Alcune cose che vanno prese in considerazione quando si parla delle cosiddette "scie chimiche":

1) Ovviamente, esistono casi di "irrorazione" e non vanno a beneficio dell'umanità. Ho sentito parlare di alcune storie da certe persone riguardo aerei che volavano a quota molto bassa irrorando roba che si deposita dappertutto e fa ammalare la gente. E intendo dire volare a BASSA quota.

2) L'irrorazione che influisce realmente su un'area designata sotto il mezzo irrorante (l'aereo in questione) dovrebbe trovarsi ad una altitudine abbastanza bassa, altrimenti quello che viene irrorato non scenderà sull'area sottostante. Questo è dovuto al fatto che la nostra atmosfera è costituita da un numero di strati e ogni strato ha una propria temperatura, velocità del vento e direzione, e molto spesso delle sostanze in uno strato prendono molto tempo e devono percorrere una lunga distanza per mischiarsi o mescolarsi con altri strati, SE si mischiano affatto.

3) Quindi, se state parlando di irrorazione chimica che siete in grado di osservare sopra i cieli, che poi cade sull'area sottostante, state parlando di irrorazione a bassa quota.

4) Dunque, scie che si trovano nel cielo ad altezze molto elevate e che non hanno alcuna speranza di interagire con il terreno sottostante non possono essere chiamate "scie chimiche", tranne, forse, nel caso in cui un agente chimico venga irrorato che dovrebbe influire sul clima (e anche quello viene fatto ad un'altezza relativamente bassa). L'inseminazione delle nuvole viene fatta disperdendo nell'atmosfera elementi come i cristalli di ghiaccio secco o lo ioduro d'argento con un aeroplano o persino servendosi di stazioni terrestri. Si ritiene che inseminare le nuvole promuova la condensazione di goccioline d'acqua, e dunque, pioggia.

5) L'inseminazione delle nuvole viene normalmente fatta ALLE nuvole, ma non le crea. Inoltre, essa dev'essere fatta ad un'altitudine relativamente bassa in modo che gli effetti influiscano sull'area sottostante all'attività. Altrimenti, le velocità del vento più elevate negli strati alti dell'atmosfera trasporteranno via lo ioduro d'argento, lo irroreranno, e gli effetti desiderati non si manifesteranno. Ecco una pagina riguardo l'inseminazione delle nuvole (in inglese): http://www.sandylandwater.com/ops.htm

6) I piccoli aerei privati volano ad un'altezza massima di 3.700 metri. Gli aerei di linea volano tra i 7.600 e i 14.000 metri di altezza. L'aereo supersonico Concorde volava ad una velocità Mach 2 a 17.000 metri di altezza. I caccia militari vanno fino a 24.000 metri, mentre alcuni aerei specializzati come l'aereo spia U2 e l'SR-71 si ritiene possano raggiungere un'altezza di 37.000 metri. Il X-15 ha un tetto massimo di 108.000 metri.

7) Da Wikipedia:
Con i cirri ci si riferisce generalmente alle nuvole atmosferiche che sono caratterizzate da filamenti sottili spesso accompagnati da ciuffi, da dove proviene il loro nome comune (non standard) di "ciocca di capelli".[1] A volte, queste nubi sono così estese da essere virtualmente indistinguibili dalle altre, formando uno strato di cirri chiamato cirrostrato. A volte, la convezione ad altitudini elevate produce un'altra forma di cirro chiamato cirrocumulo, una forma di piccoli ciuffi di nubi che includono goccioline di acqua ghiacciata. Il termine viene anche usato per certe nubi interstellari composte di granuli di pulviscolo di taglia inferiore al micrometro.[2]

Molti cirri producono filamenti fatti di cristalli di ghiaccio più pesanti che precipitano da questi. Queste virgole, indicano spesso la differenza nel movimento dell'aria (le fenditure provocate dal vento) tra lo strato superiore del cirro e l'aria sottostante. A volte la cima del cirro si muove rapidamente sopra uno strato più lento d'aria, oppure la striscia scende ad uno strato sottostante più rapido. Le direzioni di questi venti possono anch'esse variare.

I cirri si formano quando l'acqua evaporata si ghiaccia in cristalli di ghiaccio ad altitudini sopra gli 8.000 metri (26.000 piedi).[3] A causa degli strati diffusi di umidità ad altitudini elevate, i cirri tendono ad essere molto sottili.[1] A questa altitudine, gli aerei lasciano dietro ad essi una scia di condensazione che può trasformarsi in un cirro.[4] Ciò avviene quando lo scarico caldo, principalmente acqua, si ghiaccia, lasciando una scia visibile. Le strisce possono apparire dritte quando l'azione del vento è assente, dando alle nuvole l'apparenza di una virgola (cirrus uncinus), o di un groviglio, un'indicazione di forte turbolenza. I cristalli di ghiaccio in caduta evaporano prima di raggiungere il suolo.

I cirri coprono fino al 30% della Terra ed hanno un effetto netto benefico. I cirri assorbono in modo efficiente le radiazioni infrarosse uscenti (il calore) sottostanti (l'effetto serra), mentre riflettono in modo solo marginale la luce solare entrante (albedo).[5]

Un numero elevato di cirri può essere un'indicazione di un sistema frontale in avvicinamento o di disturbi ad alta quota. Questo normalmente segnala un cambiamento del tempo nel futuro prossimo, il quale diventa sempre più burrascoso.[6] I cirri possono anche costituire i residui di una tempesta. Un largo schermo di cirri e cirrostrati spesso accompagnano il flusso ad altitudini elevate di uragani e tifoni. I cirri sono anche stati osservati mentre si sviluppano in seguito all'insistente formazione di scie di condensazione dagli aerei. Un aumento del traffico aereo è una possibile causa di un numero sempre maggiore di cirri.[7]
8) Ora, cosa non quadra nell'immagine mostrata qui sopra?

Risposta: l'altitudine dei cirri rispetto all'altitudine di molti aerei di linea che si incrociano nei cieli con scie che sono ovviamente molto più basse rispetto all'altitudine designata ai cirri.

Nonostante ciò, le scie lasciate da questi aerei AGISCONO come agivano in precedenza i cirri ad altitudini molto più alte.

La più logica (e più spaventosa) conclusione: lo strato freddo dell'atmosfera superiore si è abbassato ed è probabilmente più spesso, e dunque molti aerei che volano ad altitudini più basse stanno formando scie di condensazione in quell'aria che di solito si trovava molto più in alto, al livello dei cirri.

Perché, se capite come funzionano gli strati dell'atmosfera, le temperature, i venti ecc., allora vi renderete conto che quello che sta accadendo NON è l'atto di irrorare sulla popolazione umana e non è nemmeno una manipolazione intenzionale del clima; si tratta invece di EVIDENZA che la nostra atmosfera planetaria è cambiata drasticamente negli ultimi dieci anni circa. Forse anche 20 anni, visto che è a quel momento che ho iniziato ad accorgermi di questi cambiamenti nella formazione delle nuvole.

9) Bisogna anche evidenziare il fatto che le scie lasciate dagli aerei ad altitudini molto PIU' BASSE normalmente si disperdono velocemente. La brutta notizia è che adesso non lasciano più ALCUNA scia a quelle altitudini! (E conoscendo il modo in cui funzionano gli strati che formano i cirri, come descritto precedentemente, potete capire abbastanza bene che non stanno irrorando sul terreno sottostante). Ma certamente, POSSONO esserci formazioni naturali di cirri che provengono dai motori di scarico degli aerei o dallo scarico di carburante E dall'irrorare di "cose" a basse altitudini allo stesso tempo. Suggerirei che tali casi siano una "copertura" nello stesso modo in cui le "adduzioni dei Grigi" sono una copertura per quello che gli alieni stanno VERAMENTE facendo su questo pianeta.

Ad esempio, questo stupido video dove si afferma che si stia "inseminando le nuvole":


Non fa proprio onore al caso. E' invece la prova che gli strati dell'atmosfera attraverso i quali l'aereo sta volando sono molto freddi. Ora, se questo è un problema o no dipende dal dove e da che periodo dell'anno questo video è stato ripreso. In alcuni casi, l'aria fredda così bassa non sarebbe fuori stagione, per così dire.

10) Ma queste attività, hanno un effetto sul clima?

Indubbiamente lo hanno. Ma non è fatto in modo intenzionale. Rileggete la discussione qui sopra sui cirri, dove l'effetto netto è il RISCALDAMENTO dell'atmosfera.

Quello che sembra accadere è che la zona dei fenomeni climatici - la troposfera - sembra essere stata compressa da una stratosfera in espansione (o in discesa), e la stratosfera stessa sembra aver cambiato le proprie caratteristiche. Questo è MOLTO sconcertante! Questi sono segni e sintomi, insieme a molti altri che abbiamo registrato su SOTT, che qualcosa di molto inusuale sta accadendo nel nostro vicinato cosmico perché i cambiamenti climatici si stanno manifestando anche sugli altri pianeti. Posso garantirvi che nessuno sta disegnando "scie chimiche" su Marte, né su Giove o Saturno.

11) Se studiate il lavoro di James McCanney, inizierete a capire che i 5 strati dell'atmosfera terrestre sono anche strati di cariche elettriche che si alternano. QUESTO E' IMPORTANTE. McCanney discute anche sul come questi flussi elettrici, attorno e sulla terra, interagiscono col Sole per creare il nostro clima. Piers Corbyn sta diventando famoso per aver utilizzato principi simili per delle previsioni meteorologiche molto più accurate di quelle che i climatologi mainstream sono capaci di produrre. Il fatto che Corbyn PUO' predire il tempo in modo così accurato mette in dubbio l'affermazione che le "scie chimiche" sono un'attività di modificazione del clima. Il suo metodo si occupa dell'attività solare, non delle cosiddette "scie chimiche".

12) Riguardo a questi strati di elettromagnetismo che circondano la terra, nel 1958 alcune cose sono state fatte che hanno potuto avere un forte impatto sulle condizioni del nostro pianeta ai giorni d'oggi. Vorrei che rifletteste su questo riguardo ai cambiamenti climatici, alle cosiddette "scie chimiche" e ad HAARP.

Tra l'agosto e il settembre del 1958, la marina militare americana ha fatto esplodere tre bombe a fissione nucleare a 480 km al di sopra dell'Oceano Atlantico Settentrionale, nella parte bassa della Cintura di Van Allen più vicina alla superficie terrestre. Inoltre, due bombe ad idrogeno sono state detonate a 160 km sopra l'Atollo Johnston nel Pacifico. Le forze armate lo hanno chiamato "il più grande esperimento scientifico mai intrapreso".
Era stato progettato dal dipartimento della difesa USA e dalla commissione per l'energia atomica statunitense, sotto il nome in codice di Project Argus. Lo scopo sembra essere stato quello di valutare l'impatto di esplosioni nucleari sulle trasmissioni radio ad altitudini elevate e sulle operazioni radar a causa degli impulsi elettromagnetici (EMP), e di avere una migliore comprensione del campo geomagnetico e del comportamento delle particelle cariche in esso. Questo esperimento gigantesco ha creato nuove (interne) cinture di radiazione elettromagnetica che comprendono quasi tutta la terra, e ha iniettato un livello sufficiente di elettroni e di altre particelle energetiche nella ionosfera tanto da causare effetti a livello globale. Gli elettroni hanno viaggiato avanti e indietro lungo le linee di campo, provocando una "aurora" artificiale mentre colpivano l'atmosfera vicino al Polo Nord. Questo è stato riportato solo molto dopo, il 13-20 agosto del 1961 a Keesings Historisch Archief (K.H.A.). Il resoconto diceva che le forze armate statunitensi avevano pianificato di creare uno "scudo di telecomunicazioni nella ionosfera a 3.000 km di altezza, lanciando in orbita 350.000 milioni di aghi di rame, ognuno lungo 2-4 cm [peso totale di 16 kg], formando una cintura spessa 10 km e larga 40 km, con gli aghi ad una distanza di 100 m ciascuno". Tutto questo era stato progettato per rimpiazzare la ionosfera "perché la telecomunicazione viene compromessa dai temporali magnetici e dalle eruzioni solari". Gli USA hanno pianificato di aggiungere un numero superiore di aghi di rame se l'esperimento avesse avuto successo. Questo piano era fortemente ostacolato dall'Unione Astronomica Internazionale".
In seguito:
Il 9 luglio 1962, gli Stati Uniti intrapresero una nuova serie di esperimenti nella ionosfera. Dalla descrizione: "un dispositivo di una chilo-tonnellata, ad un'altezza di 60 km e una da un megatone e una da un multi-megatone, a molte centinaia di chilometri di altezza". (K.H.A., 29 giugno 1962).
Questi test hanno seriamente disturbato la Cintura inferiore di Van Allen, alterando in modo sostanziale la sua forma ed intensità. "In questo esperimento la Cintura interna di Van Allen verrà praticamente distrutta per un certo periodo di tempo; particelle dalla Cintura verranno trasportate nell'atmosfera. E' stato previsto che il campo magnetico terrestre verrà disturbato su lunghe distanze per varie ore, impedendo le comunicazioni radio. L'esplosione nella cintura di radiazione interna creerà una cupola artificiale di luce polare che sarà visibile anche da Los Angeles". (K.H.A. 11 maggio 1962).
Questo era l'esperimento che ha portato avanti la forte protesta dell'Astronomo della Corte di Sua Maestà, Sir Martin Ryle nel Regno Unito. Il 19 luglio... la NASA ha annunciato che a causa del test nucleare ad altitudini elevate del 9 luglio, una nuova cintura di radiazione si era formata, estendendosi ad una altezza tra i 400 km e i 1600 km circa; può essere vista come una estensione temporaria della Cintura inferiore di Van Allen" (K.H.A. 5 agosto 1962).
"...Starfish ha provocato una cintura molto più larga [rispetto al Progetto Argus] che si estende da un'altitudine bassa fino ad oltre L=3 [ovvero tre volte il raggio terrestre o circa 13.000 km sopra la superficie terrestre]. "Successivamente nel 1962, la USSR ha intrapreso un esperimento planetario simile, creando tre nuove cinture di radiazione tra i 7.000 e i 13.000 km al di sopra della terra. Secondo l'Enciclopedia, i flussi di elettroni nella Cintura inferiore di Van Allen sono stati modificati in modo sostanziale dalle esplosioni nucleari ad altitudini elevate del 1962 dagli USA e USSR, che no sono più tornati ai loro stati precedenti. Secondo gli scienziati americani, potrebbero servire molte centinaia di anni alle cinture di Van Allen per stabilizzarsi di nuovo ai loro normali livelli".
Tenete presente che, mentre se ne stanno là fuori a far esplodere l'atmosfera, vogliono allo stesso tempo fa ricadere la colpa del Riscaldamento Globale sulle masse, di persone normali!

Il mio giardino si affaccia sui Pirenei, l'incrocio del traffico aereo tra l'Europa e l'Africa, America del Sud e Spagna, Europa Settentrionale, Inghilterra, Scandinavia e Europa Meridionale e Africa. E' un posto molto affollato. Sono seduta alla mia scrivania accanto ad una finestra che si affaccia su questo cielo e guardo fuori da questa finestra varie volte al giorno e noto il cielo in tutti i suoi umori. Le seguenti immagini che ho preso dal mio giardino sono SCIE DI CONDENSAZIONE prodotte dall'alto volume di traffico aereo che, in alcuni giorni, lascia scie persistenti a causa delle condizioni della stratosfera. Quelle condizioni possono essere correlate sia con condizioni nella troposfera che con il clima prima, durante e dopo i giorni quando queste scie si formano e persistono così a lungo. Se fossi una matta isterica e indottrinata, penserei di essere stata avvelenata. Ma so cosa sono, le ho osservate per ore e giorni senza fine e mi ricordo di simili fenomeni su scala molto più piccola - e molto meno frequenti perché le condizioni planetarie erano diverse - quando stavo crescendo. Credetemi, quelle sono SCIE DI CONDENSAZIONE...

Durante gli anni '80, il numero di razzi lanciati globalmente era tra i 500 ai 600 all'anno, per culminare a 1500 per anno nel 1989. Ce n'erano molti di più durante la Guerra del Golfo. Lo Shuttle è il più grande tra i razzi a combustibile solido, con dei booster gemelli da 45 metri l'uno. Tutti i razzi a combustibile solido rilasciano grandi quantità di acido idro-clorico dal tubo di scarico, che vede ogni volo Shuttle spargere circa 75 tonnellate di cloro, il distruttore dell'ozono, nella stratosfera. Quelli lanciati dal 1992 iniettano nella stratosfera (dove si trova lo strato di ozono) ancora più cloro, circa 187 tonnellate.

Sto leggendo uno studio sugli impatti cometari, che contiene informazioni pertinenti al nostro discorso e penso che possiamo aver fiducia visto che non è stato prodotto da un programma di disinformazione riguardo alle cosiddette scie chimiche.

La prima cosa interessante è il corpo celeste, storicamente conosciuto, che ha impattato sulla terra: l'oggetto di Tunguska. Quello che è in relazione alle scie chimiche è il fatto che questo oggetto esplose nell'atmosfera nel giugno 1908 e successivamente, per varie notti, il cielo era inusualmente luminoso in Europa e nell'Asia occidentale, permettendo alla gente di leggere il giornale di notte.

Quando gli scienziati sono riusciti finalmente a raggiungere quel sito remoto nel 1927, non è stato trovato nessun frammento visibile del corpo esploso. In un successivo lavoro sul campo sono state scoperte delle sferule nere, luccicanti e metalliche tra il suolo cosparso da numerosi piccoli crateri, poco profondi e di forma ovale - dai 50 a 200 metri di diametro - simili ai crateri delle Carolina Bays. Queste sfere sono tipiche di corpi extraterrestri, avendo una composizione molto alta di iridio, nichel, cobalto ed altri metalli.

Ed ora è qui che entra in gioco il collegamento: un contenuto inusualmente alto di quegli stessi metalli fu ritrovato successivamente in delle carote di ghiaccio prese in Antartide, ma negli strati relativi all'anno 1912.

Vale a dire, ci sono voluti quattro anni perché il materiale depositato nella stratosfera precipitasse sulla terra.

Dai dati provenienti dall'Antartide, per il corpo di Tunguska era stata stimata una precipitazione globale di 7 milioni di tonnellate di materiale. Ciò vuol dire che il suo diametro sarebbe stato di circa 160 metri.

La polvere proveniente da tali oggetti esplosi nella stratosfera in genere si diffonde attorno al pianeta in un tempo compreso tra i tre e i sei mesi. Il tempo impiegato per qualsiasi cosa che si trovi nella stratosfera per raggiungere il suolo è di circa 3 anni (o più) ed è "indipendente dalla quantità iniziale di polvere {o di qualsiasi altra cosa si tratti}." Inoltre, vi sono anche molte variabili atmosferiche che non permettono di determinare la direzione di questi oggetti in sospensione.

Vale a dire, i materiali iniettati nella stratosfera NON precipitano sul suolo sotto il quale viene sparso (nel senso delle cosiddette scie chimiche) eccetto, forse, quasi accidentalmente, e molto, molto tempo dopo.

Ripeto, questo non ha alcuna attinenza con l'irrorazione che avviene ad altitudini molto più basse, nella troposfera, ma chiaramente quello che avviene nella stratosfera NON a ha a che vedere con le "scie chimiche".

Penso di aver presentato più che a sufficienza dei punti di riflessione sul tema delle cosiddette "scie chimiche", per suggerire che, sì, sta accadendo qualcosa di veramente brutto, ma anche che non è quello che pensate. Infatti è molto peggio. SI, qualcosa di MOLTO strano accade nei nostri cieli - ma non si tratta di scie chimiche. Le SCIE DI CONDENSAZIONE stesse sono cambiate, e QUESTO è un enorme avvertimento per lo stato della nostra atmosfera e sul nostro clima, e le implicazioni sono ben più spaventose di qualche matto al Pentagono che stesse cercando di avvelenarci. Diamine, potremmo sopravvivere ad una tale evenienza. La gran parte della vita sulla terra NON sopravviverebbe a quello che queste scie di condensazione presagiscono!