"La sessualità è per il femminismo ciò che il lavoro è per il marxismo... la modellatura, direzione ed espressione della sessualità organizza la società in due sessi: donne e uomini. Questa divisione è alla base della totalità delle relazioni sociali."

Catharine MacKinnon, Toward a feminist theory of the state
McKinnon

Catharine McKinnon, uno dei fondatori del femminismo radicale
Alcuni anni fa ho iniziato un viaggio inaspettato attraverso la tana di coniglio del femminismo. Era nel 2014 quando mia nonna mi chiese del vincitore dell' Eurovisione e mi ritrovai incapace di spiegare chi fosse il vincitore: Conchita Wurst, un uomo che veste come una donna e indossa il trucco, ma sfoggia la barba.

Col senno di poi, mi rendo conto che questo viaggio è stato un processo doloroso, probabilmente perché ha toccato qualcosa di profondo in me. I dati che ho scoperto erano in conflitto con il mio istinto protettivo, qualcosa che è profondamente rinforzato nei maschi. Mentre le femmine sono fatte per nutrire e curare, gli uomini sono fatti per fornire e proteggere.

Quindi, quando un uomo è esposto a donne vittimizzate (come raffigurato dalla narrazione femminista), innesca il suo istinto primario e il dovere sociale di proteggere. Inoltre, il dirottamento istintuale e i profondi valori culturali tendono a ostacolare il corretto funzionamento intellettuale.

Quanto sopra potrebbe essere uno dei motivi per cui la vittimizzazione delle donne è così centrale nell'ideologia femminista. Potrebbe anche essere una delle ragioni per cui tanti uomini abbracciano ciecamente narrazioni femministe.

Il femminismo non ha inventato nulla usando la vittimizzazione di una popolazione per promuovere la sua agenda politica. Molto prima delle femministe, la rivoluzione francese fu giustificata dalla vittimizzazione dei "tiers état" (gli agricoltori), la rivoluzione bolscevica dalla vittimizzazione del proletariato e la rivoluzione nazista dalla vittimizzazione degli ariani. Ma la storia dimostra che i rivoluzionari, in Francia, Russia o Germania, non si sono mai occupati delle presunte vittime. Tutte le volte la popolazione vittimizzata finì in una situazione molto peggiore nel dopo la "rivoluzione" rispetto al prima.

Le presunte vittime sono solo un pretesto per puntare il dito contro gli oppressori (la nobiltà, il clero, gli ebrei), distruggerli e prenderne i diritti e i beni (lasciando da parte i loro doveri), ed è esattamente quello a cui stiamo assistendo oggi con il movimento femminista.

Ogni giorno siamo bombardati da storie di iniziative positive, i diritti delle donne, l'emancipazione femminile, iniziative femminili, organizzazioni femminili, eventi femminili, rifugi femminili, marce femminili, spazi sicuri per le donne... tutte queste rivendicazioni politiche si basano su un unico fondamento: la vittimizzazione delle donne, che è ampiamente data per scontato. Ma la vittimizzazione femminista è davvero veritiera?

1/ Le donne sono vittime della violenza domestica

Narrativa: È risaputo che la violenza domestica sia un'epidemia dilagante che colpisce una vasta percentuale delle famiglie statunitensi:
"Metà delle donne negli Stati Uniti sono vittime di abusi".

Langley & Levy 1977, Wife Beating: the Silent Crisis
Secondo la narrazione largamente accettata, la maggior parte dell'epidemia di abusi domestici è dovuta agli uomini:
"Le donne erano sette o quattordici volte più propense a segnalare che i partner intimi le avevano picchiate, soffocate, minacciate con armi, o tentato di annegarle".

Arias et al, .2002
Realtà: in primo luogo, la violenza domestica colpisce una minoranza di coppie. A seconda del metodo e dei campioni, tra l' 85 e il 99% delle coppie statunitensi non subiscono alcun tipo di violenza domestica.

xxxx
Inoltre gli uomini sono ben lungi dall'essere gli unici responsabili della violenza domestica, al contrario. La violenza unilaterale (vale a dire la violenza non reciproca) è più spesso commessa dalle mogli che dai mariti:
"Il 70% degli autori di violenza coniugale unilaterale sono donne".

Whittaker et al., 2007 CDC national survey
La maggiore prevalenza della violenza domestica perpetrata dalle donne si applica anche alle violenze gravi:
  • Il 10% delle coppie sposate e il 13% delle coppie conviventi hanno segnalato femmine che hanno commesso gravi atti di violenza mentre il partner maschio non era violento (marito)
  • Il modello inverso (maltrattamento della moglie) era 6% -7%.
Quindi i casi di maltrattamento del marito erano due volte superiori rispetto a quelli del maltrattamento della moglie.

Stets and Strauss, 1989/1992
Nello studio sulla violenza domestica più completo mai condotto (una meta-analisi con un campione di 64.000 soggetti), la conclusione è stata questa:
"Le donne, a differenza degli uomini, sono leggermente più propense a ricorrere alla violenza intima" d' = 05.

Archer, 2000
È interessante notare che la prevalenza della violenza domestica commessa dalle donne è più pronunciata nelle giovani generazioni, come dimostra uno studio condotto tra studenti universitari (19 paesi - 9.549 soggetti).
"In media, la violenza perpetrata dalle femmine ha avuto un'incidenza superiore del 21% rispetto alla violenza dei partner maschi".

Douglas and Strauss, 2006
Anche se il mito secondo cui la violenza domestica viene perpetrata principalmente dagli uomini è ancora ampiamente accettato, anche le femministe riconoscono che le donne sono le principali autrici della violenza domestica.
"Le donne maltrattano, tanto o più degli uomini".

Betty Friedan, It Changed My Life: Writings on the Women's Movement
Le statistiche sulla violenza nelle coppie lesbiche confermano che la più alta prevalenza della violenza domestica viene commessa dalle donne, e eliminano totalmente ogni influenza maschile dall'equazione. Le coppie lesbiche hanno il più alto tasso di violenza, circa il 50% in più rispetto alla prevalenza della violenza nelle coppie eterosessuali.
"Prevalenza dello stupro, della violenza fisica o dello stalking da parte di un partner, concentrandosi per la prima volta sulla vittimizzazione da parte dell'orientamento sessuale. Nel loro studio, la prevalenza di vittimizzazione è stata del 43,8% per le lesbiche".

CDC 2010 National Intimate Partner and Sexual Violence Survey
Conclusione: la violenza domestica non è così dilagante come viene raffigurata. Oltre il 95% delle coppie non hanno denunciato alcuna violenza intima (Laroche 2005). Per la minoranza di coppie in cui si è verificata la violenza, le donne sono più spesso le colpevoli che i maschi. Questa tendenza sta peggiorando e osserviamo una violenza femminile più diffusa nelle giovani generazioni.

Un fattore per cui gli uomini maltrattano meno rispetto delle donne è probabilmente il forte tabù attorno agli uomini che maltrattano le donne:
Solo il 2% degli uomini nordamericani sono d'accordo che "è bene colpire tua moglie per tenerla in riga".

Simon et al., 2001
Al contrario, le donne che picchiano gli uomini non sembra essere un tabù. Tale comportamento è in realtà percepito positivamente dalla maggior parte dei testimoni che lo interpretano come un segno di emancipazione o di innocua autodifesa. Guarda questo interessante esperimento sociale dove le donne picchiano gli uomini (in un parco pubblico) e le reazioni di sostegno dei testimoni:


Ora, confrontatelo con la situazione inversa in cui una coppia (ritratta da attori) in un parco di Londra comincia a discutere in modo acceso e l'uomo comincia ad abusare fisicamente della sua fidanzata. Gli astanti, uomini e donne, notano e agiscono immediatamente:


2/ Le donne sono vittime dello stupro

Narrativa: Secondo le voci femministe ampiamente diffuse dai media tradizionali, il mondo occidentale sta vivendo un'epidemia di stupri che deriva da una radicata "cultura dello stupro". Fondamentalmente, tutti gli uomini sono stupratori, almeno in potenza, se non ancora in realtà.
"Gli uomini, in generale, hanno un interruttore per lo stupro. Tutti gli uomini sono capaci di stupro".

Greg Laden
Le "cifre" fornite a sostegno dell'epidemia dello stupro sono preoccupanti.

Una donna americana ha presumibilmente una probabilità del 26 per cento di essere violentata nella sua vita. La situazione nei campus è ancora peggiore: presumibilmente, una donna su cinque subirà abusi sessuali all'università. Ad esempio, il tasso di stupro a Berkeley è stato stimato a 3.000 casi all'anno (Gilbert 2005). Quindi, con 20.000 studentesse su un periodo medio di 4 anni, il tasso complessivo di stupro è superiore al 50%.

Realtà: Prendiamo il caso Berkeley. Dei 3.000 stupri previsti all'anno, solo 40-80 studenti cercano ogni anno una guida al centro di consulenza sullo stupro e solo due l'hanno riferito alla polizia. (Questo è un rapporto, non una condanna)
Quando è stato chiesto direttamente alle vittime di Koss,
- il 73% che ha avuto sesso indesiderato non credeva di essere stato stuprato
- il 42% hanno avuto rapporti sessuali più avanti con l'uomo che li ha "violentati"

Dutton, 2008
Cal State Fullerton Undie Run: Spring Edition 2016

Cal State Fullerton, Corsa in Intimo: Edizione primaverile 2016
Se il tasso di stupro nel campus fosse superiore al 50%, pensate che le studentesse parteciperebbero alle "corse in intimo", come quella raffigurata nella foto a destra?

L'epidemia di stupro sovra-gonfiata di Berkeley non è un caso isolato. Il rapporto sulla Vittimizzazione Violenta degli Studenti universitari si basa su rapporti effettivi della polizia (non sulle denunce) che raccontano una storia molto diversa dalla narrazione di Berkeley.
"Tra il 1995 e il 2002, la DOJ ha rilevato che ogni anno vi sono stati sei stupri o aggressioni sessuali per mille. Ciò significa un tasso annuo del 2,5% di stupro".

DOJ - report about Violent Victimization of College Students
Inoltre, le stesse statistiche del DOJ mostrano che il tasso globale di stupro è in netto calo: dal 1995 il tasso di stupro o di violenza sessuale femminile è diminuito del 60% circa.

È interessante notare che le analisi sullo stupro si concentrano quasi sempre sullo stupro femminile, come se non esistesse lo stupro maschile. Infatti, lo stupro maschile non esisteva legalmente fino al 2013. In precedenza, la definizione di stupro da parte dell'FBI escludeva esplicitamente gli uomini dal conteggio delle vittime:
[Lo stupro è] "l'abuso carnale di una femmina con la forza e contro la sua volontà".

UCR - FBI
Una volta che la nuova definizione è stata applicata e gli uomini non sono stati esclusi dalla violenza sessuale o come vittime potenziali di stupro, le cifre fornite dal CDC (Centro per il controllo delle malattie degli Stati Uniti) dipingono un quadro molto più equilibrato:
"Le percentuali di contatti sessuali non consensuali sono sostanzialmente equiparate, con 1,270 milioni di donne e 1,267 milioni di uomini che dichiarano di essere vittime di violenza sessuale".

CDC
La nuova definizione include i casi in cui gli uomini sono stati costretti a "penetrare". A causa di fattori culturali, generalmente si suppone che se un uomo ha un'erezione, deve volere far sesso. Dopo tutto, gli uomini sono sessualmente insaziabili, giusto?

Immaginate per un secondo di applicare la stessa logica alle donne, sapendo che un certo numero di donne mostra segni di eccitazione fisiologica durante lo stupro:
"Ho assistito più giovani donne di quante ne posso contare su questo stesso problema.... Ci sono stati pochissimi studi sull'orgasmo durante lo stupro, ma la ricerca finora mostra cifre che vanno dal 10% a oltre il 50% delle vittime che hanno avuto questa esperienza".


Popular Science
McKormik

Il Supervisore McCormik è stata giudicata colpevole in un caso che ha coinvolto 12 giovani detenuti che l'hanno citata per abusi sessuali e fisici.
In entrambi i casi, i segni di eccitazione fisiologica non costituiscono la prova del consenso. Se l'uomo non è eccitato, ci sono molti modi per farlo eccitare artificialmente.

Questo punto è illustrato dal seguente caso sudafricano in cui tre donne rapirono un uomo, lo tennero per tre giorni e lo stuprarono in gruppo costringendolo a prendere Viagra e bevande energetiche. Questo è stato il quinto incidente in Sud Africa di rapimento e aggressione di un maschio da parte di un trio femminile nello spazio di un paio d'anni.

Lo studio del CDC che mostra che la violenza sessuale è equamente distribuita tra uomini e donne non fornisce il quadro generale perché i dati delle prigioni e delle carceri non sono inclusi nel loro rapporto.

Rispetto al resto della società, le carceri presentano tassi molto elevati di violenza sessuale, con una prevalenza variabile tra il 9% e il 23%, a seconda delle fonti.

Mentre il credo comune ritrae lo stupro in carcere come un crimine tra uomini e uomini, i pochi sondaggi sulle aggressioni sessuali in carcere rivelano risultati inaspettati:
"Quei sondaggi hanno rivelato l'opposto di quello che generalmente pensiamo sia vero. Le donne erano più propense a subire abusi da parte di altre detenute e gli uomini da parte delle guardie, molte delle quali erano di sesso femminile.

Ad esempio, l'89 per cento dei minori che hanno denunciato comportamenti sessuali scorretti da parte dello staff sono stati ragazzi che hanno denunciato abusi da parte di una guardia femmina. In totale, i detenuti hanno riportato l'astronomica cifra di circa 900.000 casi di abusi sessuali".

Stemple and Mayer, 2014
Il numero totale di aggressioni sessuali perpetrate nelle carceri statunitensi proviene direttamente dal Dipartimento di giustizia ed eclissa il numero di aggressioni sessuali commesse al di fuori del carcere:
"Negli Stati Uniti vengono violentati più uomini che donne, secondo le cifre che includono gli abusi sessuali nelle prigioni.
Nel 2008, secondo le cifre del DOJ, si stima che 216.000 detenuti siano stati vittime di aggressioni sessuali durante la loro permanenza. Questo è rispetto a 90.479 casi di stupro al di fuori della prigione."


The Guardian

3/ Le Donne Guadagnano Meno Degli Uomini


Narrativa: Le femministe e i media tradizionali ripetono da decenni che le donne vengono pagate con salari più bassi rispetto agli uomini. Anche Barack Obama, nel suo discorso allo Stato dell'Unione del 2016, ha ripetuto il mantra femminista secondo cui "le donne fanno 77 centesimi a ogni dollaro che un uomo fa". Ciò è naturalmente ritenuto una "prova lampante" della discriminazione sessista sistemica contro le donne.

Realtà: In primo luogo, notiamo che negli anni' 70 si diceva che le donne guadagnassero circa il 65% di quello che guadagnavano gli uomini. Oggi questo numero è di circa l'80 per cento. Pertanto, a prescindere da quale sia la causa del divario salariale, si è ridotto dagli anni Settanta.

Il dato del 77% di Obama è semplicemente la differenza dei redditi medi annui dei lavoratori a tempo pieno maschili e femminili. Si tratta di mettere a confronto mele e arance, poiché non si tiene conto delle differenze nelle occupazioni, posizioni, istruzione o ore lavorate settimanalmente.

Se si considerano tali fattori rilevanti, il divario salariale si riduce al punto di scomparire. Più che scomparire, in alcuni paesi, come nel Regno Unito, il divario retributivo è invertito:
"Se si confrontano le tariffe orarie, un recente sondaggio nel Regno Unito rivela che il divario retributivo è invertito da 20 a 40 anni. Le cifre compilate dall'Associazione Stampa mostrano che tra i 22 e i 29 anni, una donna guadagnerà in genere 1.111 sterline in più all'anno rispetto alle sue controparti maschili. Il divario di retribuzione invertito continua per i lavoratori di età compresa tra i 30 e i 39 anni con le donne che guadagnano lo 0,2% in più degli uomini".

The Guardian
Queste cifre tengono conto solo della tariffa oraria e lasciano da parte il fatto che gli uomini e le donne non lavorano allo stesso modo.

Di seguito sono riportati i fattori che generalmente favoriscono gli uomini e aiutano a spiegare perché gli uomini guadagnano di più. Dimostra che gli uomini tendono a fare più soldi non perché siano privilegiati, ma perché il loro input di lavoro è diverso. Questo elenco è stato estratto dall'eccellente libro di Warren Farrel, Why Men Earn More: The Startling Truth Behind the Pay Gap - e What Women Can Do About It:

  • Gli uomini ggravitano maggiormente verso occupazioni più remunerative nella tecnologia e nelle scienze esatte (ad esempio, ingegnere petrolifero).
  • Gli uomini scelgono occupazioni più rischiose e remunerative con maggiori rischi per la sicurezza in caso di infortuni sul lavoro e decessi (ad es. lavoratori del settore petrolifero, addetti al disboscamento).
  • Gli uomini sono più disposti a lavorare all'aperto in ambienti di lavoro scomodi e fisicamente impegnativi (settore edile, lavoratori del settore petrolifero, pesca commerciale, disboscamento).
  • Gli uomini sono più disposti rispetto alle donne a scegliere lavori impegnativi e intensi in cui non è possibile andarsene via a fine giornata lavorativa (ad esempio, procuratore aziendale, personale Senior della Casa Bianca).
  • Gli uomini selezionano i lavori con una retribuzione più elevata ma con un livello di soddisfazione personale inferiore (contabile fiscale).
  • Gli uomini scelgono lavori con rischi finanziari ed emotivi più elevati (ad es. investitore in capitale di rischio).
  • Gli uomini sono più disposti rispetto alle donne a svolgere i turni peggiori nelle ore peggiori.
  • Gli uomini spesso scelgono sottocampi a pagamento più elevato (ad esempio, chirurgia e anestesiologia).
  • Gli uomini sono più disposti a lavorare in ambienti sporchi o sgradevoli con un contatto umano minimo (ad es. guardie carcerarie, lavoratori in acciaio, camionisti).
  • Gli uomini lavorano più ore settimanali e più settimane durante l'anno rispetto alle donne in media.
  • Gli uomini investono più spesso delle donne nell'aggiornamento delle loro competenze con maggiori rendimenti finanziari (ad esempio, il master in tecnologia informatica rispetto al master in istruzione).
  • Gli uomini hanno più probabilità delle donne di avere più anni di esperienza continua nella loro attuale occupazione.
  • Gli uomini hanno meno probabilità delle donne di essere assenti dal lavoro (visite mediche, giorni di malattia, permessi quando i bambini sono malati, ecc.
  • Gli uomini sono più disposti rispetto alle donne a tollerare tempi di commutazione più lunghi.
  • Gli uomini sono più disposti a trasferirsi, specialmente in luoghi non desiderati su richiesta dell'azienda.
  • Gli uomini sono più disposti rispetto alle donne, in media, a viaggiare spesso per lavoro.
  • Gli uomini sono più disposti rispetto alle donne a correre il rischio di un reddito variabile, ad esempio quello che deve essere pagato per commissioni contro uno stipendio fisso.
  • Spesso gli uomini producono più risultati, ad esempio articoli di ricerca accademica per professori universitari
Il grafico seguente illustra il primo punto dell'elenco di cui sopra e mostra come gli uomini scelgono prevalentemente carriere ad alto reddito, mentre le donne scelgono prevalentemente lavori a basso reddito:

wage gap gender

Lavoro retribuito più alto e più basso per genere e salario medio
Alla fine, anche le femministe hanno dovuto fare marcia indietro dopo anni di propaganda e alla fine ammettere che il divario retributivo è dovuto principalmente alle scelte delle donne:
"L'Associazione Americana delle Donne Universitarie (AAUW) ha infine ammesso che il 'divario retributivo di genere' è dovuto principalmente alle scelte delle donne, non alla discriminazione".

Leadership Institute
Tuttavia, questo passo indietro è poco più che un'affermazione formale, poiché il mito del divario di retribuzione è ancora ampiamente diffuso nei media tradizionali, nelle università e nelle scuole.

4/ Gli Uomini sono Molestatori di Bambini

Narrativa: Gli uomini sono intrinsecamente violenti. Battono le loro mogli e picchiano i loro figli. Questo è ciò che Kahneman e Tversky (1982) chiamavano un 'eurista rappresentativo', dove gli aggressori hanno gli attributi della malvagità, e da soli rappresentano un rischio per il bambino.

Realtà: In realtà, due importanti studi sulla violenza contro i bambini hanno tratto conclusioni molto simili. Le madri hanno più probabilità dei padri di essere violente nei confronti dei bambini.
i bambini sono quasi tre volte più esposti alla violenza da parte delle madri
  • il 4,3% sono soggetti a violenze maschili gravi
  • 1il 1,4% sono soggetti a violenze femminili gravi
McDonald et al., 2006
In un sondaggio condotto da Health Canada nel 2001, è stato rilevato che le madri commettono 4 su 5 tipi di violenza più frequentemente dei padri:
Le madri biologiche (rispetto ai padri biologici) sono più propense a commettere i seguenti abusi:
  • abusi fisici (47 vs 42%)
  • negligenza (86% vs 33%)
  • maltrattamento emotivo (61% vs 55%)
  • categorie multiple (66% vs 36%).
Il padre biologico è il perpetratore più probabile di abusi sessuali (15% vs. 5%).

Dutton, 2008
Un'indagine statunitense sul maltrattamento infantile condotta nel 2004 su oltre 700.000 individui ha rivelato un divario di genere ancora maggiore rispetto all'indagine canadese: ha rilevato che le madri sono propense due volte di più rispetto ai padri a maltrattare i propri figli.

children maltreatment
Il maltrattamento dei bambini da parte delle madri è maggiore in termini di prevalenza e anche di grado. Secondo l'indagine statunitense del 2004, tra tutti i casi di bambini morti di maltrattamento nel 2003, il 30,5% è stato causato dalla madre e il 18,2% dal padre.

Il fatto che le madri tendano a passare più tempo ad allevare i figli rispetto ai padri è probabilmente un fattore, naturalmente, ma questi dati dissipano il mito che sono soprattutto gli uomini ad essere crudeli nei confronti dei bambini.

5/ Accusatrice Femminile = Vittima

andrea dworkin

Andrea Dworkin
Narrativa: Quando si tratta di questioni personali e sensibili come l'abuso sessuale, le donne non hanno motivo di mentire. Ci vuole infatti molto coraggio per superare la vergogna e condividere ricordi così dolorosi.

Realtà: Gli uomini e le donne mentono entrambi. Ciò è esacerbato quando il sistema giuridico protegge eccessivamente l'accusatore, toglie all'imputato i suoi diritti più elementari e ribalta le accuse laddove l'onere della prova è a carico dell'accusato piuttosto che dell'accusatore. Il concetto di "innocente fino a colpevolezza provata", che prevale da secoli, è stato ribaltato. In uno spin terribilmente totalitario, molti uomini sono oggi ritenuti colpevoli fino a prova di innocenza.

Oggi le donne sono incoraggiate da assistenti sociali e avvocati a presentare accuse contro partner e coniugi, hanno incentivi finanziari (ottenere la casa, gli alimenti), hanno l'anonimato totale (mentre il nome dell'imputato è ampiamente riportato), sono immuni dall'essere citate in giudizio per false accuse, i tribunali civili offrono standard di prova inferiori e altro ancora.

I documenti sul tema politicamente delicato delle false accuse di stupro sono scarsi, ma nondimeno esistono:
"Il sociologo Eugene J. Kanin, dell'Università di Purdue ha rilevato che 'il 41% dei casi di stupro complessivamente smaltiti sono stati dichiarati ufficialmente falsi' durante un periodo di nove anni," cioè, per l'ammissione dell'accusatore che non si era verificato alcun stupro e l'accusa, pertanto, era falsa.

Uno studio di monitoraggio condotto presso un'università ha rilevato che il 50% delle accuse erano false, anche in questo caso semplicemente a causa della reiterazione dell'accusatore.

Le accuse non reiterate di certo fanno sì che la percentuale effettiva di false accuse sia molto più elevata. Kanin ha concluso che 'queste false accuse sembrano servire tre funzioni principali per i denuncianti: fornire un alibi, cercare vendetta e ottenere simpatia e attenzione'."

Stephen Baskerville, The New Politics of Sex
Ecco due esempi di false accuse palesi e completamente documentate. In primo luogo, una cheerleader chiama la polizia e sostiene che il suo fidanzato l'ha soffocata e picchiata. La polizia sta per arrestare l'uomo quando egli fornisce loro un video che mostra che in realtà è l'esatto opposto di quanto accaduto:


Nel secondo caso, la fidanzata di un giovane avvocato minaccia di fare una falsa accusa di violenza domestica contro di lui per farlo sbattere fuori di casa:


Quanti altri casi ci sono ancora dove gli uomini non hanno raccolto prove di false accuse, finendo così in prigione solo sulla base di tali false accuse?

Un fattore critico quando si mente alle autorità è se la menzogna sarà creduta o meno. Il seguente documento valutava i pregiudizi delle autorità nei casi di violenza domestica, a seconda se l'autore del reato fosse un maschio o una femmina:
  • Quando una donna ha chiamato la polizia per segnalare l' IPV (violenza domestica), all'uomo è stato ordinato di uscire di casa nel 41,4% dei casi. Quando un uomo ha chiamato la polizia, alla donna è stato ordinato di uscire di casa in 0% dei casi.
  • Quando una donna ha chiamato la polizia, l'uomo è stato minacciato di arresto immediato nel 28,2% dei casi. Quando un uomo chiamava, la donna è stata minacciata di arresto in 0% dei casi.
  • Quando una donna ha chiamato la polizia, l'uomo è stato minacciato di arresto in seguito, nel 10,7% dei casi. Quando un uomo ha chiamato, la donna è stata minacciata di arresto in seguito in 0% dei casi.
  • Quando una donna ha chiamato la polizia, l'uomo è stato arrestato nel 15,2% dei casi. Quando un uomo ha chiamato, la donna è stata arrestata in 0% dei casi. Nel 12,1% dei casi in cui l'uomo ha chiamato la polizia, è stato arrestato.
1985 US National Family Violence Survey, carried out by Murray A. Straus and Richard J. Gelles
Questi sondaggi mostrano che è molto improbabile che gli uomini segnalino episodi di violenza (stupro, violenza domestica, maltrattamenti minorili) commessi dal coniuge perché, nel migliore dei casi, non verranno creduti e, nel peggiore dei casi, saranno loro a finire dietro le sbarre. È interessante notare che proprio questo è ciò che molte donne affermano di trovarsi ad affrontare quando denunciano gli stupri.

Al contrario, le donne sono incoraggiate a fare denunce perché le loro accuse (sia vere che false) sono più credibili, e anche se l'accusa è falsa, non subiranno ripercussioni legali.

Di conseguenza, tutte le statistiche di cui sopra sono probabilmente influenzate dalla scarsa segnalazione degli uomini e dalla eccessiva segnalazione delle donne. Prendendo in considerazione questo pregiudizio riferito, aumenterebbe ulteriormente la prevalenza della violenza domestica, del maltrattamento dei bambini e dello stupro perpetrato dalle donne.

Un esempio illustra perfettamente gli effetti machiavellici delle menzogne femministe: l'affidamento. Tali strutture sono, in teoria, progettate per proteggere i bambini dai maltrattamenti subiti a casa.

La prevalenza di false accuse di abusi sui minori durante le vertenze in materia di affidamento è sorprendentemente elevata: il 55%. Quindi, la maggior parte dei casi sono nella migliore delle ipotesi distorti, nel peggiore dei casi puramente fabbricati.

Tuttavia, false accuse di maltrattamento minorile possono portare a una vera e propria ricollocazione dell'affidamento di un bambino che fino ad allora aveva vissuto una vita pacifica, senza abbandono e violenza. Nell'affidamento, il bambino vivrà probabilmente una vita molto meno tranquilla:
"Il rapporto tra il numero di abusi fisici e il tasso di abusi sessuali sui minori nelle case collettive è dalle 10 alle 28 volte superiore a quello della popolazione in generale".

Stephen Baskerville, The New Politics of Sex:
E' un po' che ironico (e decisamente tragico) che il risultato dell'esagerazione femminista intorno agli abusi sui minori nell'unità familiare sia la facilitazione della rimozione dei bambini dalle loro case di famiglia sicure, per essere collocati in strutture di accoglienza dove il bambino è più probabile che subisca abusi.

Conclusione

Lo stupro, la violenza domestica e gli abusi sui minori sono limitati a una piccola parte della popolazione e, nel complesso, i dati mostrano una diminuzione generale. È inoltre chiaro che il divario di genere è gravemente distorto. Gli uomini e le donne guadagnano soldi, commettono stupri, violenze e abusano dei loro figli in proporzioni analoghe.

Questo è un punto molto importante e dovrebbe impedire qualsiasi tipo di generalizzazione orientata al genere. Le cifre mostrano che una piccola percentuale di adulti agiscono violentemente. I predittori più importanti per tali comportamenti hanno poco a che fare con il genere, ma sono fortemente correlati con fattori come i disturbi di personalità, emotività negativa, traumi subiti durante l'infanzia, ecc.

Nonostante questa parità di genere in termini di violenza e retribuzione, la tendenza al rialzo della violenza perpetrata dalle donne negli ultimi anni è notevole.

Dworkin

Citazione di Andrea Dworkin, leader femminista e sostenitore dell'incesto e della pedofilia.
Ci si potrebbe chiedere se questo non sia il risultato di menzogne femministe che hanno infettato alcune menti? Per decenni le femministe hanno raffigurato le donne come vittime: abusate, violentate e discriminate dagli uomini. Questo potrebbe aver scatenato un'ondata di risentimento, diritto, "emancipazione" e odio tra molte donne, che a loro volta hanno portato ad un aumento dello stupro maschile, degli abusi sui bambini e della violenza domestica.

Qui si potrebbe notare la natura kafkiana dell'intero movimento femminista. Le femministe immaginano un mondo dominato dalla cultura dello stupro e dagli uomini violenti, eppure stanno creando quasi il contrario: un mondo in cui le donne abbracciano sempre più il crimine e la violenza contro gli uomini, le persone a cui quegli stessi crimini sono stati erroneamente attribuiti.

Ci saranno sempre individui patologici intorno, insieme alle loro ideologie distruttive. E' qualcosa che non possiamo cambiare. Ciò che possiamo cambiare è come percepiamo e affrontiamo questo problema. Sono gli stessi individui patologici che creano movimenti rivoluzionari puntando il dito contro una popolazione capro espiatorio (la nobiltà, i borghesi, gli ebrei).

E' una tattica di diversione, puro e semplice, che canalizza la rabbia giustificata della gente verso il colpevole sbagliato, ovvero, il capro espiatorio invece dei maestri burattinai patologici.

Le femministe dicono alle donne che tutti i problemi delle donne sono dovuti agli uomini. Questa tecnica di capro espiatorio può essere molto efficace perché offre una menzogna molto confortevole, che viene poi proiettata sull'altro e così facendo esonera le donne da ogni responsabilità.

Questo è il nucleo stesso del credo femminista/postmodernista, dove l'altro è il diavolo, l'altro è fonte di ogni sofferenza, l'altro è tiranno. Penso che il messaggio da portare a casa sia esattamente il contrario; smettiamola di proiettare negli altri la nostra debolezza, le nostre paure e la nostra vergogna; smettiamola di cercare di cambiare l'altro con la nostra visione arbitraria, dispotica e distopica di ciò che è buono.

Concentriamoci sull'unica cosa che potenzialmente possiamo cambiare - noi stessi - e invece di alimentare la nostra auto importanza - sia espressa sotto forma di autocommiserazione, vittimizzazione, grandezza o colpa - prendiamoci la responsabilità della nostra vita e delle nostre società e vediamo il mondo e noi stessi non come vorremmo che fosse, ma come è. Solo da una posizione di piena comprensione di noi stessi e degli altri potremo mai sperare di prendere le decisioni giuste che possano portare ad un mondo migliore per tutti.