Benvenuto su Sott.net
mar, 28 set 2021
Il Mondo per Coloro che Pensano

Figli della Società
Mappa

Arrow Down

Il fallimento del Jobs Act

Licenzia Act

di Guglielmo Forges Davanzati


È ormai chiaro che, rispetto all'obiettivo dichiarato (accrescere l'occupazione), il Jobs Act si è rivelato fallimentare. Il provvedimento, che ha introdotto contratti a tutele crescenti (frequentemente ed erroneamente definiti a tempo indeterminato) è stato accompagnato da ingenti sgravi contributivi a favore delle imprese per la 'stabilizzazione' dei contratti di lavoro.

Secondo la propaganda governativa, si sarebbe fatta marcia indietro rispetto alle misure di precarizzazione del lavoro messe in atto con intensità crescente negli ultimi decenni. Nei fatti, si è trattato di un provvedimento che ha semmai reso le condizioni di lavoro ancora più precarie, sia per l'introduzione di una nuova tipologia contrattuale (il contratto a tutele crescenti) che non stabilizza il rapporto di lavoro (ma rende più difficile e costoso il licenziamento al crescere dell'anzianità di servizio), sia per l'abolizione dell'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. In più, contrariamente agli obiettivi dichiarati, si è accentuato il dualismo del mercato del lavoro italiano, inserendo una inedita cesura - datata 7 marzo 2015 - fra lavoratori assunti con veri contratti a tempo indeterminato e lavoratori assunti con contratti a tutele crescenti.

Come da più parti previsto, si è trattato di un provvedimento del tutto inefficace, e per alcuni aspetti controproducente, per la crescita dell'occupazione. Dopo un aumento dell'occupazione 'a tempo indeterminato', evidentemente determinato dalla convenienza da parte delle imprese a riconvertire i contratti per avvalersi della detassazione, riducendosi i fondi pubblici per gli sgravi fiscali alle imprese, si è registrata una rapidissima inversione di tendenza: è aumentato il tasso di disoccupazione e i contratti sono diventati sempre più precari. In sostanza, si è trattato di un'operazione che ha temporaneamente "drogato" il mercato del lavoro italiano. Nulla più di questo, se non si fosse trattato di un vero e proprio spreco di risorse pubbliche per un obiettivo non raggiunto e verosimilmente non raggiungibile con gli strumenti utilizzati. Terminata questa fase, ci si ritrova in una condizione sotto molti aspetti peggiore della precedente, una triste eredità del Governo Renzi, per due ordini di ragioni.

Propaganda

Governo italiano: adeguamento all'UE e prove di censura

censura
© flickr.com/ Jennifer Moo

Gli eventi di portata storica del 2016 (Brexit, Trump presidente, sconfitta referendaria di Renzi, vittoria di forze "populiste") non riescono a venire metabolizzati da una classe politica che ha fallito nella sua totalità: diventa quindi necessario per essa addomesticare il malcontento col vecchio metodo del togliere voce a chi si ribella.


E' inutile, le élite globali proprio non si arrendono di fronte all'evidenza: la rete ha cambiato una volta per tutte il mondo dell'informazione, superando i tradizionali e forse obsoleti centri di intermediazione delle notizie. A farne le spese sono i diritti fondamentali come la libertà di parola e quella di stampa, che oggi rischiano di essere cancellati dalle direttive europee. Gli eventi di portata storica del 2016 (Brexit, Trump presidente, sconfitta referendaria di Renzi, vittoria di forze "populiste") non riescono a venire metabolizzati da una classe politica che ha fallito nella sua totalità: diventa quindi necessario per essa addomesticare il malcontento col vecchio metodo del togliere voce a chi si ribella.

Recentemente il Governo italiano ha fatto conoscere sulla testata Il Foglio, per bocca del ministro della Giustizia Orlando, le sue brillanti idee per imbavagliare l'informazione della rete: E' arrivato il momento di mettere le cose in chiaro: Facebook non può essere più considerato un semplice veicolo di contenuti. Se su una bacheca vengono condivisi messaggi d'odio, o propaganda xenofoba, è necessario che se ne assuma le responsabilità non solo chi ha pubblicato il messaggio ma anche chi ha permesso a quel messaggio di essere letto potenzialmente in tutto il mondo. Al momento non esiste una legge che renda Facebook responsabile ma di questo discuteremo in sede europea prima del G7, per mettere a tema il problema senza ipocrisie.

Alarm Clock

L'analfabetismo italiano e la Repubblica fondata sull'ignoranza

tullio de mauro

Nel giorno della scomparsa di Tullio De Mauro (1932-2017) riproponiamo questa sua intervista rilasciata l'anno scorso a La Voce di New York.
Buona lettura


Secondo gli studi dell'autorevole linguista De Mauro, meno di un terzo della popolazione italiana avrebbe i livelli di comprensione della scrittura e del calcolo necessari per orientarsi nella vita di una società moderna. Il peso sullo sviluppo economico e sociale resta enorme.

di Filomena Fuduli Sorrentino - 28 marzo 2016

Tullio De Mauro è il più autorevole linguista italiano. De Mauro ha insegnato linguistica in diverse università italiane e ha diretto il Dipartimento di Scienze del Linguaggio nella Facoltà di Filosofia, e successivamente il Dipartimento di Studi Filologici, nella Facoltà di Scienze Umanistiche dell'Università la Sapienza di Roma. Già ministro della pubblica istruzione (aprile 2000-giugno 2001, governo Amato), ha presieduto la Società di Linguistica Italiana (1969-73) e la Società di Filosofia del Linguaggio (1995-97). Nel novembre 2006 ha contribuito alla fondazione dell'associazione Senso Comune per un progetto di dizionario informatico, di cui è tuttora presidente. È socio ordinario dell'Accademia della Crusca, e dal novembre 2007 dirige la Fondazione Maria e Goffredo Bellonci. De Mauro presiede il comitato direttivo del Premio Strega. Ha scritto moltissimi libri, tra i quali il recente Storia linguistica dell'Italia repubblicana (Laterza, Bari 2014).

- Professor De Mauro, nel 2010 aveva condotto uno studio sull'analfabetismo in Italia. Ci fa il punto sui dati raccolti allora, sulle novità e come si dividono?

- "Da molti anni, perlomeno dalla Storia linguistica dell'Italia unita del 1963, ho cercato di raccogliere dati sull'analfabetismo strumentale (totale incapacità di decifrare uno scritto) e funzionale (incapacità di passare dalla decifrazione e faticosa lettura alla comprensione di un testo anche semplice) e ho cercato di richiamare l'attenzione dei miei illustri colleghi sul peso che l'analfabetismo ha sulle vicende linguistiche e, ovviamente, sociali in Italia. Avevamo dati sull'analfabetismo strumentale, ma per l'analfabetismo funzionale avevamo solo sondaggi parziali e ipotesi, a elaborare le quali abbiamo lavorato a lungo in diversi, ricordo qui almeno e soprattutto il professor Saverio Avveduto a lungo presidente dell'UNLA (Unione Nazionale per la Lotta all'Analfabetismo). Dai tardi anni novanta dello scorso secolo per merito di Statistics Canada (il centro statistico nazionale canadese) sono state promosse accurate indagini comparative e osservative su estesi campioni statistici delle popolazioni per determinare diversi gradi di analfabetismo nei diversi paesi del mondo. Già nel 2005 ho potuto utilizzare questi dati. Nel 2014 è giunta a compimento la terza indagine comparativa internazionale gestita dall'OCSE (l'Organizzazione di cooperazione e sviluppo economico). L'indagine è chiamata PIAAC, Programme for International Assessment of Adult Competencies), e per quasi trenta paesi del mondo, tra cui l'Italia, ha definito cinque livelli di alfabetizzazione in literacy e numeracy delle popolazioni in età di lavoro (16-65 anni), dal livello minimo di analfabetismo strumentale totale, a un secondo livello quasi minimo e comunque insufficiente alla comprensione e scrittura di un breve testo, ai successivi tre gradi di crescente capacità di comprensione e scrittura di testi, calcoli, grafici. Dati analitici sul nostro e altri paesi possono trovarsi in un mio libro più recente, Storia linguistica dell'Italia repubblicana (Laterza, Bari 2014). Qui il nostro focus è l'Italia. Come in Spagna il 70% della popolazione in età di lavoro si colloca sotto i due primi livelli. Soltanto un po' meno di un terzo della popolazione ha quei livelli di comprensione della scrittura e del calcolo dal terzo livello in su che vengono ritenuti necessari per orientarsi nella vita di una società moderna. Ma il fenomeno ha gravi dimensioni in tutti i paesi studiati anche se nessuno raggiunge i livelli negativi di Italia e Spagna. Più della metà della popolazione è in condizioni che potremmo dire "italo-spagnole" negli USA e (a decrescere), in Francia, Gran Bretagna, Germania ecc. Perfino in paesi virtuosi, per eccellenza dei sistemi scolastici e diffusione della lettura, si trovano percentuali di analfabeti prossime al 40%: così in Giappone, Corea, Finlandia, Paesi Bassi.

Snakes in Suits

Il Caso Almaviva: la delocalizzazione UE che schiaccia i lavoratori

Almaviva Roma Licenziamenti

Proteste in seguito all'annuncio di 1.666 licenziamenti all'Almaviva
Il giorno dopo la drammatica notizia dei 1.666 licenziamenti all'Almaviva Roma, call center del gruppo della famiglia Tripi, vi offriamo una sintesi dei fatti che hanno portato 1.666 famiglie a un Capodanno senz'altro triste.

Premesso che poco c'interessa in questa sede delle responsabilità di Renzi e della sua propaganda sulla "soluzione positiva del caso Almaviva" del maggio scorso, passiamo alla nostra ricostruzione degli eventi recenti.

A marzo il governo costituisce un tavolo per la crisi del settore dei call center italiani, soggetti a concorrenza di paesi italofoni a basso costo (Albania, Romania) e penalizzato da gare sottocosto sia di privati che della pubblica amministrazione. Il tavolo si riunisce una sola volta. Per quanto riguarda Almaviva:

Pistol

Attacco terroristico ad Istanbul: 39 morti, di cui 16 stranieri

Istanbul terrorist attack santa claus
© Reuters. Osman Orsal
Tra i morti dell'attacco terroristico in un night club di Istanbul ci sono 16 stranieri, ha detto il Ministro degli interni turco Suleyman Soilu.

Nell'attacco terroristico nel club sono morte 39 persone, sono 69 i feriti, ha riferito il Ministro.

Commenta: Uno dei terroristi che hanno attaccato la discoteca Reina ad Istanbul è stato ucciso dalla polizia.

Secondo alcune testimonianze, vi erano almeno due uomini armati dentro la discoteca durante la sparatoria.


USA

Trump deride CNN e NBC per la copertura della situazione sanzioni contro la Russia

Trump US Sanctions Russia
© Reuters. Andrew Kelly
Il presidente eletto USA Donald Trump ha deriso i principali canali di notizie per la copertura della situazione riguardo l'imposizione di sanzioni degli Stati Uniti e l'espulsione dei diplomatici russi, così come l'assenza di una risposta da Mosca.

"CNN e NBC News come degli idioti si sono fatti fregare dai russi, è divertente guardare come non abbiano idea di quello che stia accadendo!" ha scritto il presidente eletto sul proprio Twitter. A suo giudizio "l'unico canale ad aver compreso la situazione è Fox News".

Il canale televisivo CNN nella giornata di venerdì ha definito la reazione di Mosca, in particolare la scelta di non espellere i diplomatici americani, "strana", e ipotizzano "se la dirigenza russa non abbia giocato meglio del futuro presidente Trump".

In precedenza Donald Trump ha dichiarato che il presidente Putin abbia fatto un "ottima scelta", non espellendo i diplomatici americani.

Caesar

Putin invita i bambini dei diplomatici americani allo spettacolo di fine anno al Cremlino

Putin Obama Sanctions
© Sputnik. Alexey Druzginin/Anton Denisov/Russian Presidential Press Office
La Russia si riserva il diritto di rispondere alle ultime misure antirusse adottate dagli USA sull'espulsione dei diplomatici russi, ma non si abbasserà al livello di una diplomazia "da cucina".

Lo ha dichiarato il presidente russo Putin, in una nota pubblicata dall'ufficio stampa del Cremlino:
Non espelleremo nessuno e non vieteremo alle loro famiglie e bambini di recarsi nei luoghi dove preferiscono trascorrere le festività di fine anno. Anzi, invitiamo i figli dei diplomatici americani accreditati in Russia agli spettacoli di capodanno al Cremlino — prosegue la nota.
Il presidente russo ha poi aggiunto che la Russia non creerà problemi ai diplomatici statunitensi:
Ci riserviamo il diritto di adottare delle contromisue, ma non ci abbasseremo al livello di una diplomazia "da cucina" e priva di senso di responsabilità. Faremo i prossimi passi in direzione di un ripristino delle relazioni bilaterali con gli USA a dalla politica che verrà adottata dal presidente Donald Trump — ha detto Putin.
Nella giornata di ieri gli USA hanno annunciato l'espulsione di 35 diplomatici russi.

I prossimi passi nella ricostruzone dei rapporti russo-americani li faremo basandoci sulla linea politica di Donald Trump, aggiunge Putin.

Commenta: Putin si dimostra essere ancora una volta un vero stratega della diplomazia ed una persona umile nei confronti del presidente americano uscente, Obama che cerca disperatamente di destabilizzare le relazioni tra gli Stati Uniti e la Russia prima dell'arrivo alla Casa Bianca di Trump.

Putin Obama US Sanctions



Blackbox

Tenetevi Stretti, Preparatevi alla Bancarotta dell'Italia

banche italiane

Zero Hedge rilancia un articolo sul disastro economico dell'Italia, commentando le parole dell'investitore francese Charles Gave. Mentre tutti gli occhi sono puntati sull'imminente fallimento di Monte dei Paschi e il conseguente collasso del sistema bancario, l'articolo nota una semplice verità: tutto questo è l'ovvio sintomo di un'economia la cui competitività è stata distrutta da un tasso di cambio artificialmente fisso (l'euro). Un investitore avveduto non punterebbe nulla sull'Italia in questo momento. Eppure, prima della moneta unica e per decenni ininterrotti, l'economia italiana aveva saputo correre ben più di quella tedesca.


di John Mauldin, via Zero Hedge, 20 dicembre 2016

Quando Charles Gave, il "pater familias" di Gavekal, decide di esprimere il suo scontento per un certo andamento economico, una categoria di investimento o quel che volete, non usa tanti mezzi termini. Se vi trovate nella stanza con lui in quel momento, può darvi un po' l'impressione della voce del Padreterno che scende dall'alto, e con la sua lunga, fluente chioma bianca appare come l'attore protagonista che prende la scena.

Oggi Charles si è espresso sull'Italia. Per prima cosa ci ha ricordato che, quando l'Italia ha adottato l'euro nel 1999, lui stesso aveva sostenuto che si sarebbe trasformata da un'economia con un'alta probabilità di ricorrere spesso alla svalutazione, a un'economia con la certezza di finire in bancarotta. Ora, dice, il momento fatale non è lontano.

Ci mostra un paio di grafici "prima e dopo". Prima del marzo 1999 e dopo di allora fino ad oggi. Ha confrontato la produzione industriale italiana e tedesca e le condizioni dei rispettivi mercati azionari. Ha notato che dal 1979 al 1998 la produzione industriale italiana cresceva più di quella tedesca per oltre il 10 percento, e le azioni italiane superavano le equivalenti tedesche di oltre il 16 percento. Tutto ciò tenendo conto delle svalutazioni. L'Italia del nord è una vera e propria centrale energetica di produttività. O meglio, lo era...

Magic Wand

Il mercato ha fallito, MPS salvata dallo Stato

banca monte dei paschi
tweet1
tweet2
tweet3
Era il 22 gennaio scorso quando l'ormai ex Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, rassicurava tutti dicendo che il Monte dei Paschi di Siena, la terza banca d'Italia, era sicura. Non aveva fatto i conti con l'incertezza che stava scatenando l'introduzione delle regole sul bail-in, che da allora hanno condannato la famosa banca senese ad una parabola discendente e inesorabile, le cui azioni sul mercato hanno perso più del 70% in un solo anno.

Ancora meno lungimirante, a leggere i suoi tweets è stato l'attuale Ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, che fino all'ultimo ha millantato la sicurezza del sistema bancario italiano, quando ormai nessuno più ci credeva.

Ed eccoci oggi a commentare l'ennesimo aiuto pubblico che lo Stato italiano concede alla banca più antica d'Europa, che aveva resistito ad ogni genere di male nel corso della sua storia, ma non aveva ancora fatto i conti con il PD. Sicuramente molti lettori saranno arrabbiati, delusi e contrariati dalla soluzione che è stata trovata per salvare MPS: in parte avete ragione, perché tutte le magagne e il marcio di quella banca e del partito politico che la controlla probabilmente non verranno mai fuori, se non con una totale rivoluzione. Tuttavia forse era l'unica soluzione possibile, che ha evitato (almeno per ora) guai ben peggiori.

Come era prevedibile, il piano di salvataggio con l'intervento privato lanciato da MPS lo scorso 19 dicembre si è concluso con un nulla di fatto:
"Non sono stati raccolti ordini di investimento sufficienti a raggiungere la somma di 5 miliardi, necessaria a consentire il deconsolidamento dei non performing loan e il raggiungimento degli altri obiettivi di rafforzamento patrimoniale posti a base dell'operazione annunciata lo scorso 25 ottobre nonché delle autorizzazioni ricevute dagli organismi di vigilanza nazionali e sovranazionali"
spiegava la nota rilasciata ieri dall'istituto senese. Il fondo del Qatar che doveva mettere sul piatto la somma più grossa per la ricapitalizzazione si è ritirato e così è stato vano anche il tentativo di convertire "volontariamente" le obbligazioni subordinate in azioni, la quale conversione fino a quel momento aveva racimolato 2.451.224.000 Euro complessivi (titoli che saranno restituiti com'erano ai rispettivi investitori).

Blackbox

Morti russe, parla Chiesa: "Non sono coincidenze, c'è una strategia precisa"

giulietto chiesa

Intervista a cura di Americo Mascarucci per intelligonews.it


"L'assassinio in diretta dell'ambasciatore russo ad Ankara e l'attentato all'aereo precipitato nel Mar Nero dimostrano che è in atto una strategia ben mirata contro Mosca". Ne è convinto il giornalista Giulietto Chiesa esperto di geopolitica internazionale intervistato da Intelligonews.

- L'uccisione dell'ambasciatore russo ad Ankara, per altro avvenuta in diretta televisiva, e subito dopo l'aereo russo precipitato nel Mar Nero probabilmente per un attentato. Coincidenze?

- Nessuna coincidenza, la mia interpretazione sulla base dei fatti e delle deduzioni che si possono trarre, è che c'è in atto un'aggressione coperta contro la Russia da parte di una forza molto potente, che è in grado di uccidere o di far uccidere un ambasciatore o di abbattere un aereo militare carico di civili. Si tratta di una vera e propria offensiva politica che non può essere resa nota neanche dai russi, ma di cui le autorità russe sono perfettamente al corrente.

- L'obiettivo quale sarebbe? Creare nuove tensioni fra Russia e Turchia come molti sospettano? E soprattutto, chi c'è dietro?

- La vittoria che i russi e Bashar al Assad hanno riportato ad Aleppo contro le forze jihadiste ha creato una forte irritazione anche negli Stati Uniti. Non mi riferisco tanto al presidente Obama quanto a certi gruppi che hanno fino ad oggi sostenuto quelle stesse forze che i russi e le forze governative hanno spazzato via. Gruppi che hanno sempre cercato di condizionare le sorti geopolitiche del mondo, Siria compresa, sbarazzandosi di Assad e consegnando il Paese ai suoi nemici. Gruppi legati ai servizi segreti che stanno restituendo pan per focaccia.