di atletica leggera per le ragazze in entrambe le piste da 100 e 200 metri.

Quella persona era un maschio biologico.
Nei video che accompagnano questa storia, si può chiaramente vedere come essere nato maschio biologico dà a questo atleta un significativo vantaggio fisico. Le competizioni non sono state per niente eque. Nella gara dei 100m, il secondo classificato è stato un altro transgender maschio-femmina, e grazie a questi due ragazzi che hanno occupato i primi due posti sul podio, a due atlete laboriose, di talento e legittimamente femminili è stata negata l'opportunità di competere nella prossima gara, la più importante della regione del New England.

Già nell'inverno del 2017, Terry Miller, la neonata atleta, che ha battuto il doppio record, stava gareggiando nel team dei ragazzi delle scuole superiori. Pur tenendo conto di un genuino desiderio di cambiare genere, non possiamo escludere la possibilità che un altro fattore nella decisione sia stato che questo studente non abbia ottenuto il successo che avrebbe desiderato, e forse si era stancato di perdere contro i corridori nella propria categoria fisica. In questo scenario, la causa célèbre dell'attivismo transgender è stata sfruttata per intrufolarsi nella cerchia dei vincitori in modo scorretto.

Non si può fare a meno di provare compassione per quelle sfortunate ragazze che sono costrette da folli e deliranti leggi statali a competere contro ragazzi biologici nello sport che hanno scelto. Comprensibilmente, diversi genitori delle ragazze vittime di tali leggi discriminatorie hanno ragionevolmente sottoscritto una serie di petizioni per limitare gli sport separati per genere al sesso biologico di una persona alla nascita, al fine di garantire condizioni eque e paritarie per tutti i partecipanti. Questo non ha impedito al tabloid mediatico statunitense, USA Today, di presentare le preoccupazioni genuine dei genitori come un tentativo di "bando contro gli atleti transgender".

Quando l'Ideologia Prevale sulla Realtà

Molti di quelli che fanno parte dell'ala progressista dello spettro politico, sostengono che una persona può identificarsi con qualsiasi genere si senta di rappresentare, indipendentemente dal loro sesso biologico alla nascita, purché non danneggi nessuno.

Ma la verità è che questi cosiddetti atleti trans-femminili stanno umiliando delle persone. Alle ragazze che si sono allenate e hanno lavorato duramente per guadagnarsi un posto in altre competizioni sarà negata questa speciale opportunità, perché qualche tizio in possesso di mediocri abilità atletiche e una comprensione piuttosto timida della realtà, un giorno ha deciso che vuole essere una ragazza.

Il popolare vlogger di Youtube Matt Christiansen fa un eccellente riassunto della situazione qui.


La cosa forse più sorprendente di questa spinta verso l'accettazione dei transgender è come il movimento sia stato abbracciato dalle femministe radicali sotto le spoglie della tolleranza, della diversità e dell'inclusione. Quegli attivisti di sinistra che si suppone stiano lavorando per il potenziamento e l'uguaglianza delle donne hanno completamente minato il loro stesso movimento adottando la perniciosa narrativa "chiunque può diventare una donna a tutti gli effetti se ne ha voglia". Se un uomo può diventare donna in qualsiasi momento, che cosa significa essere donna allora? Il soggettivismo postmoderno crolla sotto il peso della sua stessa assurdità.

Tuttavia, come molte fazioni di sinistra che competono per lo status di vittima assoluta, i sottogruppi ideologici si stanno ora rivoltando l'uno contro l'altro in una frenesia cannibalistica. C'è un gruppo di femministe radicali che si oppone strenuamente all'inclusione degli uomini in abiti da donna nella loro definizione di ciò che significa essere donna. Queste donne sono conosciute come TERF (o Femministe Radicali Trans Esclusive) e hanno fatto notizia all'inizio di quest'anno a Vancouver.

Lo sport della Politica

Morgane Oger
© unknown
E il Premio della Donna più Brutta del Mondo va a...
Una di queste attiviste della TERF si è trovata in un mare di guai durante una manifestazione femminile locale #MeToo quando ha scatenato l'ira del politico transgender Morgane Oger, portando un cartello che recitava...
"Le donne transgender sono uomini. La verità non è odio. Non lasciatevi ingannare - l'ideologia trans è misoginia e omofoba. La donna non è un "feeling", un costume, o una performance di uno stereotipo. La donna è una realtà biologica. Non c'è ragione etica o morale di mentire per lenire l'ego maschile".
Oger, il candidato BC per il partito di NDP della provincia, ha inviato una serie di tweet isterici chiedendo ai suoi sostenitori di esporre online i dati personali di questa donna e minacciandola di discriminazione e di azioni legali in materia di diritti umani.

La sig.ra Oger, una persona egocentrica con evidenti problemi d'identità psicologicamente distorti, ha fatto notizia di nuovo la settimana scorsa quando un giudice attivista ha condannato un manifestante cristiano che ha distribuito volantini durante le ultime elezioni provinciali mettendo in discussione il suo immaginario status di transgender...
"La signora Oger ha partecipato alle elezioni provinciali del 2017. Durante la sua candidatura, il signor Whatcott ha distribuito centinaia di volantini. I volantini erano intitolati "Transgenderismo vs. Verità a Vancouver-False Creek". Hanno descritto la signora Oger come un maschio biologico che si è rinominato... dopo aver abbracciato uno stile di vita travestito.

"Ronan si candida per l'NDP nel Vancouver-False Creek e i media di BC e l'NDP promuovono una falsa narrazione del fatto che Ronan è una donna nata in un corpo maschile", ha spiegato il volantino.

"Ma la verità è che il DNA di Ronan sarà sempre di sesso maschile, non avrà mai un utero e nessun intervento di chirurgia estetica, falsi ormoni o propaganda mediatica sarà in grado di cambiare questi fatti", continua il volantino.

Whatcott ha dichiarato nel suo volantino la sua preoccupazione "per la promozione e la crescita dell'omosessualità e del travestitismo nella British Columbia e per come sta oscurando l'immutabile verità sul nostro Dio dato il genere". Ha chiamato il cambiamento di genere una "impossibilità", aggiungendo che espone le persone a potenziali danni.

Oger, che ha perso l'elezione, ha presentato un reclamo al Tribunale di B.C. nel maggio 2017, sostenendo che il volantino di Whatcott era "discriminatorio" ed esponeva le persone transgender a "odio e disprezzo".

Quando Whatcott e il suo avvocato hanno cercato di difendere la verità riportata nel volantino, cioè che Oger era, in realtà, un maschio biologico, il membro del Tribunale Devyn Cousineau non ha voluto sentire storie.

Cousineau ha stabilito che "la 'verità' delle dichiarazioni riportate nel volantino non costituisce una difesa".
È un giorno triste per la democrazia e per la società nel suo insieme in cui la "Verità" non può più essere usata come legittima difesa in un tribunale pubblico.

La Trans-Degenerazione Abbonda

E poiché oggi è il giorno del papà, ecco che spunta una storia commovente direttamente dalla CNN...

Degenerates
© CNN
CNN loda il coraggioso genitore che si è auto-mutilato come simbolo di paternità ideale
Ha partorito. Ha allattato al seno. Ora, vuole che suo figlio lo veda come un uomo. [...]

Sabastion, 24 anni, è un uomo transgender che vive con sua moglie Angel nella periferia di Atlanta. Assegnatogli il genere femminile alla nascita, ha iniziato la transizione cinque anni fa. E' stato un processo che si è rivelato più completo il mese scorso, quando si è sottoposto a un intervento chirurgico per rimuovere il seno.
Quel povero bambino. Quale inferno insopportabile lo aspetta in questa vita?

Non illudetevi: con tutte queste sciocchezze soggettive progressiste, di genere e di identità fluida, che si insinuano nella nostra società e sono legittimamente imposte all'opinione pubblica da élite liberali ideologicamente possedute, la sinistra sta giocando un gioco molto pericoloso. E' un gioco le cui ripercussioni disastrose non sono solo probabili, ma anche, come dimostra la storia, mortali e inevitabili.

Un gioco senza vincitori.