Benvenuto su Sott.net
mar, 01 dic 2020
Il Mondo per Coloro che Pensano

Figli della Società
Mappa

Attention

Strana sindrome da 'zombie', un uomo morde un altro su un volo aereo e poco dopo perde la vita a seguito di un malore

Immagine
© Cathal McNaughton / Reuters
Uno stranissimo caso si è verificato la scorsa notte: un uomo è morto a bordo di un volo Aer Lingus subito dopo aver iniziato a comportarsi in maniera strana e aver morso un altro passeggero. Il Volo della compagnia Air Lingus era il EI 485, era in viaggio da Lisbona in Portogallo a Dublino in Irlanda, ma lo strano evento ha però costretto il pilota ad effettuare una deviazione e cercare un atterraggio di emergenza a Cork.

Rapporti sostengono che l'uomo di 24 anni, abbia iniziato a "mordere un altro passeggero" e che sia stato poi trattenuto dal personale dell'equipaggio dopo essere diventato "estremamente violento". Subito dopo essere stato bloccato l'uomo ha manifestato i segni di un singolare malessere ed è caduto in uno stato di incoscienza, e dopo qualche minuto è deceduto. Tra i passeggeri del volo vi era anche un medico, il quale però non ha potuto nulla per salvare la vita al 24 enne.

Megaphone

Usa. Rapporto Human Rights Watch accusa l'Fbi

Immagine
© datamanager.it
A volte la verità viene a galla, è solo una questione di tempo. Quanto ha riferito l'ong americana Human Rights Watch infatti rende giustizia a tutta una serie di persone che, troppo in fretta, sono state accusate e tacciate di complottismo. L'HRW ha infatti pubblicato un rapporto clamoroso che inchioderebbe le autorità statunitensi alle loro responsabilità e che rischia di aprire un vero e proprio caso mediatico. (Leggi qui il rapporto)

In sostanza HRW ha parlato apertamente di musulmani incoraggiati a compiere atti di terrorismo, a volte anche retribuiti dall'Fbi, Accuse gravissime e circostanziate da parte dell'ong americana, ritenuta peraltro affidabile da tutti, almeno fino a oggi. La ong ha accusato apertamente l'Fbi di aver violato la legge e soprattutto di non aver perseguito le reali minacce, fingendo di farlo. Human Rights Watch in collaborazione con l' Istituto per i diritti umani dell'Università della Colombia, ha analizzato ben 27 casi di indagini che sono arrivate a un processo, ha intervistato oltre duecento persone per giungere alla conclusione che "In molti casi il governo, usando i suoi informatori, ha sviluppato falsi complotti terroristici, persuadendo e in alcuni casi facendo pressione su individui, per farli partecipare e fornire risorse per attentati".

Commenta: Per maggiori informazioni sulle operazioni di falsa bandiera organizzate dagli agenti del FBI guardate questo video:




V

TTIP: l'Europa si mobilita contro il trattato euro-americano

Immagine


Una settimana di numerosi eventi, che si chiuderà il prossimo 17 ottobre, per chiedere il blocco del trattato del TTIP che prevede la liberalizzazione, in vari ambiti, degli scambi tra Europa e USA. Lo scorso sabato, 10 ottobre, una imponente manifestazione si è svolta nella città tedesca di Berlino dando il via a tale mobilitazione: gli organizzatori parlavano di più di 250.000 partecipanti.

Il TTIP la cui rettifica viene,inspiegabilmente, portata avanti nella massima segretezza da parte di entrambi gli attori, sia quello americano sia quello europeo, è un trattato che è contestato, da varie categorie, sotto numerosi punti di vista. Esso, infatti, prevede un'apertura ancora maggiore per gli scambi tra le due coste dell'Atlantico, ma tutto questo non prevede un benché minimo guadagno anche per i normali cittadini, anzi.

Ciò che i vari contestatori temono e che, con la firma di tale accordo, si abbassi ancora di più il livello quantitativo di vari prodotti soprattutto sul mercato europeo visto che si abbasserebbero notevolmente i più elementari standard di qualità e verrebbero a mancare vari controlli fondamentali: si creerebbe un mercato nuovo che ci darebbe la possibilità di mangiare sempre più cibi scadenti e di qualità pari a quella dei vari fast-food internazionali. Anche il timore legato alla sicurezza e alla tutela ambientale ha portato moltissime persone a scendere in piazza per contestare il TTIP.

2 + 2 = 4

Volo MH17 - Esperimento Almaz Antey

Immagine
L' azienda russa Almaz-Antey ha eseguito sul campo un esperimento, unico al mondo nel suo genere, in cui si confutano le conclusioni raggiunte dalla commissione internazionale sull'abbattimento del volo MH17.


Note:

Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it

Георгиевская ленточка

La "scelta di civiltà" della Russia

Immagine
Questa settimana, Vladimir Putin e un gran numero di dignitari e ospiti nazionali ed esteri hanno inaugurato la più grande moschea d'Europa: la nuova moschea centrale di Mosca. Questo è stato un grande evento, molto atteso dalle molte decine di migliaia di musulmani russi che vivono nella capitale russa e che, in passato, hanno dovuto pregare per strada a causa della mancanza di una moschea abbastanza grande per ospitarli tutti. Questo evento, tuttavia, ha un significato che va molto al di là del problema locale della mancanza di spazio. La verità è che la maggior parte dei musulmani che pregavano nel centro di Mosca voleva voleva qualcosa più di un edificio più grande - volev un riconoscimento ufficiale della loro esistenza e della loro importanza per la Russia. Ora questo riconoscimento tanto atteso è finalmente successo e il famoso centro di Mosca sarà caratterizzato da minareti d'oro alti oltre 70 metri che integrano elegantemente le tradizionali cupole ortodosse. Ma direi che questo evento è ancora più grande di un semplice riconoscimento del ruolo che l'islam svolge nella Russia moderna - credo che sia l'espressione di una profonda scelta di civiltà.

Abbiamo sentito parlare molto di "scelte di civiltà" nel contesto della guerra civile ucraina. La macchina della propaganda occidentale ha trasformato quella che era una lotta tra i vari oligarchi ucraini in una "scelta di civiltà", da qui lo slogan "Україна це Європа" (l'Ucraina è Europa). Ciò che è implicito è che l'Ucraina è parte del civilizzato "Occidente" mentre la Russia è una sorta di regno "asiatico", popolato da persone che non capiscono né amano i cosiddetti "valori europei", e contro il quale gli ucraini "civilizzati" hanno bisogno di combattere in difesa dell'Europa. Questo è solo un rimaneggiamento della vecchia nozione russofoba del marchese de Custine, nel suo famoso detto "Grattez le Russe, et vous verrez un Tartare" (grattate il russo, e ci troverete un tartaro). Anche Hitler mise in guardia contro la natura "asiatica" dei "subumani russi". Paradossalmente, mentre questi odiatori della Russia non hanno mai capito la Russia, erano riusciti a capire qualcosa di molto reale: il fatto che, anche se nel passato recente (all'incirca tra il XVIII e il XXI secolo), la Russia è stata governata da élite filo-occidentali, la maggior parte del popolo russo non si è arresa al processo di acculturazione imposto dai loro governanti e pur accettando esternamente questo processo, internamente, a livello del loro ethos, hanno mantenuto le loro antiche radici.

Megaphone

Forteto ancora nella bufera: ritirato prodotto con batterio killer

Immagine

Il “Girellone farcito”, prodotto del Forteto ritirato dal commercio


La cooperativa del Forteto ormai è senza pace e non perde occasione per riempire le pagine di cronaca. E' di ieri infatti la notizia che la catena di grande distribuzione Coop ha annunciato il ritiro dagli scaffali dei supermercati del prodotto gastronomico il "Girellone farcito" con le olive, proprio dell'azienda agricola mugellana. Nel prodotto del Forteto, infatti, sarebbe presente un batterio molto pericoloso, addirittura potenzialmente mortale, il 'Listeria Monocytogen', batterio potenzialmente mortale resistente anche alle basse temperature, come quelle del frigo, e che potrebbe provocare la morte nei neonati e negli adulti la meningite purulente, la setticemia e l'aborto nelle donne in gravidanza. Il lotto infetto è il n. 40115 con scadenza 14 0ttobre 2015 ed è stato distribuito nelle regioni del Lazio, della Campania, dell'Umbria e della Toscana.

Questo rischio potenziale di intossicazione di massa riporta così, a distanza di appena un mese, sotto le luci dei riflettori la cooperativa "Il Forteto" e l'omonima comunità, alla quale fa capo proprio la società cooperativa suddetta, dopo la raffica di condanne nel giudizio di primo grado per le ripetute e gravissime molestie perpetrate nei confronti di decine di minori che nell'arco di circa trenta anni erano stati tolti ai genitori ed affidati ai componenti della comunità.

Stock Down

Sulla ripresa Usa è guerra di propaganda e ormai si rasenta il ridicolo. Ma lo Skew non fa ridere

Immagine


Oggi mi sento meno solo. Mesi e mesi a dire che l'economia Usa più che in ripresa era direzionata verso una nuova recessione e finalmente qualcuno sembra darmi ragione, come mostra questo grafico.

Immagine
Già, perché ancora prima che le minute della riunione del FOMC di settembre certificassero i timori per l'economia globale legati al rallentamento cinese e al caos nei mercati emergenti, un panel di economisti interpellati da Bloomberg ha visto salire l'ipotesi di una recessione negli Usa per il prossimo anno al 15%, il livello più alto dall'ottobre del 2013. Era bastato l'ennesimo rinvio al rialzo dei tassi, l'82mo di fila, a rendere chiaro che qualcosa non funziona come ci hanno detto finora.

Eh già, brutta cosa la propaganda. Tende a farti vedere solo ciò che vuole e non ad esempio questo,

Immagine

Handcuffs

Tangenti: arrestato Mantovani, vicepresidente Lombardia. Era atteso alla giornata della Legalità

Immagine
L'uomo è accusato di concussione, corruzione aggravata e turbata libertà degli incanti in un'inchiesta della Gdf e della Procura di Milano. Insieme a Mantovani sono finiti in carcere il suo collaboratore Giacomo Di Capua e un ingegnere del Provveditorato alle opere pubbliche per la Lombardia e la Liguria, Angelo Bianchi. Indagato anche un assessore leghista.

"Sono rimasto stupito dell'arresto del vicepresidente e assessore Mantovani e mi auguro che sarà in grado di dimostrare la sua correttezza. Da quanto si apprende la gran parte delle contestazioni che gli vengono rivolte sono estranee al suo incarico in Regione". Così il governatore Roberto Maroni commenta la notizia dell'arresto del vice presidente della Regione Lombardia, Mario Mantovani, arrestato con le accuse di concussione, corruzione aggravata e turbata libertà degli incanti in un'inchiesta della Gdf e della Procura di Milano che ha portato in carcere anche il suo collaboratore Giacomo Di Capua e un ingegnere del Provveditorato alle opere pubbliche per la Lombardia e la Liguria, Angelo Bianchi.

Nel provvedimento che giustifica l'esigenza di custodia cautelare in carcere per Mantovani, Di Capua e Bianchi, il gip Stefania Pepe parla di "elevata capacità criminale" e "dispregio delle regole". "Nessun'altra misura cautelare coercitiva o interdittiva anche se applicabile cumulativamente - si legge nel provvedimento - appare allo stato idonea a contenere le ravvisate esigenze cautelari e prevenire sia il pericolo di reiterazione dei reati che, soprattutto. il pericolo di inquinamento probatorio".

Light Saber

Stop TTIP: il 15 ottobre uno tweetstorm internazionale

Immagine

todocambia.it
Dopo il corteo di 250 mila persone sabato a Berlino, prosegue la settimana di mobilitazione con iniziative in tutta Italia ed Europa. Si chiuderà con una manifestazione a Bruxelles e un flash mob a Roma. Il prossimo appuntamento è la mobilitazione su Twitter.

Immagine
La settimana di mobilitazione internazionale contro il TTIP e gli altri accordi di liberalizzazione economica prosegue dopo lo stupefacente successo di sabato scorso, quando 250 mila persone provenienti da tutta Europa hanno sfilato per le strade di Berlino.

Durante il week end cittadini e organizzazioni hanno organizzato altre manifestazioni di protesta in diverse città europee: migliaia di dimostranti sono scesi in piazza ad Amsterdam, ma raduni delocalizzati si sono svolti anche a Londra, in Lussemburgo e a Milano. Nel capoluogo lombardo, centinaia di persone hanno manifestato alla Darsena, liberando nel cielo una mongolfiera con lo slogan "Stop TTIP".

Hearts

Perchè un homeless non può avere un cane?

Immagine
Anche gli homeless hanno diritto ad avere un animale domestico. Parte da questa idea il successo di un'organizzazione non profit statunitense, la Pets of the homeless, che lavora da anni per permettere a chi non ha casa di tenere con sè un cane o un gatto, preziosi alleati per non perdere la dignità e alleviare la solitudine. La novità è che ora le istituzioni e i cittadini non ritengono più questa casua una stravaganza, ma iniziano ad aiutare l'organizzazione con donazioni in denaro e cibo per animali, in modo da permetterle di aiutare concretamente i cuccioli dei senza tetto. La Pets of the Homeless coordina oggi una rete di 260 soggetti pubblici e privati che contribuiscono al mantenimento degli animali, alle cure veterinarie gratuite, alle vaccinazioni e ai rifugi alle migliaia di cani e gatti i cui padroni non riuscirebbero da soli a garantire cibo e salute. Negli Stati Uniti ogni notte circa 580mila persone dormono fuori casa, ma si stima che almeno 3,5 milioni di persone facciano questa esperienza almeno una volta nella vita. Di queste, circa il 25 per cento possiede un animale domestico. Un bacino enorme.

Il problema, sottolinea l'associazione, è che la quasi totalità dei dormitori per homeless non accetta animali. I senza dimora quindi preferiscono dormire all'addiaccio, con i conseguenti rischi per la salute, pur di non abbandonare i loro amici a quattro zampe. «Il rapporto con gli animali è molto positivo per chi non ha casa», sostengono i responsabili di Pets of the Homeless. «Protegge il loro equilibrio mentale e permette loro di mantenere delle relazioni, spesso difficili con gli umani, ma che possono a volte scaturire proprio dal fatto di possedere un cucciolo». Per le donne senza dimora, inoltre, avere un cane può aumentare il senso di sicurezza e la protezione contro le aggressioni.