Benvenuto su Sott.net
mar, 27 ott 2020
Il Mondo per Coloro che Pensano

Figli della Società
Mappa

Airplane

Il comandante muore in cabina: ecco l'audio del copilota, "emergenza a bordo"

Immagine


Il pilota di un volo dell'American Airlines partito da Phoenix, Arizona, e diretto a Boston è morto improvvisamente a metà del tragitto mentre pilotava l'aereo. Il controllo del velivolo, un Airbus A320, è stato immediatamente assunto dal copilota, dato che le compagnie aeree statunitensi sono tenute per legge ad avere a bordo due piloti, che è riuscito a portare l'Airbus a terra da solo senza alcun problema.
L'aereo, che aveva a bordo 147 passeggeri e 5 membri dell'equipaggio è atterrato a Syracuse, nello stato di New York, per permettere ai medici di soccorrere il comandante, il capitano Michael Johnston di 57 anni. Purtroppo, per lui non c'era più nulla da fare.

La moglie del pilota deceduto è sotto shock.
"Aveva avuto problemi di cuore e aveva fatto un intervento di doppio by-pass nel 2006 e doveva fare visite accuratissime ogni sei mesi, ha detto Betty Jean Johnston. Per quanto ne sapevamo era in perfetta forma, quando è partito ieri stava benissimo. Aveva anche perso 3 o 4 chili e mi aveva detto di sentirsi in piena forma".

Vader

Indovinate chi invita i profughi in Germania.

Vladimir Shalak, accademico delle Scienze russo, è progettista di un software che analizza i contenuti di Twitter (Scai4Twi, Content Analysis System for Twitter). Un esercizio per nulla ozioso, anzi molto utile per l'intelligence, come vedremo.

L'accademico Shalak ha studiato 19 mila tweets originali (esclusi i re-tweet) che trattano di rifugiati, ricevuti dagli immigranti.

La maggior parte di questi tweet (hashtag #refugee), indicano la Germania (50%) e l'Austria come i paesi dove gli immigrati sono meglio accolti.

Immagine
E il 93% dei tweet dedicati alla Germania contenevano messaggi entusiastici sulla generosità illimitata dei tedeschi: notizie, in arabo, sui terni che recano sulle fiancate il benvenuto in arabo, tifosi di calcio che negli stati inneggiano "Wilkommen" ai profughi, video di profughi ricevuto con fiori e dolci nelle stazioni, video-spot di immigrati che gridano "Amiamo la Germania!".

Quanto ai 5704 tweets originali diffusi con l'hashtag #RefugeeWelcome più il nome di un paese, l'analisi mostra una "preferenza" ancora più alta per la Germania.

Megaphone

Un ragazzo italiano rompe il silenzio sul Donbass

Immagine
© © Sputnik. Irina Gerashchenko
Quando l'Occidente aprirà gli occhi sulla tragedia del Donbass? Parliamo di una guerra che ha dilaniato città intere nel centro dell'Europa, spezzato la vita a migliaia di persone, strappato l'infanzia a bambini innocenti.

L'intervento russo in Siria per lottare contro l'Isis è sulle prime di tutti i giornali del mondo, la stampa occidentale non ha perso tempo e anticipando il primo raid aereo, ha subito condannato la Russia di aver colpito dei civili, tra cui bambini.

Ora, come si spiega tutto questo tempismo? Perché allora i media occidentali e europei non si degnano di parlare dei bambini uccisi nel Donbass dalle bombe dell'esercito ucraino in un conflitto che dura ormai da anni? C'è chi non ci sta. È il caso per esempio di un ragazzo italiano, Vittorio Nicola Rangeloni, ora corrispondente di guerra in collaborazione con le istituzioni locali, che ha voluto rompere questo silenzio e vedere con i propri occhi quello che avviene nel Donbass. Vittorio da Donetsk ha raccontato a Sputnik Italia della sua esperienza.

Red Flag

Oregon, giovane spara in un college: 10 morti. L'autore è Chris Harper Mercer

Immagine
© RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ci sono anche 20 feriti. E' successo alll'Umpqua Community a Rosenburg. E' una delle peggiori tragedie della storia della scuola americana.

Gli Stati Uniti, primo fra tutti il presidente Obama, si interrogano dopo l'ennesima strage in un campus universitario americano per mano di uno studente armato. Stavolta è il turno dell'Umpqua Community College a Rosenburg, in Oregon, dove al termine di una sparatoria si contano a terra 10 morti, oltre a una ventina di feriti, di cui alcuni in gravi condizioni. Quasi tutte le vitime sono studenti, colti di sorpresa mentre stavano facendo lezione in classe.

L'autore è Chris Harper Mercer, 26 anni. Lo riferiscono diversi media americani. A quanto si apprende il giovane non era uno studente dell'istituto. Al momento della sparatoria indossava una camicia scura e jeans. Aveva con sè tre pistole e almeno un fucile, oltre ad una grande quantità di munizioni. Secondo alcune fonti aveva anche un giubbotto antiproiettile, ma non è chiaro se lo indossasse al momento della sparatoria. A quanto si apprende il giovane viveva nella stessa zona dell'Umpqua Community College e abitava in un appartamento, probabilmente con la madre.

Piggy Bank

Instabilità economia Cina strategica per sostituire dollaro con yuan in finanza mondiale

Immagine
© © AP Photo/ EyePress, FILE
Sarebbe un errore ritenere l'instabilità dell'economia cinese l'inizio della sua recessione. Il più grande centro analitico dell'India, il "National Institute of Public Finance and Policy", ritiene che l'attuale instabilità dell'economia cinese faccia parte della strategia di Pechino per rafforzare la sua posizione nel mercato finanziario mondiale.

Il professore del "National Institute of Public Finance and Policy" N.R. Bhanumurthi ha osservato in un'intervista con Sputnik:

"La Banca Mondiale stava per conferire allo yuan una valuta di riserva, si sarebbe dovuto fare già il mese scorso. Allora gli Stati Uniti, l'Unione Europea e il Giappone si erano opposti e si è dovuto rinviare questa decisione."

Bhanumurthi afferma che tutto quello che sta accadendo è un piano ideato dalla Cina. Nonostante il calo dello yuan, proseguono gli sforzi per normalizzarlo. Entro la fine di quest'anno la Cina sta progettando di creare un proprio sistema di pagamento internazionale sul tipo dell'American Express e Master Card.

Gold Coins

Il G20 e il rischio degli squilibri finanziari

Immagine
© © REUTERS/ Rob Griffith/Pool
Le analisi e le proposte che hanno caratterizzato tutti i summit del G20, fino all'ultimo incontro di Istanbul dei ministri delle Finanze e dei presidenti delle Banche Centrali, sono sempre stati falsati dalla presunta centralità dei cosiddetti "conti delle partite correnti".

In sintesi il mondo viene suddiviso in Paesi con un surplus commerciale e in Paesi con un deficit commerciale. I primi automaticamente diventerebbero creditori nei confronti dei secondi.

Il G20 considera ciò "squilibri globali" che sarebbero alla radice delle grandi crisi passate e recenti. Nei comunicati finali spesso si è arrivati addirittura a considerare gli squilibri nelle partite correnti come sinonimi di squilibri globali.

Naturalmente non si tratta di una mera questione terminologica, ma di effettive politiche economiche e monetarie. Così facendo infatti si cerca anzitutto di sottostimare gli "squilibri finanziari", che invece sono molto più pericolosi e distruttivi.

Stock Down

Deutsche Requiem

Immagine
Lehman Brothers collassò il 15 settembre 2008, innescando la catena di depressione globale da cui non siamo usciti. Il collasso fu "improvviso", ci dissero. Non proprio. Era stato preceduto da massicci licenziamenti della stessa banca. Il New York Times ne riferiva in agosto. CNBC, la tv, ne aveva già parlato in marzo.

Ora, da Reuters, apprendiamo:
"Deutsche Bank punta a tagliare circa 23 mila dipendenti, circa un quarto del personale totale (...) Il personale sarebbe ridotto quindi a 75 mila addetti a tempo pieno, in base ad una riorganizzazione, condotta dal chief executive John Cryan, che ha preso il controllo della maggior banca tedesca a luglio con la promessa di tagliare i costi".
Come ricorda Zero Hedge, la colossale Deutsche Bank ha dovuto pagare negli ultimi tre anni oltre 9 miliardi di dollari in multe, ammende e transazioni per tacitare accuse di manipolazioni di tassi d'interesse, ed altri trucchi da far sembrare le Volkswagen col software taroccato modelli di onestà commerciale. In aprile, Deutsche ha concordato con Dipartimento di Giustizia americano, per mettere una pietra sopra la faccenda dei tassi Libor ed Euribor manipolati, di pagare 2,5 miliardi di dollari, ossia 25.474 per dipendente. Poi ha sborsato 55 milioni alla SEC per aver diramato rapporti deliberatamente "travisati" alterando le misure di rischio che prendeva sui certe speculazioni in derivati per 5 miliardi di dollari (e facendolo credere coperto dalla compra di protezioni finanziarie). E non è finita, altre indagini sono in corso.

Gold Bar

Il prezzo dell'oro nel mirino dell'Antitrust svizzero

Immagine
Un'altra corazzata dell'economia tedesca rischia di finire sotto il tiro di un'inchiesta. Deutsche Bank è tra i nomi che compaiono sul taccuino della COMCO (Commissione per la Concorrenza) del governo svizzero, l'equivalente dell'authority italiana. Berna sospetta l'esistenza di un cartello tra grandi operatori finanziari che nei mesi scorsi si sono accordati per tenere artificiosamente alto il prezzo dell'oro.

Oltre alla banca tedesca l'accertamento riguarda grandi operatori come Ubs e Julius Baer (due tra i maggiori istituti di credito elvetici), Morgan Stanley, HSBC, Barclays e Mitsu. Un comunicato della Comco, nel confermare la notizia, ha precisato che gli accordi illeciti potrebbero riguardare non solo il prezzo dell'oro ma anche platino, argento e palladio. Sotto osservazione ci sarebbe lo «spread» tra il prezzo di acquisto e quello di vendita. Prima di giungere alle conclusioni la commissione si è data un anno di tempo per portare avanti le indagini; la sanzione arriva fino al 10% del giro d'affari. Julius Baer ha già annunciato la sua disponibilità nel collaborare alle indagini.

Chess

Volkswagen crolla in Borsa dopo lo scandalo diesel

Immagine

© AFP 2015/ Tobias Schwarz

Il gruppo automobilistico tedesco perde fino al 22% a Francoforte dopo la diffusione della notizia sulla possibile maxi multa da 18 miliardi dagli USA. L'azienda ammette e ritira i diesel dal mercato americano.

Tonfo in Borsa per il gruppo Volkswagen a poche ore dallo scoppio dello scandalo dei test USA in materia di emissioni, "aggirati" secondo l'accusa grazie ad un software, presente nei motori diesel delle auto dell'azienda tedesca, in grado di far figurare emissioni inferiori a quelle realmente prodotte. Dopo una disastrosa apertura sulla piazza di Francoforte, il titolo ha continuato a scendere fino al meno 22% fatto registrare a metà mattinata.

La multa che le autorità americane potrebbero infliggere all'azienda tedesca è infatti, nella peggiore delle previsioni, di 18 miliardi di dollari. Una cifra che andrebbe a disintegrare il "record" detenuto dalla nipponica Toyota, chiamata a pagare 1,2 miliardi dollari nel 2010 a chiusura di un contenzioso su un difetto al pedale dell'acceleratore che costrinse l'azienda a decine di migliaia di richiami.

Bizarro Earth

La battaglia 'kafkiana' di Marco di Giacomo contro il governo dell'Azerbaigian e l'Interpol

Immagine
Ingegnere edile, è stato accusato di evasione fiscale nel paese asiatico e il suo nome figura (con un errore) in un mandato di cattura internazionale. Non può espatriare per lavorare né fare concorsi pubblici. Da anni si proclama innocente e ora attende che il governo faccia la sua parte per contribuire alla soluzione del caso.

Marco Di Giacomo è un ingegnere edile abruzzese che da anni combatte una battaglia che sembra presa di peso da un romanzo di Kafka. Su di lui pende, infatti, un mandato di cattura internazionale dell'Interpol: ineseguibile però, perché a essere ricercato, alla stregua di un pericoloso killer dei due mondi, è un certo "Marco Di Giocomo", nato il 18 aprile del 1975: questo errore di battitura, quella "o" al posto della "a" fa sì che il vero Marco Di Giacomo (nato sempre "ad Atri il 18 aprile del 1975" si legge nella scheda dell'Ordine degli ingegneri di Teramo) resti a piede libero.

Se solo potesse, lui si costituirebbe ben volentieri: per suffragare una volta per tutte la sua innocenza, e per uscire da un'impasse burocratica che lo ha logorato. L'accusa nei suoi confronti è grave: evasione fiscale, e risale al periodo (dal novembre del 2012 al maggio del 2013) in cui ha lavorato in Azerbaigian, nazione ricca di petrolio ma a "democrazia limitata", come project manager di un gruppo di costruzioni italiano specializzato nelle realizzazione di grandi infrastrutture, con commesse milionarie in varie parti del globo.